LA RIFLESSIONE

GDPR e titolari del trattamento, quali i limiti di applicabilità all’ambito personale

Un recente provvedimento sanzionatorio del Garante privacy spagnolo nei confronti di un sedicenne ritenuto titolare del trattamento dati offre un utile spunto di riflessione su un’applicazione eccessivamente invasiva del GDPR all’ambito personale. Facciamo chiarezza

Pubblicato il 19 Gen 2023

P
Michele Pellerzi

Avvocato, LL.M. IP&ICT Law

In data 30 novembre 2022, l’Autorità per la Protezione dei Dati Personali spagnola (“AEPD”) ha emanato un provvedimento sanzionatorio decisamente peculiare nei confronti di un minore di sedici anni, ritenuto “titolare” del trattamento ai sensi della normativa privacy. Un esito inatteso che invita tutti gli operatori del settore – e non solo – a domandarsi fin dove si è spinta, e fin dove può spingersi davvero, l’applicazione del Regolamento UE 2016/679 (GDPR).

Il provvedimento

I fatti da cui scaturisce la sanzione sono brevemente riassumibili come segue. Il sedicenne conosce online un’altra minore, di tredici anni. Nel corso della “relazione” online, questa decide di inviargli foto intime. A questo punto, il sedicenne decide di chiederne altre, ma, innanzi al rifiuto della minore, il ragazzo decide di intimorirla affermando che se non ne avesse inviate di nuove, avrebbe pubblicato sui social quelle di cui era già in possesso. Di conseguenza, la tredicenne cede ed accetta.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

Premesso che il sedicenne era già stato condannato in sede penale, l’Autorità spagnola, a seguito del reclamo ricevuto dai genitori della minore, ha infine sanzionato per 5 mila euro il ragazzo: per aver compiuto un trattamento illecito di dati personali. La motivazione? Carenza dei requisiti previsti per il consenso della tredicenne, impossibilitata a fornirne uno lecito in quanto minore di quattordici anni, così come previsto dalla legge nazionale spagnola. In definitiva, quindi, si è ravvisata la violazione dell’art. 6(1), lett. a) del GDPR, per aver compiuto il sedicenne (quale titolare), un trattamento senza un lecito consenso del soggetto interessato minorenne (la tredicenne).

La difesa del ragazzo si è soffermata – tra gli altri punti, superflui in questa sede – sul fatto che tali immagini non fossero state effettivamente pubblicate, né comunicate a terzi, bensì conservate personalmente e privatamente.

A tale difesa, forse monca nel suo obiettivo, l’Autorità, ricordando le definizioni sancite dal GDPR di dato personale[1], di trattamento di dati personali[2] e di titolare del trattamento[3], ha risposto citando il primo paragrafo dell’articolo 2 del GDPR: ovverosia che quest’ultimo “si applica al trattamento interamente o parzialmente automatizzato di dati personali e al trattamento non automatizzato di dati personali contenuti in un archivio o destinati a figurarvi”. E che, quindi, la mera raccolta, registrazione e conservazione delle immagini della minorenne sono sufficienti a far sì che si applichi il GDPR.

Il GDPR non si applica all’ambito domestico

Ciò che né la difesa né l’Autorità hanno preso in considerazione sono le esenzioni all’ambito di applicazione materiale del GDPR, stabilite dal secondo paragrafo dello stesso articolo 2 citato dall’AEPD. Infatti, alla sua lettera c), si legge che il Regolamento in questione non si applica ai trattamenti di dati personali “effettuati da una persona fisica per l’esercizio di attività a carattere esclusivamente personale o domestico” – la cd. “household exemption”.

Pertanto, qualora un soggetto persona fisica effettui un trattamento di dati personali per scopi estranei ad attività professionali e/o imprenditoriali – avendo esclusivamente carattere personale o domestico, quindi privato – il GDPR non si applica. Ne deriva che ove il comportamento (rectius: trattamento) messo in atto dal sedicenne del nostro caso dovesse considerarsi quale “esclusivamente personale o domestico”, il GDPR non dovrebbe applicarsi.

Escludendo che l’AEPD possa aver preso una tal svista nel comminare la sanzione, è opportuno cercare di riflettere sulla ratio sottostante la pronuncia, provando a fornire l’interpretazione sposata dall’Autorità nel considerare il trattamento operato dal minore quale ricadente sotto l’ombrello del GDPR.

Case law: un’interpretazione restrittiva

La predetta esenzione per attività squisitamente personali è stata più volte oggetto di attenzione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE), anche se nella sua formulazione precedente presente nella Direttiva 95/46 (oggi abrogata dal Regolamento). Le relative pronunce, tuttavia, possono ancora dirsi attuali in quanto la formulazione dell’eccezione nel GDPR è oggi analoga. L’unica differenza degna di nota è da riscontrarsi nell’attuale Considerando 18, il quale afferma che le attività a carattere personale o domestico potrebbero comprendere “l’uso dei social network e attività online intraprese nel quadro di tali attività”.

La più importante pronuncia della CGUE sul tema è senza dubbio il caso Lindqvist, nell’ormai lontano 2003[4]. A quel tempo, l’omonima signora decise di pubblicare, sul proprio sito internet personale, informazioni relative alle persone con cui prestava attività di volontariato nella sua Chiesa.

In tale sede, la Corte ha sancito che la household exemption si applica “unicamente [al]le attività che rientrano nell’ambito della vita privata o familiare dei singoli”, non “nel caso del trattamento di dati personali consistente nella loro pubblicazione su internet in modo da rendere tali dati accessibili ad un numero indefinito di persone”.

Per tale motivo, la Corte affermò la piena sottoposizione dei trattamenti operati dalla signora Lindqvist alla normativa in materia di protezione di dati personali.

Nel 2013, durante le fasi embrionali del GDPR, tale esenzione, così come formulata dalla Direttiva – e così come interpretata anche dalla Corte nel caso Lindqvist, si potrebbe affermare – è stata criticata dal Working Party 29 (oggi EDPB). L’oggetto della contestazione verteva sul suo ambito applicativo “irrealisticamente ristretto”[5].

Tuttavia, la CGUE, in un altro e successivo caso concernente un sistema di videosorveglianza, ha proseguito per la propria strada affermando esplicitamente che tale deroga “dev’essere interpretata in senso restrittivo”[6].

Il case law della CGUE, quindi, sembra essere indirizzato in una direzione precisa:

  1. la household exemption si deve interpretare restrittivamente;
  2. se i dati personali sono pubblicati su internet, rendendoli così accessibili da un numero indeterminato di persone, la stessa non può essere invocata e, di conseguenza, la normativa in materia di protezione dei dati personali (leggasi, ora, il GDPR) si applica.

Oggi, con il nuovo Considerando 18 del Regolamento, si potrebbe argomentare a favore della tesi per cui tale exemption possa interpretarsi (un po’) più estensivamente. Infatti, seppur pubblicati su un sito internet o su un social network, i dati personali potrebbero essere condivisi solamente con una cerchia ristretta e determinata di persone.

Basti pensare, ad esempio, ai gruppi chiusi e privati su Facebook, ai gruppi su Whatsapp, ai forum con thread protetti e riservati. Fermo restando che potrebbe essere un fattore rilevante l’effettivo numero di persone cui vi hanno accesso, oggi la pubblicazione online di dati personali potrebbe non essere considerata, di per sé, sottoposta al GDPR.

In ogni caso, al netto delle possibili modifiche interpretative scaturenti dal Considerando 18, si può azzardare l’affermazione per cui, sino ad oggi, la soglia oltre la quale non può applicarsi la household exemption è costituita dalla diffusione di dati personali: se un individuo pubblica, condivide, diffonde dati personali altrui allora si applica il GDPR.

Il (probabile) ragionamento dell’AEPD

Con il provvedimento dell’Autorità spagnola sopra analizzato, tutto questo viene messo in discussione. Non solo i dati personali della tredicenne non sono stati pubblicati online, con conseguente diffusione a un numero indeterminato di persone, ma non sono nemmeno stati comunicati a terzi o pubblicati in gruppi chiusi o ristretti. Pare, quindi, non siano stati appresi da alcuno al di fuori del minore sedicenne. Non si discute che la mera raccolta, conservazione, “interna” costituisca di per sé un trattamento, ma ciò rileva su un piano differente rispetto a quello della household exemption.

Quest’ultima, invece, si riferisce all’attività perpetrata dal soggetto, alla sua finalità ultima: se tale attività (i) abbia o meno una connessione con un’attività commerciale o professionale, (ii) abbia o meno carattere esclusivamente personale o domestico, (iii) superi o meno la predetta soglia.

L’AEPD sembra essersi orientata in netto contrasto con quanto sopra sottolineato dal WP29. Non solo. Sembra andare ben oltre l’approccio restrittivo della CGUE, fornendo un’interpretazione eccessivamente restrittiva della household exemption.

Infatti, l’elemento decisivo del caso sottopostole sembra potersi identificare nella minaccia di diffusione di tali immagini. L’AEPD sembra, quindi, anticipare la soglia di tutela fornita dal GDPR: dalla pubblicazione online con conseguente diffusione, alla mera minaccia di tale diffusione. Prendendo in prestito la terminologia penalistica: parrebbe che l’AEPD stia affermando che il pericolo (concreto) della diffusione sia sufficiente per entrare nell’ambito applicativo del GDPR.

In altri termini – al netto di ogni considerazione di stampo penalistico – la sola minaccia di diffusione di dati personali, costituirebbe quel trigger necessario a far sì che il GDPR diventi protagonista.

Conclusioni

Non è questa la sede per giudicare se tale punto di vista dell’AEPD sia eccessivo o, al contrario, più che giustificato, specie laddove il soggetto interessato risulti essere una minore di soli tredici anni. Pare, invece, essere lecito domandarsi sino a dove effettivamente si spinge la soglia oltre la quale entra in gioco il GDPR, tenendo a mente il dettato della norma da un lato e l’intenzione dei co-legislatori dall’altro.

Il Garante spagnolo avrebbe potuto, quantomeno, fornire una delucidazione ed un approfondimento sul punto. Tale incertezza – così come avverrebbe in altri ambiti del diritto – non fa altro che nuocere all’intero ecosistema, minando la credibilità e la funzione del Regolamento.

Basti pensare a domande che restano irrimediabilmente prive di risposta: nel caso di specie, il GDPR si sarebbe applicato ugualmente se anziché una minaccia vi fosse stata una mera esternazione della volontà, non collegata alla volontà di acquisire nuove immagini attraverso tale comportamento? Si sarebbe applicato ugualmente se il ragazzo avesse soltanto pensato di poterle pubblicare per raggiungere i propri scopi? E quale sarebbe il discrimen per tali risposte?

Una normativa tanto importante quanto prorompente nel proprio impatto sulle vite delle persone necessita, indiscutibilmente, di un perimetro chiaro e delineato.

 

NOTE

  1. Art. 4(1), n. 1 GDPR.

  2. Art. 4(1), n. 2 GDPR.

  3. Art. 4(1), n. 7 GDPR.

  4. Bodil Lindqvist[2003] Case C-101/01, 6 November 2003.

  5. Article 29 Data Protection Working Party, ‘Statement of the Working Party on current discussions regarding the data protection reform package, Annex 2 Proposals for Amendments regarding exemption for personal or household activities’, p.2

  6. František Ryneš contro Úřad pro ochranu osobních údajů [2014] Case C-212/13, 11 December 2014.

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5