PRIVACY

Proteggere senza compromettere i dati: suggerimenti ai DPO per gestire la propria documentazione



Indirizzo copiato

Un aspetto spesso trascurato del ruolo del DPO riguarda la gestione della documentazione generata durante il suo mandato: bisognerebbe, infatti, anche “pre-occuparsi” di minimizzare le informazioni all’interno dei documenti di sua competenza per ridurre i rischi di incidenti di sicurezza inerenti alle attività da lui svolte. Ecco alcuni consigli

Pubblicato il 26 mar 2024

Giuseppe Alverone

Consulente e formatore Privacy. DPO certificato UNI 11697:2017

Monica Perego

Consulente, Formatore Privacy & DPO



Proteggere senza compromettere i dati

Dopo sei anni di applicazione del GDPR, i compiti e le responsabilità del DPO all’interno di un’organizzazione, che rivesta il ruolo di titolare o di responsabile del trattamento, sono ben definiti e chiari. Tuttavia, la questione della gestione della documentazione prodotta dal DPO solleva importanti interrogativi.

In questo articolo, intendiamo esaminare le implicazioni organizzative inerenti a tale tematica, strettamente connessa al rischio che il DPO, nell’esercizio delle proprie funzioni, possa involontariamente contribuire alla compromissione dei dati personali che è chiamato a proteggere.

Mediante un’analisi attenta e il richiamo a casi pratici, verranno indagate le problematiche e le potenzialità associate alla gestione documentale affidata al DPO, valutando le modalità attraverso le quali tali documenti devono essere trattati, conservati ed eventualmente distrutti, nel rispetto della specifica normativa e delle migliori pratiche in materia di protezione dei dati personali.

La gestione degli archivi del DPO

Durante l’attività svolta, il DPO elabora una serie di documenti che richiedono un’adeguata gestione degli archivi. Questi documenti, che spaziano dal cartaceo all’elettronico, sono essenziali per documentare il corretto svolgimento delle sue attività di formazione, consulenza e sorveglianza e devono essere conservati in modo sicuro e accessibile.

Tali documenti, comprendono verbali, relazioni e rapporti di audit, pareri ed esiti di analisi, resoconti di attività e via dicendo.

La gran parte di tali documenti non contengono dati personali, ma paradossalmente informazioni relative alle vulnerabilità dell’organizzazione come, ad esempio, i risultati delle analisi dei rischi, dei penetration test eccetera.

Da ciò ne discende che l’accesso a tali documenti deve essere permesso solo ai solo soggetti autorizzati, da individuare con cautela, atteso che gli stessi documenti potrebbero contenere dati particolarmente riservati con un accesso limitato (ad esempio le relazioni a seguito di un data breach e la stessa analisi dei rischi).

Per garantire la certezza temporale e fissarne il contenuto – al fine di eliminare ogni sospetto che i documenti siano stati alterati dopo la loro emissione – è consigliabile far ricorso alla marca temporale, o timestamp. Si tratta di una sequenza numerica che certifica la creazione, trasmissione o archiviazione di un documento informatico, indicandone la data e l’ora esatte.

Questo approccio costituisce anche uno strumento di tutela per tutte le parti coinvolte e risulta particolarmente utile soprattutto durante eventuali ispezioni da parte dell’Autorità Garante. Tale soluzione non è certo da applicare a tutti i documenti prodotti, ma sicuramente a quelli per i quali è fondamentale dare evidenza della data di produzione (e.g. interviste, audit e simili).

In ogni caso, per una gestione efficace della documentazione, potrebbe essere definita una procedura dedicata, eventualmente condivisa con l’Organismo di Vigilanza (ODV). Peraltro, tale procedura potrebbe anche essere integrata nel Regolamento del DPO.

L’archiviazione degli originali dei documenti può avvenire sia internamente che esternamente all’organizzazione (come, ad esempio, presso l’ufficio del DPO qualora quest’ultimo fosse esterno all’organizzazione), con vantaggi e rischi differenti in termini di accessibilità e sicurezza.

Non riconosciamo alcun vantaggio nel conservare documentazione all’esterno dell’organizzazione; per cui sosteniamo che tale modalità non è opportuna.

Nel caso in cui si opti per gli archivi della documentazione all’esterno, è però opportuno che una copia dei documenti sia conservata anche presso la sede dell’organizzazione a disposizione:

  1. dell’Autorità Garante per eventuali ispezioni;
  2. di altri autonomi titolari del trattamento, nel caso in cui l’organizzazione si configuri come responsabile del trattamento. Detti autonomi titolari potrebbero, infatti, richiedere l’accesso ad una parte di tali documenti, in attuazione di specifici accordi contrattuali e per le opportune verifiche.

Qualunque sia il luogo di archiviazione scelto, in ogni caso, è fondamentale stabilire chi ha accesso ai documenti.

In linea di principio, solo il DPO e il Referente Privacy dovrebbero poter accedere agli archivi. In ogni caso, qualora si volesse prevedere l’accesso a tale archivio da parte di altri soggetti, in numero limitato, il DPO dovrà prestare particolare attenzione a quei documenti che contengono informazioni dettagliate su un dipendente o altro interessato; ad esempio, in caso di indagini mirate da parte del DPO su casi specifici.

Ancora, va considerato anche il ruolo dell’amministratore di sistema che – almeno in via potenziale, ed a meno che non si utilizzino software opportunamente protetti per la gestione documentale – potrebbe accedere a tali dati quando sono in formato elettronico. Certamente, un robusto modello di gestione delle chiavi permetterebbe una gestione controllata degli accessi fisici contenenti documenti in versione cartacea.

Quindi, la definizione ed applicazione di procedure chiare e l’attenzione alla sicurezza e all’accessibilità sono fondamentali per una gestione efficace degli archivi del DPO.

In estrema sintesi, gli archivi del DPO devono essere gestiti in modo congruente con i principi applicati nella gestione della documentazione e garantirne riservatezza, disponibilità ed integrità, fermo restando che, per lo svolgimento delle attività a suo carico, il DPO non può prescindere dalla applicazione, laddove definite, di specifiche procedure per la gestione della documentazione predisposte dall’organizzazione.

Minimizzare i dati critici di business nella documentazione del DPO

Il DPO stesso dovrà poi prestare particolare attenzione a neutralizzare, per quanto possibile, i documenti che predispone utilizzando degli opportuni accorgimenti.

Infatti, i principi di protezione dei dati personali sono funzionali:

  1. certamente, a proteggere le persone fisiche con riguardo al trattamento dei loro dati personali;
  2. contestualmente, a modellare i processi aziendali in modo da tutelare anche le informazioni critiche per il business.

In tale quadro, il DPO, che è chiamato a garantire la conformità dei processi aziendali ai principi privacy, deve “pre-occuparsi”di minimizzare tutte le informazioni all’interno dei documenti di sua competenza, sia quelle personali che quelle critiche per il business. Ciò al fine di ridurre tutti i rischi di incidenti di sicurezza inerenti alle attività da lui svolte.

Egli, pertanto, nella preparazione della documentazione deve quindi adottare un approccio proattivo, assicurando che siano incluse solo le informazioni indispensabili. In sostanza, prima di includere qualsiasi informazione in un documento, il DPO deve valutare criticamente se quella determinata informazione è essenziale per lo scopo al quale è rivolto il documento stesso.

La revisione periodica dei documenti e la valutazione dei rischi associati alla loro divulgazione sono attività che possono aiutare a identificare aree organizzative e funzioni aziendali in cui le informazioni possono essere ulteriormente minimizzate.

Sarebbe, pertanto, auspicabile che queste pratiche diventino parte integrante del ciclo di vita della gestione dei documenti.

Come minimizzare i dati personali negli archivi del DPO

Il ruolo di “sentinella dei dati personali” attribuito dal GDPR al DPO[1] risulta essenziale per assicurare che le organizzazioni sviluppino i propri processi di produzione di beni e servizi in linea con i principi di protezione dei dati personali. Pertanto, lo stesso DPO, ancor prima di svolgere la sua sorveglianza, deve agire in piena conformità a detti principi.

In tale quadro, anche per il DPO vale, come per tutte le altre funzioni aziendali, il principio di minimizzazione. Per cui i soggetti (persone fisiche) a cui il DPO fa riferimento nella sua documentazione – come, ad esempio, le persone citate nei rapporti di audit – devono essere opportunamente protetti.

A tal fine il DPO dovrebbe mettere in atto opportuni accorgimenti ispirandosi, ad esempio, a quelli di seguito indicati, per garantire il rispetto della protezione dei dati personali raccolti nello svolgimento dei compiti a suo carico.

Informativa agli interessati

Bisognerebbe verificare che nell’informativa resa agli interessati sia stata indicata, come finalità, anche quella dell’esecuzione di doverosi controlli da parte di soggetti terzi autorizzati e che tali soggetti sono stati, pertanto, indicati come possibili destinatari di tali dati (es. DPO, Membri dell’Organismo di Vigilanza e del Collegio dei Sindaci, auditor, rappresentati della Guardia di Finanza, dell’INPS, ATS, ARPA e più in generale della PA preposti a controlli di varia natura ecc.).

Soggetti nominati dall’organizzazione preposti ai controlli

È opportuno verificare che ai soggetti nominati dall’organizzazione per eseguire controlli sono state fornite le indicazioni sulla gestione dei dati personali di cui, nel corso delle attività a loro carico, venissero a conoscenza.

Tali indicazioni possono esser riportate nell’atto di affidamento dell’incarico (se soggetti esterni all’Organizzazione) o nella descrizione di loro responsabilità/job description (se soggetti interni) o in altri documenti (istruzioni).

Informazioni relative alle “Persone coinvolte” nell’ambito delle attività del DPO

Altra misura adeguata consiste nel valutare, di volta in volta, quali dati vanno riportati in relazione alle persone coinvolte nelle attività in carico al DPO.

In alcuni casi, ai fini di una completa trasparenza del processo, è opportuno che siano indicati nome, cognome per esteso e ruoli degli interessati, in altri casi è sufficiente riportare il numero di matricola (o altro dato identificativo), in altri ancora, per evitare un trattamento sproporzionato, solo le iniziali o una parte della matricola.

Esempi concreti

Nel corso dell’audit condotto dal DPO è opportuno indicare:

  1. per esteso, i dati identificativi delle persone partecipanti alle riunioni (iniziale, finale ed eventuali incontri intermedi) e di quelle che, ricoprendo ruoli rilevanti, sono state contattate e intervistate nel corso dell’audit;
  2. le sole iniziali di quelle osservate, laddove non è necessaria la raccolta delle informazioni personali ma ci si può limitare ad indicare il ruolo ricoperto.

Quindi, bisognerebbe evitare la registrazione di:

  1. Intervistato G.V.;
  2. Visto Mario Rossi all’ufficio HR che non applica la Clean desk policy.
  3. Verificati criteri di protezione, accesso ed archiviazione delle sanzioni disciplinari ed a campione per quella somministrata a Giovanna Bianchi a seguito di aggressione al collega Mauro Azzurri del 10.10.20xx.
  4. Verificati criteri di protezione, accesso ed archiviazione della documentazione che delinea i requisiti, le specifiche, le condizioni, e i criteri di valutazione relativi alla procedura di gara per l’assegnazione di un contratto pubblico.
  5. Allegata alla documentazione di partecipazione alla gara per il Comune di Asti del 28.05.20xx e relativa documentazione dei carichi pendenti dei Rappresentanti Legali Alberta Gialli e Alessandra Viola come richiesto dal bando – verificata l’assenza di carichi pendenti.
  6. Allegare documenti non necessari a rapporti di audit, relazioni a seguito di data breach eccetera.

Bisognerebbe preferire, invece, la registrazione di:

  1. Intervistato Giovanni Verdi, Responsabile HR.
  2. Visto addetto all’ufficio HR che non applica la Clean desk policy – in questo caso l’attenzione va posta su un autorizzato che non applica una policy aziendale (quindi una carenza di processo) piuttosto che sullo specifico autorizzato.
  3. Verificati criteri di protezione, accesso ed archiviazione delle sanzioni disciplinari ed a campione per quella somministrata a G.B. o anche sanzione disciplinare somministrata il 10.10.20xxnon vi è, in questo caso, alcuna necessità di indicare altri dati come il contenuto della sanzione che esula dalla finalità della verifica.
  4. Verificati criteri di protezione, accesso ed archiviazione della documentazione che delinea i requisiti, le specifiche, le condizioni, e i criteri di valutazione relativi alla procedura di gara per l’assegnazione di un contratto pubblico.
  5. Allegata alla documentazione di partecipazione alla gara per il Comune di Asti del 28.05.20xx e relativa documentazione dei carichi pendenti dei Rappresentanti Legali come richiesto dal bando – senza riportare i riferimenti sul contenuto di tali documenti.
  6. Non allegare documenti non necessari a rapporti di audit, relazioni a seguito di data breach ecc. – gli unici documenti da allegare sono quelli che aggiungono informazioni pertinenti al contenuto che si vuole trasmettere e non reperibili o facilmente reperibili da altre fonti.

Conclusioni

In sintesi, seppure potrebbe sembrare un paradosso, nel corso dello svolgimento delle attività a suo carico, il DPO potrebbe, realisticamente, trovarsi in situazioni dove, involontariamente, contribuisce alla violazione dei dati personali che è incaricato di proteggere.

In questo articolo sono state analizzate proprio le dinamiche attraverso le quali tali violazioni possono verificarsi. Sono stati esplorati i rischi associati e sono state proposte strategie per prevenire tali incidenti, sottolineando l’importanza di un approccio sistematico e di continue pratiche di miglioramento nella gestione della protezione dei dati.

In conclusione, si è cercato di evidenziare che la gestione della documentazione del DPO è un tema davvero complesso che richiede una valutazione olistica delle implicazioni organizzative.

La posizione del DPO e il contesto organizzativo sono fattori chiave che influenzano questa questione. È essenziale quindi che le organizzazioni sviluppino politiche chiare e procedure per affrontare la gestione dei documenti del DPO in modo efficace e conforme alla normativa sulla protezione dei dati personali.

Questi protocolli devono, naturalmente, ricevere il pieno sostegno e l’accettazione del DPO, poiché la loro efficacia dipende dalla collaborazione tra il DPO e l’organizzazione stessa. Infatti, solo attraverso un dialogo aperto e una comprensione mutualmente approfondita di queste questioni è possibile assicurare un approccio alla gestione documentale che non solo rispetti le normative sulla privacy, ma che sia anche pratico e sostenibile nel tempo.Da tale aspetto, peraltro, deriva anche il dubbio se lo stesso DPO, al termine del suo mandato, sia legittimato a tenere una copia di tali documenti. Ma tale argomento merita un’autonoma riflessione e verrà affrontato in un prossimo articolo.


[1] Il tema è approfondito in “Privacy & Audit. Tipologia, pianificazione e processo. Comunicazione e valutazione. Audit e situazioni particolari” di Emegian F. e Perego M., IPSOA-Wolters Kluwer, Milano 2019 – 5^ edizione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4