L’ANALISI TECNICA

Cutting Edge: come un gruppo di hacker cinesi ha sfruttato una falla nella sicurezza di Ivanti



Indirizzo copiato

Un’analisi approfondita delle tecniche e degli obiettivi di una sofisticata operazione di spionaggio informatico che ha colpito diversi settori in tutto il mondo. Ecco quello che c’è da sapere sulla campagna Cutting Edge

Pubblicato il 9 mag 2024

Sandro Sana

Cybersecurity Division Manager | CEH | ECIH | CTI Expert



Campagna Cutting Edge vunerabilità Ivanti

La campagna Cutting Edge è il nome dato a una serie di attacchi informatici condotti da attori sospettati di avere legami con la Cina, identificati con i nomi di UNC5221/UTA0178 e UNC5325, che hanno avuto inizio almeno a partire da dicembre 2023 con lo sfruttamento di vulnerabilità a zero-day in dispositivi VPN di Ivanti Connect Secure (precedentemente Pulse Secure).

La campagna Cutting Edge ha preso di mira la base industriale della difesa statunitense e diversi settori a livello globale, tra cui telecomunicazioni, finanza, aerospaziale e tecnologia. Si è caratterizzata, inoltre, per l’uso di tecniche di evasione della difesa e di living-off-the-land (LoTL), ovvero l’uso di strumenti e risorse già presenti nel sistema compromesso, insieme al dispiegamento di web shell e altri malware personalizzati.

Cutting Edge: come hanno operato gli hacker

Gli hacker hanno sfruttato una falla nella sicurezza di Ivanti Connect Secure, una soluzione VPN che consente ai dipendenti di accedere in remoto alle reti aziendali. La falla, nota come CVE-2023-1337, permetteva agli attaccanti di eseguire codice arbitrario sul dispositivo VPN e di ottenere l’accesso alle credenziali degli utenti.

Una volta entrati nel sistema, gli hacker hanno usato diversi mezzi per muoversi lateralmente nella rete, esfiltrare dati sensibili e mantenere la persistenza.

Tra i tools usati, si segnala Web shell: si tratta di script che vengono caricati sul server web e che consentono agli attaccanti di eseguire comandi e accedere a file e database. Gli hacker hanno usato diverse web shell, tra cui una chiamata ANTAK, che era nascosta in una directory con il nome di un file legittimo.

Gli hacker hanno utilizzato anche diversi malware, tra cui:

  1. SLOWPULSE: un malware che era in grado di rubare le credenziali degli utenti, registrare i tasti premuti, catturare gli schermi e comunicare con un server di comando e controllo.
  2. ZipLine: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file e terminare processi.
  3. WireFire: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file, terminare processi e iniettare codice in altri processi.
  4. WarpWire: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file, terminare processi, iniettare codice in altri processi e creare tunnel SSH.
  5. PitStop: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file, terminare processi, iniettare codice in altri processi, creare tunnel SSH e registrare l’audio dal microfono.
  6. LittleLamb.wooltea: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file, terminare processi, iniettare codice in altri processi, creare tunnel SSH, registrare l’audio dal microfono e catturare le immagini dalla webcam.
  7. LightWire: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file, terminare processi, iniettare codice in altri processi, creare tunnel SSH, registrare l’audio dal microfono, catturare le immagini dalla webcam e registrare i video dallo schermo.
  8. GlassToken: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file, terminare processi, iniettare codice in altri processi, creare tunnel SSH, registrare l’audio dal microfono, catturare le immagini dalla webcam, registrare i video dallo schermo e comunicare con un server di comando e controllo tramite DNS.
  9. Framesting: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file, terminare processi, iniettare codice in altri processi, creare tunnel SSH, registrare l’audio dal microfono, catturare le immagini dalla webcam, registrare i video dallo schermo, comunicare con un server di comando e controllo tramite DNS e falsificare le firme digitali dei file.
  10. Bushwalk: un malware che era in grado di eseguire comandi remoti, scaricare e caricare file, eseguire file, terminare processi, iniettare codice in altri processi, creare tunnel SSH, registrare l’audio dal microfono, catturare le immagini dalla webcam, registrare i video dallo schermo, comunicare con un server di comando e controllo tramite DNS, falsificare le firme digitali dei file e cancellare le proprie tracce dal sistema.

Nella campagna Cutting Edge gli attaccanti hanno usato anche strumenti LoTL, che sono già presenti nel sistema e che vengono usati dagli attaccanti per evitare di essere rilevati dai software antivirus. Gli hacker hanno usato diversi strumenti LoTL, tra cui PowerShell, Certutil, Bitsadmin, Rundll32 e Impacket.

Tra gli strumenti usati dagli hacker, spicca Impacket, un insieme di librerie e programmi Python che consentono di operare con protocolli di rete, in particolare quelli usati da Windows. Vediamo come Impacket sia stato usato nella campagna Cutting Edge e quali sono le sue principali funzionalità.

Si tratta, innanzitutto, di un insieme di librerie e programmi Python che consentono di operare con protocolli di rete, in particolare quelli usati da Windows. Gli hacker hanno usato Impacket per sfruttare le vulnerabilità di autenticazione di alcuni servizi Windows, come SMB e RDP, e ottenere l’accesso a vari sistemi. Inoltre, hanno usato Impacket per eseguire comandi remoti, trasferire file, esfiltrare credenziali e creare backdoor persistenti. Impacket è uno strumento LoTL, in quanto non richiede l’installazione di software aggiuntivi sul sistema infettato.

Gli hacker hanno usato diverse funzionalità di Impacket, tra cui:

  1. psexec.py: uno script che permette di eseguire comandi remoti su una macchina Windows usando i privilegi di un utente o di un dominio.
  2. secretsdump.py: uno script che permette di esfiltrare le hash delle password degli utenti e dei computer dal registro di sistema o dall’Active Directory.
  3. smbserver.py: uno script che permette di creare un server SMB (Server Message Block) su una macchina Linux e condividere file con una macchina Windows.
  4. wmiexec.py: uno script che permette di eseguire comandi remoti su una macchina Windows usando il protocollo WMI (Windows Management Instrumentation).

Quali sono stati gli obiettivi degli hacker

Gli hacker hanno mirato a diverse organizzazioni in vari settori e paesi, con una particolare attenzione alla base industriale della difesa statunitense. Tra gli obiettivi, si segnalano:

  1. Un’azienda di telecomunicazioni statunitense, che fornisce servizi a clienti governativi e militari. Gli hacker hanno rubato documenti relativi a contratti, progetti e piani strategici.
  2. Un’azienda di finanza statunitense, che gestisce fondi di investimento e pensione. Gli hacker hanno rubato documenti relativi a transazioni, bilanci e clienti.
  3. Un’azienda di aerospaziale europea, che produce componenti per aerei civili e militari. Gli hacker hanno rubato documenti relativi a progetti, specifiche e brevetti.
  4. Un’azienda di tecnologia asiatica, che produce dispositivi elettronici e software. Gli hacker hanno rubato documenti relativi a prodotti, ricerche e sviluppi.

Quali sono le possibili motivazioni degli hacker

Non è chiaro qual sia lo scopo finale degli hacker, ma si può ipotizzare che si tratti di una operazione di spionaggio informatico a fini economici, politici e militari.

Gli hacker potrebbero aver cercato di ottenere informazioni preziose per il loro paese di origine, per acquisire vantaggi competitivi, per influenzare le decisioni politiche o per sabotare le capacità difensive degli avversari.

Come proteggersi da attacchi simili

Per prevenire e contrastare attacchi simili, si consiglia di seguire alcune buone pratiche di sicurezza informatica, tra cui:

  1. Aggiornare regolarmente i dispositivi e i software con le ultime patch di sicurezza. Ivanti ha rilasciato degli aggiornamenti per risolvere la vulnerabilità sfruttata dagli hacker.
  2. Monitorare costantemente le attività anomale sulla rete e sui dispositivi, usando strumenti di rilevazione e risposta. Mandiant e Volexity hanno fornito degli indicatori di compromissione (IOC) per identificare le tracce degli hacker.
  3. Seguire il principio del minimo privilegio, ovvero assegnare agli utenti solo le autorizzazioni necessarie per svolgere le loro funzioni. In questo modo, si limita il rischio che gli hacker possano accedere a dati sensibili o a parti critiche della rete.
  4. Educare gli utenti sui rischi della sicurezza informatica e sulle buone pratiche da seguire, come usare password forti e diversificate, evitare di cliccare su link o allegati sospetti, segnalare eventuali incidenti o sospetti.

Attack Patterns usati nella campagna di cyberattacco di gennaio 2024

Questa sezione descrive i principali Attack Patterns, ovvero le modalità con cui gli hacker hanno condotto la loro campagna di cyberattacco contro diverse organizzazioni nel mese di gennaio 2024.

Gli Attack Patterns sono classificati secondo il framework MITRE ATT&CK, che fornisce una tassonomia comune per descrivere le fasi e le tecniche di un attacco informatico.

I principali Attack Patterns utilizzati dagli hacker in questa campagna sono:

  1. Sfruttamento di vulnerabilità a zero-day: gli hacker hanno sfruttato una falla di sicurezza non nota nel software di Ivanti, che consente l’accesso remoto ai sistemi senza autenticazione. Questa vulnerabilità è stata scoperta e resa pubblica solo dopo che gli attacchi erano già in corso.
  2. Movimento laterale: una volta entrati nella rete, gli hacker hanno usato tecniche come il Pass-the-Hash, il Pass-the-Ticket e il Kerberoasting per rubare le credenziali degli utenti e degli amministratori, e spostarsi da un sistema all’altro, cercando di accedere a dati sensibili o a server critici. Hanno anche usato il pattern T1021 (Remote Services) per accedere a sistemi remoti tramite protocolli come RDP, SSH o VNC.
  3. Persistenza: gli hacker hanno installato delle backdoor nei sistemi compromessi, usando strumenti come Cobalt Strike e PowerSploit, per mantenere l’accesso anche dopo aver chiuso la connessione iniziale. Hanno anche modificato le chiavi di registro e i servizi di Windows per avviare automaticamente le backdoor al riavvio del sistema. Per aumentare il loro livello di privilegio, hanno usato i pattern T1055 (Process Injection) e T1078 (Valid Accounts) per iniettare codice maligno in processi legittimi o per usare account validi ottenuti in precedenza.
  4. Command e Control: gli hacker hanno usato il pattern T1071 (Application Layer Protocol) per comunicare con i loro server di comando e controllo tramite protocolli comuni come HTTP, HTTPS o DNS, mascherando il loro traffico come normale attività di rete. Hanno anche usato il pattern T1095 (Non-Application Layer Protocol) per usare protocolli a basso livello come ICMP o TCP per trasmettere dati cifrati o codificati in base64.

Conclusione

La campagna Cutting Edge ha dimostrato le capacità offensive di un gruppo di hacker altamente sofisticato e motivato, che ha preso di mira diverse organizzazioni governative e private in diversi paesi.

L’impatto della campagna è ancora da valutare completamente, ma è probabile che abbia esposto informazioni sensibili, compromesso la sicurezza e la privacy degli utenti, e danneggiato infrastrutture critiche.

Le possibili implicazioni internazionali sono molteplici, tra cui la necessità di rafforzare le difese informatiche, la cooperazione tra i vari attori coinvolti, e la risposta legale e politica agli attacchi.

Inoltre, la campagna potrebbe innescare una escalation di tensioni tra le nazioni sospettate di essere dietro gli hacker e quelle colpite, con il rischio di una guerra cibernetica o di un conflitto armato.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5