La riflessione

La compliance al GDPR e la strada per l’integration assurance

Le aziende lavorano per rispettare le norme, abbracciando il tema della compliance, anche alla luce del GDPR. Tuttavia, per favorire questo processo sarebbe utile adottare un approccio integrato alla gestione dei processi aziendali, soluzione che per molti versi è ancora lontana

23 Mag 2019
N
Francesca Nobilini

Information & Cyber Security Consultant, P4I – Partners4Innovation

Mai come in questi ultimi anni il termine compliance è stato usato e forse abusato. Lo abbiamo potuto incontrare nelle ricerche di personale, nella definizione di progetti e programmi, nella promozione di prodotti.

Da ultimo, anche il GDPR (General Data Protection Regulation, il Regolamento europeo per la protezione dei dati personali) lo ha prepotentemente riportato alla ribalta.

Negli ultimi dieci anni si è andata via via creando una situazione in cui tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, si sono trovate di fronte alla necessità di rispettare normative esterne cogenti entro limiti prestabiliti, oltre che strategie, politiche e procedure interne. In una parola sono state travolte dal tema della compliance, intorno al quale talvolta si sono avviluppate.

Cosa si intende esattamente con compliance

Dal punto di vista organizzativo, si tratta di un processo finalizzato a garantire il rispetto delle normative e delle leggi esterne, laddove applicabili al contesto in cui si muove l’azienda, che possono essere sia cogenti che volontarie (si pensi ad esempio al D.lgs. n. 231/2001 cui è facoltativo aderire), delle policies, procedure e codici di condotta interni che l’organizzazione ha deciso di adottare.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Una notevole spinta, ormai lontana nel tempo, è stata data dal Regolamento Basilea II del 2007 che ha portato all’istituzione anche di una funzione aziendale di compliance, resa obbligatoria per il mondo bancario, che in genere è il settore che più di altri anticipa le tendenze.

Su questa scia, sono state coinvolte anche le imprese che forniscono servizi alle aziende quotate in borsa, prima con la SAS70, lo standard per la valutazione dei controlli interni delle aziende di outsourcing, poi con la ISA3402 (International Standard for Assurance Engagements), che prevede la generazione di report periodici da parte di auditors indipendenti finalizzati a valutare il sistema dei controlli interni delle organizzazioni che erogano servizi.

Ciò ha interessato prevalentemente le imprese che forniscono servizi in ambito IT, payroll, finanziari e amministrativi, che sono andate via via accumulando nel tempo una intricata matassa di requisiti di compliance, riferibili a una pluralità di schemi.

Nel 2018 si è aggiunto il GDPR che, anche per le imprese dove era già appropriatamente adottato il decreto 196 previgente, ha comportato numerose modifiche, non solo formali e in termini di adempimenti, quanto piuttosto nell’introduzione del concetto di accountability e di centralità dei rischi connessi al trattamento dei dati personali.

Un approccio integrato per la compliance

Sebbene molte realtà continuino a gestire in modo distinto i diversi sistemi di gestione (la qualità, la sicurezza sul lavoro, la responsabilità sociale, la sicurezza delle informazioni, la data protection, la continuità operativa, la conformità a determinati contratti), è ormai evidente la necessità di un unico approccio di governance perché molti sono i requisiti comuni ai diversi schemi, e sarebbe dispendioso ripeterli e immaginare di duplicare gli adempimenti.

Molte realtà si stanno dotando di strumenti GRC – Governance Risk & Compliance, ovvero strumenti in grado di supportare un approccio aziendale di governance, gestione del rischio e conformità normativa, “volto ad assicurare che l’organizzazione operi eticamente e in accordo con la sua propensione al rischio, alle politiche interne e alle norme esterne attraverso l’allineamento di strategia, processi, tecnologia e risorse umane di cui dispone in modo tale da aumentare efficienza ed efficacia”.

In molti casi però, si compie questo passo senza prima aver raggiunto, in termini di organizzazione, una maturità tale da poter contare su una reale integrazione dei processi aziendali sotto un unico sistema di gestione. E quindi l’uso di un tool di per sé non riesce ad aggiungere tutto il valore previsto, perché l’azienda non dispone di una visione trasversale e chiara della propria organizzazione.

Non è raro riscontrare che si continua a progettare, organizzare ed effettuare audit distintamente per i vari schemi, senza condividere a livello strategico i criteri e gli obiettivi dell’audit, né si condividono i risultati tra le diverse funzioni di assurance. Anzi, in questo senso si osserva ancora una vera e propria gelosia in difesa del proprio perimetro di lavoro.

Non si riesce quindi a superare l’approccio a “silos” tipico di molte grandi aziende.

Altra debolezza che ne deriva riguarda la gestione dei rischi che difficilmente riesce ad essere costruita appunto a livello Enterprise, con la conseguenza che ogni unità di business mantiene il proprio presidio sui suoi rischi specifici, e a livello strategico manca quella visione integrata che consentirebbe di indirizzare le giuste priorità e l’uso più appropriato delle risorse.

Un unico sistema di gestione aziendale

La conoscenza maturata in anni di esperienza nel mondo dei sistemi di gestione mi spinge a sostenere con forza che la via maestra è costruire un unico sistema di gestione aziendale costituito da processi che rispondano simultaneamente a tutti i requisiti che ivi trovano applicazione.

Mi piace immaginare che non vi saranno più processi creati ad hoc per questo o quello schema o norma, ma che nella progettazione dei processi verranno integrati tutti i requisiti, in modo tale che gli owner siano consapevoli di cosa, il proprio processo dovrà fare e in quale momento, per questo o quel requisito di compliance.

In questo sta appunto l’efficienza, e la non duplicazione. Sarà certamente un passaggio graduale che porterà ad una maggiore maturità dell’organizzazione.

Il mondo ISO ha ben risposto a questa esigenza infatti da qualche anno esiste una struttura comune di riferimento per le norme ISO/TC, denominata High Level Structure – HLS che identifica un nucleo comune per tutte le nuove norme sui sistemi di gestione, e che condivide ben 10 punti e 21 tra termini e definizioni.

Uno degli obiettivi dell’High Level Structure è proprio quello di agevolare le organizzazioni nell’armonizzare sistemi di gestione diversi, e facilitare la loro integrazione in un unico sistema.

Al livello basso, più tattico ed operativo, occorre invece avere competenze più trasversali per introdurre in punti precisi di processi specifici gli adempimenti di conformità che sono richiesti in quella fase del processo produttivo.

Serve la conoscenza profonda delle leggi e delle normative applicabili, ma anche una capacità di sintesi per comprendere l’organizzazione e le sue dinamiche.

In questo senso, anche le più note norme di settore spingono verso una visione integrata – si pensi ad esempio alla circolare 285 di Banca d’Italia, o alla norma ISO 27001, che richiama in un unico punto dell’Allegato A l’obbligo di conformarsi a tutti i requisiti di conformità applicabili al proprio contesto, dalle norme sul copyright alle normative per la privacy e la protezione dei dati personali.

Anche in merito alle attività di audit, che rimane lo strumento più importante per valutare se i requisiti vengono effettivamente applicati nell’organizzazione e se il sistema produce i risultati attesi, la norma ISO 19011 nella versione del 2018 introduce un principio importante per il nostro argomento: il settimo principio è appunto “Approccio basato sul rischio” – un approccio all’audit che considera rischi e opportunità.

L’approccio basato sul rischio dovrebbe influenzare in maniera sostanziale la pianificazione, la conduzione e il reporting degli audit al fine di assicurare che questi ultimi siano focalizzati su questioni che siano significative per il committente dell’audit e per conseguire gli obiettivi del programma di audit.

La ISO 19011 è una norma internazionale che può essere adottata anche per sistemi di gestione non ISO, ferma restando la particolare attenzione alle competenze necessarie. E la versione del 2018 finalmente introduce l’approccio dell’audit combinato, ovvero la possibilità di sottoporre contemporaneamente ad audit un sistema di gestione in riferimento a diverse discipline.

Conclusioni

In sintesi ciò che ci sembra importante auspicare è che si vada via via definendo una funzione di Integration Assurance, che consenta un migliore allineamento tra tutte le diverse funzioni di assurance: Internal Audit, Compliance, Risk Enterprise, Responsabili per la protezione dei dati che culmini nella definizione di un’Assurance Strategy, e che sia di ispirazione per tutti i processi aziendali.

Ne conseguirebbe un Integrated Auditing in grado di parlare con una sola voce attraverso reporting integrati.

New call-to-action

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr