L'approfondimento

Certificato verde digitale, come funziona e quali sono gli impatti privacy

La Commissione europea ha presentato la proposta di regolamento volto all’introduzione di un Certificato verde digitale per lo spostamento in sicurezza tra gli Stati membri UE nel corso della pandemia di coronavirus: vediamo quali sono i trattamenti dati attuati, alla luce del GDPR

25 Mar 2021
B
Erica Benigni

Associate, Portolano Cavallo

L
Laura Liguori

Partner Portolano Cavallo

Si chiama certificato verde digitale e sarà una prova del fatto che una persona è stata vaccinata contro il coronavirus, è risultata negativa al test o è guarita dalla Covid-19. È quanto indicato nella proposta di regolamento presentata lo scorso 17 marzo dalla Commissione europea: quando verrà introdotto, il certificato verde digitale consentirà di agevolare la libera circolazione dei cittadini tra gli Stati Membri durante la pandemia di Covid-19, pur nel rispetto della sicurezza della salute pubblica.

Il certificato nelle intenzioni consentirà di spostarsi tra gli Stati Membri in modo sicuro, limitando il rischio di diffusione del virus all’interno del territorio comunitario.

Tale certificato non sarà discriminatorio verso i soggetti che non si sono ancora vaccinati. Infatti, il certificato non rappresenterà un presupposto per viaggiare bensì consentirà di spostarsi più agevolmente, evitando possibili restrizioni imposte da singoli Stati come la quarantena o la sottoposizione a test in grado di diagnosticare la Covid-19.

Uno dei profili maggiormente discussi con riguardo al certificato verde digitale o ai c.d. Pass vaccinali riguarda la tutela garantita ai dati personali, che si avrà modo di approfondire nel prosieguo dell’articolo.

Certificato verde digitale: i dati richiesti

Il certificato verde digitale sarà rilasciato in formato digitale da ciascuno Stato Membro e potrà comprendere tre diverse tipologie di certificati:

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
  • di vaccinazione,
  • di test (non autodiagnostici)
  • di guarigione dalla Covid-19.

Le informazioni contenute nel certificato sono strettamente funzionali alla verifica dell’identità del soggetto e dell’autenticità del certificato (i.e. nome, Stato Membro di rilascio e identificativo univoco del certificato) così come all’accertamento delle caratteristiche tecniche relative al vaccino (e.g. fabbricante), al test (e.g. tipo di test e data in cui è stato effettuato) o alla guarigione (e.g. data di emissione) a seconda della tipologia di certificato che viene mostrato.

Il certificato verde digitale nei singoli Stati Membri

Ciascun certificato dovrà contenere un codice QR con una firma digitale, che verrà scansionato e controllato al momento degli accertamenti così da verificare l’autenticità del certificato.

A tal fine, ciascun ente di rilascio del Certificato (e.g. ospedali, autorità sanitarie) avrà a disposizione una propria chiave di firma digitale. Tali chiavi saranno conservate in una banca dati protetta all’interno di ciascuno Stato.

Inoltre, la Commissione europea costituirà un gateway attraverso il quale sarà possibile verificare la firma digitale apposta nel certificato verde digitale, indipendentemente dallo Stato Membro di rilascio.

In tale contesto, diventa essenziale la scelta fatta dalla Commissione europea del Regolamento come strumento normativo per introdurre il certificato verde digitale. Ciò, infatti, garantisce un’immediata e uniforme attuazione della disciplina del certificato, evitando così problemi di riconoscimento della veridicità dei certificati stessi.

Il trattamento dei dati personali nel certificato verde digitale

L’articolo 9 della proposta di Regolamento fornisce determinate garanzie a tutela della protezione dei dati personali trattati per la realizzazione del certificato verde digitale.

Come anticipato, nel certificato sono riportati solo i dati strettamente necessari alla verifica dell’identità del soggetto e i dati connessi alla vaccinazione, all’esito negativo di un test o all’avvenuta guarigione del paziente.

La quantità e la tipologia di informazioni raccolte nel certificato sembrano quindi essere in linea con il principio di minimizzazione.

È chiaro che verranno trattati non solo dati personali ma in particolare anche dati relativi alla salute, il cui trattamento può essere legittimato, come in questo caso, da motivi di interesse pubblico rilevante (i.e. favorire la libera circolazione delle persone all’interno del territorio UE in sicurezza) sulla base del diritto dell’Unione[1].

Inoltre, tali dati potranno essere consultati dalle autorità competenti dello Stato di destinazione ma non potranno essere conservati dai Paesi visitati. I dati saranno quindi conservati solo dagli Stati Membri che hanno rilasciato il certificato, mentre non è prevista la creazione di una banca dati a livello europeo.

In ogni caso, la conservazione dei dati necessari per il certificato potrà avvenire esclusivamente per il periodo di utilizzo dei certificati durante la pandemia al fine di consentire l’effettivo esercizio della libera circolazione tra gli Stati Membri.

Ai sensi della proposta di Regolamento, le autorità responsabili del rilascio del certificato verde digitale sono considerate titolari del trattamento.

Alla luce di quanto detto, è evidente che il legislatore europeo abbia ritenuto tale soluzione praticabile all’esito di un bilanciamento tra il principio della libera circolazione delle persone tra gli Stati Membri, la tutela della salute pubblica e il diritto alla tutela dei dati personali riconosciuto dal Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Per l’effettiva attuazione del progetto sarà comunque necessaria una unità di vedute tra gli Stati Membri (anche, ad esempio, sul rispetto dei principi a protezione dei dati personali da parte della proposta) e una capacità operativa ed informatica tale da garantire l’emissione dei certificati con i requisiti minimi richiesti a livello europeo da parte di ogni Paese.

Il Garante privacy sui possibili pass vaccinali locali

Prima della pubblicazione della proposta di Regolamento sul certificato verde digitale, il Garante Privacy italiano aveva espresso la propria opinione sui c.d. pass vaccinali, ossia soluzioni anche in formato digitale indicate da soggetti pubblici o privati fornitori di servizi come condizione necessaria per accedere a determinati locali o per fruire di un servizio.

Innanzitutto, tali soluzioni rischiano di essere discriminatorie nei confronti di coloro che non hanno ancora avuto accesso alla campagna vaccinale e nei confronti di coloro che optano per la non vaccinazione.

Pertanto, tali strumenti – se implementati in maniera inappropriata – potrebbero ledere le libertà fondamentali riconosciute agli individui e, ad esempio, far percepire la vaccinazione contro la Covid-19 come un trattamento sanitario obbligatorio.

Anche dal punto di vista della riservatezza dei dati personali potrebbero sorgere delle criticità. Infatti, simili misure – adottate in modo disomogeneo e incontrollato sul territorio – potrebbero portare alla violazione del diritto alla privacy, se implementate nel mancato rispetto dei principi dettati dal GDPR (e.g. principio di proporzionalità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati).

In quest’ottica, il Garante ha ricordato – con comunicato stampa del primo marzo 2021 – che eventuali provvedimenti idonei ad introdurre i c.d. passaporti vaccinali sul territorio nazionale devono essere adottati necessariamente dal legislatore statale, nel rispetto della normativa vigente e nel corretto bilanciamento tra interesse pubblico, tutela della salute e protezione dei dati personali.

Tale dichiarazione del Garante è in linea con i principi richiamati nel testo del Regolamento UE e non si contrappone all’adozione di simili soluzioni ma esclusivamente all’adozione schizofrenica e disomogenea di strumenti potenzialmente idonei a ledere diritti costituzionalmente garantiti.

Ricordiamo, inoltre, che il Regolamento – se adottato a livello europeo – andrà a disciplinare unicamente la circolazione tra gli Stati Membri. Spetterà poi ad ogni singolo Stato, eventualmente, introdurre con legge nazionale strumenti simili al certificato verde digitale all’interno del proprio territorio.

NOTE

  1. Tale base giuridica, prevista dall’art. 9(2)(g) è richiamata dal Considerando 37 della proposta di Regolamento.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr