GEOPOLITICA

L’ultima sfida per Apple, il crackdown in Cina: quali impatti e conseguenze

Le nuove leggi e restrizioni che la Cina ha imposto per esercitare il controllo sulle società tecnologiche, in particolare quelle americane, rappresentano una nuova sfida soprattutto per Apple che potrebbe essere costretta a limitare l’offerta di molte applicazioni sul suo app store per iPhone. Quali scenari

Pubblicato il 04 Ott 2023

Gaia D'Ariano

Junior Osint Analyst, Hermes Bay

Luca Marchese

Osint Junior Analyst, Hermes Bay

Apple crackdown in Cina

Negli ultimi anni la Cina ha intensificato i suoi sforzi per esercitare il controllo sulle società tecnologiche americane, implementando nuovi divieti e restrizioni. Infatti, secondo quanto riferito dal Ministero dell’Industria e dell’Informazione Tecnologica cinese, sono state emesse nuove regole che potrebbero limitare il colosso americano Apple dall’offrire molte applicazioni straniere sul suo app store per iPhone in Cina.

In particolare, tali regole non mirano specificamente ad Apple, ma farebbero parte di uno sforzo più ampio che Pechino sta intraprendendo per rafforzare le normative sulla censura e sulla sicurezza dei dati.

La Cina si rafforza nella sicurezza informatica: quali cyber rischi comporta il ruolo crescente della superpotenza

Il possibile crackdown di Apple in Cina

La mossa della Cina di limitare le app colmerebbe una lacuna nel GreatFirewall – il pacchetto di normative internet in Cina – che finora è stata sfruttata dagli utenti di iPhone cinesi per scaricare le popolari app di social media occidentali come Instagram, YouTube e Whatsapp attraverso reti private virtuali (VPN).

Le normative GreatFirewall sono in vigore dal 2006, e hanno il fine di bloccare l’accesso a molti siti web ed app straniere. Ad esse si aggiunge ora il nuovo pacchetto di norme, che viene interpretato come un’estensione del sistema di registrazione esistente richiesto ai siti web per operare legalmente in Cina.

In questo ambito interviene l’uso delle VPN, che permettono agli utenti cinesi di navigare nei siti e scaricare le app vietate nel Paese: secondo le stime pubblicate da Sensor Tower, in Cina le applicazioni di Instagram, X, Facebook, YouTube e Whatsapp sono state scaricate dall’app store di Apple più di 170milioni di volte negli ultimi dieci anni.

Piattaforme come X sono state anche utilizzate per diffondere informazioni e video di proteste contro le regole Covid imposte dalla RPC in tutto il suo territorio.

La decisione del Ministero dell’Informazione Tecnologica comporterebbe, per Apple, l’impossibilità di fornire tali piattaforme nel suo app store in Cina a partire dal luglio 2024, a meno che gli operatori non si registrino presso il governo, come richiesto dalle nuove regole emanate.

Secondo gli analisti, sarà molto difficile che gli operatori americani si registrino presso il governo cinese, a causa delle preoccupazioni relative al trasferimento dei dati e alle limitazioni imposte dalla censura.

Possibili impatti dell’uscita di Apple dalla Cina

Tuttavia, i vincoli presentati da questa nuova norma costituiscono solo una delle sfide che Apple dovrà affrontare in Cina, dove vi è il 95% della produzione di iPhone, AirPods, Mac e iPod e circa il 20% delle sue vendite globali.

La Cina è considerata infatti uno dei più grandi mercati di Apple: nel 2022 il mercato cinese ha contribuito per circa 74 miliardi di dollari di entrate per il colosso americano.

Allo stesso tempo, l’area detta Grande Cina – ossia Cina, Hong Kong e Taiwan – costituisce il terzo mercato più grande per Apple, avendo rappresentato, lo scorso anni, il 19% delle sue vendite, pari a 394 miliardi di dollari.

Sia la Cina che gli Stati Uniti hanno adottato misure per ridurre la loro reciproca dipendenza economica, dando sempre priorità alle preoccupazioni per la sicurezza nazionale sugli investimenti e sul commercio.

Qualora la Apple decidesse di trasferire la sua produzione negli Stati Uniti o in un altro Paese, incontrerebbe degli ostacoli economici imposti dalla Cina, poiché entrambe le nazioni stanno attuando delle politiche interne per ottenere un vantaggio nella produzione avanzata di semiconduttori, essenziali per lo sviluppo di settori tecnologici chiave come l’IA.

Ad esempio, Pechino, produttore ed esportatore più dell’80% di gallio e germanio, ha imposto delle restrizioni all’esportazione di tali metalli, indispensabili per produrre chip per computer e altri dispositivi.

Allo stesso tempo il Paese ha intensificato i suoi sforzi pianificando, da un lato, la sospensione dell’uso dei prodotti Apple nelle agenzie ed aziende sostenute dal governo nazionale, dall’altro, finanziando le aziende tecnologiche autoctone, tra cui Huawei.

Lo scopo di queste misure sarebbe “limitare l’uso personale di iPhone, che potrebbero accedere alle reti locali e raccogliere dati ambientali, si allinea con l’impegno del governo per rafforzare la sicurezza informatica”, ha affermato Chim Lee, analista cinese dell’Economist Intelligence Unit.

Sicurezza nazionale, nuovo fronte di scontro USA-Cina

Dunque, la Cina e gli Stati Uniti vedono le loro rispettive aziende tecnologiche come potenziali rischi per la sicurezza, in quanto potrebbero fornire l’accesso backdoor ai dati sensibili e alle infrastrutture governative. Washington ha anche vietato alle imprese statunitensi di fare affari con numerose aziende tecnologiche cinesi, tra cui Huawei, limitando anche le esportazioni di chip e tecnologia avanzata statunitense in Cina.

Il divieto di Pechino ha allertato anche le società occidentali che operano in Cina, come dimostrano anche i raid della polizia contro le imprese straniere – il più recente al gruppo Mintz – e le recenti leggi anti-spionaggio che limitano le capacità di concludere accordi con le aziende ed accedere alle informazioni.

L’ambiente di sicurezza sempre più teso si trova al vertice di una serie di sfide che le società dovranno affrontare, tra cui la ricaduta economica della pandemia, il furto di proprietà intellettuale, la discriminazione del governo a favore dei concorrenti nazionali e le questioni normative.

Alcuni analisti hanno suggerito che le limitazioni di Pechino nei confronti di Apple facessero parte di una strategia “tit for tat” utilizzata a seguito delle restrizioni imposte a Huawei da parte degli Stati Uniti.

Infatti, quest’ultimi hanno vietato l’approvazione di nuove apparecchiature di telecomunicazione da parte delle società cinesi Huawei e ZTE poiché rappresentano un rischio per la sicurezza nazionale.

Pechino, da parte sua, ha risposto imponendo agli operatori di alcune importanti infrastrutture di cessare gli acquisti di beni dal produttore di chip statunitense Micron Technology con l’obbiettivo di essere più autosufficienti nella realizzazione di semiconduttori.

Secondo Yao-Yuan Yeh, professore di studi internazionali presso l’Università statunitense di St Thomas, il Partito Comunista Cinese intende creare un ambiente economico solido all’interno del quale un’azienda come, per esempio, Huawei possa facilmente esportare i suoi prodotti nel mondo e, allo stesso tempo, i consumatori cinesi scelgano sempre gli smartphone Huawei invece che gli iPhone.

Secondo l’esperto, il nazionalismo è in aumento in Cina negli ultimi anni, in particolare nel contesto della crescente concorrenza con gli Stati Uniti. “Ora c’è un sacco di gente che dice che se ami la Cina acquisti da Huawei e se acquisti un iPhone, sei un traditore”.

Quale bilanciamento tra privacy e richieste del governo cinese

Tuttavia, nonostante le sfide poste dalle nuove leggi e restrizioni della Cina, la posizione di Apple nel paese asiatico dovrebbe rimanere forte, continuando ad essere un marchio premium per il mercato cinese grazie ai suoi prezzi elevati, alla qualità del prodotto e all’ecosistema chiuso.

Inoltre, qualsiasi crollo delle vendite potrebbe potenzialmente essere compensato dalla continua espansione di Apple nei mercati emergenti come l’India. L’espansione in questo Paese, infatti, è una mossa strategica accelerata dall’escalation delle tensioni tra Stati Uniti e Cina.

Mentre Apple attraversa queste sfide, resta da vedere come l’azienda bilancerà il suo impegno per la privacy degli utenti e la sicurezza dei dati con le nuove esigenze imposte dal governo di Pechino.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3