DATA PROTECTION

Customer and Product Data Bill: così i cittadini neozelandesi avranno il controllo sui loro dati

Nell’ottica di sostenere lo sviluppo del Consumer Data Right, il Commissario neozelandese per la privacy sta appoggiando il disegno di legge del Customer and Product Data Bill che darà ai cittadini della Nuova Zelanda maggiore controllo delle proprie informazioni. Ecco i punti salienti della nuova legge privacy

Pubblicato il 04 Lug 2023

G
Nadia Giusti

Data Protection & Cybersecurity Expert

In Nuova Zelanda, Il Commissario per la Privacy Michael Webster sta appoggiando un progetto di legge che, se approvato, darà ai cittadini neozelandesi un maggiore controllo delle proprie informazioni, anche personali: il Customer and Product Data Bill, infatti, è un disegno di legge che mira a sostenere lo sviluppo del Consumer Data Right neozelandese.

Esso fa seguito a una consultazione pubblica avvenuta nel 2020, e a una serie di decisioni politiche nel 2021, e nasce dall’esigenza di tutelare il diritto dei clienti-consumatori e delle piccole imprese di richiedere ad entità che detengono i loro dati (“data holders”) di condividere tali informazioni solo con servizi di terze parti opportunamente accreditate (“accredited requestors” o richiedenti accreditati,. ovvero soggetti a “requisiti più rigorosi”.

Data protection day, la tutela dei dati baluardo di libertà al tempo delle guerre e delle innovazioni: ecco perché

Gli obiettivi del Consumer Data Right (CDR)

Quando aziende come banche, società che operano nel settore dell’energia elettrica o società di telefonia mobile ci forniscono servizi, vengono necessariamente creati dati, come cronologie degli accounts, transazioni o records riguardanti l’utilizzo dei servizi stessi: questi dati inevitabilmente contengono, tra le altre, anche informazioni specificatamente personali dei clienti-consumatori.

WHITEPAPER
Elimina gli errori nella contabilizzazione con l’automatizzazione
Disaster recovery
Data protection

Nella nostra economia, questo tipo di dato rappresenta un enorme valore e opportunità: pensiamo ad esempio come le informazioni sull’utilizzo di una fornitura elettrica o di telefonia mobile possano essere utilizzate per trovare o proporre un’offerta più conveniente, o come le informazioni bancarie possono essere utilizzate per confermare, o meno, una richiesta di prestito.

Già nel 2001, il Prof. Rodotà scriveva nella sua relazione annuale “Noi siamo le nostre informazioni”, mettendo in evidenza come “le persone sono ormai conosciute da soggetti pubblici e privati quasi esclusivamente attraverso i dati che le riguardano, e che fanno di esse una entità disincarnata.”, concetto poi ripetutamente ripreso dagli esperti del settore e dalle Autorità di protezione dei dati.

La possibilità che gli individui esercitino il controllo sui propri dati è un chiaro e fondamentale obiettivo contenuto anche nel Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (Regolamento EU 2016/679 o GDPR), attraverso l’esercizio dei diritti dell’interessato.

Oggi, però, nella nostra economia sempre più digitale, esercitare tale controllo è estremamente difficile, se non impossibile, come sottolineato anche dal legislatore neozelandese. Il progetto di legge proposto va quindi nella direzione di rafforzare tale controllo, integrando le attuali protezioni esistenti della legge sulla privacy e misure di sicurezza già esistenti, ma nello specifico si pone i seguenti obiettivi:

  1. permettere ai consumatori e alle piccole imprese di rafforzare il controllo sui propri dati;
  2. i “data holders” all’interno di un settore designato saranno tenuti a mettere in atto sistemi e processi che consentano la condivisione dei dati dei clienti in un formato standardizzato e leggibile da una macchina tramite APIs, per facilitare il trasferimento di tali dati agli “accredited requestors”;
  3. alle terze parti che richiederanno l’accesso ai dati sulla base del disegno di legge, gli “accredited requestors”, sarà richiesto di soddisfare vari criteri ai fini dell’accreditamento: dovranno garantire che i loro dirigenti soddisfino standard di “idoneità e onorabilità” (coerenti con quelli previsti dalla legislazione sui servizi finanziari), dovranno dimostrare la messa in atto di specifici requisiti di sicurezza e di potenziali nuovi obblighi assicurativi.

Punti chiave del Customer and Product Data Bill

Il disegno di legge stabilisce un framework generale di alto livello applicabile a tutti i settori economici, che sarà poi integrato da specifiche “designation regulations “, in grado di applicare il CDR a specifici settori, categorie di dati e azioni.

Ad esempio, il disegno di legge prevede di designare Banche e Istituti finanziari come “data holders”, i records delle transazioni come “designated customer data”, i tassi di interesse sui mutui per la casa come “designated product data”, e pagamenti o apertura di nuovi conti correnti come “designated actions”.

La proposta, se approvata, si applicherà ai dati dei clienti, dove con il termine “cliente” si intende qualsiasi persona (sia un individuo che un’azienda) che acquisisce beni o servizi da un “data holder”.

Sebbene non vengano definiti in maniera esaustiva quali siano i dati dei clienti soggetti al CDR, il disegno di legge prevede che i cosiddetti “dati derivati” siano destinati ad essere soggetti alla norma: questo potrebbe rivelarsi una questione controversa, poiché in Australia una simile proposta è stata in passato ampiamente criticata dall’Associazione Bancaria (the Australian Banking Association), poiché, secondo l’associazione, questo approccio potrebbe compromettere la capacità di valutazione degli istituti finanziari, che in genere arricchiscono i dati dei clienti utilizzando propri modelli interni e proprietari.

Analogamente all’Australia, il disegno di legge prevede la presenza di più Regolatori: il Ministero delle Imprese, dell’ Innovazione e del Lavoro (Ministry of Business, Innovation and Employment, MBIE) sarà responsabile della definizione degli standard, delle procedure di accreditamento e dell’applicazione della norma, ma se si verificheranno violazioni riguardanti i dati personali anche il Commissario per la Privacy e il Tribunale per i Diritti Umani avranno compiti sanzionatori e di regolamentazione ai sensi del Privacy Act.

Sono previsti quattro diversi livelli sanzionatori, compresi da un minimo di 50000$, nel caso di violazioni minori, come la mancata conservazione dei registri delle transazioni, fino a un massimo di 5 milioni di dollari, (o a tre volte il valore di qualsiasi guadagno commerciale, o al 10% del fatturato nel periodo in cui si è verificata la violazione se il guadagno commerciale non può essere accertato), nel caso di violazioni gravi, come comportamenti intenzionalmente fraudolenti, ad esempio il fingersi una terza parte accreditata.

Tre sono i principi fondamentali contenuti nel disegno di legge: rispetto (respect) delle decisioni del cliente, quindi spazio all’opt-in e all’opt-out e all’utilizzo del consenso; attenzione (care) ai dati durante lo scambio, dove il governo potrà sì stabilire specifiche tutele e requisiti per lo scambio dei dati in formato elettronico, ma non accederà o conserverà in nessun modo tali dati; fiducia (trust) tra coloro che richiedono l’accesso ai dati, quindi garanzia che le protezioni sulla privacy dei dati rimarranno sempre in vigore, e che solo terze parti di fiducia, con sistemi “fidati” potranno utilizzare il disegno di legge per effettuare richieste di dati.

Il disegno contiene anche al suo interno la proposta di “action initiation”, che consentirà a determinate classi di “accredited requestors” di adottare misure e prendere decisioni per conto del cliente, previo consenso del cliente.

Il Governo ritiene che questo approccio produrrà effetti positivi, perché faciliterà le richieste di nuovi prodotti, servizi, e metodi di pagamento.

Conclusioni

Come ha detto la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen, viviamo nella Digital Age, dove l’innovazione tecnologica, basata su un uso vorace di dati, può essere fonte di grandi benefici per l’umanità ma anche mettere a rischio l’essenza stessa di ciò che rende gli uomini liberi e responsabili: la capacità di capire, di avere il controllo dei propri dati e poter usare il libero arbitrio rispetto alle scelte da compiere e ai pericoli da evitare.

Oggi il rischio non è solo la perdita del controllo, ma anche quello di essere soggetti a decisioni che ci possano arrecare dei danni che non saremo in grado né di comprendere né di spiegare.

Come affermato dal governo neozelandese, il disegno di legge ha lo scopo di creare vantaggi e opportunità per l’intera società e di “promuovere nel lungo periodo la concorrenza e l’innovazione a vantaggio dei clienti”.

“La privacy è fondamentale per garantire la fiducia e la sicurezza delle persone quando condividono le loro informazioni personali”, ha aggiunto il commissario Webster.

L’accreditamento a entità “fidata” tende a dare una risposta alla richiesta di trasparenza, che rimane un elemento essenziale, e che oggi costituisce una grande sfida in ogni parte del mondo, in Europa come in Nuova Zelanda, per la quale esistono tante proposte ed idee ma, al momento, nessuna soluzione veramente efficace: anzi, oggi, nella attuale società digitale, sono in molti che ritengono che gli obblighi di informazione presenti nei regolamenti privacy, tra cui anche il GDPR, abbiano “fatto il loro tempo”.

La proposta di legge richiama inoltre l’attenzione sul fatto che saranno necessarie ulteriori misura di tutela sulla privacy sui dati, oltre quelle già previste e in vigore, in particolare relativamente agli standard di sicurezza e alle procedure relative al consenso.

Aspetto interessante riguardo ai consensi è che la proposta prevede la possibilità di specificarne una durata massima, oltre la quale tutti i consensi già prestati scadranno, ed invita i vari stakeholders a fornire suggerimenti e proposte relativamente alla durata in essere di tali consensi.

Lo stesso commissario Webster ha ribadito quanto sia importante la collaborazione di tutti gli stakeholders per aiutare a definire un quadro normativo che tuteli i diritti dei consumatori tenendo conto delle esigenze dei vari settori, e ha incoraggiato tutti gli interessati a inviare commenti e proposte entro il 24 luglio.

Se il disegno di legge sarà approvato, il primo settore ad essere coinvolto sarà quello bancario, seguito probabilmente da quello dell’energia, delle telecomunicazioni, delle assicurazioni e della sanità.

WHITEPAPER
È il Momento di Pianificare la Resilienza del tuo business
Datacenter Infrastructure Management
Disaster recovery
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr