PRIVACY

Regolamento Europol, interviene il Garante europeo: a rischio la certezza del diritto per i dati personali

Dopo aver espresso le proprie preoccupazioni circa il contenuto delle modifiche introdotte al Regolamento Europol, l’EDPS ha ora richiesto alla Corte di Giustizia UE di annullare due disposizioni che minerebbero gravemente la certezza del diritto per i dati personali delle persone. Facciamo chiarezza

27 Set 2022
C
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

Il Garante europeo per la protezione dei dati personali (EDPS, European Data Protection Supervisor) ha richiesto alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea di annullare due disposizioni del Regolamento Europeo, recentemente modificato ed entrato in vigore il 28 giugno 2022.

Dette disposizioni, a detta del GEPD, non potrebbero ritenersi lecite in quanto impattano fortemente sulle operazioni sui dati personali effettuate in passato da Europol, e “minano gravemente la certezza del diritto per i dati personali delle persone”, minacciando anche l’indipendenza dello stesso GEDP, nella sua qualità di Autorità garante delle istituzioni, organismi, uffici e agenzia europee.

Tutela dei dati personali e altri diritti: ecco perché servono contemperamento ed equilibrio

Il nuovo Regolamento Europol

Già nel giugno 2022, il GEPD aveva espresso le proprie preoccupazioni circa il contenuto delle modifiche introdotte al Regolamento Europol, in quanto le stesse indebolivano il diritto fondamentale alla protezione dei dati e non garantivano “un controllo adeguato dell’Agenzia dell’Unione europea per la cooperazione tra le forze dell’ordine (Europol)”.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

Le modifiche introdotte al Regolamento (UE) 2022/991, infatti, ampliano il mandato di Europol in riferimento allo scambio di dati personali con soggetti privati, l’uso dell’intelligenza artificiale e il trattamento di grandi insiemi di dati.

Come riportato nel comunicato di EDPS del 27 giugno 2022, “l’Europol è ora autorizzato, in casi specifici, a trattare grandi insiemi di dati, portando a un aumento sostanziale del volume di dati personali delle persone trattati e conservati dall’Agenzia. Di conseguenza, i dati relativi a persone che non hanno un legame stabilito con un’attività criminale saranno trattati allo stesso modo dei dati personali di persone che hanno un legame con un’attività criminale”.

A detto ampliamento di mandato, tuttavia, a parere del GEPD non ha fatto seguito anche un incremento delle salvaguardie per gli interessati in materia di protezione dei dati: ciò comporta l’impossibilità di esercitare un controllo efficace sui nuovi poteri dell’Agenzia.

“Mettere in atto solide salvaguardie è fondamentale poiché l’impatto del regolamento modificato sulla protezione dei dati personali è ulteriormente aggravato dal fatto che gli Stati membri dell’UE hanno la possibilità di autorizzare retroattivamente Europol a trattare grandi set di dati già condivisi con Europol prima dell’entrata in vigore del regolamento modificato.

Il GEPD nutre forti dubbi sulla legittimità di questa autorizzazione retroattiva” affermava il GEPD nel suo comunicato. Tanto più che detti grandi set di dati sono i medesimi dati dei quali il GEPD aveva intimato, nel gennaio dell’anno corrente, la cancellazione ad Europol. “Pertanto, con il regolamento modificato, l’ordinanza del GEPD di eliminare questi insiemi di dati di grandi dimensioni diventerebbe inefficace”.

Con l’ordinanza del 3 gennaio, più nel dettaglio, il Garante aveva ordinato ad Europol di cancellare i dati relativi a persone che non hanno un collegamento accertato con un’attività criminale, detti altresì “privi di categorizzazione dell’oggetto”, o i set di dati più vecchi di 6 mesi che comunque non erano stati ancora sottoposti a classificazione, o classificati come non appartenenti a sospetti o ad altre categorie specifiche pertinenti (testimoni, vittime ecc.). Per svolgere detti adempimenti, il GEPD concedeva ad Europol 12 mesi di tempo.

A seguito della notifica dell’ordinanza, Wojciech Wiewiórowski, GEPD, affermava che “non sono stati compiuti progressi significativi nell’affrontare la preoccupazione principale che Europol conservi continuamente i dati personali delle persone se non ha stabilito che il trattamento è conforme ai limiti stabiliti dal regolamento Europol.

Tale raccolta ed elaborazione di dati può comportare un enorme volume di informazioni, il cui contenuto preciso è spesso sconosciuto a Europol fino al momento in cui viene analizzato ed estratto, un processo che spesso dura anni.

Un periodo di 6 mesi per la pre-analisi e il filtraggio di grandi set di dati dovrebbe consentire a Europol di soddisfare le richieste operative degli Stati membri dell’UE che si affidano a Europol per il supporto tecnico e analitico, riducendo al minimo i rischi per i diritti e le libertà delle persone”.

Per tali ragioni, il GEPD richiedeva a giugno – a seguito dell’entrata in vigore del nuovo regolamento – ad Europol di specificare ulteriormente le salvaguardie in materia di protezione dei dati da mettere in atto per “limitare efficacemente l’impatto di tali attività intrusive di trattamento dei dati sulle persone, come richiesto dal legislatore”, richiedendo altresì di essere “consultato formalmente sulla base del regolamento Europol modificato relativo alle decisioni pertinenti del consiglio di amministrazione”.

Le disposizioni oggetto di censura

Ancora oggi, a distanza di mesi dal comunicato del Garante Europeo, oggetto della richiesta di annullamento di cui si discute sono, per l’appunto, gli articoli 74a e 74b del novellato Regolamento Europol, i quali, come detto, hanno l’effetto di legalizzare retroattivamente il trattamento da parte di Europol di grandi volumi di dati personali, anche se gli interessati non hanno alcun legame stabilito con attività criminali.

A tal riguardo, Wojciech Wiewiórowski, ha dichiarato che le disposizioni in esame “privano retroattivamente le persone delle garanzie applicate dal GEPD”. Pertanto, è stato necessario richiedere l’annullamento “degli articoli 74 bis e 74 ter del regolamento Europol modificato per due motivi. In primo luogo, per tutelare la certezza del diritto per le persone nel settore altamente delicato dell’applicazione della legge, in cui il trattamento dei dati personali comporta gravi rischi per gli interessati.

In secondo luogo, per garantire che il legislatore dell’UE non possa “spostare i paletti” indebitamente nel settore della privacy e della protezione dei dati, laddove il carattere indipendente dell’esercizio dei poteri esecutivi di un’autorità di controllo richiede la certezza del diritto delle norme applicate”.

Ai sensi del previgente regolamento Europol, infatti, una volta raccolti i dati degli interessati quest’ultima sarebbe stata obbligata a verificare entro 6 mesi se detti interessati avessero un collegamento con attività criminali; viceversa, i dati raccolti, come intimato da EDPB avrebbero dovuto essere cancellati, al più tardi entro la data del 04.01.2023.

Le nuove disposizioni del regolamento, invece, consentono a Europol di proseguire nel trattamento dei dati che non siano stati ancora cancellati, in senso assolutamente contrario rispetto a quanto ordinato dal Garante Europeo nel suo provvedimento.

“La scelta dei colegislatori di introdurre tali modifiche”, continua il GEPD nel suo comunicato stampa, “pregiudica l’esercizio indipendente dei poteri da parte delle autorità di vigilanza.

Le disposizioni impugnate stabiliscono un preoccupante precedente con il rischio che le autorità anticipino possibili controreazioni del legislatore volte a prevalere sulle loro attività di vigilanza, dipendenti dalla volontà politica.

Le autorità di controllo della protezione dei dati, in questo caso il GEPD, potrebbero essere obbligate a prendere in considerazione le preferenze politiche o potrebbero essere soggette a indebite pressioni politiche in modo da pregiudicare la loro indipendenza, come sancito dalla Carta dei diritti fondamentali dell’UE”.

I prossimi step

Allo stato attuale, il ricorso di annullamento risulta pendente innanzi alla Corte di Giustizia UE, il cui scopo sarà quello di garantire la conformità degli atti legislativi, regolamentari e individuali dell’UE alle norme superiori dell’ordinamento giuridico europeo.

Nel caso in cui la Corte ritenga fondato il ricorso proposto dal GEPD, dichiarerà nulle le disposizioni impugnate, con effetto sin dal momento dell’adozione del nuovo Regolamento.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5