Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ESPERTO RISPONDE

Cloud ibrido: cos’è e perché è utile per l’infrastruttura IT aziendale?

13 Dic 2018

Gaia Rizzato

Trainee Information & Cyber Security presso P4I – Partners4Innovation

Marco Rizzi

Information & Cyber Security Advisor presso P4I – Partners4Innovation


DOMANDA

A cosa ci si riferisce quando si parla di cloud ibrido e come può tornare utile per l’infrastruttura IT dell’azienda?

RISPOSTA

Il cloud ibrido è la “via di mezzo”, ossia quel modello di cloud computing che permette alle aziende di sfruttare i vantaggi di entrambi i modelli cloud (private e public). In un modello di hybrid cloud, l’infrastruttura IT viene mantenuta sia all’interno del data center aziendale sia all’interno di un data center di un service provider: il tutto viene governato con sistemi di gestione e automazione che permettono di condividere le risorse, i dati e i servizi fra i due data center.

L’hybrid cloud rappresenta di fatto una soluzione “su misura” che unisce la sicurezza e l’ambiente a proprio uso esclusivo del cloud privato – per alcune infrastrutture e applicazioni – e lascia invece altre risorse sul cloud pubblico per accedervi quando necessario, per esempio quando c’è un momentaneo bisogno di risorse storage o server aggiuntive, acquistando il servizio tramite cloud pubblico solo per il tempo necessario.

Il cloud ibrido può essere la via ideale per conciliare il controllo dei costi con le esigenze di sicurezza più stringenti ma anche la necessità di poter gestire in modo agile le risorse IT in funzione delle reali esigenze del business.

Mandate i vostri quesiti ai nostri esperti

Quesiti legal: espertolegal@cybersecurity360.it

Quesiti tecnologici: espertotech@cybersecurity360.it

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5