GDPR

L’IP dinamico è un dato personale, a determinate condizioni: ecco quali

La Corte di Giustizia Europea ha statuito, nel 2016, che l’indirizzo IP dinamico è, a determinate condizioni, un dato personale: la sentenza assume piena validità ancora oggi nella vigenza del GDPR che rimarca i concetti di identificazione indiretta dell’interessato e di persecuzione dell’interesse legittimo. Il punto

23 Nov 2022
C
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

Anche l’indirizzo IP dinamico è un dato personale, sebbene a determinate condizioni: lo ha sancito, come sappiamo, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea nella sentenza Breyer (C-582/14) del 2016 che è ancora oggi pienamente valida.

È bene, dunque, tornare su questo importante argomento anche per integrare questa stessa sentenza con l’odierna disciplina in materia di protezione dei dati personali.

IP dinamico: la lettura del GDPR

Ai sensi dell’art. 4 GDPR, può definirsi dato personale “qualsiasi informazioni riguardante una persona fisica identificata e identificabile”, sia direttamente che indirettamente, “con particolare riferimento ad un identificativo come il nome, un numero di identificazione, dati relativi all’ubicazione, un identificativo online o a uno o più elementi caratteristici della sua identità fisica, fisiologica, genetica, psichica, economica, culturale e sociale”.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

All’interno del considerando 30, il GDPR si occupa di meglio definire cosa debba intendersi per “identificativo online”, andando a ricomprendere all’interno di detta categoria di informazioni tutti quegli identificativi “prodotti dai dispositivi, dalle applicazioni, dagli strumenti e dai protocolli utilizzati, quali gli indirizzi IP” o i cookies.

Vi sono, tuttavia, diverse tipologie di indirizzi IP: proprio sulla classificazione di dette categorie di indirizzi come dato personale o meno, nel corso degli anni si sono susseguite diverse pronunce, una fra tutte proprio la pronuncia della Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) resa nella causa C-582/14 che affronta la questione affermando dei principi in diritto pienamente validi anche alla luce dell’odierno testo normativo europeo.

GDPR, una protezione tra rischi e pericoli per le persone fisiche e per l’economia

IP statico o dinamico: le differenze

Al fine di poter meglio comprendere il contenuto della sentenza emessa dalla CGUE, si ritiene opportuno fare un passo indietro e svolgere una disamina di cosa si intenda per indirizzo IP: l’Internet Protocol Address non è altro che un indirizzo di natura numerica che viene assegnato a un dispositivo nel momento in cui si effettua l’accesso a Internet, ed è una componente essenziale dell’odierno protocollo di trasmissione dei dati TCP/IP. In caso di consultazione di un sito Internet, l’indirizzo IP del computer che effettua l’accesso è trasmesso al server che ospita il sito consultato. Tale comunicazione è necessaria per inviare i dati richiesti al corretto destinatario.

Per poter trasmettere correttamente un pacchetto di dati, all’interno dell’indirizzo IP devono essere indicate una serie di informazioni, ossia la rete sulla quale il pacchetto sarà trasferito ed il dispositivo di destinazione. Da dette informazioni, seppur di per sé piuttosto scarne, è possibile determinare comunque una serie di ulteriori dati, come l’identità del provider Internet, la posizione (seppur in modo non particolarmente preciso) e le attività condotte sul sito. È evidente, dunque, il motivo per il quale l’indirizzo IP viene inserito, all’interno del GDPR, tra quelle informazioni potenzialmente in grado di identificare uno specifico soggetto, contenendo in sé dati che necessitano di adeguata protezione, relativi anche alle abitudini dell’utente.

L’indirizzo IP può essere di due tipologie: statico (ossia, che non muta mai nel corso della connessione) o dinamico (soggetto, dunque, a variazioni ad ogni nuova connessione a Internet). A differenza dell’IP statico, l’IP dinamico non consente di risalire direttamente all’interessato che ne fa uso, rendendosi necessario utilizzare file non accessibili al pubblico: proprio da detta caratteristica, è nata la discussione intorno alla possibilità di far rientrare anche detti indirizzi all’interno della più ampia definizione di dati personali.

Il caso Breyer: le premesse in fatto

La questione di cui si discute nel presente articolo nasce da una controversia instauratasi tra Patrick Breyer, cittadino tedesco, e la Repubblica Federale di Germania, avente ad oggetto l’illecito trattamento dei dati personali del ricorrente e, più nello specifico, l’indebita raccolta e conservazione del suo indirizzo IP sul sito governativo.

Più nello specifico, il Sig. Breyer chiedeva che fosse inibito alla Repubblica federale di Germania “di conservare o far conservare da terzi, al termine delle sessioni di consultazione dei siti accessibili al pubblico di media online dei servizi federali tedeschi, l’indirizzo IP del nodo ospite del sig. Breyer, qualora tale conservazione non sia necessaria, in caso di guasto, al ripristino della diffusione di detti media”.

Occorre premettere che la legge sui media online tedesca, nota anche come “Telemediengesetz”, disponeva che il fornitore di servizi potesse raccogliere e impiegare i dati personali ove sia permesso dalla legge, o per la persecuzione di finalità connesse alla fornitura del servizio, come la fatturazione. Si trattava, dunque, di una normativa particolarmente restrittiva, rispetto al contenuto della Direttiva 95/46.

Nel caso di specie il Sig. Breyer lamentava, dunque, che seppure il suo IP fosse di natura dinamica e dunque non direttamente riconducibile alla sua persona, avrebbe potuto comunque essere utilizzato come elemento utile per poterlo identificare, nel caso in cui fosse stata avanzata dall’autorità giudiziaria specifica richiesta di accesso ai dati di traffico detenuti dall’internet service provider.

Inizialmente respinta in primo grado, la richiesta del Sig. Breyer trovava poi accoglimento in appello: il giudice, in particolare, affermava che “un indirizzo IP dinamico, associato alla data della sessione di consultazione alla quale esso si riferisce, costituisce, nel caso in cui l’utente del sito Internet considerato abbia rivelato la propria identità durante tale sessione, un dato personale, poiché l’operatore di detto sito può identificare tale utente incrociando il suo nome con l’indirizzo IP del suo computer”. In detto caso, dunque, la Repubblica Federale di Germania dovrebbe astenersi dal conservare gli indirizzi IP.

Tuttavia, il medesimo indirizzo IP non poteva essere qualificato come dato personale in altre ipotesi, ossia nel caso in cui l’utente non indichi la propria identità durante una sessione di consultazione, e sia dunque possibile solo per il fornitore dell’accesso a Internet ricollegare l’indirizzo IP ad uno specifico abbonato. Per contro, si legge, “tra le mani della Repubblica federale di Germania, nella sua qualità di fornitore di servizi di media online, l’indirizzo IP non sarebbe un dato personale, neppure se associato alla data della sessione di consultazione alla quale esso si riferisce, dato che l’utente dei siti Internet considerati non sarebbe identificabile da parte di tale Stato membro”.

Ne consegue, dunque, che la natura “personale” dell’indirizzo IP sia ricollegata alla possibilità di identificare l’utente mediante la combinazione dell’indirizzo IP dinamico con altri dati sempre conservati nel file di registro, che possano effettivamente identificarlo.

La causa veniva poi rimessa al Bundesgerichtshof (Corte federale di giustizia), il quale sospendeva il procedimento e sottoponeva alla CGUE due questioni di natura pregiudiziale, una delle quali relativa proprio alla possibilità di interpretare la direttiva 95/46 nel senso che “un indirizzo IP dinamico registrato da un fornitore di servizi di media online in occasione della consultazione, da parte di una persona, di un sito Internet che tale fornitore rende accessibile al pubblico costituisce, nei confronti di tale fornitore, un dato personale ai sensi di detta disposizione qualora solamente un terzo, segnatamente il fornitore di accesso a Internet della suddetta persona, disponga delle informazioni necessarie a identificarla”.

La sentenza della CGUE

Rispondendo al quesito posto dalla Corte federale di Giustizia, i giudici della CGUE affermavano che, ai sensi di quanto contenuto nella Direttiva 95/46, affinché possa parlarsi di dati personali non è necessario che l’identificazione possa avvenire in via diretta, potendo rientrare in detta definizione anche tutti quei dati che necessitano dell’acquisizione di informazioni da parti terze. “Il fatto che le informazioni aggiuntive necessarie per identificare l’utente di un sito Internet siano detenute non dal fornitore di servizi di media online, ma dal fornitore di accesso a Internet di tale utente non pare quindi idoneo a escludere che gli indirizzi IP dinamici registrati dal fornitore di servizi di media online costituiscano, per quest’ultimo, dati personali ai sensi dell’articolo 2, lettera a), della direttiva 95/46”.

Nel caso di specie, tuttavia, trattandosi di IP dinamico si rendeva necessario svolgere ulteriori precisazioni, al fine di determinare se la combinazione di detto IP con le informazioni aggiuntive detenute dal fornitore di accesso a Internet costituisca effettivamente un mezzo che “può essere ragionevolmente utilizzato per identificare la persona interessata”.

Relativamente a detta questione, la Corte di Giustizia Europea risponde positivamente, precisando che l’articolo 2 lett. a della Direttiva 95/46 dev’essere interpretato nel senso che un indirizzo IP dinamico, “registrato da un fornitore di servizi di media online in occasione della consultazione, da parte di una persona, di un sito Internet che tale fornitore rende accessibile al pubblico costituisce, nei confronti di tale fornitore, un dato personale ai sensi di detta disposizione, qualora detto fornitore disponga di mezzi giuridici che gli consentano di far identificare la persona interessata grazie alle informazioni aggiuntive di cui il fornitore di accesso a Internet di detta persona dispone”.

L’indirizzo IP dinamico, dunque, è qualificabile come dato personale, ma solo a determinate condizioni (giuridiche, nel caso di specie), non potendo di per sé stesso permettere l’identificazione di uno specifico utente.

La Corte precisava altresì, in risposta alla seconda questione pregiudiziale sollevata, che la legge tedesca sui media online appariva eccessivamente restrittiva, permettendo il trattamento dei dati dell’utente esclusivamente nel caso in cui sia fornito espresso consenso o sia necessario per consentire la fruizione dei servizi e la fatturazione degli stessi. Nulla si diceva, infatti, circa la possibilità del fornitore dei servizi di media online di trattare i dati personali anche per il perseguimento di interessi legittimi, tra cui la necessità di garantire la continuità del funzionamento dei siti anche al termine della consultazione da parte dell’utente o, appunto, il contrasto e il tracciamento di eventuali attacchi informatici.

Conclusioni

Quanto statuito dalla Corte di Giustizia Europea nella causa C-582/14, come detto in premessa, assume piena validità ancora oggi, essendo i principi di diritto contenuti nella sentenza Breyer confluiti anche all’interno del GDPR, il quale fa propri e rimarca i concetti di identificazione indiretta dell’interessato e di persecuzione dell’interesse legittimo.

Pertanto, anche nella vigenza del GDPR, si potrà definire l’IP dinamico come dato personale al ricorrere delle condizioni indicate dalla sentenza della CGUE.

WHITEPAPER
Migrare l'ERP nel cloud pubblico: scopri la strada verso una maggiore sicurezza
Cloud
ERP
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5