LA GUIDA PRATICA

Cyber Threat Intelligence, cos’è e come funziona il monitoraggio real-time delle minacce

Nel mondo della sicurezza informatica, la Cyber Threat Intelligence riveste ormai un ruolo di primo piano. Ecco perché è fondamentale monitorare Internet e il Dark Web per poter contrastare in maniera efficace l’attività dei pirati informatici

Pubblicato il 01 Set 2020

S
Marco Schiaffino

Giornalista

Strumenti di rilevamento dei malware, firewall e analisi attraverso l’intelligenza artificiale non bastano: per garantire la sicurezza delle aziende è necessaria un’intensiva attività di Cyber Threat Intelligence che consenta di prevenire gli attacchi da parte dei criminali informatici.

Ma perché si tratta di un settore così importante e come si declina l’attività di intelligence degli esperti di sicurezza?

Cyber Threat Intelligence: un mondo in continua evoluzione

Quella tra esperti di cyber security e pirati informatici è una partita a scacchi che si gioca giorno per giorno, in cui la comparsa di nuovi malware e minacce segue un ritmo frenetico.

Le statistiche delle società di sicurezza variano, ma la stima più recente indica il rilevamento di 230.000 nuovi esemplari di malware al giorno. Un vero bombardamento di codice malevolo, che non può essere contrastato semplicemente con un approccio “reattivo”.

La Cyber Threat Intelligence rappresenta lo strumento che consente di adottare strumenti di difesa specifici per i possibili attacchi e individuare eventuali nuovi punti deboli all’interno della rete aziendale. Il tutto attraverso un’attività che ricorda molto da vicino quella che, nel mondo “reale, viene definita controspionaggio.

Come qualsiasi comunità, anche quella dei cyber criminali ha su Internet i suoi riferimenti, luoghi di incontro e canali di comunicazione. Il monitoraggio di questo sottobosco diffuso sul Web, composto da forum specializzati, canali di chat e market più o meno clandestini, offre agli esperti di cyber security un vantaggio strategico che consente di migliorare l’efficacia degli strumenti di protezione.

Quando la partita si gioca sulle vulnerabilità

Le dinamiche della cyber security sono estremamente complesse e variegate, ma seguono delle logiche che gli esperti conoscono bene. In particolare, uno degli elementi più utili per le attività di Cyber Threat Intelligence è considerare che i cyber criminali agiscono prevalentemente in maniera opportunistica, sfruttando le tecniche e gli strumenti di hacking più efficaci in un determinato momento.

Sotto questo profilo, nel mondo della cyber security si verifica una sorta di cortocircuito: spesso è infatti la stessa attività dei ricercatori, impegnati a scovare e correggere le vulnerabilità di dispositivi, sistemi operativi e software, a fornire lo spunto che consente ai pirati informatici di portare i loro attacchi.

È piuttosto raro, infatti, che gli hacker siano in grado di sviluppare in autonomia malware che sfruttano falle di sicurezza sconosciute. Più spesso (quasi sempre) utilizzano vulnerabilità conosciute, che sono state individuate dalle stesse società di sicurezza o da ricercatori specializzati nel bug bounty in chiave preventiva. Come dire: il massimo risultato con il minimo sforzo.

Il fattore tempo

Lo schema, di solito, è sintetizzabile in tre passaggi. Il primo è rappresentato dall’individuazione della vulnerabilità e la comunicazione (in via riservata) dei dettagli tecnici allo sviluppatore del software o produttore del dispositivo.

Le informazioni specifiche sulla vulnerabilità, in questa fase, non sono accessibili a nessun altro soggetto, ma vengono rilasciate pubblicamente solo in seguito, quando è disponibile l’aggiornamento che consente di correggere la vulnerabilità stessa.

È questo il momento critico, in cui i pirati informatici possono sfruttare le informazioni per sviluppare gli exploit che sfruttano la vulnerabilità e creare in questo modo nuovi malware o nuove versioni di quelli esistenti.

La scommessa dei cyber criminali, in pratica, è quella di riuscire a colpire le loro vittime prima che abbiano aggiornato i sistemi.

È una dinamica che gli esperti di sicurezza conoscono bene e che si ripete invariabilmente da anni. Il ruolo dei team di Cyber Threat Intelligence, in questa ottica, è quella di monitorare tutto ciò che accade e individuare tempestivamente le nuove tendenze del cyber crimine.

In questo modo gli esperti sono in grado di predisporre le misure di protezione più adeguate a far fronte ai possibili nuovi attacchi.

Quando la minaccia diventa reale

La semplice pubblicazione dei dettagli di una vulnerabilità, nella maggior parte dei casi, non comporta automaticamente che i pirati siano in grado di sfruttarla per i loro scopi nell’immediato.

Lo sviluppo di un exploit, infatti, richiede un certo tempo e l’impiego di risorse per testarlo. In altre parole, la scoperta di una nuova vulnerabilità non rappresenta necessariamente un pericolo imminente, ma una sorta di “campanello di allarme” che deve portare ad alzare il livello di attenzione.

Ciò che fa scattare l’emergenza è invece la pubblicazione di un Proof of Concept (PoC), cioè del codice che è in grado di sfruttare la falla di sicurezza per compromettere il dispositivo o il software on questione.

Nel momento in cui il PoC comincia a circolare nei bassifondi del Web, i pirati informatici hanno gioco facile a utilizzarlo per allestire i loro attacchi.

Ancora una volta, il tempestivo rilevamento della presenza di un PoC sui market clandestini o nei forum dedicati all’hacking può rappresentare un grande fattore di vantaggio per prevenire un attacco.

Cyber Threat Intelligence: infiltrati nel Dark Web

Per raccogliere questo tipo di informazioni è indispensabile conoscere gli ambienti in cui si muovono i pirati informatici.

L’obiettivo principale, sotto questo profilo, è il Dark Web: quella parte di Internet che non può essere raggiunta con i normali browser e che richiede, per accedervi, l’utilizzo di strumenti particolari come Tor e credenziali di accesso che vengono concesse solo a chi viene ritenuto “affidabile”.

Da questo punto di vista, il lavoro di chi si occupa di Cyber Threat Intelligence è simile a quello di un agente segreto che lavora sotto copertura e che deve infiltrarsi negli ambienti in cui vengono scambiati e distribuiti i nuovi malware, gli strumenti di hacking e tutti quei “servizi” che consentono ai pirati informatici di portare avanti la loro attività.

Senza contare la crescita esponenziale del fenomeno del “malware as a service”, una formula per cui i pirati “noleggiano” i loro strumenti ad altri cyber criminali. Insomma: il Dark Web è una vera miniera per chi si occupa di Cyber Threat Intelligence, ma bisogna essere capaci di muoversi nelle sue pieghe. L’accesso ai market e ai forum, infatti, è spesso subordinato a una “presentazione” da parte di uno dei frequentatori abituali e riuscire ad accedervi è tutt’altro che facile.

Cyber Threat Intelligence: prevenire le mosse dei pirati

Il monitoraggio dei bassifondi di Internet, però, non è utile solo per individuare nuove minacce e tecniche di attacco.

Spesso, l’attività di Cyber Threat Intelligence consente anche di intercettare gli attacchi quando sono ancora nella loro fase preparatoria.

I cyber criminali specializzati negli attacchi alle aziende, infatti, sono soliti pianificare attentamente i loro attacchi, raccogliendo informazioni utili per individuare gli eventuali punti deboli nei sistemi di difesa dei loro bersagli.

Non solo: dal momento che le tecniche più usate per attaccare le imprese fanno leva di solito sulla compromissione dei dispositivi di un dipendente, una delle attività più comuni è la raccolta di dati e credenziali rubate che facciano riferimento a potenziali vittime che gli garantiscano un accesso, diretto o indiretto, alla rete dell’azienda che vogliono colpire.

Gli esperti di intelligence sono in grado di monitorare anche questo tipo di attività. Basta poco: un post su un forum o un messaggio in una chat su un canale “sospetto” possono rappresentare u prezioso indizio che consente di prevedere la possibilità di un attacco all’azienda.

Tutelare la brand reputation con l’intelligence

Gli effetti dannosi per l’attività di un’azienda non derivano solo da attacchi diretti ai sistemi IT. Spesso l’attività dei criminali informatici può essere deleteria anche quando è rivolta ai clienti finali, gli utenti o i partner dell’azienda stessa.

Anche in questo caso, gli ambienti frequentati dai cyber crimine consentono di ottenere informazioni e indizi su eventuali attività intraprese ai danni di soggetti collegati alle aziende.

La Cyber Threat Intelligence, di conseguenza, può consentire di avviare campagne di informazione per mettere in guardia gli utenti rispetto alle minacce informatiche che li potrebbero interessare o bloccare le attività illegali che mettono a repentaglio, anche se indirettamente, la reputazione dell’azienda.

Insomma: un’attività a 360 gradi che, nel panorama attuale, rappresenta un tassello fondamentale della cyber security e può davvero fare la differenza nel contrasto delle minacce informatiche.

New call-to-action

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2