monitoraggio e protezione

La fragilità delle API può essere lenita. Ecco come

Le API sono fondamentali in un’epoca cloud-centrica. Eppure, nonostante la loro importanza, si fatica non poco a metterle in sicurezza. Che cosa può accadere se si ignora la loro trasversalità e la loro scarsa resilienza. I rimedi

Pubblicato il 05 Ott 2023

Giuditta Mosca

Giornalista, esperta di tecnologia

(Immagine: https://pixabay.com/thedigitalartist)

Le API sono i corrieri che trasportano dati tra applicazioni e, proprio a causa della loro architettura, prestano il fianco alle intrusioni. Le imprese riscontrano non pochi problemi nel mettere le API in sicurezza e questo per due motivi: il primo prettamente tecnico-tecnologico, il secondo punta dritto alla cultura e ai modus operandi.

Ci sono casi celebri che dimostrano quanto la fragilità delle API possa avere conseguenze nefaste e, nel medesimo tempo, ci sono alcuni metodi per limitare i pericoli, ben sapendo che non possono essere del tutto scongiurati. Le soluzioni, infatti, sono poche e si snodano tutte attorno alla consapevolezza di chi sviluppa e usa le API.

Se il crimine diventa digitale e scaltro, la soluzione si chiama formazione

Cosa sono le API, breve accenno

Le API (Application programming interface) consentono la comunicazione tra applicazioni sviluppate tramite linguaggi e strutture dati diverse. L’immagine ricorrente più diffusa è quella che vuole le API al pari di portalettere i quali, del tutto ignari del contenuto delle buste che stanno trasportando, si limitano a fare in modo che il destinatario riceva quanto il mittente gli ha inviato.

Questo è il loro compito, sono gli ambasciatori ai quali non può essere addebitata alcuna pena. Nel percorso tra mittente e destinatario, tuttavia, l’ambasciatore può essere vittima del brigantaggio. Gli hacker possono introdursi nel flusso di dati e compromettere l’uso delle applicazioni che li sfruttano. Un argomento non facile e scarsamente documentato che però, per diversi motivi, non di rado riapre temi cruciali.

L’importanza delle API

Il motivo per il quale le API sono importanti è il medesimo che le mette in difficoltà. Sono tante, viviamo in un contesto nel quale le API rappresentano la spina dorsale dell’economia digitale perché sono l’anima delle applicazioni che aziende e consumatori usano quotidianamente. Il fatto che siano molte e spesso incontrollate da chi le sviluppa e chi ne fa uso facilita il compito di aggressori e malintenzionati in genere.

Il punto focale è proprio questo ed è bene metterlo in risalto: le API sono difficili da proteggere perché sono molto utilizzate, sono trasversali e coprono pressoché l’intera filiera dei software e delle app e, non da ultimo, è complesso monitorarle.

Le API prestano il fianco ai cyber attacchi

Gli hacker conoscono bene le fragilità delle API, sanno che è difficile proteggerle e sanno che, poiché le API cambiano in continuazione per adeguarsi alle modifiche degli applicativi che servono, sono scarsamente documentate. Chi le sviluppa non ha un inventario completo di quelle ancora in funzione e non sa che uso venga fatto delle diverse versioni in circolazione. Una giungla che non riesce a trovare ripari negli standard e neppure in una pianificazione accorta all’interno della loro distribuzione.

Il report API Security Trends 2023 curato da Salt Security, sulla scorta dei dati relativi all’anno precedente, mostra tutte le fragilità che possono essere riassunte in tre macroaree, cominciando dagli attacchi perpetrati sfruttando le vulnerabilità collegate alle API i quali, nel corso del 2022, sono aumentati a quadrupla cifra.

Solo 7 imprese su 10 hanno introdotto misure per la protezione delle API e, seppure i dati mostrino che queste seguano geometrie variabili e diversi gradi di prontezza, poco si sa sull’efficacia delle contromisure adottate. Inoltre, i problemi causati dalle API sono di diversa natura e il fatto che, nel 6% dei casi, non siano state rilevate anomalie non significa che queste non ci siano state.

Numeri che risultano in aumento rispetto agli anni passati proprio a causa dei problemi fin qui citati, ai quali si va ad aggiungere lo scarso tracciamento delle attività delle API che facilitano il compito ai cyber criminali, i quali, possono mascherare i propri attacchi nel traffico reale generato e sostenuto dalle API stesse.

Tutto ciò porta a una considerazione: gli attacchi che sfruttano le API, in realtà sfruttano le debolezze delle aziende che le sviluppano e di quelle che ne fanno uso. Se queste non riescono a intercettare o a tracciare attacchi alle API, allora probabilmente non hanno un’infrastruttura tanto resiliente da resistere agli attacchi stessi.

I fattori di rischio

Entrando un po’ più nel dettaglio e, prima di mettere in evidenza due exploit che hanno mostrato quanto le API siano vitali per la cyber security, è opportuno fare un riassunto delle fragilità con cui le API si espongono alle ingerenze esterne:

  1. crescita smisurata: le aziende sviluppano un numero cospicuo di API e a un ritmo forsennato senza però avere misura della loro governance e la logica induce a pensare che se un’azienda non ha contezza delle API che ha implementato, non ha neppure modo di renderle sicure (o il più sicure possibile),
  2. manca uno standard: le API sono sviluppate in modo diverso e anche chi si fa carico di proteggerle lo fa usando tecniche differenti. Il fatto che l’emisfero delle API sia complesso, che queste interagiscano tra più sistemi (spesso ingegnerizzati secondo standard specifici) senza una tecnica di riferimento che riguardi anche il formato dei dati in transito, semplifica il compito a chi ha mire criminose,
  3. livelli multipli: le API hanno una loro profondità perché si intersecano in diversi dei sette livelli OSI. Interagiscono e si combinano con le applicazioni, le reti e i dati e i controlli di identità. Agire in favore della loro protezione è complesso e per alcune aziende, poco redditizio,
  4. diversità: gli attacchi API non sono come quelli tradizionali che, sebbene in diversa misura, le aziende si attendono e quindi si adoperano per adottare misure di monitoraggio e protezione. Gli strumenti di cyber defense, a cui le aziende fanno ricorso, raramente contemplano la sicurezza delle API e, considerando la rapidità con cui queste vengono aggiornate o modificate, gli hacker hanno il tempo per studiarne le debolezze e sfruttarle a proprio vantaggio.

Un compito così complesso può essere demandato soltanto ad apposite AI, ma di questo parleremo più avanti.

SQL Injection ed ESPv2

Credere che la sicurezza delle API sia tema ostico solo per le piccole realtà aziendali è fuorviante, ne soffrono – seppure indirettamente – anche Google e i giganti che producono database.

Partendo dalle tecniche di SQL Injection, note da decenni, possono influenzare anche le API le quali, di fatto, vengono usate per introdursi in un’applicazione esattamente come farebbe un utente non attendibile. Le vulnerabilità di tipo SQL Injection possono influenzare anche i sistemi API perché un’API è solo un altro modo in cui l’input di un utente non attendibile può entrare in un’applicazione. Diamo un’occhiata a come appaiono le vulnerabilità di injection in un’API.

ESPv2, un proxy Open source utile alle funzionalità di gestione delle API facendo leva sull’infrastruttura di servizi Google è stato oggetto di un exploit (CVE-2023-30845), mediante il quale, client API dannosi potevano ignorare i meccanismi di autenticazione Json Web Token (JWT), tema che diventa rilevante soprattutto quando l’autenticazione interrotta è tra le vulnerabilità più importanti secondo l’elenco OWASP Top 10.

Vulnerabilità che, nei casi specifici, hanno riguardato migliaia di imprese e milioni di client.

I mezzi di contrasto

Per mettere in sicurezza le API occorre che ogni azienda conosca quelle che sviluppa e utilizza. Il ricorso alla mera scansione delle attività delle API, pure demandandole a sistemi di cyber defense basati su Intelligenze artificiali, diventa relativamente utile se non vi è un’approfondita conoscenza perché le loro attività potrebbero collimare con quelle svolte da normali applicazioni Web.

Un articolo apparso su ComputerWeekly a settembre del 2022 e scritto dal CTO di Salt Security Nick Rago offre degli spunti interessanti: ogni API, sia questa anche di terze parti, rappresenta un’estensione della superficie di attacco utile a un hacker per penetrare un’organizzazione.

La misurazione dei comportamenti normali e anormali delle API deve essere fatta mentre vengono sviluppate e anche durante le fasi di test che conducono alla loro messa in produzione. Non di meno, quando vengono aggiornate o dismesse, occorre che quelle datate vengano disattivate del tutto. L’identificazione dei comportamenti anomali può essere demandata a sistemi AI e di Machine learning i quali, noti i parametri che rientrano nella normalità, possono collaborare attivamente alla cyber difesa di interi sistemi.

I SOC aziendali devono coordinarsi meglio e, coinvolgendo gli sviluppatori, dovrebbero avere il compito di creare procedure a cui le API devono sottostare. In ultimo, sostiene Rago, quella delle API è una realtà inevitabile e occorre che diventino sempre meno vettori di attacchi da parte di malintenzionati.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5