GUIDA NORMATIVA

GDPR e Brexit: cosa cambia per il trasferimento dati con l’uscita del Regno Unito dalla UE

L’accordo sulla Brexit prevede che per altri sei mesi i dati personali potranno essere trasferiti liberamente verso il Regno Unito, dopodiché sarà necessario che la UE adotti delle decisioni di adeguatezza così come previsto dal GDPR. Ecco quali potranno essere i possibili scenari futuri e cosa cambia per le aziende

Pubblicato il 13 Gen 2021

Z
Paola Zanellati

Consulente Privacy

Dal primo gennaio il Regno Unito è ufficialmente fuori dall’Unione Europea: l’accordo sulla Brexit, raggiunto lo scorso 24 dicembre 2020, riguarda anche il trasferimento dei dati personali e ha riservato una sezione speciale alle tematiche privacy, quindi con evidenti impatti anche sull’applicazione del GDPR.

In particolare, l’Autorità indipendente del regno Unito istituita per difendere i diritti di informazione nell’interesse pubblico e la riservatezza dei dati per le persone (ICO) ha annunciato che il trattato con l’UE consentirà ai dati personali di essere trasferiti liberamente verso il Regno Unito per ulteriori sei mesi fino all’adozione dell’art. 45 del GDPR ossia l’adozione delle decisioni di adeguatezza.

Proprio Elizabeth Denhami, commissario per le informazioni, ha dichiarato: “Questo è il miglior risultato possibile per le organizzazioni britanniche che elaborano i dati personali dell’UE. Ciò significa che le organizzazioni possono essere fiduciose nel libero flusso di dati personali dal primo gennaio, senza dover apportare modifiche alle loro pratiche di protezione dei dati”.

GDPR e Brexit: cosa cambia per il trasferimento dati

In particolare, l’accordo raggiunto tra Unione Europea e Regno Unito prevede che:

  • ci sarà un periodo transitorio massimo di sei mesi in cui i trasferimenti di dati personali dall’UE verso il Regno Unito saranno liberi;
  • il Regno Unito non sarà considerato un “Paese terzo” e quindi non saranno necessarie clausole contrattuali standard o altri mezzi previsti dagli articoli 46 o 49 del GDPR;
  • durante tale periodo, il Regno Unito ha riconosciuto che le leggi sulla privacy dell’Unione europea sono adeguate per il trasferimento dei dati dal Regno Unito nei Paesi dell’Unione;
  • il periodo di transizione potrebbe essere più breve qualora la Commissione europea adottasse tempestivamente una decisione di adeguatezza.

Sarà necessario “sperare” che l’Unione europea riconosca il Regno Unito come un Paese che offre garanzie adeguate in materia di privacy.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

In questo caso, emanerà una “decisione di adeguatezza”. La decisione di adeguatezza costituirebbe una valida base giuridica per trasferire i dati personali in UK.

L’emanazione di una decisione di adeguatezza non rappresenta certo una novità. Infatti, in questi anni la Commissione europea ne ha emanate circa una decina.

È molto probabile che l’Unione europea emani una decisione di adeguatezza in quanto è stato lo stesso Regno Unito a partecipare alla stesura del GDPR negli anni passati.

Sarebbe irrazionale che a seguito della Brexit, lo stesso Regno Unito non sia riconosciuto come un Paese che offre garanzia adeguate in tema privacy. Ma mai dire mai.

Tema non semplice, anche alla luce della recente Sentenza Schrems II che le aziende e i loro DPO dovranno affrontare per evitare trasferimenti di dati non corretti.

GDPR e Brexit: sovrapposizione normativa tra GDPR UK e GDPR UE

Ci saranno ora due versioni separate e distinte del GDPR che possono essere applicate alle organizzazioni: il GDPR del Regno Unito (il GDPR incorporato nella legge britannica ma rivisto per riflettere il fatto che il Regno Unito non è più uno stato membro dell’UE) e il GDPR dell’UE.

Almeno per cominciare, gli standard di protezione dei dati stabiliti dal GDPR del Regno Unito e dal GDPR dell’UE saranno essenzialmente gli stessi. si tratta di leggi distinte, le società che sono soggette sia al GDPR del Regno Unito che al GDPR dell’UE devono affrontare metodi di applicazione separati.

Di seguito si riassumono alcuni aspetti dei regimi normativi:

  • per le organizzazioni soggette al GDPR del Regno Unito, l’autorità di regolamentazione della protezione dei dati di tale organizzazione sarà l’Ufficio del Commissario per le informazioni del Regno Unito (“ICO”);
  • autorità di controllo principale: per le società per le quali l’ICO era la loro principale autorità di controllo ai sensi del GDPR dell’UE, questo non sarà più il caso. Le società interessate devono considerare:
  1. se esiste un’autorità di vigilanza alternativa degli Stati membri dell’UE che potrebbe avere funzioni da “autorità di controllo principale”;
  2. se non sono più in grado di beneficiare della procedura “sportello unico” ai sensi del GDPR dell’UE (articoli 56 e da 60 a 62) e valutare le autorità di controllo che potrebbero avere giurisdizione;
  • rappresentanti: le società del Regno Unito che sono soggette al GDPR dell’UE, ma non stabilite nell’UE, dovranno nominare un rappresentante dell’UE ai sensi dell’articolo 27 del GDPR dell’UE. Le società dell’UE non stabilite nel Regno Unito ma soggette al GDPR del Regno Unito dovranno, analogamente, nominare un rappresentante del Regno Unito ai sensi delle disposizioni equivalenti del GDPR del Regno Unito;
  • cooperazione: ai sensi sia del GDPR dell’UE che del GDPR del Regno Unito, le società devono impegnarsi con le autorità di controllo competenti in relazione alle notifiche di violazione dei dati, per la nomina di un responsabile della protezione dei dati (DPO) e prima di impegnarsi in un trattamento ad alto rischio. Dove vi sia un trattamento che interessa l’UE e il Regno Unito, le società dovranno ora impegnarsi in modo indipendente sia con l’ICO del Regno Unito che con le autorità di vigilanza dell’UE competenti.

Conseguenze di una mancata adozione delle decisioni di adeguatezza

Se nel periodo di 6 mesi, decorrenti dal primo gennaio 2021, la Commissione europea non dovesse pronunciare una decisione di adeguatezza del Regno Unito, le conseguenze privacy potrebbero essere molto pesanti.

Il Regno Unito sarà da trattare a tutti gli effetti quale Paese terzo.

Ciò significa che la comunicazione di dati a soggetti ivi stabiliti da parte di titolari/responsabili nell’Unione Europea si trasformerà in una operazione denominata come “trasferimento”, così come configurato e disciplinato dal Capo V del Regolamento UE 2016/679.

I trasferimenti di dati personali verso il Regno Unito dovranno basarsi su uno degli strumenti di cui agli artt. 44 e ss del Regolamento UE 2016/679, salva l’adozione da parte della CE di una decisione che riconosca che il Regno Unito garantisce un livello di protezione adeguato (art. 45 del Regolamento UE 2016/679):

  • il paese terzo può essere inserito in una lista di paesi, per i quali vale una decisione di adeguatezza. Ciò significa che la commissione dell’unione europea ritiene che, a tutti gli effetti, le regole afferenti alla protezione dei dati personali, in vigore nel paese terzo, sono di livello sufficientemente elevato e paragonabile a quelle esistenti nell’Unione Europea. I lettori possono consultare sul sito della commissione europea l’elenco dei paesi inseriti in questo elenco: uno degli ultimi paesi recentemente inserito è il Giappone;
  • il trasferimento nel paese terzo può essere consentito solamente se avviene tra un titolare residente unione europea ed un titolare residente nel paese terzo, solo a condizione che siano state stipulate delle garanzie adeguate, illustrate nell’articolo 46 del regolamento europeo, che possono garantire agli interessati al trattamento una efficiente e tempestiva cautela, in caso di anomalie;
  • infine, il trasferimento in paese terzo può essere consentito dopo la stipula di regole vincolanti di impresa, ma solo fra due titolari che facciano riferimento allo stesso gruppo economico multinazionale.

I suggerimenti dell’EDPB

Sul punto, l’EDPB (European Data Protection Board) ha realizzato un interessante flow chart per semplificare il processo di trasferimenti verso il Regno Unito dei dati alla luce di quanto sta accadendo.

Concretamente, la società con sede in UE (sia titolare o responsabile) che veda coinvolti i propri dati in un trasferimento verso il Regno Unito dovrà preoccuparsi delle attività che seguono.

In assenza di una decisione di adeguatezza si potrà procedere secondo quanto predisposto dall’art. 46 e ss del GDPR.

Quindi, il trasferimento potrà avvenire solo in presenza di garanzie adeguate e a condizione che gli interessati nel Paese terzo abbiano sottoscritto le cosiddette “data protection clauses”.

In particolare, potranno sottoscriversi “Norme vincolanti d’impresa” ex art. 47 GDPR, che vengono approvate dall’autorità di controllo a patto che siano giuridicamente vincolanti e che si applichino a tutti i membri interessati del gruppo imprenditoriale o del gruppo di imprese che svolgono un’attività economica comune, compresi i loro dipendenti.

Strumento molto più diffuso, le Clausole tipo di protezione dei dati (SCC – Standard Contractual Clauses) adottate dalla Commissione e che disciplinano i trasferimenti intra ed extra UE tra titolare/titolare e tra titolare/responsabile.

Le deroghe previste dal GDPR

Se le indicazioni sopra esposte non sono applicabili, si possono utilizzare le deroghe di cui all’art. 49 del Regolamento UE 2016/679.

Sul punto, il Comitato europeo ha precisato che nell’applicare l’art. 49, GDPR, il titolare che trasferisce i dati fuori dall’UE è tenuto comunque all’osservanza delle condizioni previste dalle altre disposizioni del GDPR.

Pertanto, anche in questo caso, ogni attività di trattamento deve essere conforme alle disposizioni sulla protezione dei dati, segnatamente quelle degli articoli 5 e 6, GDPR, rendendosi necessaria una verifica articolata in due fasi: il trattamento dei dati deve essere fondato su una base giuridica, nel rispetto di tutte le disposizioni pertinenti del GDPR; occorre ottemperare alle disposizioni di cui al Capo V, GDPR.

L’art. 49, par. 1, GDPR prevede che, in mancanza di una decisione di adeguatezza o di garanzie adeguate, è ammesso il trasferimento di dati personali extra-UE se si verificano determinate condizioni, tra cui:

  • il consenso esplicito dell’interessato al trasferimento, previa informazione comprendente tutti gli elementi necessari in merito ai rischi associati a tale trasferimento;
  • la necessità del trasferimento ai fini dell’esecuzione o della conclusione di un contratto stipulato tra l’interessato e il titolare, ovvero di un contratto stipulato nell’interesse della persona interessata;
  • la necessità del trasferimento per importanti motivi di interesse pubblico;
  • la necessità del trasferimento per il perseguimento degli interessi legittimi e cogenti del titolare o del responsabile.

GDPR e Brexit: cosa cambia per le aziende

Una volta completate le formalità per il trasferimento, l’azienda internamente dovrà preoccuparsi dei seguenti aspetti:

  1. tracciare il flusso di trasferimento dei dati nel registro dei trattamenti (indicando anche il luogo di destinazione/eventuale ubicazione dei server di riferimento);
  2. implementare adeguate procedure per istruire gli incaricati e formarli relativamente al meccanismo di trasferimento;
  3. dal momento che il trasferimento coinvolgerà necessariamente i dati degli interessati, saranno da aggiornare tutte le informative predisposte tra cui quella dipendenti, clienti, fornitori, privacy policy sul sito web e relative ai servizi offerti con tutti i dettagli degli accordi.

Conclusione

I preparativi da disporre per dare continuità ai rapporti con titolari e responsabili nel Regno Unito nel rispetto del Regolamento UE 2016/679, finiscono per rappresentare una scaletta di adempimenti analoghi a quelli necessari per un trasferimento di dati in qualunque altro Paese al di fuori dello Spazio Economico Europeo.

Il quadro, così descritto, fa capire che molte questioni sollevate dall’impatto della Brexit sul GDPR rimangono ancora aperte e andranno in ogni caso gestite in base alle specificità dei singoli casi concreti.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr