l'approfondimento

Accesso ai dati sanitari dei colleghi, il Garante privacy multa l’Asl di Lodi: ecco perché

Per fini diversi da quelli di cura, durante il lockdown i responsabili dell’organizzazione dei turni hanno avuto accesso ai dossier sanitari dei colleghi: una situazione segnalata da un’infermiera che ha portato a un’indagine del Garante privacy e a una sanzione da 40mila euro all’Asl

Pubblicato il 27 Nov 2023

N
Francesca Niola

Ph.D Researcher, Sapienza Università di Roma - Fellow ISLC, Università di Milano

Libero accesso ai dati sullo stato di salute dei colleghi, per fini diversi da quelli di cura: per non aver predisposto adeguate misure di tutela delle informazioni contenute nei dossier sanitari aziendali, il Garante privacy ha sanzionato l’Asl di Lodi per 40mila euro. Accessi abusivi infatti si sarebbero verificati durante la pandemia di Covid, come emerge dall’istruttoria dell’autorità garante, da parte delle responsabili dell’organizzazione dei turni e sono stati segnalati da un’infermiera che era al contempo sia paziente che dipendente dell’azienda sanitaria locale lodigiana. 

L’indagine del Garante privacy svela una significativa violazione dei principi di riservatezza e integrità dei dati sanitari. Tale scenario solleva questioni cruciali sull’equilibrio tra le esigenze di gestione dell’emergenza sanitaria e la rigorosa tutela dei dati personali, nel rispetto del Regolamento (UE) 2016/679 e del Codice della privacy italiano. Questa analisi si focalizza sulle implicazioni legali ed etiche derivanti da tali azioni.

La sanità e il difficile rapporto con i ransomware

Perché il Garante privacy ha sanzionato l’Asl di Lodi

Il reclamo al centro dell’indagine del Garante della Privacy origina dalla segnalazione di una dipendente dell’Asl di Lodi. Il nucleo della questione riguarda l’accesso non autorizzato al suo dossier sanitario da parte di colleghi nel biennio 2019-2020. La documentazione fornita evidenzia come tali accessi siano stati giustificati dalle dottoresse coinvolte come necessari per valutare le risorse umane disponibili durante l’emergenza Covid-19, in particolare per conoscere gli esiti dei tamponi naso-faringei. Un ulteriore accesso, riconducibile al “programma Telecovid Zcare”, mirava a verificare la qualità del servizio erogato tramite rielaborazione statistica delle caratteristiche della popolazione assistita.

WHITEPAPER
Come le Case di Comunità aumentano l’empowerment dei pazienti
Telecomunicazioni
Customer Experience

Tuttavia, emerge una discrepanza significativa tra le ragioni addotte per tali accessi e i principi di protezione dei dati personali. L’Azienda stessa ha ammesso la non tracciabilità degli accessi al dossier sanitario, sollevando serie preoccupazioni riguardo la conformità con i protocolli di sicurezza e privacy. Questo scenario pone in rilievo la tensione tra la necessità di una rapida gestione delle emergenze sanitarie e l’imprescindibile obbligo di salvaguardare la riservatezza e l’integrità dei dati personali dei dipendenti.

La replica dell’Asl

Nella sua difesa, l’Asl di Lodi ha argomentato che gli accessi al dossier sanitario della dipendente erano in parte obbligatori e in parte facoltativi, radicati nelle circostanze eccezionali dell’emergenza pandemica. Ha sostenuto che tali azioni erano giustificate dalle funzioni pubbliche esercitate e dall’urgenza dettata dal contesto emergenziale. L’Azienda ha enfatizzato il suo ruolo cruciale come punto di riferimento sanitario nella gestione della crisi Covid-19, sia a livello ospedaliero che territoriale, sottolineando l’importanza di conoscere in tempo reale lo stato di salute del personale per organizzare i turni e garantire la continuità dei servizi sanitari. Ha inoltre indicato che gli accessi ai dati erano necessari per assicurare la sicurezza e l’efficienza del personale in un periodo caratterizzato da elevati tassi di contagio tra gli operatori sanitari.

Cosa dice la normativa

L’indagine sulle pratiche dell’Asl di Lodi si inscrive in un rigoroso quadro normativo sulla protezione dei dati personali, delineato principalmente dal Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) e dal Codice della Privacy italiano (D.Lgs. 196/2003). Tali normative stabiliscono principi fondamentali come la liceità, correttezza e trasparenza nel trattamento dei dati personali, la limitazione della finalità, la minimizzazione dei dati, l’integrità e la riservatezza. Il GDPR impone inoltre che il titolare del trattamento adotti misure tecniche e organizzative adeguate per garantire un livello di sicurezza proporzionato al rischio.

Nel contesto specifico, il Garante ha riscontrato significative violazioni in relazione all’accesso e all’utilizzo dei dossier sanitari per finalità non strettamente legate al processo di cura. L’Azienda, agendo sia come datore di lavoro sia come autorità sanitaria, ha contravvenuto ai principi di limitazione della finalità e minimizzazione dei dati, utilizzando i dossier per la gestione organizzativa e amministrativa, in particolare per l’organizzazione dei turni ospedalieri e la valutazione della qualità dei servizi durante l’emergenza pandemica.

Infatti, il Garante ha evidenziato che, sebbene il datore di lavoro possa trattare dati personali, incluso quelli relativi alla salute, per esigenze legate al rapporto di lavoro, tali trattamenti devono avvenire nel rispetto dei principi del GDPR e delle disposizioni settoriali applicabili. Inoltre, in assenza di espresse previsioni normative, non è consentito al datore di lavoro raccogliere e trattare dati personali relativi allo stato di salute del lavoratore per finalità non previste dalla legge. Di conseguenza, l’accesso ai dossier sanitari per motivi organizzativi rappresenta una violazione delle norme sulla protezione dei dati personali.

Perché la decisione del Garante è innovativa

La decisione è innovativa e segna un punto di svolta importante. La risoluzione si fonda sulle violazioni degli articoli 5 e 9 del Regolamento (UE) 2016/679 e dell’articolo 32 del GDPR, che sanciscono i principi di liceità, correttezza, trasparenza, limitazione della finalità, minimizzazione dei dati e sicurezza dei trattamenti. Le sanzioni stabilite dal Garante rispecchiano l’obiettivo di garantire l’effettività, la proporzionalità e la dissuasività delle misure correttive, come stabilito dall’art. 83 del GDPR. In questo contesto, la gravità della violazione è stata valutata considerando la natura, la gravità e la durata dell’infrazione, l’impatto sui diritti e le libertà degli individui coinvolti e l’intenzionalità dell’azione dell’Azienda. Il Garante ha inoltre sottolineato l’importanza della consapevolezza del rischio associato a tali violazioni, specialmente in un contesto sanitario dove i dati personali sono particolarmente sensibili.

Si deriva infatti che la sanzione impone non solo una penalità pecuniaria, ma anche l’obbligo di pubblicazione dell’ordinanza ingiunzione sul sito web del Garante, come previsto dall’art. 166 del Codice della Privacy italiano. Questa decisione non solo punisce l’Azienda per la sua condotta, ma serve anche da monito per altre organizzazioni nel settore sanitario e oltre, sottolineando l’importanza di aderire scrupolosamente alle normative sulla privacy.

Conclusione

La decisione del Garante è foriera di due grandi implicazioni. In primo luogo, segnala alle organizzazioni sanitarie e non solo, l’importanza cruciale del rispetto delle normative sulla privacy, soprattutto in contesti di emergenza come una pandemia, dove la gestione dei dati sensibili deve essere bilanciata con necessità operative urgenti. La sentenza enfatizza la necessità di sistemi di tracciamento efficaci e di politiche di privacy chiare, evidenziando le conseguenze legali e finanziarie di eventuali inadempienze.

Inoltre, il caso potrebbe stimolare un rafforzamento delle politiche di formazione e consapevolezza sulla privacy all’interno delle organizzazioni sanitarie, per garantire che tutti i dipendenti comprendano i limiti e le responsabilità legati all’accesso ai dati personali. Infine, la decisione del Garante potrebbe guidare futuri sviluppi legislativi e normativi nel settore sanitario, orientati a un equilibrio più efficace tra esigenze operative e tutela dei diritti dei dipendenti e dei pazienti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2