PRIVACY

Marketing online: nuove indicazioni del Garante su informative e tracciamento dei consensi

Il Garante Privacy ha emesso due ingiunzioni con le quali ha indirettamente fornito nuove indicazioni sul trattamento dei dati personali nelle attività di marketing online. I punti salienti: informative distinte, tracciamento dei consensi e maggior granularità nella scelta dei mezzi di comunicazione

Pubblicato il 30 Dic 2022

F
Elio Franco

Avvocato, Founder presso Franco, Pirro & Partners

Con due diverse e distinte ingiunzioni, l’Autorità Garante per la Protezione dei dati personali ha indirettamente fornito alcune indicazioni in tema di marketing online: da un lato, gli operatori devono tenere ben distinte le informative sul trattamento dei dati personali e sull’uso di cookie, dall’altro devono ben chiarire quali sono gli strumenti attraverso cui tratteranno i dati degli interessati per le loro campagne.

Infine, il Garante è tornato sull’annoso tema della tracciabilità dei consensi e della data retention.

Informative privacy, prendiamo esempio dal bugiardino dei farmaci: istruzioni per l’uso

I fatti

Con il provvedimento n. 348 del 20 ottobre 2022 il Garante ha sanzionato un importante gruppo di profumerie europeo per aver utilizzato i dati dei clienti di altre due catene recentemente acquisite per incorporazione.

WHITEPAPER
Cloud pubblico: ecco la strada verso una maggiore sicurezza, scopri di più!
Cloud
ERP

In seguito dalla segnalazione di un interessato, l’Autorità ha avviato le indagini in uno ai nuclei specializzati della Guardia di Finanza.

Le emergenze istruttorie hanno evidenziato alcune criticità nella gestione dei dati dei clienti provenienti dalle due aziende fuse: innanzitutto, l’Authority ha contestato una scarsa chiarezza nella somministrazione delle informative privacy sul trattamento dei dati personali ai clienti acquisiti: infatti, l’informativa privacy, quella cookie e le condizioni generali del programma di fidelity sono state tutte raggruppate in un’unica pagina, cosa che avrebbe causato un certo grado di confusione nell’utente che, per giunta, poteva prestare solo il proprio consenso al trattamento dei dati personali per tutte le finalità, ivi comprese quelle di profilazione e di marketing.

Come se ciò non bastasse, lo stesso consenso sarebbe valso anche per la sua geolocalizzazione, finalità nemmeno indicata nell’informativa.

Ancora, il Garante ha rilevato e contestato al nuovo titolare di essersi limitato solo a sostituire le vecchie fidelity card con la propria a tutti i clienti che ne hanno fatto richiesta somministrando la modulistica già in uso: di fatto, li ha considerati come nuovi interessati, anche se aveva già unificato i database delle tre aziende.

In altre parole, gli utenti appartenenti alle società acquisite non sono stati tempestivamente avvertiti del fatto che i loro dati sono confluiti nella nuova entità commerciale, anche se, a detta del titolare, erano stati i comunque congelati e mai trattati per finalità di marketing all’interno del proprio sistema gestionale.

Tra l’altro, la società, pur considerando non più validi i consensi rilasciati precedentemente alle aziende preesistenti, non è riuscita a dimostrare nel corso delle indagini come e quando i dati dei clienti fossero stati raccolti, trattati e conservati e quali fossero le informative loro somministrate.

Data la mole di informazioni che sarebbero state trattate illecitamente, l’Autorità non ha potuto che contestare al titolare la violazione dei principi di finalità del trattamento e di limitazione della conservazione dei dati.

Infine, le ispezioni hanno dimostrato che i dati raccolti anche per una sola delle finalità di telemarketing sono stati utilizzati per tutti le altre: quindi, i clienti che hanno prestato il proprio consenso al trattamento del proprio numero di telefono alla sola ricezione di SMS informativi hanno ricevuto anche promozioni telefoniche e viceversa.

Quest’ultimo aspetto è complementare a quanto contestato dalla stessa Autorità Garante con il provvedimento n. 379 del 10 novembre 2022 a un’altra azienda, stavolta operante nel settore delle telecomunicazioni, che avrebbe raccolto un unico consenso dai propri clienti sia per le attività di marketing con strumenti automatizzati che con mezzi di comunicazione tradizionali, senza che fosse consentito loro di limitare facilmente il trattamento all’una o all’altra forma di contatto.

Lo scopo dell’informativa privacy e di quella sui cookie

Come è noto, l’informativa sul trattamento dei dati personali (o privacy policy) è un documento che descrive le modalità con cui il titolare del trattamento raccoglie, utilizza e protegge le informazioni personali dei suoi clienti o utenti.

Con riferimento al mondo online, tali informazioni sono raccolte e utilizzate sia per le finalità proprie della prestazione richiesta al titolare (ad esempio, per il pagamento e la spedizione di un ordine sul suo sito e-commerce) sia per finalità di marketing, sia per tenere traccia delle attività degli utenti sul sito stesso.

L’informativa sull’uso di cookie e di altri strumenti di tracciamento ha, invece, uno scopo diverso rispetto a quella sul trattamento dei dati personali, dato che serve a rendere edotti i visitatori di un sito web di quali strumenti di tracciamento del loro comportamento e delle loro preferenze potrebbero essere installati sui loro computer o dispositivi mobili, ove prestino il consenso al loro uso.

Giova ricordare in questa sede che nel mese di gennaio 2022 sono entrate in vigore le nuove linee guida del Garante sull’uso di cookie e di altri strumenti di tracciamento, linee guida che chiariscono, una volta per tutte, che l’interessato deve essere libero di prestare il proprio consenso al loro utilizzo, senza che ciò possa avere ripercussioni sulla fruizione del servizio online (cosa che sembra non essere stata ben compresa da alcune testate giornalistiche).

Dunque, come è facilmente intuibile, entrambi i documenti devono essere sottoposti all’attenzione degli interessati prima che i trattamenti dei loro dati abbiano inizio, di modo che costoro possano liberamente scegliere se prestare o no il proprio consenso, qualora questo sia una condizione di liceità, come nel caso in cui i dati siano utilizzati per finalità di marketing.

Perché le informative devono essere differenziate

Nel primo provvedimento in esame, il Garante ha posto l’attenzione su un particolare aspetto che, il più delle volte, è sottovalutato dai titolari del trattamento: le informative privacy e cookie pubblicate sul sito web devono essere ben distinte, perché assolvono a funzioni ben diverse fra loro.

Infatti, la prima serve a informare l’utente su come saranno trattati i suoi dati per le finalità relative ai servizi erogati o per le attività di marketing a cui costui vorrà prestare il proprio consenso, la seconda, invece, trova la sua ragion d’essere nel notiziare opportunamente l’interessato dell’utilizzo di strumenti di tracciamento del proprio comportamento o, comunque, di software terzi per altre tipologie di analisi.

Secondo il Garante, unire le informazioni in un unico documento, non consentirebbe all’utente di comprendere bene e chiaramente a quali trattamenti sono sottoposti i suoi dati, quali consensi prestare e quali diritti gli spetterebbero nell’uno e nell’altro caso.

Ad ogni modo, ricorda il Garante che in entrambi i documenti bisogna indicare solo i trattamenti effettivamente compiuti e le finalità effettivamente perseguite, con espressa esclusione di attività eventuali e/o future.

Le novità per i consensi cumulativi

Il vecchio provvedimento del Garante n. 242 del 15.0.2013 statuiva una sorta di “semplificazione burocratica” per la raccolga dei consensi marketing: infatti, come è ormai noto, è possibile raccogliere un unico consenso per più modalità di contatto, siano esse automatizzate o dirette.

L’accennato provvedimento, pur essendo stato reso ben prima dell’inizio dell’applicabilità del GDPR, è sicuramente ancora valido, ma oggi, l’informativa privacy e la richiesta di consenso devono chiarire esplicitamente gli strumenti utilizzati di modo che l’interessato sia messo nelle condizioni di prestare, revocare o limitare il proprio consenso in ogni momento ad essere contattato tramite uno o più di essi, così come imposto all’operatore telefonico nel provvedimento n. 379 del 10 novembre 2022.

Maggior cautela su tracciamento e conservazione dei consensi

Infine, l’attenzione del Garante è stata posta sul tracciamento dei consensi. Il titolare del trattamento deve essere in grado di dimostrare quando il consenso è stato raccolto, con che modalità e quale documentazione privacy è stata somministrata all’interessato all’atto della raccolta. Infatti, ove i trattamenti mutino nel tempo, tanto da differenziarsi da quelli prospettati all’utente all’atto della raccolta del suo consenso, dovrà essergli sottoposta una nuova informativa.

Inoltre, il titolare deve essere comunque in grado di dimostrare se, nel corso degli anni, l’interessato abbia revocato o limitato il proprio consenso solo ad alcuni trattamenti.

Infine, pur rimanendo sempre valida l’indicazione del vecchio provvedimento del Garante del 24 febbraio 2005 sulla durata della conservazione dei dati per le finalità di marketing (cioè 24 mesi) e di profilazione (12 mesi), il titolare può stabilire un periodo di conservazione più lungo, ove possa motivarlo e, comunque, previa valutazione di impatto.

Nel caso della catena di profumerie, infatti, il Garante ha imposto la cancellazione dei dati raccolti più di dieci anni prima, mentre per quelli raccolti nello stesso periodo gli interessati dovranno rinnovare il proprio consenso.

È, quindi, opportuno che ogni azienda stabilisca sia un congruo periodo di data retention dei dati degli interessati, sia delle procedure per eseguire campagne di rinnovo dei consensi marketing prestati dai propri clienti, cancellando i dati di coloro che non lo hanno rinnovato (fatte salve, ovviamente, eventuali altre esigenze, come quelle di gestione del contenzioso).

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4