TECNOLOGIA E SICUREZZA

DNS dinamici, sicurezza e privacy: le best practice per l’utilizzo consapevole di questi servizi

Per raggiungere un PC con indirizzo IP dinamico, il metodo migliore è attivare gratuitamente o a pagamento un servizio di DNS dinamici, ma cosa comporta a livello privacy? E soprattutto, con il GDPR, quanto siamo tutelati nell’uso di questa tipologia di servizi? Facciamo il punto

23 Lug 2021
N
Ricardo Nardini

IT System Specialist

Tipicamente ci preoccupiamo molto (e anche giustamente) dei ransomware e delle impronte virali che potrebbero essere presenti all’interno del nostro sistema Windows, ma dimentichiamo spesso i rischi concreti a cui ci esponiamo utilizzando determinati servizi come possono essere quelli di DNS dinamici.

Si è fatto un gran parlare delle problematiche attuali e passate con i vari cloud in merito alle insicurezze di alcuni servizi, visto che esiste la possibilità di raggirare le richieste IP tramite porte non standard e lasciare allo scoperto l’indirizzo reale del server, ma poi al momento di far puntare su Internet il proprio PC o la webcam o il dispositivo IoT preferito, ci mettiamo in mano ad aziende che probabilmente non garantiscono una tutela adeguata di servizio per la platea europea.

Nello specifico, i fornitori di servizi di DNS dinamici possono essere dislocati dovunque nel mondo e sarebbe quindi buona norma fare affidamento non solo su chi fornisce un servizio serio, qualunque esso sia, ma anche che abbia sede legale sul perimetro del territorio europeo. Viceversa, le possibilità di scontrarci con problemi di privacy non allineati al GDPR sono alte.

Cerchiamo dunque di capire quali tipologie di questi provider dovremmo preferire e gli eventuali “buchi di sicurezza” che si possono trovare usando questi servizi.

DNS dinamici: attenti al client software

Al momento della valutazione per l’adozione di un servizio di DNS dinamici dovremmo iniziare dal client software che viene installato sul nostro personal computer o sulla nostra installazione di telecamere a circuito chiuso.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

Non dimentichiamo che un client DNS dinamico è a tutti gli effetti un software, un programma che viene installato all’interno della nostra macchina, con diritti più o meno amministrativi e che potrebbe installare delle backdoor per il “reverse connect” potenzialmente ostile.

Quindi, nella valutazione di un client per l’accesso ai servizi di DNS dinamici sarebbe preferibile puntare su uno open source in modo da poter visionare o far visionare il suo codice sorgente da una platea di programmatori ed “esperti intenditori”, così da scongiurare che al suo interno sia nascosto un qualche software dannoso.

Sono dunque sempre e comunque da preferire client software nativi già distribuiti su sistemi Unix/Linux. Per esempio, se il fornitore permette la possibilità di usare programmi nativi come “nsupdate” (distribuito su Debian, per esempio) e fornire l’autenticazione tramite metodi come TSIG standard, sarebbe già un grandissimo passo avanti.

Necessarie valutazioni del fornitore del servizio

Così come il client software per l’accesso ai DNS dinamici deve essere “trasparente” all’utente, così anche i dati che richiedono i fornitori di servizi di questo tipo devono essere allineati alle vigenti normative.

Se un provider di servizio di DNS dinamici risiede in qualche territorio non regolato, è bene considerare i rischi cui si va in contro, se non ci viene garantito che i dati forniti vengano trattati come noi ci aspettiamo.

Serve anche fare una cernita delle recensioni su quel provider per capire se il servizio è affidabile e che abbia sofferto la minor quantità di fermi possibili.

Bisogna valutare, inoltre, se il provider permette una profonda configurazione delle “Zone”, una configurazione specifica di ogni tipo di Record come A, AAAA, MX, CAA e via dicendo, e se permette anche la configurazione manuale degli indirizzi di puntamento.

DNS dinamici: i tipi di contratto

Anche se può sembrare banale e fuori dal perimetro della cyber security, facciamo sempre attenzione alle clausole che applicano i fornitori di servizi di DNS dinamici sulle tipologie di account.

Verifichiamo, innanzitutto, se ha una scadenza d’uso temporale altrimenti, concluso il “periodo di prova free”, potremmo ricevere la brutta sorpresa di un “upgrade a pagamento” con la pena della cancellazione di tutti i nostri sforzi di configurazione.

Inoltre, si tenga sempre a mente che, a meno che non si acquistino, non si è mai proprietari dei sottodomini che vengono concessi per l’utilizzo dei DNS dinamici e, con ogni probabilità, nelle clausole di contratto sarà scritto che il provider può senza preavviso cancellare l’account del cliente.

Talvolta, quindi, le soluzioni a pagamento offrono qualche garanzia in più.

Le metodologie di aggiornamento dei DNS dinamici

Quando viene configurato il client software installato sul nostro PC, è utile valutare anche il metodo utilizzato per autenticare e aggiornare il nostro indirizzo presso il fornitore del servizio.

Se il fornitore, ad esempio, richiede che la password non sia crittografata, che non sia neppure un token e che per giunta viaggi “in chiaro” su una connessione che magari non è neppure SSL o TLS, qualche domanda sulla sicurezza del servizio sarebbe utile farcela.

Le API per l’aggiornamento dei DNS dinamici

Alcuni fornitori di servizio di DNS dinamici utilizzano API come metodo di aggiornamento. Dopo una cernita e ricerca online si può verificare che per lo più vengono usate le API standard, ma qualora ci troviamo davanti a un fornitore che usa dei sistemi API poco sicuri o, come scritto prima, utilizzate su canali non criptati, allora anche qui dobbiamo prestare estrema attenzione al quering richiesto.

Ad oggi i provider di questi tipi di servizi si “osservano” a vicenda e fanno a gara per mostrare parametri di elevata sicurezza, quindi per lo più troveremmo API standard, abbastanza sicure, ma prestiamo sempre e comunque la massima attenzione in questa valutazione tecnica del servizio di DNS dinamici.

Talvolta capita che un intero impianto di videosorveglianza funzionante con DNS dinamico, da un giorno all’altro non aggiorni più il proprio indirizzo: ciò potrebbe essere causato da un aggiornamento da parte del provider che non supporta più quel tipo di impianto in quanto le API non sono più compatibili con il nostro modello hardware attuale.

Gli attacchi di tipo man-in-the-middle

Lo scenario di rischio più grave quando abbiamo due o più dispositivi collegati nella stessa rete è rappresentato sicuramente dagli attacchi di tipo man-in-the-middle.

Neanche l’utilizzo dei servizi di DNS dinamici ci mette al riparo da questo tipo di pericolo. Oggi un cyber criminale può avvalersi di questo metodo per compromettere sia una comunicazione FTP, che un servizio di DNS dinamici.

Quali vantaggi può avere un cyber criminale a posizionarsi tra due dispositivi collegati mediante DNS dinamici? Sicuramente, avrebbe la possibilità di mappare i clienti che usano i servizi del provider di DNS dinamici e dove sono situati. Quindi, sarebbe in grado di mappare le comunicazioni che ci sono da quel cliente verso altri punti come per esempio apparati IoT.

Non dimentichiamo, infatti, che un DNS dinamico può servire a raggiungere un server SSH ma più frequentemente viene utilizzato per puntare webcam in rete, per gestire servizi di telesorveglianza o ancora per attivare sistemi di accezione di lampioni, governare cartelloni pubblicitari siti in posti poco accessibili, accendere caldaie a distanza e altro ancora.

Configurare un servizio di DNS dinamici direttamente sul nostro router può essere semplice e talvolta un anche molto comodo, ma un router poco aggiornato sotto le mani di malintenzionati può “farsi scappare” la nostra password del DNS dinamico, con tutte le problematiche che questo evento potrebbe comportare.

Quale sicurezza garantisce il provider?

Bene, a questo punto abbiamo effettuato una cernita eccellente tra i tanti servizi di DNS dinamici, indubbiamente la nostra bravura ci ha consentito di chiudere il cerchio e quindi pensiamo di essere finalmente al sicuro.

Ma c’è ancora qualche domanda da porsi: il provider di servizio di DNS dinamici a cui abbiamo deciso di rivolgerci è stato già in qualche modo compromesso? Le sue installazioni e apparecchiature sono libere da ogni compromissione? Siamo matematicamente certi che non abbia la serpe in grembo?

Non dimentichiamo che un provider di DNS dinamici possiede al suo interno i propri server DNS su cui replicare i dati di rete dei propri clienti, quindi pensare ad un eventuale compromissione di questi server potrebbe aprire uno scenario davvero complesso e molto preoccupante.

Ecco, quindi, che si rivela importantissimo fare affidamento ad un provider di DNS dinamici che ricada sotto giurisdizione territoriale coperta dal GDPR, viceversa le brutte sorprese potrebbero non mancare. Come monito, basti ricordare il caso di alcuni server proxy che alcuni anni fa sono stati compromessi consegnando nelle mani dei cyber criminali una montagna di tracciature e di account con tanto di password di accesso, venduti poi nel mercato nero: in seguito a questo evento, gli utenti sono stati sommersi da vere e proprie montagne di spam e phishing.

Garantire la buona salute dei dispositivi di produzione è nostra responsabilità, nella speranza che quanto letto finora possa contribuire a fare accendere una spia sul cruscotto che ci ricordi che con la cyber security non è mai abbastanza.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr