L'APPROFONDIMENTO

Robotic Process Automation e mondo del lavoro: impatti dell’automazione dei processi nelle aziende

La Robotic Process Automation, l’automazione dei processi nelle aziende viene vista da alcuni come un’opportunità di crescita lavorativa, da altri come una minaccia. In realtà, si tratta di uno strumento di lavoro che deve rispettare le norme sul trattamento dei dati, sulla sicurezza informatica. Facciamo il punto

Pubblicato il 06 Nov 2019

D
Samuel De Fazio

Esperto in protezione dati, sistemi di controllo interno, internal auditing, risk management, compliance

La Robotic Process Automation (RPA) e l’intelligenza artificiale (artificial intelligence, AI) possono essere un’opportunità per lo sviluppo di nuove attività e come strumento per fornire un concreto supporto alle imprese e agli enti.

Questo è quanto è emerso durante i lavori del secondo congresso nazionale sul mondo della Robotic Process Automation (RPA) e sull’intelligenza artificiale (artificial intelligence, AI), organizzato a Milano e Roma da RPA Italy, l’associazione italiana di riferimento, con il patrocinio di AssoDPO.

Leitmotiv del congresso era lo sviluppo della creatività, dell’efficienza, dell’innovazione e la loro relazione con il mondo del lavoro è risultato essere uno dei punti di maggior interesse, a cui è stato riservato più di un panel dedicato, ed è stato oggetto di discussioni volte a comprendere meglio come l’RPA e l’AI stanno cambiando il concetto di lavoro e l’occupazione nel mondo e in Italia.

La Robotic Process Automation come opportunità

Dati statistici da fonti autorevoli mostrano innegabilmente come alcune tipologie di lavoro, di attività e di ruoli operativi siano sempre più soggetti ad essere abbandonati dalle persone, poiché ritenuti ripetitivi, noiosi, poco gratificanti o poco qualificanti o, peggio, rischiosi per la salute e la sicurezza delle persone o dell’ambiente.

WHITEPAPER
Cloud pubblico: ecco la strada verso una maggiore sicurezza, scopri di più!
Cloud
ERP

È in questo contesto che lo sviluppo delle tecnologie in grado di automatizzare i processi, in particolare quelli più semplici e ripetitivi e ad elevato indice di standardizzazione, sono viste come opportunità, sotto diversi aspetti.

Anzitutto perché, almeno finché le intelligenze artificiali non saranno in grado di elaborare e sviluppare autonomamente nuove tecnologie in tal senso, immaginare, progettare e realizzare RPA e AI è e sarà una delle professioni del futuro, su cui, attualmente, l’offerta di lavoro si mostra crescente a livelli esponenziali, a fronte, purtroppo, di un’offerta formativa, in particolare da parte degli istituti superiori e delle università, che appare ancora troppo scarsa.

Ciò, sostengono gli esperti intervenuti, è dovuto anche al rapido sviluppo che hanno avuto le tecnologie negli ultimi anni, risultando quasi impossibile, per le istituzioni scolastiche e universitarie, tenere il passo.

In secondo luogo, l’RPA e l’AI, indubbiamente, migliorano l’efficienza di determinati aspetti di business e migliorano l’efficacia complessiva di determinati prodotti e servizi, sia pubblici che privati.

Ciò si tradurrebbe, almeno potenzialmente, in un minor impiego di risorse e in un maggior benessere per gli utilizzatori e per chi è interessato dal processo automatizzato e gestito dall’intelligenza artificiale.

La Robotic Process Automation come minaccia

Il rovescio della medaglia, che vuole offrire una visione prevalentemente negativa della Robotic Process Automation e dell’intelligenza artificiale, si focalizza principalmente su due aspetti: il diritto al lavoro e gli effetti sulle persone.

Il primo aspetto risulta più semplice da comprendere: a un aumento delle attività e dei processi assegnati ai robot, non può che corrispondere, in modo direttamente proporzionale, una diminuzione dell’occupazione umana destinata alle medesime attività o processi.

Questa visione, in buona sostanza, vede la tecnologia nemica dell’occupazione, offrendo una visione del futuro negativa, in un contesto sociale ed economico in cui continuano a essere presenti difficoltà nell’occupazione delle risorse umane e, in particolare, nell’inserimento dei giovani nel modo del lavoro.

Anche in questo caso, riprendendo concetti già espressi nel considerare l’RPA e l’AI delle opportunità, ci si interroga sul fatto che la causa potrebbe essere nelle istituzioni, ritenute ancora troppo lente nel comprendere la portata del fenomeno e a reagire con riforme ad hoc.

Il secondo aspetto, più critico che negativo, riguarda i rischi correlati all’uso delle tecnologie che permettono l’automazione di attività e processi.

Questo perché, in una comunità globale che si definisce “società dell’informazione”, affidare ad algoritmi, calcolatori, robot e intelligenze artificiali le basi di dati a disposizione, siano esse piccoli archivi o big data, non può che ricadere nell’ambito di applicazione delle norme, nazionali e internazionali, sul trattamento dei dati, sulla sicurezza informatica e non di prodotti e di servizi, sulla tutela del diritto d’autore e, in primo luogo, sulla tutela dei diritti fondamentali delle persone che subiscono, come oggetti, i processi e le decisioni automatizzate.

Ciò, è emerso durante gli eventi di Milano e Roma, ha senza dubbio un fortissimo impatto sulla dignità delle persone, sulla loro personalità, sul principio di autodeterminazione di sé e, in generale, ci si è interrogati su quanto dovrebbe essere trasparente un algoritmo per ottenere la fiducia delle persone e mantenere l’RPA e l’intelligenza artificiale a un livello sostenibile sul piano etico e morale.

Sul piano del mondo del lavoro, l’esempio più efficace è l’impatto delle applicazioni dedicate alle consegne di generi alimentari, che si accompagnano alle nuove forme di contratto e di occupazione che coinvolgono i cosiddetti “riders”, lavoratori spesso poco tutelati e che si sono sovente resi protagonisti di proteste, più o meno accalorate, negli ultimi anni, arrivando a lamentare e a denunciare discriminazioni nell’assegnazione delle consegne gestite dagli algoritmi che stanno dietro a quelle che la maggior parte delle persone ritiene essere delle semplici app.

La prospettiva neutra: RPA e AI come strumenti

La verità, come sovente accade, si trova nel mezzo. Sia che si considerino come opportunità, sia che si vedano come minacce, la Robotic Process Automation e l’intelligenza artificiale altro non sono che meri strumenti di lavoro con cui realizzare determinate attività, che crescono nella loro complessità in relazione con la complessità dei calcoli eseguibili dalle macchine.

In questo momento storico è giusto alimentare certi dibattiti, in particolare per regolamentare una questione che, se mal gestita e mal governata, potrebbe portare a sbilanciarsi gli interessi in gioco, che vedono allo stesso tavolo lavoratori, cittadini, istituzioni, aziende, investitori di oggi, ma anche la società e il mondo di domani, avendo sempre sullo sfondo la letteratura fantascientifica e le leggi di Asimov sulla robotica.

È in questo momento che i tempi sono sufficientemente maturi per iniziare a legiferare in maniera accorta, che ponga limiti ragionevoli e intelligenti contro gli abusi, ma sufficientemente flessibili per permettere l’evoluzione naturale e l’innovazione e, soprattutto, che sensibilizzi allo sviluppo etico e culturale della materia, in modo che robotic process automation e intelligenza artificiale possano effettivamente e concretamente supportare efficientemente ed efficacemente l’essere umano, senza mai prevaricarlo negandogli diritti fondamentali o universali, come quello al lavoro.

Se lo sviluppo di queste tecnologie, sempre più elaborate, sarà qualcosa di positivo o di negativo, è un giudizio che oggi dobbiamo lasciare alla Storia.

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr