REGOLAMENTO UE

La videosorveglianza nelle strutture sanitarie: regole tecniche e organizzative

La videosorveglianza nelle strutture sanitarie è un argomento molto delicato sotto il profilo della privacy: da un lato è necessario tutelare categorie particolari di dati come quelle relative alla salute degli individui, dall’altro bisogna evitare di violare la riservatezza degli individui stessi o altre normative. Ecco una breve guida ragionata sugli adempimenti necessari

18 Dic 2019
T
Andrea Taravella

Consulente privacy

Z

La videosorveglianza nelle strutture sanitarie come ospedali e case di cura rappresenta uno degli argomenti più delicati sotto il profilo della privacy: da un lato è necessario tutelare le categorie particolari di dati, come quelle relative alla salute degli individui, dall’altro bisogna porre particolare attenzione ad evitare che le telecamere installate violino la riservatezza degli individui o altre normative come, ad esempio, lo Statuto dei Lavoratori.

Ecco una breve guida, tratta da un caso concreto, sugli adempimenti necessari.

Videosorveglianza nelle strutture sanitarie: norme e diritti

Il diritto alla salute è uno dei diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione (art. 32): senza un sistema sanitario efficiente, infatti, non sarebbe possibile garantire la salute fisica e psichica di tutta la popolazione.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

Ospedali e case di cura, tuttavia, proprio per la delicatezza e l’importanza del ruolo svolto rappresentano un punto di incontro di diritti: da un lato è necessario tutelare il diritto alla salute e la dignità del malato e dall’altro occorre garantire i diritti dei lavoratori.

In tale complesso quadro si deve integrare il diritto alla protezione dei dati personali di più recente elaborazione definito da ultimo con l’entrata in vigore del Regolamento UE 679/2016 (c.d. GDPR) e del successivo D.lgs. 10 agosto 2018, n. 101 che ha modificato il D.lgs. 196/2003 (c.d. Codice Privacy).

Ne consegue che l’installazione di strumenti di videosorveglianza in ambito sanitario assume un ruolo di particolare rilevanza in quanto risulta fondamentale raggiungere il miglior bilanciamento possibile al fine di garantire al meglio i diritti di ciascuno.

In questo senso il GDPR ha impattato ulteriorimente su questo delicato equilibrio chiedendo maggiore responsabilizzazione agli enti che svolgono una funzione di pubblica rilevanza.

Il presente articolo pertanto vuole riproporre, quali spunti di riflessione, i passaggi fondamentali di una consulenza concernente l’istallazione di telecamere in una struttura ospedaliera in assenza di un accordo sindacale. In particolare, l’attività di consulenza concerneva il collocamento di strumenti di sorveglianza in alcuni reparti dedicati ai malati psichici e nelle relative comunità.

L’approccio corretto a questo tipo di consulenza deve necessariamente partire dalla normativa di riferimento: il Regolamento UE e lo Statuto dei lavoratori.

Su questo primo terreno di confronto da un lato si richiede il superamento del concetto di “misure minime” a favore dell’approccio di accountability/responsabilizzazione che presuppone un nuovo approccio consapevole e responsabile alla protezione dei dati personali che non si realizza attraverso un mero adempimento cartolare; dall’altro è necessario proteggere la dignità del lavoratore così come stabilito dall’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori.

Da ultimo si consideri che i dati medico/psichiatrici trattati all’interno della struttura sanitaria in esame sono necessariamente da considerarsi come “categoria particolare di dati personali” ex art. 9 del GDPR: un trattamento illecito, o peggio la perdita del dato, esporrebbe gli interessati ad avere evidenti ripercussioni sulla sfera personale dei pazienti.

La gestione delle suddette attività, infatti, non deve rappresentare un appesantimento burocratico inutile, ma una vera svolta nel senso dell’efficientamento dei processi idonei a garantire, al tempo stesso, sia l’auspicata semplificazione e tutela dei diritti che passa, sia l’opera di documentazione degli adempimenti e delle misure di sicurezza e organizzative realizzate.

Videosorveglianza nelle strutture sanitarie: difficoltà normative

L’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori stabilisce chiaramente che le telecamere possano essere installate solo attraverso un accordo sindacale preventivo o, in sua assenza, richiedere l’autorizzazione all’Ispettorato del Lavoro al fine di chiedere l’autorizzazione all’installazione dei dispositivi elettronici.

Per il paziente, infatti, la telecamera, se usata correttamente, può rappresentare uno strumento di tutela e prevenzione, mentre, dal punto di vista del lavoratore rappresenta uno strumento di potenziale controllo della propria prestazione professionale.

La Corte di Cassazione è intervenuta più volte su questa tematica ribadendo, da ultimo con la sentenza n. 4331 del 30 gennaio 2014, che l’installazione di una telecamera sul posto di lavoro diretta verso il luogo in cui i propri dipendenti svolgono le proprie mansioni o su spazi dove essi hanno accesso anche sporadicamente deve essere preventivamente autorizzata dall’Ispettorato del Lavoro o deve essere autorizzata da un particolare accordo con i sindacati.

Tali adempimenti non sono, dunque, prettamente formali ma rappresentano un vero e proprio presidio a tutela dai lavoratori.

È necessario osservare che i giudici penali, in più occasioni, hanno sanzionato il datore di lavoro per la mancanza dell’accordo sindacale o dell’autorizzazione amministrativa, anche se i dipendenti fossero a conoscenza dell’installazione ovvero l’impianto non fosse funzionante.

Accordo o autorizzazione, infatti, sono necessari anche nel caso in cui l’impianto entri in funzione quando, al di fuori dell’orario di lavoro, non è presente personale, nel caso cioè in cui l’accensione delle telecamere sia collegata al sistema antifurto.

Al di là delle considerazioni meramente tecnico/giuridiche si deve tener conto che l’accordo sindacale e l’autorizzazione dell’Ispettorato del Lavoro presentano diverse peculiarità. Nel caso concreto non era stato raggiunto un accordo con la rappresentanza sindacale e, dunque, si è proceduto con la richiesta dell’autorizzazione all’Ispettorato del lavoro.

L’accordo sindacale è certamente uno strumento preferibile all’accordo sotto diversi aspetti: da un lato risulta (tendenzialmente) più veloce rispetto all’autorizzazione amministrativa, dall’altro favorisce la comunicazione tra i vari lavoratori che operano nella struttura sanitaria: tale elemento non deve essere sottovalutato in un ambito così delicato sia per il paziente che per il lavoratore.

In assenza di un accordo, come nel caso proposto, si può procedere con la richiesta autorizzatoria all’Ispettorato del lavoro che dovrà necessariamente contenere una relazione tecnica in cui si dovrà presentare il progetto di videosorveglianza sia dal punto tecnico (posizionamento delle telecamere, orari di accensione, tecnologia impiegata ecc.) sia da un punto di vista operativo (indicazione delle motivazioni per cui si installa l’impianto, policy, formazione del personale ecc.).

Accorgimenti tecnici e organizzativi

La videosorveglianza, come visto, è un trattamento – di norma e specie se operata su larga scala – a rischio molto elevato per gli interessati e, pertanto, deve essere realizzato in maniera puntuale e articolata.

Lo svolgimento di trattamenti non a norma espone il titolare a ispezioni, piani di controllo, anche su istanza delle RSA, e a rischi elevati di sanzioni.

Risulta dunque fondamentale agire proattivamente in un’ottica preventiva con lo studio e la documentazione dei processi: ogni fase deve essere programmata e adeguatamente gestita con un approccio responsabile, consapevole e documentato al fine di scongiurare, al meglio delle proprie risorse, qualsiasi rischio per l’interessato.

L’utilizzo di strumenti di videosorveglianza non deve essere preso alla leggera: ogni telecamera posizionata deve adempiere ad uno scopo ben preciso che deve essere precedentemente individuato.

Nel caso dell’installazione di strumenti di videosorveglianza in strutture sanitarie è necessario che vengano adottati tutti gli accorgimenti necessari a garantire un elevato livello di tutela della riservatezza e della dignità delle persone malate.

Il collocamento di telecamere nei locali in uso ai pazienti deve rispondere ad una concreta ed effettiva esigenza di tutela del malato: l’installazione di strumenti di videosorveglianza nei bagni, ad esempio, potrà essere consentito nel caso di patologie particolarmente gravi che ne giustifichino la presenza, mentre non è possibile collocare tali strumenti negli stessi locali in uso esclusivo al personale.

La struttura sanitaria, infatti, in qualità di titolare del trattamento deve garantire che possano accedere alle immagini rilevate per le finalità previste solo i soggetti specificamente autorizzati (generalmente personale medico e infermieristico).

I monitor, infatti, devono essere collocati in locali non accessibili al pubblico e, ovviamente, le immagini idonee a rivelare lo stato di salute non devono essere in alcun modo: diffusione delle immagini dei pazienti deve essere evitato in ogni modo.

In ogni caso devono essere fissati anche precise tempistiche per quanto riguarda l’eventuale conservazione delle immagini registrate: è fondamentale che tale limite venga riportato nel registro dei trattamenti e che tali dati siano conservati per il tempo strettamente necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.

Personale sanitario: nuove figure e formazione

È, infatti, necessario individuare con precisione tutti i soggetti legittimati a trattare i dati raccolti dalle telecamere, indentificando, se necessario, un soggetto responsabile del sistema di videosorveglianza, nonché fornendo adeguata formazione.

Il GDPR chiede di responsabilizzare chiunque tratta i dati personali (anche con semplici circolari e attività formative mirate) individuando i referenti interni per la gestione delle procedure oltre che, ça va sans dire, aver riguardo dei flussi di dati personali.

L’art. 39 al par. 1, lettera b) stabilisce che tra i controlli che devono essere svolti dal DPO vi è, anche in osservanza del Regolamento UE, vi è anche la formazione del personale che partecipa ai trattamenti.

Risulta di fondamentale importanza che vengano predisposte idonee misure di sicurezza e che i soggetti autorizzati al trattamento siano adeguatamente formati al fine di assicurare un corretto uso dei dati.

Spesso, infatti, le minacce non provengono dall’esterno ma discendono dall’imperizia ed in tal senso preparare il personale preposto può evitare il rischio che gli stessi possano finire nella disponibilità di persone estranee alla struttura o comunque non autorizzate.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr