L'APPROFONDIMENTO

Whistleblowing: profili di data protection e regole pratiche per la compliance in azienda

Con la trasmissione alle competenti commissioni parlamentari dello schema di decreto legislativo per il recepimento della Direttiva europea 2019/1937 sul Whistleblowing l’Italia ha avviato l’iter per introdurre maggiori garanzie a sostegno delle persone che segnalano illeciti nell’ambito dell’attività lavorativa. Il punto

Pubblicato il 19 Dic 2022

B
Pietro Boccaccini

Avvocato, Director Deloitte Legal

G
Paola Gribaldo

Deloitte Legal

A
Alice Audino

Deloitte Legal

Lo scorso 9 dicembre il Governo ha trasmesso alle competenti commissioni parlamentari lo schema di decreto legislativo che recepisce la Direttiva 2019/1937 sul Whistleblowing con cui l’Unione Europea ha richiesto agli Stati membri di introdurre maggiori garanzie a sostegno dei whistleblower.

In attesa, dunque, di poter analizzare il testo definitivo del Decreto, è utile analizzarne i profili di data protection e le regole pratiche per ottenere la compliance in azienda.

Armonizzare le regole UE per una cibersicurezza fondata sulla privacy

Whistleblowing: il contesto normativo

Il Whistleblowing, lo ricordiamo, è stato disciplinato per la prima volta dal Legislatore italiano nel settore pubblico mediante la L. 190/2012. Tale normativa contemplava una particolare tutela nei confronti del lavoratore pubblico che segnalasse illeciti di cui fosse venuto a conoscenza nell’ambito dell’attività lavorativa (cd. “whistleblower”).

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity

Con la successiva L. 179/2017 è stata introdotta una disciplina organica dell’istituto, prevedendo specifiche tutele per gli autori delle segnalazioni, sia in ambito pubblico che privato.

Con specifico riferimento al settore privato, la L. 179/2017 ha apportato una modifica all’art. 6 del D. Lgs. 231/2001 (da ora definito “Decreto 231”) disponendo che il Modello di organizzazione, gestione e controllo, affinché possa considerarsi idoneo a prevenire la commissione di reati presupposto, debba prevedere:

  1. uno o più canali che consentano ai soggetti apicali e subordinati di presentare segnalazioni circostanziate di condotte illecite rilevanti ai sensi del Decreto 231 e fondate su elementi di fatto precisi e concordanti o di violazioni del Modello stesso, di cui siano venuti a conoscenza in ragione delle funzioni svolte;
  2. almeno un canale di segnalazione alternativo idoneo a garantire la riservatezza dell’identità del whistleblower;
  3. il divieto di atti di ritorsione o discriminatori per motivi collegati (direttamente o indirettamente) alla segnalazione;
  4. sanzioni disciplinari nei confronti di chi violi le misure di tutela del whistleblower, nonché di chi effettui con dolo o colpa grave segnalazioni che si rivelino infondate.

L’ambito di applicazione della disciplina, pertanto, è stato sinora circoscritto all’adozione, da parte della società, del Modello Organizzativo e alla segnalazione di violazioni rilevanti ai sensi del Decreto 231.

Con la Direttiva 2019/1937, è stato richiesto agli Stati membri di introdurre maggiori garanzie a sostegno delle persone che segnalano violazioni delle disposizioni normative nazionali o europee.

Le novità in Italia: lo schema di decreto legislativo

La Direttiva 2019/1937 è stata recepita in Italia mediante lo schema di decreto legislativo che è stato trasmesso il 9 dicembre scorso dal Governo alle competenti commissioni parlamentari (da ora definito “Decreto”), le quali dovranno esprimere il proprio parere entro il 19 gennaio 2023.

Tra le principali novità del Decreto (in attesa di vedere la versione definitiva) si segnalano le seguenti:

  1. l’ampliamento delle violazioni oggetto di segnalazione (che non sono solo più circoscritte a quelle previste dal Decreto 231) così come dei soggetti destinatari della tutela (estesa, tra altri, a lavoratori autonomi, collaboratori esterni, volontari, tirocinanti anche non retribuiti, facilitatori, colleghi e parenti ecc.);
  2. la previsione di ulteriori strumenti di comunicazione mediante segnalazioni esterne tramite apposito canale istituito dall’ANAC e divulgazione pubblica;
  3. il rafforzamento delle tutele nei confronti del segnalante o del soggetto che abbia sporto denuncia all’autorità giudiziaria o contabile in caso di atti ritorsivi;
  4. la previsione di una tempistica specifica entro la quale fornire riscontro alla segnalazione;
  5. l’introduzione di misure di sostegno in favore del segnalante (informazioni, assistenza e consulenze a titolo gratuito);
  6. la previsione di sanzioni fino a 50.000 euro nei confronti del responsabile delle violazioni delle disposizioni ivi contenute.

L’ANAC, che in tale contesto ha acquisito un ruolo centrale quale organo di tutela e controllo, entro tre mesi dall’entrata in vigore del Decreto, dovrà adottare linee guida relative alle procedure per la presentazione e la gestione delle segnalazioni esterne, dopo aver sentito il Garante Privacy.

La tutela della riservatezza

Il Decreto prevede che l’identità della persona segnalante (e qualsiasi altra informazione da cui possa evincersi, direttamente o indirettamente, tale identità) non possano essere rivelate, senza il consenso espresso del whistleblower, a persone diverse da quelle competenti a ricevere o a dare seguito alle segnalazioni, espressamente autorizzate a trattare tali dati.

Tale autorizzazione al trattamento dei dati deve essere predisposta alla luce delle norme a tale proposito applicabili, sia a livello europeo (gli articoli 29 e 32 del General Data Protection Regulation, GDPR) che a livello italiano (l’articolo 2 quaterdecies del Codice Privacy). Tale documento dovrà essere molto chiaro in merito agli obblighi da osservare e ai limiti da rispettare nella gestione dei dati, vista la delicatezza degli stessi in questo ambito.

Le istruzioni fornite dal titolare devono quindi riguardare anche i profili collegati alla riservatezza e, di conseguenza, i limiti da rispettare nella circolazione delle informazioni.

È disciplinata dal Decreto la riservatezza anche nel contesto, particolarmente sensibile, di un eventuale procedimento disciplinare a carico di un soggetto segnalato: in tale caso, l’identità del segnalante non può essere rivelata, se la contestazione dell’addebito disciplinare è fondata su accertamenti distinti e ulteriori rispetto alla segnalazione.

Se la contestazione è fondata, in tutto o in parte, sulla segnalazione che è stata fatta e la conoscenza dell’identità del segnalante è indispensabile per la difesa dell’incolpato, allora in tal caso la segnalazione è utilizzabile, ai fini del procedimento disciplinare, solo in presenza del consenso espresso del segnalante alla rivelazione della propria identità.

Adempimenti per garantire la protezione dei dati personali

Il Decreto ha chiarito alcuni aspetti che risultano centrali con riferimento alle misure che occorre porre in essere per proteggere i dati personali degli interessati. Inoltre, il Garante Privacy ha emesso recentemente alcuni provvedimenti sanzionatori e da questi è possibile ricavare indicazioni importanti in merito alle attività da svolgere.

Di seguito vengono sintetizzati i principali adempimenti che occorre rispettare in ottica data protection alla luce del framework di riferimento, incluso anche il Decreto.

Data protection impact assessment (DPIA)

Considerata la particolare delicatezza delle informazioni trattate, della vulnerabilità degli interessati nonché degli elevati rischi – in termini di possibili effetti ritorsivi e discriminatori, anche indiretti, per il segnalante – il trattamento svolto nell’ambito del whistleblowing deve considerarsi ad alto rischio ed è quindi obbligatorio lo svolgimento di una valutazione d’impatto, preventiva al trattamento.

Principi privacy

Il titolare dovrà mettere in atto tutte le misure affinché nel trattamento dei dati vengano rispettati i principi previsti dalla legge, tra cui quelli di liceità, correttezza, trasparenza, limitazione della finalità, esattezza, limitazione della conservazione, integrità, riservatezza e responsabilizzazione.

Dovranno, inoltre, essere messe in atto misure adeguate di privacy by design e by default.

Minimizzazione

I dati personali che non sono utili al trattamento di una specifica segnalazione non devono essere raccolti. Se vengono raccolti accidentalmente, devono essere cancellati.

Trasparenza rafforzata

In materia di whistleblowing occorre porre particolare attenzione alla completezza delle informazioni in relazione a ciascun trattamento, fornendo informative chiare e complete agli interessati.

Le informative standard messe talvolta a disposizione dai fornitori delle piattaforme non possono considerarsi adeguate.

Il fornitore è peraltro un responsabile del trattamento mentre gli obblighi informativi devono essere assolti dalla società che si avvale del sistema di whistleblowing, che tratta i dati in qualità di titolare del trattamento.

Per i gruppi multinazionali un punto di attenzione ulteriore è quello della lingua delle informative, che devono essere comprensibili a tutti; devono quindi essere previste anche traduzioni nelle lingue locali.

Autorizzazioni al trattamento

Come sopra ricordato, è necessario che i soggetti preposti alla gestione delle segnalazioni abbiano ricevuto adeguate nomine, includendo fra gli obblighi cui è tenuto l’autorizzato al trattamento anche la riservatezza.

Registro dei trattamenti

Occorre indicare nel registro dei trattamenti la finalità di acquisizione e gestione di segnalazioni di condotte illecite e tutte le ulteriori informazioni richieste dalla legge.

Procedure

L’adozione di procedure o policy inerenti alla gestione delle segnalazioni e la protezione dei dati personali nei trattamenti è fondamentale per la legittimità dei trattamenti in questione, nel rispetto del principio di accountability, anche ai sensi degli articoli 5 e 24 del GDPR.

Misure di sicurezza

È necessario adottare tutte quelle adeguate per assicurare su base permanente la riservatezza, l’integrità, la disponibilità e la resilienza dei sistemi e dei servizi di trattamento.

In particolare, occorre prevedere l’utilizzo di misure di sicurezza avanzate, tra cui anche le seguenti:

  1. il protocollo https;
  2. strumenti di crittografia (specie per il trasporto e la conservazione dei dati del segnalante) per garantire la riservatezza dell’identità del segnalante e per il contenuto delle segnalazioni e della relativa documentazione;
  3. tecniche di pseudonimizzazione e anonimizzazione, ove possibile;
  4. accessi individuali e nominali;
  5. procedure d’autenticazione forti e meccanismi di blocco automatico dell’utenza, in caso di ripetuti tentativi di autenticazione falliti;
  6. limitazione dei soggetti aventi accesso alle informazioni, anche mediante una corretta configurazione dei sistemi di protocollo informatico.

Gestione dei diritti degli interessati

Il titolare del trattamento deve adottare le necessarie misure (tra cui, ad esempio, la predisposizione di una procedura ad hoc o la formazione del personale a ciò preposto) affinché, in caso di esercizio dei diritti privacy, venga dato tempestivamente l’adeguato riscontro.

In caso di ritardata o omessa risposta, il rischio è che l’interessato presenti un reclamo al Garante Privacy.

Le procedure adottate dovranno tenere conto anche dei limiti previsti dalla legge (in particolare dall’articolo 2 undecies del Codice Privacy): i diritti previsti dal GDPR non possono infatti essere esercitati qualora possa derivarne un pregiudizio effettivo e concreto alla riservatezza dell’identità del segnalante.

Responsabile del trattamento

Dai recenti provvedimenti del Garante Privacy in materia risulta una particolare attenzione per la figura del responsabile, come il fornitore della piattaforma whistleblowing, al quale non possono essere delegate importanti attività di trattamento in assenza dei necessari presupposti. In concreto, il titolare dovrà valutare previamente l’idoneità del responsabile – anche con riferimento alle misure di sicurezza che offre, agli eventuali subresponsabili che coinvolge e alla possibile conservazione dei dati fuori dall’UE – e poi formalizzare un contratto ai sensi dell’articolo 28 del GDPR sufficientemente tutelante.

Inoltre, risultano senz’altro opportuni audit per verificare che gli obblighi assunti contrattualmente dal fornitore risultino applicati.

Conservazione

Il periodo di conservazione deve essere limitato a quanto necessario per il trattamento della segnalazione e comunque, in base a quanto previsto dal Decreto, non può protrarsi oltre 5 anni dalla data della comunicazione dell’esito finale della procedura di segnalazione.

Formazione

Come in ogni contesto di trattamento di dati personali, ma a maggior ragione in un ambito delicato come quello del whistleblowing, è necessario che il titolare si occupi della formazione delle persone che agiscono sotto la propria autorità.

Spunti operativi

Alla luce delle novità legislative introdotte, le società prive di un sistema gestione delle segnalazioni dovranno procedere, tra l’altro:

  1. all’attivazione di un canale di segnalazione in grado di garantire la riservatezza dell’identità del segnalante, della persona coinvolta e della persona comunque menzionata nella segnalazione, nonché del suo contenuto e della relativa documentazione;
  2. allo svolgimento delle attività necessarie per la protezione dei dati personali degli interessati, in base al framework normativo applicabile;
  3. all’individuazione di un soggetto o di un ufficio interno autonomo dedicato, dotato di personale specificatamente formato per la gestione delle segnalazioni, ovvero di un soggetto esterno in possesso degli stessi requisiti;
  4. alla predisposizione di un’apposita procedura aziendale che regoli le modalità di segnalazione e gestione delle attività di indagine e definisca l’oggetto e i destinatari delle segnalazioni.

Le società che abbiano già adottato un Modello organizzativo ai sensi del Decreto 231, invece, dovranno provvedere a coordinare adeguatamente gli strumenti di tutela del segnalante ivi previsti con gli eventuali ulteriori obblighi derivanti dal recepimento della Direttiva.

In ogni caso, il rispetto degli adempimenti privacy che sono stati qui ripercorsi, che si rendono necessari alla luce dell’insieme delle norme applicabili in materia, è rilevante non solo sotto il profilo formale – posto che la mancata adozione della documentazione e la presenza di eventuali gap nell’implementazione delle misure costituiscono violazioni sanzionabili con multe fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato annuo – ma anche da un punto di vista sostanziale.

Infatti, compiere tutti gli step perché la riservatezza e la protezione dei dati degli interessati siano garantiti anche nel contesto del whistleblowing rappresenta un punto di forza per la società, che potrà svolgere le operazioni di trattamento in sicurezza e in modo efficiente, evitando le conseguenze negative di una gestione poco accurata del dato, tra cui anche possibili data breach (potenzialmente molto dannosi per la reputazione dell’azienda), reclami degli interessati davanti alle Autorità Privacy e azioni giudiziali.

WHITEPAPER
Rischi ESG all'interno della supply chain: approfondisci come mitigarli in modo proattivo
Sviluppo Sostenibile
Risk Management
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5