DATA PROTECTION

DPO, OdV e collegio sindacale: una sinergia vincente per garantire compliance e governance aziendale

Gli amministratori di imprese medio-grandi che operino in forma societaria o collettiva, hanno il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile che consenta di rilevare tempestivamente e di gestire situazioni di crisi e di insolvenza nonché la perdita della continuità aziendale. Alla realizzazione di questa finalità concorrono organi interni preposti al controllo delle organizzazioni in ambito privato. La loro azione sinergica costituisce un elemento chiave per garantire una compliance effettiva e una governance aziendale solida

Pubblicato il 02 Gen 2024

A
Giuseppe Alverone

Amministratore Unico presso DATA FABER. Consulente e formatore privacy

P
Monica Perego

Consulente, Formatore Privacy & DPO

La complessità del contesto esterno e interno delle imprese medio-grandi comporta rilevanti rischi organizzativi, legali, finanziari, per i diritti e le libertà fondamentali delle persone che devono necessariamente essere identificati e affrontati tempestivamente al fine di ridurre la possibilità di violazioni e la conseguente applicazione di sanzioni.

Organi preposti al controllo per gestire i diversi rischi

La gestione di tali rischi è affidata a diversi organi interni preposti al controllo delle organizzazioni in ambito privato. Nella tabella seguente sono riportati quelli di maggior rilievo che assumono un ruolo proattivo nella prevenzione dei rischi.

WHITEPAPER
Nuova Direttiva Whistleblowing: la guida a obblighi, tutele e sanzioni
Privacy/Compliance
LegalTech

Organo preposto a controllo/sorveglianza

Vincoli e condizioni per la designazione/nomina

Tipo di rischio da gestire

DPO (Data Protection Officer)

L’art. 39/1 del GDPR impone all’impresa, che tratta dati personali come titolare o responsabile del trattamento, l’obbligo di designare un DPO quando le attività principali (cioè il core business) consistono in processi aziendali che richiedono il monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala o che consistono nel trattamento, su larga scala, di categorie particolari di dati personali di cui all’articolo 9 del GDPR o di dati relativi a condanne penali e a reati di cui all’articolo 10 del GDPR.

Rischi per i diritti e le libertà fondamentali delle persone fisiche.

Collegio sindacale/Revisore

L’art. 2477 del Codice civile impone all’impresa l’obbligo di nominare l’organo di controllo o il revisore se la società:

  • è tenuta alla redazione del bilancio consolidato;
  • controlla una società obbligata alla revisione legale dei conti;
  • ha superato per due esercizi consecutivi almeno uno dei seguenti limiti:
  1. totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 4 milioni di euro;
  2. ricavi delle vendite e delle prestazioni: 4 milioni di euro;
  3. dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 20 unità.

L’obbligo di nomina dell’organo di controllo o del revisore cessa quando, per tre esercizi consecutivi, non è superato alcuno dei predetti limiti.

Rischio finanziario di un’insolvenza irrisolvibile (che non consenta di far ricorso a misure di composizione assistita).

OdV (Organismo di vigilanza)

Art. 6, comma 1, lett. b) del D.lgs. 231/2001 prevede la facoltà, non l’obbligo, per l’Ente (persona giuridica, società o associazione priva di personalità giuridica) di nominare un organismo dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo, al fine di ottenere l’esonero dalla responsabilità per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato.

Attenzione: lo stesso art. 6, comma 4 bis prevede che nelle società di capitali le funzioni di OdV possono essere svolte dal collegio sindacale, dal consiglio di sorveglianza e dal comitato per il controllo della gestione.

Rischio di commissione di reati.

Il tipo, la natura e la composizione di tali Organi dipendono da molteplici elementi. Per tutti sono previsti livelli di indipendenza più o meno marcati e sono strettamente disciplinate le modalità di riporto al vertice aziendale.

Relazione tra organi di controllo: utilità di una regolamentazione

Non risulta, invece, disciplinato il livello di relazione tra gli stessi Organi. Eppure i rapporti tra il DPO e gli altri organismi di controllo di un’organizzazione potrebbero, utilmente, in un’ottica di accountability, essere oggetto di regolamentazione.

Gli organismi considerati nel presente articolo sono quelli indicati nella tabella precedente che assumono un ruolo proattivo nella prevenzione del rischio: DPO, Collegio dei sindaci, Organismo di Vigilanza nominato ai sensi del D.lgs.231/2001.

Infatti, tali soggetti, attraverso l’identificazione delle minacce, mirano a prevenire che i relativi eventi dannosi si verifichino. In concreto, operano sviluppando autonomi processi di gestione dei rischi con output differenti, costituiti dalla mitigazione dei rischi, rispettivamente:

  1. per i diritti e le libertà fondamentali;
  2. finanziari;
  3. di commissione dei reati.

Detti output, quantunque differenti, convergono verso un unico outcome ben riassunto dal secondo comma dell’art. 2086 del codice civile secondo il quale “L’imprenditore, che operi in forma societaria o collettiva, ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonché di attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale”.

Questa norma introduce quindi il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile “adeguato” che consenta di rilevare tempestivamente e di gestire situazioni di crisi e di insolvenza nonché la perdita della continuità aziendale e quindi anche i data breach.

Detti Organismi di controllo sono, quindi, orientati, ognuno per la sua parte, a garantire una componente di business continuity. Questo scenario deve, pertanto, inevitabilmente e costruttivamente portare ad una condivisione di informazioni tra tali soggetti da regolamentare secondo una logica di accountability.

Quali informazioni dovrebbero essere condivise

Lo scambio di comunicazioni tra tali organi deve avere come obiettivo quello di favorire un controllo sinergico attraverso una condivisione mirata e regolamentata delle informazioni. Tale condivisione consente di demandare all’Organo che ha competenze specifiche l’approfondimento di alcuni temi e permettere, quindi, di gestire tutti i rischi secondo una visione olistica del controllo.

Gli ambiti nei quali è opportuno condividere informazioni possono riguardare:

  1. la mappatura dei processi aziendali;
  2. lo stato della presa in carico delle misure pianificate per la riduzione dei rischi che sono comuni a questi Organi e che costituiscono quindi aree operative sovrapposte. Si pensi, ad esempio, alle misure poste in essere per garantire la trasparenza delle informazioni, o ancora alle misure per prevenire reati informatici nel contesto del d.lgs. n. 231/2001 o i reati afferenti all’area dei copyright, della gestione dei rifiuti elettronici ecc.;
  3. la pianificazione di attività di audit sui processi che rientrano nel campo di applicazione degli organismi nonché i risultati degli stessi audit eseguiti sia in modo congiunto che singolarmente dai vari Organi di controllo;
  4. variazioni di processi, contesto, ambito di attività, introduzione di nuove tecnologie (ad esempio applicazioni aventi una componente di AI) ed altri aspetti che toccano ambiti in comune tra i soggetti preposti al controllo;
  5. variazioni normative;
  6. i risultati di attività di audit/ispezione condotte sia internamente che da soggetti terzi;
  7. eventi che hanno minato o avrebbero potuto minare la sicurezza delle informazioni.

Ulteriori ambiti potrebbero essere individuati in relazione alle specificità dell’organizzazione ed al settore in cui opera.

Naturalmente, lo scambio di informazioni dovrebbe essere pianificato almeno con frequenza annuale, ferma restando la necessità che tali soggetti siano sempre pronti a organizzare in modo rapido la condivisione di informazioni qualora si verificassero situazioni critiche.

Le misure di collaborazione

Al fine di favorire la messa in atto delle forme di collaborazioni è necessario definire le misure di cooperazione tra i vari soggetti.

Di seguito una panoramica delle principali modalità operative di condivisione che potrebbero essere adottate, tenendo presente che, in termini generali, la relazione tra il DPO e gli organismi di controllo dovrebbe avere come obiettivo ultimo la salvaguardia, attraverso efficaci sistemi di controllo, dell’azienda, dei suoi lavoratori e della sua reputazione sul mercato.

Il Regolamento

A monte, dovrebbe essere definito e concordato tra le parti un “Regolamento tra gli Organi di controllo” che consideri anche lo scambio di flussi – ad evento o secondo un calendario – che siano pianificati, per garantire uno scambio costante e proficuo di informazioni.

L’elemento a supporto di tali controlli è rappresentato proprio da tale “Regolamento” che dovrebbe essere congruente con i documenti che regolamentano le attività dei singoli Organi, richiamato dagli stessi e contenere:

  1. finalità del regolamento;
  2. struttura;
  3. iter di gestione, iter di redazione, verifica, approvazione, accesso del regolamento;
  4. compiti e responsabilità degli organismi, sia in relazione ai compiti precipui di tali funzioni sia in relazione alle attività da svolgere in modo congiunto;
  5. modalità e tempi di relazione all’organo di governo dell’organizzazione;
  6. convocazione degli incontri ordinari – responsabilità, modalità e tempi;
  7. convocazione degli incontri straordinari;
  8. coinvolgimento di terze parti;
  9. verbalizzazione degli incontri;
  10. flussi informativi tra i vari organi;
  11. gestione della documentazione condivisa (registrazioni ed evidenze) – archiviazione ed eliminazione;
  12. obblighi di riservatezza;
  13. riesame delle operazioni e modifiche del Regolamento.

La verbalizzazione degli incontri

Molto utile può risultare anche la verbalizzazione a seguito di ogni incontro che dovrebbe essere effettuata in modo sistematico e dettagliato. La relazione finale dell’ODV dovrebbe riportare gli incontri e gli scambi di informazioni tra tali Organi, sia quelli a consuntivo che quelli pianificati per il periodo a venire.

Il verbale di tali incontri potrebbe contenere i seguenti paragrafi:

  1. le circostanze ed i partecipanti all’incontro;
  2. i temi affrontati;
  3. eventuali criticità emerse nel corso dell’incontro;
  4. azioni pianificate per il periodo a venire;
  5. la pianificazione degli incontri successivi e dello scambio di informazioni.

Il verbale, così predisposto, andrebbe sottoscritto dai soggetti partecipanti e richiamato nel primo successivo verbale delle attività a carico del DPO.

La relazione finale del DPO presentata, in accordo all’art. 38 del GDPR dovrebbe prevedere un paragrafo che dia conto degli scambi effettuati nel corso del periodo precedente e della pianificazione di quelli previsti nel periodo a venire, ferma restando la necessità di ulteriori incontri straordinari nel corso dell’anno.

Le procedure

A supporto delle attività in carico, eseguite sia singolarmente sia in modo congiunto, dai vari organismi, possono essere formalizzate delle specifiche procedure, quali, ad esempio:

  1. “Pianificazione, esecuzione e rendicontazione dell’attività di audit”,
  2. “Rapporti con la PA”,“Gestione delle ispezioni della PA”,
  3. “Gestione dei data breach e degli eventi sulla sicurezza delle informazioni”.

Tali procedure dovrebbero essere controllate ad intervalli, per verificare che rispecchino quanto avviene nella realtà e che siano efficaci nel conseguire i risultati.

Conclusioni

Si è cercato di evidenziare quanto sia utile e opportuno uno scambio regolamentato, continuo e rendicontato di informazioni e di esperienze tra il DPO ed altri soggetti preposti al controllo all’interno dell’Organizzazione.

Gli strumenti, le misure e le modalità proposte, pur risultando applicabili in modo prevalente a organizzazioni ad alta complessità, possono comunque costituire un modello di riferimento anche per realtà organizzative di minori dimensioni.

In qualunque modo, è auspicabile che risulti acquisito il principio secondo il quale l’opera congiunta e sinergica degli organi preposti al controllo e alla sorveglianza consente di identificare e affrontare tempestivamente tutti i rischi inerenti ai processi aziendali, migliorando la compliance, riducendo la possibilità di violazioni e conseguenti sanzioni e potenziando la corporate governance.

WHITEPAPER
Cyber minacce e incidenti informatici: attiva la tua resilienza in 10 step
Cybersecurity
Security Risk Management
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2