ADEMPIMENTI PRIVACY

La nomina del DPO: ecco perché è una leva competitiva per il business aziendale

La scelta di nominare un DPO, a prescindere dai criteri di obbligatorietà, può rappresentare per le aziende una leva competitiva sia verso l’esterno (in termini di qualificazione nei confronti dei propri clienti) che all’interno (come stimolo di maggiore attenzione all’accountability)

08 Feb 2021
C
Paolo Calvi

Data Protection Officer, P4I - Partners4Innovation

La nomina del DPO rappresenta per le aziende una misura di compliance al GDPR, ma può diventare anche una importante leva competitiva sia in termini di qualificazione nei confronti dei propri clienti sia come stimolo per le figure interne dell’organigramma privacy di maggiore attenzione al principio di accountability.

La nomina del DPO come elemento di qualificazione

Prima di entrare nel merito delle argomentazioni a favore della nomina di un DPO come leva competitiva, vi citerò un piccolo ma significativo caso personale.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Diversi anni fa, prima della pubblicazione del GDPR (e ben prima della sua piena applicabilità) stavo intraprendendo il percorso professionale di consulente privacy. Una delle prime opportunità che mi si presentarono fu quando una piccola azienda mi contattò per sapere se potessi aiutarli a capire come rispondere ad un loro grande cliente che gli chiedeva se avessero nominato un DPO.

A quei tempi in Italia il GDPR non era ancora oggetto di quell’hype che avrebbe conosciuto in seguito, e la figura del DPO era ancora tema di dibattito nei convegni delle associazioni privacy, certo non del grande pubblico.

Ma non era così in Germania, dove la figura era già presente (e sostanzialmente obbligatoria) da diversi anni. Il cliente in questione, infatti, era una importante azienda tedesca che aveva inviato un questionario di self-assessment ai fornitori, per qualificarli in termini di compliance a diverse discipline, fra cui la privacy; in quest’ambito la prima domanda del questionario era appunto “avete nominato un DPO?”.

Tranquillizzai il mio cliente sul fatto che, alla data, il DPO in Italia ancora non esisteva, ma cominciai a capire (e a spiegare ai clienti) che, al di là di eventuali criteri di obbligatorietà, la scelta di dotarsi di un DPO poteva essere un elemento di qualificazione come fornitore presso alcune categorie di clienti che, per dimensioni, o per settore merceologico particolarmente soggetto alla compliance, o per collocazione geografica, ponessero particolare attenzione a questo aspetto.

La privacy della supply chain

Un aspetto certamente qualificante del GDPR (seppur non del tutto innovativo) è l’importanza attribuita alla governance della data protection lungo tutta la supply chain, prova ne è il fatto che finalmente le “nomine” a responsabile del trattamento non si arrestano più al primo anello della catena, come in precedenza, ma si propagano ai subfornitori.

Ciò consente finalmente un controllo a cascata sull’adeguatezza dei soggetti che a diverso titolo, e anche senza una relazione contrattuale diretta con il titolare, si trovano a trattare i dati personali per conto del titolare stesso.

Fra le condizioni che rendono affidabile il responsabile (o sub responsabile) c’è l’adozione di adeguate misure di sicurezza tecniche e organizzative: fra queste ultime la disponibilità di un organigramma privacy e in specie di quella figura di indirizzo e controllo costituita dal DPO rappresenta indubbiamente un punto qualificante.

Gli aspetti che fanno di un DPO una leva competitiva

Primo punto per considerare l’adozione del DPO non solo una misura di compliance ma anche una leva competitiva è proprio la possibilità di accondiscendere alle richieste dei propri clienti, sia quelli che la indicano esplicitamente come condizione ineludibile per accedere all’albo dei fornitori o ai bandi di gara, che per quelli che semplicemente apprezzano l’attenzione alle tematiche privacy da parte dei fornitori come un indice di maturità.

Tutto ciò ovviamente è più rilevante per quelle aziende che operano essenzialmente nel B2B, avendo come clienti altre aziende, tipicamente più grandi di loro, nei confronti delle quali si pongono come responsabili del trattamento.

Per le aziende che operano invece nel B2C, avendo come clienti i consumatori finali, la figura del DPO potrebbe apparire meno rilevante, ma non a caso è invece considerata obbligatoria secondo i criteri del GDPR per settori merceologici come la GDO o l’e-commerce che trattano grandi moli di dati personali: ricordiamo sempre che l’obiettivo del GDPR è proprio la tutela dei diritti degli interessati, ovvero delle persone fisiche.

Il DPO come stimolo per l’accountability

C’è però anche un secondo aspetto interno che consente di considerare l’adozione di un DPO una leva di vantaggio competitivo, seppure indiretto.

Si tratta della possibilità per le organizzazioni dotate di un DPO di condurre con maggiore efficacia l’azione di mantenimento del livello di compliance su standard elevati, evitando il rischio che lo sforzo compiuto inizialmente con i progetti di adeguamento al GDPR si perda per strada con il passare del tempo.

È pur vero che la responsabilità dell’applicazione di quanto prescritto dalla normativa e dalle procedure aziendali adottate di conseguenza, resta in capo al titolare (ed alle figure preposte come Privacy Manager o Data Protection Committee), ma la presenza di un DPO, interno o esterno che sia, consentirà certamente maggiore incisività nelle azioni di sensibilizzazione, aggiornamento della documentazione, controllo ecc. che l’azienda metterà in campo.

Il vantaggio maggiore sarà probabilmente riscontrabile in termini di accountability: molte organizzazioni mature sono infatti perfettamente in grado di applicare la normativa nell’espletazione quotidiana delle attività di business, ma talvolta sono meno attente a tenere traccia e documentare le azioni svolte e le motivazioni che sottendono alle scelte fatte in materia di privacy.

Proprio la costante vigilanza da parte del DPO (oltre che di eventuali altre figure di controllo come internal audit o compliance e risk management) spingerà i diversi referenti interni e tutti gli addetti “autorizzati al trattamento dei dati personali” non solo a comportarsi secondo le disposizioni ma anche a predisporre e conservare la documentazione atta a dimostrare agevolmente la correttezza dell’operato ed il rispetto dei diritti degli interessati.

Ciò sarà certamente di aiuto in caso di verifiche ispettive da parte dell’Autorità Garante, ma consentirà anche all’azienda di ottenere più facilmente i risultati attesi dalle azioni di compliance intraprese e poter concentrare le proprie risorse sullo sviluppo del business.

Ah, di quel mio famoso primo cliente sono poi diventato DPO. Ma questa è un’altra storia.

Clicca qui e richiedi subito una Demo!
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr