LA SENTENZA DEL TAR LAZIO

No all’accesso civico generalizzato da parte dei media su beni culturali privati: prevale la privacy

L’accesso civico e generalizzato esercitato dai media non può essere preteso indiscriminatamente. A stabilirlo è una recente sentenza del Tar Lazio che ha bocciato la richiesta di una nota trasmissione televisiva interessata a conoscere dati di natura personale concernenti beni culturali (opere d’arte) di proprietà privata

Pubblicato il 11 Gen 2024

P
Chiara Ponti

Avvocato, Privacy Specialist & Legal Compliance e nuove tecnologie – Giornalista

In una vertenza tra eredi di un nota famiglia torinese e il Ministero della Cultura al quale un giornalista di una nota trasmissione televisiva aveva fatto richiesta di accesso civico e generalizzato per conoscere, nella fattispecie, l’elenco dei nomi dei proprietari di opere d’arte trasferite presumibilmente all’estero., il TAR del Lazio, Sez. II quater, con la sentenza n. 19889 del 28 dicembre 2023, ha dato ragione agli eredi vietando la comunicazione di quanto richiesto dai media.

Nel motivare il diniego, i giudici amministrativi hanno, tra l’altro, ben distinto tra dati soggettivi e oggettivi affermando che l’accessibilità ai dati personali (come, ad esempio, i nomi dei proprietari) e la loro divulgazione sono sì possibili, ma solo in presenza di un rilevante interesse pubblico. Cosa ben diversa dall’interesse del pubblico.

Analizziamo la sentenza passo dopo passo.

I fatti di causa

I fatti di causa sono complessi, pertanto li trattiamo per posizioni assunte nel corso della causa.

La posizione dei media: l’istanza del giornalista

Un giornalista televisivo faceva istanza di accesso civico generalizzato ex art. 5, co. II del D.lgs. 33/2013 alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana e al Segretariato Regionale per il Piemonte del Ministero della cultura, nonché alla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio e alla Soprintendenza Speciale di Roma del medesimo Ministero.

WHITEPAPER
Elimina gli errori nella contabilizzazione con l’automatizzazione
Disaster recovery
Data protection

Nello specifico, il giornalista era interessato a conoscere sostanzialmente di una serie di dati/informazioni circa le opere d’arte dichiarate di interesse culturale, appartenenti ad una nota famiglia che ha contribuito a creare parte della storia (industriale) di Torino.

La posizione degli eredi e le loro tesi difensive

Gli eredi/interessati appreso di questa istanza, presentavano a loro volta opposizione ritenendo la richiesta “inconferente, non necessaria, e non proporzionata rispetto allo scopo tipico dell’istituto della richiesta di accesso civico generalizzato”, essendo quest’ultimo “strumentale alla ricerca di informazioni “soggettive” anziché “oggettive” nonché “…seriamente pregiudizievole per tutela dei dati personali e della sfera di riservatezza delle persone fisiche/controinteressati”.

Seguivano una serie di note anche in “aggiornamento” e di repliche tra le parti in causa. Se da un lato, gli eredi lamentavano resistendo, dall’altro i media ravvisano convintamente una violazione della normativa in materia di accesso civico generalizzato evidenziando come una tale richiesta fosse stata presentata per “ragioni di pubblico interesse”, al fine di ottenere dati/informazioni afferenti allo svolgimento della professione giornalistica. In pratica, a motivo dell’istanza c’era il diritto all’interesse del pubblico (informazione).

La posizione dell’istituzione coinvolta: MIC

La Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Ministero della cultura, a conclusione del procedimento, accoglieva la richiesta di accesso civico cd “generalizzato”, “invitando gli uffici ministeriali indicati in indirizzo a fornire la documentazione richiesta con la massima celerità” (non oltre 10 giorni), purché fossero oscurati tutti i dati personali.

Avverso tale accoglimento gli eredi della nota famiglia torinese insorgevano chiedendone l’annullamento, per eccesso di potere, per sviamento e difetto di presupposti nonché di istruttoria, carenza di motivazione, contraddittorietà e manifesta illogicità, anche in relazione alla valutazione del bilanciamento degli interessi in gioco e del pregiudizio subito dagli interessati.

Il Ministero della Cultura (MIC) si costituiva in giudizio dicendo che l’accoglimento della richiesta aveva inteso “garantire il diritto di cronaca e la libertà di informazione” richiamando al riguardo anche l’orientamento espresso dal Garante della Privacy con delibera n. 491 del 29 novembre 2018 in materia di “regole deontologiche relative al trattamento di dati personali nell’esercizio dell’attività giornalistica”.

Non solo, evidenziava altresì che, in materia di accesso (civico) generalizzato, l’interesse pubblico è in re ipsa cioè nella natura dello stesso, trovando, nel caso di specie, conferma nella posizione/cariche politiche ricoperte in passato dai componenti della celeberrima famiglia.

Di conseguenza, “il bilanciamento tra i contrapposti interessi in gioco è stato correttamente operato” tenuto altresì conto che di dati (ex) sensibili/sensibilissimi non era stata avanzata nessuna pretesa di conoscenza/conoscibilità, nel rispetto del criterio di proporzionalità e quindi dei parametri evidenziati dal Garante privacy, evitando così un concreto pregiudizio in capo all’interessato.

La posizione della RAI

Anche la Radiotelevisione italiana S.p.A. – RAI è intervenuta in giudizio, per via della legittima “titolarità di un interesse giuridico qualificato quale concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo”; e nel merito ripropone, sostanzialmente, le difese sviluppate dal giornalista/controinteressato, puntualizzando che “la proprietà di un bene culturale non costituisce un dato personale”.

Nella fattispecie RAI nel resistere, ha preso posizione sulla ratio dell’accesso civico generalizzato, escludendo “un giudizio di meritevolezza dell’interesse perseguito dal richiedente sulla normativa in tema di protezione del patrimonio culturale italiano, che porta a desumere l’esistenza di “un chiaro interesse dei cittadini a sapere se l’Amministrazione ne abbia fatta una corretta applicazione” o meno, così si legge testualmente.

Non solo, la RAI costituitasi, avanza tra le difese anche la “libertà del trattamento dei dati personali effettuato nell’esercizio dell’attività giornalistica ai sensi dell’art. 85 G.D.P.R. e sulla comunicabilità dei dati personali contenuti in documenti ufficiali ai sensi del successivo art. 86”.

A livello processuale, ci sono poi stati tutta una serie di atti anche di annullamento in autotutela, ovvero eccezioni di inammissibilità, sospensioni di tipo processuale, motivi aggiunti, memorie anche di replica depositate dalle parti ai quali si rinvia, per completezza.

I motivi di diritto, per punti

In diritto, il Collegio del Tribunale Amministrativo Regionale – TAR per il Lazio ricostruisce la vicenda giungendo alla conclusione che “la tesi propugnata dai ricorrenti non convince per alcune ragioni. Ma andiamo per gradi.

L’eccezione preliminare

Pregiudizialmente, i giudici amministrativi osservano come nessun elemento obiettivo induca a ritenere che RAI fosse o dovesse essere effettivamente a conoscenza dell’avvenuta presentazione a maggior ragione che la richiesta proveniva da un “… LIBERO PROFESSIONISTA (GIORNALISTA presso Rai Radio televisione italiana)” adoperando la e-mail aziendale.

Poi, argomentano sin da subito che sulla tutela dei beni culturali, i beni culturali nazionali costituiscono un “interesse pubblico “sensibile”, nel senso essendo di patrimonio culturale italiano sono, per ciò stesso, coperti da tutela Costituzionale (artt. 9 e 117, comma II, lett. s).

Nel merito della vicenda: l’accesso civico generalizzato

Nel merito della vicenda, il Tar del Lazio accoglie in definitiva il ricorso introduttivo, ma prima offre una eloquente disamina del quadro disciplinare che regola tanto l’istituto dell’accesso civico generalizzato, quanto la “materia” della tutela e valorizzazione dei beni culturali.

Più nel dettaglio, viene spiegato bene l’istituto dell’accesso civico generalizzato, inquadrandolo correttamente nel corpus normativo del D.lgs. n. 33 del 2013, sul modello statunitense del Freedom of information Act (FOIA) configurandosi “quale diritto di chiunque ad accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni” al fine di “favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico”.

In pratica, i dati pubblici in quanto tali possono essere conosciuti, e perciò sono astrattamente conoscibili, da chicchessia.

Ciò che rileva, infatti, scrivono i giudici suffragati da un orientamento dell’Adunanza Plenaria dell’aprile 2020 (la n. 10), è il bisogno di conoscenza (need to know) da tenersi distinto dal “desiderio di conoscenza” sul quale è improntato il “nuovo” accesso civico generalizzato. A maggior ragione che il diritto di accesso è tutelato dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (art. 42) e dalla CEDU (art. 10) annoverando la libertà di ricevere informazioni quale libertà di espressione, tra i diritti e le libertà fondamentali.

L’accesso civico generalizzato non è incondizionato

Il TAR tiene poi a precisare che l’istituto dell’accesso civico generalizzato non deve essere incondizionato, ma limitato alla tutela dei cd “interessi giuridicamente rilevanti” (art. 5-bis).

Ne consegue che occorra indagare concretamente quando l’accesso civico generalizzato sia consentito e quando no, circa le informazioni/documentazioni concernenti i poteri di tutela dei beni culturali, e dunque dei dati pubblici.

Sì all’accesso civico generalizzato ai beni culturali privati, ma con istanza formulata secondo oggettività

Il TAR si sofferma accuratamente sulla circostanza dei beni appartenenti a privati e annessa tutela affermando che sia bene partire da “un delicato bilanciamento tra l’interesse pubblico sotteso (art. 9 Cost.) e la proprietà privata”. Si tratta di un bilanciamento che opera su di un piano di diritto sostanziale, partendo dal presupposto del loro valore non tanto economico quanto culturale in termini di “patrimonio”.

Ecco che un bene culturale sia esso un’opera d’arte o altro, di provenienza/appartenenza tutta all’italiana, per ciò solo è vincolato e non se ne potrà disporre liberamente (trasferire/ vendere), senza prima aver ricevuta un’autorizzazione ministeriale.

I beni culturali, infatti, costituiscono un “patrimonio storico e artistico nazionale” contribuendo, come scrivono bene i giudici amministrativi “all’arricchimento della cultura nazionale” ivi comprese “tutte quelle componenti attraverso le quali sia possibile, per i cittadini tutti, accrescere le proprie conoscenze e migliorare la propria formazione”.

La catalogazione e il requisito oggettivo

La controversia in parola ruota sostanzialmente tutta attorno al requisito informativo, o meglio alla necessità dell’informazione e quindi al diritto di accesso. Tuttavia, al riguardo, è lecito accedere alla sola catalogazione spuria di altri dati riconducibili a persone.

Di qui, il solo criterio oggettivo che può muovere un’istanza di accesso se la si vuole vedere accolta. Ma nulla di più. Anzi, la richiesta di accesso finalizzata a sapere a chi appartiene quell’opera piuttosto che un’altra non è consentito.

La tutela della riservatezza

Si legge in sentenza che il legislatore ha inteso garantire “un riserbo su alcune informazioni concernenti aspetti particolarmente delicati e sensibili, suscettibili di essere pregiudicati da una divulgazione del dato conoscitivo su scala generalizzata”, (tra cui i dati personali, ad esempio, nomi e cognomi dei titolari dei beni culturali) precludendo un incondizionato e “illimitato” accesso ai dati e documenti relativi ai beni culturali privati.

Il tutto al fine di bilanciare l’interesse del pubblico alla conoscenza con l’interesse opposto volto ad assicurare la “sicurezza” del bene e la “riservatezza” di chi lo possiede.

Il right to know e l’interesse pubblico e non del pubblico

Dall’istanza così come presentata dal giornalista ritengono i giudici del TAR Lazio che non traspaia affatto alcun “… interesse alla conoscenza – right to know” in generale dal momento che invece la richiesta ha un di che tutto in chiave personale nel senso che è tutta tracciata all’insegna di una soggettività palese.

In definitiva, la richiesta avanzata non intende perseguire l’interesse pubblico, ma la curiosità del pubblico ed è qui il cuore della sentenza.

Più nel dettaglio, leggiamo come “il giornalista ben avrebbe potuto formulare correttamente una richiesta su base oggettiva, ossia funzionale a conoscere: i) l’esistenza di un vincolo culturale su taluni di detti beni (con conseguente divieto di loro fuoriuscita dal territorio italiano), o, in alternativa, ii) l’avvenuto rilascio, da parte di una delle articolazioni organizzative del Ministero della cultura, di titoli all’esportazione in relazione a beni ritenuti non “meritevoli” di essere sottoposti ad un vincolo di tutela” piuttosto che una richiesta atta a conoscer l’elenco dettagliato, nome per nome, di tutte le opere a cui gli eredi della nota famiglia torinese appartengono. Né l’interesse mediatico può bastare per avere diritto di accedere e, quindi, conoscere dati informazioni sensibili.

Men che meno avrebbe potuto rilevare la cd “caratura pubblica” degli eredi/interessati coinvolti in questa vicenda. Anzi, e “l’eventuale notorietà del proprietario – scrivono i giudici – nulla aggiunge alla valutazione sul valore artistico delle opere possedute”.

Quindi, il passaggio saliente: “l’interesse pubblico […] è qualcosa di ben diverso dall’interesse del pubblico”.

Il “pregiudizio concreto” e la protezione dei dati personali

Il MIC, secondo il TAR, nella valutazione del concreto pregiudizio avrebbe effettuato un bilanciamento tra contrapposti interessi in gioco, ma non in maniera corretta. Spieghiamoci meglio.

Secondo i giudici amministrativi sarebbe extra focus il presupposto così invocato, dal momento che una preclusione alla conoscibilità non può dirsi assoluta ben potendo rientrare la titolarità dei beni culturali su cui garantire il massimo riserbo nonché pieno anonimato.

Né il diritto di cronaca può valere regolando “…il diritto alla libertà d’espressione e di informazione, incluso il trattamento a scopi giornalistici o di espressione accademica, artistica o letteraria” (art. 85 GDPR).

Ne consegue dunque che l’attività mediatica può fare accesso (civico generalizzato), ivi incluso l’accesso alle informazioni e ai dati detenuti da MIC, purché avvenga nella piena sicurezza dei beni e massima tutela della riservatezza,

Il dispositivo in brevissima sintesi

Il TAR, alla luce delle motivazioni finora argomentate, ha disposto quindi l’annullamento del provvedimento con cui il MIC accoglieva la richiesta di accesso civico generalizzato presentata, in questo caso, dal giornalista, statuendo dei criteri ben precisi e dipanando le questioni sottese alla controversia in parola.

Questa sentenza costituirà dunque un faro in analoghe vicende.

Beni culturali privati, sono dati anche “sensibili” e meritevoli di privacy

Tiriamo le fila.

I nodi sciolti

Un’opera d’arte di un privato è un dato “sensibile” lato sensu.

Accedere a dati/informazioni di questo tipo è possibile, ma solo la richiesta di accesso viene formulata in chiave oggettiva e soggettiva.

La distinzione tra dati personali e dati pubblici è ben delineata dal TAR che si sofferma segnatamente sulla nozione di interesse pubblico che non è l’interesse del pubblico. Un conto è l’interesse alla conoscenza, altro è la mera curiosità per fare audience.

L’oggettività richiesta all’istanza di accesso serve anche ad assicurare tanto la sicurezza dei beni culturali di patrimonio della nazione, quanto la tutela della riservatezza dei soggetti interessati e in questo caso proprietari dei beni medesimi.

Ancora, il riserbo che la legge impone su alcune informazioni concernenti aspetti particolarmente delicati e sensibili si sostanzia nel principio secondo cui tali dati sono “suscettibili di essere pregiudicati da una divulgazione su scala generalizzata e l’ubicazione della res”.

Di qui, è precluso un incondizionato e “illimitato” accesso ai dati/informazioni/documenti relativi ai beni culturali privati, in ottica di equilibrio, l’interesse del pubblico alla conoscenza con l’interesse opposto finalizzato ad assicurare da un lato la “sicurezza” del bene e, dall’altro la “riservatezza” di chi lo possiede.

In sostanza, se un’opera d’arte (dipinto o scultura) ha un vincolo culturale, ecco che chiunque potrà conoscere l’esistenza dell’opera come “bene culturale” e intrinseche caratteristiche, ma nessuno avrà il diritto di sapere a chi appartiene e dove si trovi.

La tecnica di “aggregazione e k-anonimato”

L’aggregazione e il k-anonimato sono tecniche volte a proteggere la privacy nei dati personali durante un processo di pubblicazione o condivisione di informazioni. Si tratta di approcci spesso utilizzati nell’ambito della ricerca scientifica o dataset (insieme di dati) pubblici, dove è necessario bilanciare tanto la necessità di condividere dati per legittimi scopi, quanto la tutela della privacy individuale.

TECNICHE

Aggregazione dei dati

L’aggregazione dei dati comporta la combinazione di dati individuali in gruppi più ampi, riducendo così il rischio di identificazione di singoli individui.

Ipotesi: anziché di pubblicare le informazioni sulla salute di ciascun individuo separatamente, si possono aggregare i dati per creare statistiche di gruppo, ad esempio la media o la mediana di determinate caratteristiche.

k-anonimato

Il k-anonimato è un concetto che mira a garantire che ogni record nei dati sia indistinguibile da almeno altri k-1 record rispetto a determinati attributi.

Ipotesi: Se si applica il 3-anonimato a un dataset che contiene informazioni sensibili come l’età, il genere e la località, significa che ogni combinazione di età, genere e località deve comparire almeno tre volte nel dataset.

I limiti di queste tecniche tuttavia principalmente sono:

  1. una possibile perdita di informazioni: l’aggregazione può comportare la perdita di dettagli nei dati, riducendo la loro precisione e utilità;
  2. ipotetiche sfide nell’applicazione del k-anonimato: ottenere il k-anonimato può essere difficile, specialmente quando si lavora con dataset complessi e ricchi di attributi, poiché è necessario bilanciare la protezione della privacy con la validità scientifica e l’utilità del dataset.

Naturalmente, si tratta di approcci che rappresentano solo una parte delle tante tecniche disponibili. La scelta della tecnicalità più appropriata dipenderà dalle specifiche esigenze e soprattutto dai contesti applicativi.

Conclusioni

La decisione del TAR Lazio in conclusione farà scuola in materia di accesso in quanto compie un’approfondita ricognizione sull’istituto dell’accesso civico cogliendo magistralmente le interferenze tra sicurezza dei beni a garanzia del patrimonio culturale a vantaggio della collettività e la tutela della riservatezza a favore dei singoli.

Quindi, in tutti questi casi, specialmente mediatici, molta attenzione alla privacy.

WHITEPAPER
Gestione dei container di software: come renderli eseguibili ovunque, in sicurezza
Security Risk Management
Data protection
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2