L'analisi

Apple iCloud facilita la sorveglianza globale? Facciamo chiarezza

Il rifiuto di Apple a collaborare con l’FBI e al tempo stesso l’abbandono del progetto di crittografia end-to-end di iCloud porta l’attenzione sulla gestione dei dati di tutti gli utenti da parte dell’azienda californiana. In particolare a proposito dei backup su iCloud, dove tutto sembra in chiaro e facilmente disponibile a chi indaga

22 Gen 2020
D
Paolo Dal Checco

Consulente Informatico Forense

Apple per la prima volta vacilla nel suo ruolo globale, auto proclamato, di difensore della privacy. Questo nuovo risvolto è emerso dopo che l’FBI le ha chiesto di collaborare alle attività di decifratura dei due telefoni dell’ufficiale della Air Force Saudita che ha ucciso tre americani presso la base navale di Pensacola, in Florida. Apple ha rifiutato – come aveva già fatto anni fa per i telefoni dell’omicida di San Bernardino – di fornire supporto al Governo e il Governo non sembra averla presa bene. Ma la vera novità è un’altra: nei contorni di questa vicenda, il backup su iCloud si rivela al contrario un ottimo strumento per le indagini anche perché Apple sembra non intenzionata a metterlo in sicurezza; così come restano in piedi vulnerabilità utilizzabili dalle forze dell’ordine per accedere ai dati dell’iPhone.   

L’accesso ai dati dell’iPhone: lo scontro Apple-Trump

La realtà sembra insomma molto diversa dalla facciata, quella che contrapporrebbe Apple e le forze dell’ordine in uno scontro eterno, tra privacy ed esigenze di sicurezza. La stessa facciata che è riflessa nella parole del presidente Usa Donald Trump, che ha reagito al rifiuto di Apple ribadendo in un tweet come, quando Apple chiede aiuto, il Governo è sempre disponibile “per quanto riguarda il commercio e tanti altri problemi, mentre Apple si rifiuta di sbloccare i telefoni degli assassini, spacciatori e criminali”. La risposta della società di Cupertino è stata quella di ribadire come Apple ha invece collaborato fornendo enormi quantità di dati relativi all’indagine, come backup iCloud, informazioni sui backup e sulle transazioni. In sostanza, Apple ha fatto ciò che poteva fare, fornendo cioè i dati a sua disposizione presenti sui suoi server, mentre si rifiuta di forzare i telefoni – o inserire eventuali backdoor – per poter accedere direttamente ai dati degli utenti. Per i più curiosi, Apple ha prodotto un documento nel quale illustra in dettaglio cosa può e cosa non può fornire all’Autorità Giudiziaria e, a leggere bene, i dati a disposizione della società sono in effetti più di quanto si possa immaginare.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

iCloud non è cifrato

Emerge, in sostanza, da questa vicenda come Apple sia in grado di fornire enormi quantità d’informazioni degli utenti perché questi, consapevolmente o meno, ne fanno copia di backup sui loro server. Consideriamo infatti che ogni iPhone su cui viene attivata la funzione di iCloud backup carica una copia di buona parte dei contenuti sui sistemi Apple. Parliamo di contatti, messaggi di testo e iMessage, foto, video, la storia di navigazione, le ricerche sulle mappe, documenti, email ma anche i dati di alcune App, come ad esempio le chat di Whatsapp. Consideriamo che, proprio relativamente alle chat di Whatsapp, l’utente ha la percezione di massima sicurezza perché Whatsapp cifra i dati end-to-end (cioè da interlocutore a interlocutore) ma poi i messaggi vengono salvati sui server Apple in modo non del tutto sicuro.

Il punto chiave è che, a oggi, questi dati non vengono cifrati con la password dell’utente e quindi Apple può accedervi, su richiesta dell’Autorità Giudiziaria, attingendo a tutto ciò che gli utenti hanno caricato sul cloud. Nelle specifiche relative alla sicurezza, Apple precisa che i dati sono cifrati sia in transito sia sui server ma attenzione, soltanto con delle chiavi mantenute da Apple stessa, quindi in sostanza, sono protetti da eventuali attaccanti, ma non da chi fa esplicita richiesta autorizzata di accesso. Alcuni dati, peraltro, sono ulteriormente cifrati ma soltanto in maniera parziale o con chiavi legati ai dispositivi precedenti e quindi, con un giro un po’ più lungo, è possibile decifrarli accedendo in sostanza a una copia dello smartphone di un utente.

Il problema della password iCloud

Il motivo per il quale questi backup non vengono protetti con password degli utenti è per impedire che, dimenticando una password, un soggetto possa rimaner tagliato fuori dai suoi dati e quindi perderli. Allo stesso modo, con la situazione attuale gli utenti sono in grado di migrare da un cellulare all’altro, in caso ad esempio di furto o perdita, semplicemente riconfigurando sul nuovo dispositivo l’account iCloud che avevano sul vecchio, senza perdere dati, contatti, fotografie o dati importanti. Il tutto anche nel caso in cui un utente abbia dimenticato la password del suo account: è sufficiente che la recuperi e sarà in grado di ottenere nuovamente i suoi dati. I benefici sono sicuramente notevoli, l’esperienza degli utenti più piacevole ma la sicurezza e la privacy vengono lasciate in secondo piano.

Reuters riporta in un articolo  che Apple aveva intenzione di predisporre un sistema di cifratura end-to-end anche per i dati che i possessori di iPhone memorizzano sul suo cloud e che tale informazione era stata riportata a Reuters un paio di anni fa da più fonti, inclusi ex dipendenti dell’azienda e agenti dell’FBI. Secondo il piano, Apple non avrebbe avuto più a disposizione le chiavi di cifratura dei backup iCloud, rendendo quindi gli utenti i soli detentori dei loro dati ma, nel contempo, rendendo impossibile il recupero in caso di perdita della password. In tale ipotesi, qualunque eventuale richiesta dell’Autorità Giudiziaria di accesso ai dati in cloud sarebbe stata impossibile (o molto complicata) da soddisfare, proprio perché tali dati sarebbero stati cifrati non solo durante il transito verso i server ma anche sui server stessi.

Apple non cifrerà iCloud

Reuters aggiunge, però, che di recente Apple sembra aver cambiato progetti e, stando a diverse fonti che ritiene attendibili, aver abbandonato il progetto di cifratura dei backup iCloud. Le stesse fonti sembrano ricondurre questa decisione a un tentativo di non peggiorare i rapporti con il Governo, già incrinati dopo la vicenda di San Bernardino e certamente non migliorati con quella del pilota di Pensacola. D’altro canto, Apple stessa dichiara nei suoi report sulla trasparenza l’elevato numero di richieste ricevute dall’Autorità Giudiziaria e le risposte date, in termini di conservazione dei dati, consegna delle informazioni contenute nel cloud, blocco o cancellazione degli account. A supporto della tesi che Apple abbia cambiato direzione, si può osservare come la società abbia in effetti tentato di raggiungere un compromesso, cifrando in modalità end-to-end alcuni dati come quelli relativi alle password o alla salute degli utenti, lasciando invece visibili gli altri e con l’intenzione, a questo punto credibile, di non cifrarli.

Ne deriva che ora solo se l’app non fa salvare il backup su iCloud – come nel caso di Signal o Telegram – i dati sono crittografati sempre e comunque.

Consideriamo anche che, sempre di recente, Apple ha patito un duro colpo subendo uno “scacco matto” (Checkm8) che permette a chiunque di accedere con maggior facilità ai dati presenti sui dispositivi stessi a causa di un bug che, peraltro, non può essere corretto perché insito nell’hardware stesso dei cellulari. Questa novità sta facilitando il lavoro di chi si occupa di perizie informatiche forensi, che è ora in grado di eseguire copia forense integrale del contenuto di buona parte degli iPhone e, persino, di attingere ad alcuni dati senza avere a disposizione la password. C’è chi si chiede quindi perché l’Fbi stia premendo su Apple, se potrebbe usare questo bug; forse lo fa per stabilire un punto di principio a proprio favore, in vista di casi futuri oppure perché Checkm8 non è sufficiente in questo caso per ottenere i dati che servono.

Dure le reazioni degli esperti di sicurezza, che si auguravano che Apple mantenesse la “promessa” di cifrare i dati degli utenti in modo da non potervi accedere direttamente. Il fondatore e CEO di Telegram Pavel Durov ha dichiarato sul suo canale pubblico che “iCloud è ora ufficialmente uno strumento di sorveglianza. Le App che ne fanno uso per memorizzare i messaggi privati (come ad esempio Whatsapp) sono parte del problema”. Durov ribadisce in sostanza come la questione privacy diventa maggiormente spinosa quando l’utente utilizza App di cifratura che dovrebbero tutelare la sicurezza delle proprie comunicazioni ma, nel contempo, tali comunicazioni finiscono sul cloud di Apple dove la società è – con alcuni accorgimenti – in grado di leggerle.

Conclusione

Né Apple né l’FBI hanno ovviamente confermato né smentito, ma i dati che oggi abbiamo a disposizione portano a credere che effettivamente sia plausibile che Apple non farà grosse modifiche alle modalità di cifratura del cloud, continuando a poter accedere a buona parte dei dati degli utenti caricati sui suoi server e cifrando soltanto quelli più “sensibili”, per dare un colpo alla botte e uno al cerchio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr