BLOCKCHAIN

Criptovalute e reato di autoriciclaggio: il punto su regole e giurisprudenza

Il settore delle tecnologie derivanti dalle Blockchain e delle loro applicazioni tra cui NFT, criptovalute e smart contract rimane ancora in attesa di un compiuto tentativo di normazione. Per colmare il vuoto legislativo, non mancano i tentativi giurisprudenziali di un loro inquadramento. Il punto

25 Ago 2022
P
Luigi Padovan

Avvocato e Data Protection Officer (DPO), Co-founder DPO Compliance Consulting

In attesa di un compiuto tentativo di normazione, anche a livello europeo, dell’intero settore riguardante le tecnologie derivanti dalle Blockchain e delle loro applicazioni (criptovalute, NFT, smart contract e quant’altro), non mancano i tentativi giurisprudenziali di un loro inquadramento, quantomeno sistematico, all’interno delle fattispecie giuridiche già esistenti nell’ordinamento, al fine di colmare, con lo strumento dell’interpretazione analogica, il largo vuoto legislativo che interessa l’intero ambito.

Non mancano, quindi, i casi, e anzi diventano sempre più frequenti, data la sempre più ampia adozione di tali strumenti da parte di cittadini e imprese, in cui il settore delle tecnologie a registro distribuito diviene oggetto di approfondimenti da parte della magistratura.

Criptovalute: la sentenza della Cassazione

Al di là del tenore da tabloid molto spesso assunto dalle notizie circolanti, però, ciascuna delle decisioni giurisprudenziali osservate, proprio in quanto innovative, merita una specifica analisi, che deve essere volta a trarre concrete indicazioni sui principi applicati nella decisione stessa e, più in generale, sulla reale portata delle statuizioni in esame.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Anche il più recente arresto della seconda Sezione penale della Corte di Cassazione, la sentenza n. 27023 del 13 luglio scorso (Pres. G. Diotallevi – Rel. L. Agostinacchio), non sfugge a tale considerazione.

Come ormai noto infatti, ai giudici del Palazzaccio è stato sottoposto un caso in cui un soggetto agente, l’autore del presupposto delitto di truffa e autoriciclaggio, aveva impiegato le somme oggetto dei proventi illeciti del suo agire attraverso il loro reinvestimento in operazioni finanziarie mediante l’acquisto, con plurime disposizioni bancarie, di valute virtuali tramite Exchange.

In tal modo, quindi, secondo la magistratura di legittimità, il soggetto agente ha realizzato l’investimento di profitti illeciti in operazioni finanziarie, a fini speculativi, in maniera tale da ostacolare la tracciabilità dell’origine delittuosa del denaro, così risultando colpevole dei reati ascrittigli.

La sentenza in questione, che a ben vedere tratta delle criptovalute in maniera non difforme da qualsiasi altra “utilità” attraverso la quale il reato finanziario o contro il patrimonio può configurarsi, offre diversi spunti per gli operatori del diritto e non solo.

Innanzitutto, è interessante il principio espresso in tema di competenza territoriale, che si è ritenuto di far coincidere con il luogo ove il denaro è stato impiegato: si tratta del luogo della filiale di riferimento del conto corrente acceso dal reo e dal quale sono state impartite, seppur da remoto, le disposizioni di illecito reinvestimento, e ciò in applicazione dell’Art. 8 co.1 C.p.p..

Criptovalute e reato di autoriciclaggio

Quanto alle criptovalute, deve essere sottolineato che, secondo la Corte e diversamente da quanto affermato in senso scandalistico dagli strilloni della notizia, esse si prestano – né più né meno – ad eventuali scopi illeciti allo stesso modo del contante, così come di qualsiasi altro mezzo di pagamento o di scambio di utilità.

Il caso di specie infatti attiene alla specifica attività di reinvestimento di proventi da attività illecita, oltre che al loro occultamento, e non all’utilizzo di per sé delle criptovalute: secondo l’analisi della S.C. infatti, non è (ovviamente) il mezzo a determinare l’illiceità del comportamento, bensì l’impiego di tale mezzo da parte del soggetto agente.

La moneta virtuale, dal punto di vista dell’applicazione analogica della normativa, non può certamente essere esclusa dall’ambito degli strumenti finanziari e speculativi ai fini di una corretta lettura, nella specie, dell’Art. 648 ter co. 1 del Codice penale, ovvero del reato di autoriciclaggio, il quale individua non già un elenco tassativo delle possibili condotte, bensì delinea delle macro aree che possono formare oggetto di sua applicazione, accomunate dalla caratteristica costituita dall’impiego finalizzato al conseguimento di un utile, da parte del reo, laddove quest’ultimo vuol rendere non più riconoscibile la provenienza delittuosa delle somme oggetto di reinvenstimento.

Le criticità nell’uso delle criptovalute

Ancora, la S.C. si sofferma, sì, sul fatto che le valute virtuali possano prestarsi ad agevolare condotte illecite in ragione della possibilità dell’anonimato degli utilizzatori e delle caratteristiche intrinseche delle criptovalute stesse, alcune delle quali strutturate e concepite proprio al fine di rendere anonimo il proprietario degli asset o dei relativi wallet.

Ciononostante, tale riflessione non demonizza l’ecosistema criptovalute in sé, quanto piuttosto individua lucidamente la sussistenza di un ambito di possibilità, per un malintenzionato soggetto agente, che intenda appunto utilizzare le caratteristiche di alcune criptovalute per fini illeciti.

Tra le criticità osservate dalla stessa S.C. infine non può neppure essere taciuta la situazione emersa, se posta in relazione alla normativa antiriciclaggio nazionale ed europea di recente introduzione, laddove i giudici di legittimità hanno, anche in questo caso, rilevato come i nuovi meccanismi di controllo, pur lodevolmente introdotti, non abbiano consentito di evitare il reato contestato.

Conclusioni

Fuor di ogni metafora quindi, anche dalla lettura dell’ultimo – in serie di tempo – degli arresti giurisprudenziali sul tema, si fa sempre più chiara l’idea di come, nel bene o nel male, l’impatto generale derivante dalla sempre più ampia diffusione e adozione dei sistemi basati su registri distribuiti si trovi ancora solamente alla sua fase embrionale, e ciò probabilmente proprio in ragione dell’idea di fondo che ha pervaso il fondatore della più conosciuta di tali applicazioni.

Se è vero infatti che già nello stesso incipit del white paper di Bitcoin, laddove il suo creatore ha affermato, quale mission del progetto, che “Una versione puramente peer-to-peer di denaro elettronico permetterebbe di spedire direttamente pagamenti online da un’entità ad un’altra senza passare tramite un’istituzione finanziaria”, la sfida nei confronti del sistema istituzionale tradizionale è stata lanciata da tempo; per questo, se non altro, non pare aver molto senso dichiararsi oggi fautori o denigratori di un qualcosa che esiste da oltre un decennio, è largamente e sempre maggiormente adottato, occupa ampio spazio sui media e persino nelle aule di giustizia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5