L'ANALISI TECNICA

Grave vulnerabilità in iPhone e iPad, ora confermata da Apple, espone milioni di utenti al furto dati: i dettagli

Apple ha confermato la grave vulnerabilità nell’app Mail per iPhone e iPad che potrebbe consentire ai criminal hacker di leggere, modificare e cancellare le e-mail, esponendo gli utenti di tutte le versioni di iOS dalla 6 in poi al rischio di furto dati. La patch, però, verrà applicata soltanto nella prossima versione 13.4.5 di iOS

27 Apr 2020
Paolo Tarsitano

Editor Cybersecurity360.it

È arrivata la conferma ufficiale da parte di Apple della presenza di una vulnerabilità 0-day estremamente grave in tutte le versioni del sistema operativo mobile iOS di Apple, dalla 6 utilizzata dagli iPhone 5, fino alla versione corrente, ovvero la 13.4.1, utilizzata negli iPhone 11.

La stessa Casa di Cupertino annuncia, però, che la patch verrà applicata soltanto nella prossima versione di iOS, la 13.4.5, e che al momento solo gli utenti che hanno già installato il software in versione beta sono protetti: tutti gli altri (e parliamo di milioni nel mondo) continueranno quindi ad essere esposti a possibili cyber attacchi.

Vulnerabilità in iPhone e iPad: i dettagli tecnici

In particolare, la vulnerabilità segnalata la scorsa settimana dai ricercatori di sicurezza di ZecOps riguarda l’app di posta Mail nativa per iPhone e iPad e potrebbe consentire ai criminal hacker di leggere, modificare e cancellare le e-mail, esponendo gli utenti di iPhone e iPad ad un serio rischio di furto dei dati.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Secondo i ricercatori, la falla dipende da alcuni problemi legati all’errata gestione della memoria all’interno delle librerie di sistema per i contenuti MIME (Multipurpose Internet Mail Extensions). L’exploiting della vulnerabilità 0-day potrebbe quindi consentire ad un attaccante remoto che conosce l’indirizzo e-mail configurato dalla vittima nel suo iPhone, di inviare un messaggio malevolo in grado di eseguire codice arbitrario sul dispositivo.

In questo modo, l’aggressore è in grado di installare nel dispositivo target malware con funzionalità di cyber spionaggio, a completa insaputa della vittima e senza richiedere alcuna interazione da parte sua.

Dall’analisi tecnica di ZecOps, inoltre, sembrerebbe che gli attacchi sono più semplici da eseguire su iOS 13 rispetto alle precedenti generazioni del sistema operativo Apple. Ad esempio, su iOS 12 un eventuale aggressore dovrebbe richiedere all’utente dell’iPhone di aprire un’e-mail dannosa. Con iOS 13, l’attacco può essere portato a termine semplicemente a partire dalla Mail App che viene avviata in background.

Come mitigare il rischio di furto di dati

“Attacchi sofisticati come questo ci ricordano che gli avversari più motivati troveranno sempre un modo di introdursi tra le crepe delle soluzioni di sicurezza. Individuare e sfruttare delle vulnerabilità sconosciute è un’attività impegnativa, in termini di tempo e costi, ma è di certo molto rimunerativa dal punto di vista dei risultati”, è il commento di Mariana Pereira, Director of Email Security Products di Darktrace.

“Se questa falla e gli attacchi che potenzialmente l’hanno sfruttata fossero confermati – continua l’analista di Darktrace –, gli hacker avranno avuto accesso a obiettivi di alto valore, che altrimenti sarebbero stati fortemente protetti, insieme a tutte le loro comunicazioni. Si tratta, infatti, di avere accesso a comunicazioni che per loro potrebbero essere estremamente utili per molteplici scopi; un concorrente, ad esempio, potrebbe essere interessato alle e-mail sensibili, come quelle che contengono dati su acquisizioni o fusioni, informazioni sulla connessione IP o altri dati sensibili. Chi attacca potrebbe anche cercare di sfruttare la conoscenza del contenuto delle e-mail come punto di partenza per lanciare attacchi mirati di spear phishing contro i contatti con cui le persone hanno scambiato le e-mail”.

Ecco un suo utile consiglio di sicurezza: “Anche ora, che siamo in grado di identificare alcuni dei marcatori che caratterizzano questi attacchi, sarà difficile per gli strumenti di sicurezza tradizionali individuarli e fermarli fino a quando non sarà disponibile una patch. E, come avviene per qualsiasi vulnerabilità che richiede una patch, purtroppo sappiamo che alcuni utenti non installeranno gli aggiornamenti e rimarranno vulnerabili. Il mio consiglio alle aziende e ai singoli individui è quello di mantenere elevato il livello di allerta rispetto a qualsiasi attività anomala sui loro account di posta elettronica, e fare attenzione a installare le patch non appena vengono rilasciate”.

La buona notizia, in tutta questa faccenda alquanto grave tenendo conto che la vulnerabilità interessa ben 8 versioni di iOS (la 6 è stata rilasciata nel 2012 e comunque lo studio di ZecOps non esclude che anche altre versioni precedenti siano esposte), è che Apple probabilmente accelererà il rilascio della versione 13.4.5 del sistema operativo “saltando” le versioni intermedie.

Nel frattempo, è opportuno utilizzare un’applicazione di terze parti per la gestione della posta elettronica come Outlook o Gmail che non sono vulnerabili all’exploit e intanto disattivare l’applicazione Mail seguendo questa semplice procedura:

  • sul dispositivo iOS o iPadOS, tenere premuta l’icona dell’app;
  • nel menu contestuale che appare, toccare Riorganizza le app;
  • toccare quindi il pulsante a forma di X nell’angolo in alto a sinistra per eliminare l’app;
  • nella schermata successiva toccare Elimina e poi, su iPhone X o modelli successivi, toccare Fine. Altrimenti, su iPhone 8 o modelli precedenti, premere il tasto Home.

È importante segnalare che eliminando un’app dall’iPhone, questa verrà eliminata anche dall’Apple Watch abbinato.

Questa operazione, infine, eliminerà anche i dati dell’utente e i file di configurazione correlati. Per maggiori informazioni, possiamo consultare la guida ufficiale Apple.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr