L'APPROFONDIMENTO

Dati personali, con l’anonimizzazione si apre un nuovo scenario per il loro utilizzo: le prospettive

Una sentenza della Corte di Giustizia europea schiarisce e schiude alcuni scenari per l’uso dei dati personali grazie al sapiente uso di tecniche di anonimizzazione e pseudonimizzazione. Potrebbe essere un’occasione per dare maggiore impulso ai trattamenti di dati e alle attività economiche basate su di essi, senza che concretamente si aumentino i rischi per gli interessati. Facciamo chiarezza

Pubblicato il 08 Mag 2023

Andrea Michinelli

Avvocato, FIP (IAPP), ISO/IEC 27001, Of counsel 42 Law Firm

Anonimizzazione e pseudonimizzazione potenzialità e rischi

Nuova linfa per la circolazione e l’utilizzo di dati personali? È stata pubblicata una sentenza della Corte di Giustizia (sentenza del 23 aprile scorso, causa T-557/20) che – riprendendo e articolando considerazioni pregresse della Corte – schiarisce e schiude alcuni scenari per l’uso dei dati personali. Il sapiente utilizzo di tecniche di anonimizzazione e pseudonimizzazione potrebbe avvenire con maggiori libertà e certezze, dando luogo a un maggior flusso e utilizzo dei dati e delle informazioni.

Premettiamo che benché il caso in parola riguardi l’applicazione del Regolamento applicabile al trattamento di dati personali da parte delle istituzioni comunitarie – cioè il 1725 del 2018 – tutte le considerazioni svolte sono perfettamente sovrapponibili alle analoghe disposizioni presenti nel testo del GDPR.

Sulle complicate applicazioni dei processi di anonimizzazione e pseudonimizzazione dei dati personali sono da tempo sorte diverse critiche per posizioni, specie nel settore della ricerca, fin troppo restrittive.

Tuttora il testo principale di riferimento è il parere 5/2014 del WP29 sulle tecniche di anonimizzazione, ove si comprende come parlare di anonimizzazione (di dati non più personali, in sostanza) non vuole dire trattare binariamente un concetto acceso/spento, bensì di qualcosa di relativo e dinamico, da valutare, rispondendo a tre domande fondamentali: è possibile individuare una persona? È ancora possibile collegare una persona? È possibile dedurre informazioni riguardanti una persona?

Condivisione di dati personali e sanitari: la guida ENISA per una protezione avanzata

Il caso di partenza

L’innesco sono state questioni afferenti a procedure di indennizzo di azionisti creditori, in seguito alla risoluzione di un ente creditizio spagnolo: vedeva coinvolti il Comitato di Risoluzione creditizio Unico (“CRU”) da una parte, quale istituzione UE, e il suo fornitore di servizi, Deloitte dall’altra.

Il CRU si è trovato coinvolto in una serie di reclami da parte di persone fisiche, che si sono rivolte all’EDPS (l’autorità di controllo per la protezione dei dati personali da parte delle istituzioni UE).

I reclami riguardavano il presunto utilizzo illecito dei loro dati personali nel corso di tale procedura di indennizzo, arrivando infine a un provvedimento di ammonimento da parte dell’EDPS nei confronti del CRU. Il quale ha impugnato tale decisione di fronte alla Corte, uscendone vincitrice e facendo ribaltare le considerazioni dell’autorità di controllo EDPS.

Non sempre le autorità hanno ragione – ricordiamolo, sono pur sempre autorità amministrative indipendenti e di controllo, non sedi giudiziarie che, da sole, hanno l’ultima parola.

Nel caso particolare, è avvenuto che, durante la procedura di indennizzo detta sopra, vi fosse necessità di effettuare operazioni come la scrematura e l’analisi delle richieste presentate da parte di azionisti e creditori.

Per accedere alla procedura, in fase di iscrizione il CRU raccoglieva alcuni dati personali identificativi dei richiedenti, così come (in campo libero) le osservazioni pertinenti alla procedura, presentate da tali interessati.

Per effettuare alcune verifiche e aggregazioni, il CRU aveva dapprima assegnato un codice alfanumerico casuale ai testi delle osservazioni e ai soggetti che le hanno presentate, fungendo da “anello di collegamento” tra tali dati. Quindi ha suddiviso il dataset, estraendone un sottoinsieme dato dal codice e dai soli testi delle osservazioni, senza altri dati identificativi.

A questo punto, il ridotto dataset è stato trasmesso a Deloitte per effettuarne alcune elaborazioni (confronti ecc.): il fornitore non aveva quindi i dati identificativi degli autori di quelle osservazioni, non vi aveva accesso in alcuna fase del trattamento gestito in proprio. Solamente il CRU poteva ricollegare le analisi svolte da Deloitte, utilizzando il codice, alle persone fisiche che ne erano autrici.

Secondo le lamentele degli interessati e le valutazioni dell’EDPS, ciò avrebbe comportato la necessità di indicare – nelle informative sul trattamento del CRU – che ci fossero dei destinatari (il fornitore) che avrebbero ricevuto e trattato i loro dati personali. L’EDPS aveva puntualizzato che i dati così trasmessi sarebbero stati dati “pseudonimizzati”, quindi pur sempre dati personali, sia per il loro contenuto potenzialmente identificativo delle osservazioni che per il fatto che Deloitte ricevesse anche il codice.

I nodi sciolti dalla Corte

Vi sono due precedenti rilevanti e richiamati esplicitamente dalla Corte, utili per capire i due nodi fondamentali delle riflessioni della Corte.

La capacità identificativa delle informazioni e il caso Nowak

Il primo è il cosiddetto caso Nowak (sentenza del 20 dicembre 2017, causa C 434/16), qui rilevante per il fatto che l’informazione debba “riguardare” una persona fisica per potersi dire dato personale. In tal senso depone il GDPR all’art. 4 n. 1.

In tal senso, la Corte aveva stabilito che le informazioni debbano essere connesse a una determinata persona, nel caso concreto. Quindi non si può presumere che tutte le informazioni – solo perché fornite da una persona fisica – siano automaticamente dati personali, per quanto possano pur sempre essere di tipo soggettivo come opinioni, valutazioni e punti di vista.

Bisogna effettuare una valutazione caso per caso, alla luce di vari fattori: il contenuto, le finalità d’uso e il tipo di informazioni, per stabilire se tali informazioni siano collegate o collegabili a una persona specifica.

Nella pronuncia del 2023 la Corte ha stabilito che l’EDPS non ha assolutamente effettuato questo esame specifico: ha esplicitamente ammesso di non aver effettuato nessuna valutazione del contenuto delle osservazioni prodotte dai reclamanti, limitandosi apoditticamente a considerare qualsiasi espressa opinione personale come equivalente a un dato personale.

Forse tali osservazioni contenevano anche dati che permettevano di ricondurle ai loro autori, non lo sappiamo: ciò che conta è che lo si sarebbe dovuto appurare prima di qualificarle come dati personali, indagare quali elementi e perché avrebbero compiuto il “salto evolutivo” da mera informazione a dato personale.

Oltretutto, la Corte stressa come il fornitore non avesse – tra gli scopi del suo trattamento – quello di identificare gli autori delle osservazioni.

La capacità di identificare gli interessati e il caso Breyer

Il secondo punto esaminato dalla Corte è ancora più importante. Il precedente pertinente è la sentenza del cosiddetto caso Breyer (sentenza del 19 ottobre 2016, caso C 582/14), seppure basato sulla Direttiva 95/46/CE (ante GDPR). Come è noto, quel caso ha chiarito che per dato personale si deve intendere anche l’IP dinamico, tenendo conto che identificabilità di una persona deve essere parametrata ai mezzi che è ragionevole possano essere utilizzati tanto dal titolare quanto da terzi – senza richiedere che tutte le informazioni che consentono di identificare una persona debbano essere in possesso di un solo soggetto. Così recita anche il Considerando 26 del GDPR. Ma quali terzi devono essere considerati nella ponderazione?

Le informazioni aggiuntive necessarie per identificare questa persona – nel caso Breyer – erano detenute dal fornitore di accesso a internet e, quindi, da un soggetto che potenzialmente lo può identificare in virtù della sua attività e rapporto contrattuale.

Il test a cui sottoporre questa situazione è quella della “ragionevolezza” di utilizzo di mezzi, per es. legali o contrattuali, per combinare un indirizzo IP con informazioni aggiuntive detenute dal fornitore di accesso. In tal caso la Corte aveva chiarito che la persona non sarebbe stata identificabile (i) se ciò fosse stato precluso dalla legge oppure (ii) fosse di fatto irrealizzabile tenuto conto del dispendio di tempo, costi e manodopera per il possessore delle informazioni.

Si tratta di concetti sempre da contestualizzare caso per caso, difficili da precisare in via astratta con soluzioni recise e buone per tutte le occasioni.

Nel caso odierno che ha coinvolto il CRU, la Corte ha ripreso tali ragionamenti e fatte accurate distinzioni: da un lato il CRU era il titolare dei dati che li ha “pseudonimizzati”, dal suo punto di vista, tramite la creazione del dataset ridotto con l’utilizzo del codice di collegamento.

Anche se la Corte non lo approfondisce, l’operazione di pseudonimizzazione avrebbe comunque dovuta essere resa nota in sede di informativa, per quanto compiuto dal CRU, perché rappresenta un’operazione di trattamento di dati personali.

Invece dal punto di vista di Deloitte – che ha ricevuto solo i codici e le osservazioni – i dati ricevuti si possono considerare “sufficientemente” anonimi, non più personali, senza il rispetto degli adempimenti del GDPR. Ciò anche se l’informazione che consente la re-identificazione non è stata irrevocabilmente eliminata e viene conservata dal titolare, cioè il CRU.

In via di fatto: solo il CRU aveva accesso al dataset con i codici e gli abbinamenti ai dati personali. In via di diritto: Deloitte non avrebbe avuto “ragionevoli” mezzi legali per accedere a tali informazioni per ottenere l’identificazione – o quantomeno, l’EDPS non ha argomentato come Deloitte avrebbe potuto avervi accesso, con quali procedure, azioni, leve contrattuali eccetera.

Facendo un collegamento con la sentenza Breyer, la CRU si troverebbe nella stessa posizione del fornitore di accesso internet: unico soggetto in possesso delle informazioni per identificare i soggetti. Dove ha errato l’EDPS? Sempre nel restare su un piano di presunzioni e considerazioni astratte: non avrebbe effettuato un test di re-identificabilità dal punto di vista di Deloitte, teso a stabilire se avesse avuto la possibilità di combinare effettivamente – in qualche modo, “ragionevolmente” – le informazioni aggiuntive in proprio possesso con i dati identificativi nei dataset della sola CRU.

Considerazioni finali e provvisorie

Questa pronuncia è importante nel chiarire un criterio di dovuta contestualizzazione circa i soggetti che possono considerarsi all’oscuro degli interessati, celati dietro a determinate informazioni, per cui a seconda del punto di vista potremmo avere dei dati pseudonimizzati per un titolare e dei dati anonimi per un responsabile o un altro titolare che li processi in qualche modo.

Il timore, finora, era che i parametri attraverso i quali si possa valutare l’anonimizzazione o meno dei dati fosse quello di una platea indistinta di soggetti coinvolti, basata su presunzioni e ragionamenti astratti assoluti, rendendo di fatto molto molto difficile il trattamento di dati anonimi, in molti casi.

Liberi tutti? Basterà abbinare codici casuali a certe informazioni per considerarle dati non personali? Assolutamente no. Come si evince dal testo della sentenza, la Corte ha fatto presente come sia necessario effettuare – caso per caso – un test sulla ragionevole re-identificabilità degli interessati, dal punto di vista dei soggetti concretamente coinvolti, alla luce dei mezzi effettivi utilizzabili. Perciò non si potranno invocare presunzioni generiche per i due profili suindicati.

Presumibilmente la sede adatta sarà quella di una valutazione di impatto privacy, ove si dovranno soppesare: i soggetti coinvolti, i dati utilizzati, gli scopi, le tecniche di trattamento e de-identificazione utilizzate, il grado di identificabilità dell’interessato, i mezzi ragionevolmente a disposizione dei soggetti (tarati sull’attività, la capacità di spesa, i mezzi contrattuali e legali ecc.).

Un faro è e resterà il Considerando 26 del GDPR che enumera diversi fattori per considerare dei dati “sufficientemente anonimi” o non riferibili a una persona fisica, tenendo conto sia delle tecnologie disponibili al momento del trattamento, sia degli sviluppi tecnologici. Fattori evidentemente da rivalutare nel tempo, dinamicamente. In una parola: contestualizzandoli.

A questo punto si dovrà attendere un intervento in forma di linee guida da parte delle autorità – preferibilmente da parte dell’EDPB, per evitare nuovamente un atteggiamento restrittivo e presuntivo come quello censurato dalla Corte da parte dell’EDPS. Sì da fornire dei criteri maggiormente specifici e che garantiscano maggiore certezza nel processo di accountability.

Sperando che non siano, però, regole così complesse e arzigogolate come le raccomandazioni nn. 1 e 2 del 2020, ricavate dall’EDPB per i trasferimenti internazionali di dati ai tempi di un’altra sentenza CGUE, cioè la c.d. Schrems II.

E proprio l’ambito del trasferimento internazionale extra-UE/SEE dei dati potrebbe essere uno dei fronti su cui questa pronuncia può avere effetti interessanti – dato che fino ad oggi si è riscontrato un atteggiamento delle autorità piuttosto simile a quello dell’EDPS censurato dalla Corte, basato su presunzioni assolute, senza le verifiche dei concreti rischi di identificabilità degli interessati. Pensiamo alla complessità di quanto accaduto con i cookie e il loro trattamento internazionale.

Aspettiamo di vederne germogliare i frutti: potrebbe essere un’occasione per dare maggiore impulso ai trattamenti di dati e alle attività economiche basate su di essi, senza che concretamente si aumentino i rischi per gli interessati. Il che pareva proprio uno degli scopi originari della normativa europea varata nel 2016.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5