SICUREZZA NAZIONALE

Cyber Solidarity Act, primo OK dal Consiglio UE: lo scudo informatico europeo prende forma

Prosegue il rafforzamento della solidarietà e delle capacità dell’Unione europea nel rilevamento delle minacce informatiche: il Consiglio UE ha dato il suo primo ok al Cyber Solidarity Act, avviando così i negoziati per l’approvazione del regolamento e la realizzazione dello scudo informatico unitario. I punti salienti

Pubblicato il 04 Gen 2024

D
Alessandro D’Ascenzo

Osint Junior Analyst, Hermes Bay

I rappresentanti degli Stati membri (Coreper) hanno raggiunto una posizione comune sulla proposta di regolamento presentata dalla Commissione europea il 18 aprile 2023: il Cyber Solidarity Act (CSA) prevede di rafforzare la solidarietà e le capacità dell’Unione europea nel rilevamento delle minacce e degli incidenti di cyber sicurezza, oltre che la preparazione e la risposta agli stessi attraverso la creazione di un cyberscudo europeo e un meccanismo globale per le emergenze.

Cyber Solidarity Act, così l’Europa diventerà resiliente e “solidale” contro i cyber attacchi

Uno scudo informatico europeo

In base alle recenti statistiche degli attacchi cyber perpetrati nei sistemi informatici, si evince la necessità di rafforzare il sostegno e la capacità dell’Unione Europea nel rilevamento delle minacce e degli incidenti di cybersicurezza.

WEBINAR
5 Marzo 2024 - 12:00
Protezione rapida dell'infrastruttura IT: i passaggi da realizzare in una situazione di minaccia
Datacenter Infrastructure Management
Cybersecurity

L’origine della proposta legislativa è multipla e origina già dal dicembre 2020 quando l’UE ha adottato le misure per la cyber sicurezza, includendo scudo informatico europeo.

Successivamente nel marzo 2022 i ministri degli Stati membri dell’UE, responsabili delle telecomunicazioni, hanno partecipato ad un incontro tenutosi a Nevers, nel quale è stata espressa la volontà che l’UE si preparasse adeguatamente ad affrontare gli attacchi informatici su larga scala.

Infine, nel maggio 2022, sulla posizione relativa alla deterrenza informatica, il Consiglio ha sottolineato l’esigenza di affrontare le lacune delle risposte e della preparazione agli attacchi informatici, spronando così la Commissione a presentare una proposta su un nuovo fondo di risposta alle emergenze di cybersicurezza.

Cyber Solidarity Act: il meccanismo di cooperazione UE si rafforza

La proposta di regolamento del CSA è stata accettata dal Coreper convalidando, da una parte, alcuni aspetti e dall’altra modificandone altri rispetto alla proposta originaria della Commissione.

Tale punto d’incontro raggiunto permette di portare a compimento il Cyber Solidarity Act, consentendo la creazione di nuovi strumenti in grado di intensificare il meccanismo di cooperazione che deve esistere all’interno del panorama europeo, rendendolo più resiliente e reattivo.

Il Ministro spagnolo della Trasformazione digitale, José Luis Escrivá, ha espresso il suo pensiero in materia, affermando che “l’accordo è un altro passo verso il miglioramento della resilienza informatica in Europa. Rafforzerà certamente le capacità dell’UE e degli Stati membri di prepararsi alle minacce e agli attacchi informatici su vasta scala, di prevenirli, di rispondervi e di riprendersi dagli stessi in modo più efficiente ed efficace”.

Il punto cardine è la realizzazione dello scudo informatico UE

Il punto cardine del regolamento è la realizzazione dello scudo informatico, il cosiddetto European Cyber Shield, un’infrastruttura composta dai Centri Operativi di Sicurezza – Security Operations Centre (SOC) – di tutta l’Unione europea, riuniti in diverse piattaforme SOC multinazionali finanziate dal programma “DigitalEurope”, il cui compito sarà quello di migliorare il rilevamento, l’analisi e la risposta alle minacce cyber.

I SOC saranno autorizzati ad utilizzare le tecnologie avanzate, come l’intelligenza artificiale, per analizzare i dati e condividere i riscontri sui possibili attacchi con le autorità transfrontaliere.

A loro volta, queste e gli enti competenti saranno capaci di fronteggiare in modo più efficiente ed efficace i gravi incidenti cibernetici. Saranno effettuati dei test sulle realtà maggiormente a rischio come la finanza, l’energia e l’assistenza sanitaria al fine di evidenziare le potenziali debolezze che potrebbero renderli vulnerabili.

Inoltre, con l’assistenza reciproca tra gli Stati membri, verrà istituita una riserva dell’UE per la cyber sicurezza con la quale, in caso di un incidente informatico, sarà possibile dotare di servizi di risposta, procurati dai fornitori privati, i Paesi maggiormente colpiti.

I criteri di selezione di questi fornitori affidabili non sono ancora noti, ma i giganti europei della sicurezza, come Atos, Thales, WithSecure e BitDefender sono i candidati più probabili.

Obiettivo: accrescere il numero di esperti qualificati

Al suo interno il progetto include anche la creazione di un meccanismo di revisione degli incidenti informatici, chiamato Cybersecurity Incident Review Mechanism, il quale è in grado di effettuare una valutazione sugli attacchi informatici significativi che hanno avuto un impatto su larga scala, per trarne le dovute lezioni e, se il caso lo richiedesse, di emettere raccomandazioni per migliorare la resilienza e la posizione cyber dell’UE.

Su richiesta della Commissione o delle autorità nazionali, l’Agenzia europea per la cybersicurezza (ENISA) dovrà riesaminare specifici incidenti di sicurezza informatica, consegnando poi una relazione all’interno della quale verranno spiegati gli insegnamenti tratti e le raccomandazioni e best practices necessarie per una futura risposta dell’UE più significativa.

Parallelamente al CSA, verrà istituita anche una Cybersecurity Skill Academy – Accademia europea di competenze cybersecurity – con l’obiettivo di accrescere il numero di esperti qualificati, colmando il gap di competenze tra gli Stati membri.

Cyber Solidarity Act: come si è arrivati all’ok del Consiglio UE

Il 5 ottobre 2023, la Corte Europea dei Conti (ECA) ha formulato il proprio parere sul CSA, evidenziando il rischio che i meccanismi previsti non siano economicamente sostenibili nel lungo periodo, oltre a rendere più difficile la condivisione di informazioni e più complesso il panorama europeo sulla cyber security, rimandando di fatto la proposta a nuove discussioni e modifiche.

Le discussioni, terminate il 20 dicembre 2023, hanno visto la prima approvazione del progetto da parte del Consiglio UE che ha mantenuto l’orientamento generale proposto dalla Commissione, emendandolo con una terminologia più accurata.

Si è trattato di adeguare alcune definizioni a quelle di altre normative, in particolare per quanto riguarda i SOC e il Cyber Shield, e sottolineare la natura volontaria della partecipazione degli Stati membri ai meccanismi istituiti.

Gli altri cambiamenti che sono stati apportati hanno riguardato l’oggetto e l’ambito di applicazione; quindi, misure di risposta e recupero migliorate dal linguaggio utilizzato; il ruolo dell’ENISA rafforzato e chiarito in tutto il testo ed infine ulteriori miglioramenti per gli appalti, i finanziamenti e la condivisione di dati.

Conclusioni

A questo punto la posizione comune adottata dal Consiglio permette di avviare i negoziati con il Parlamento Europeo, insieme ad alcuni rappresentanti del Consiglio e della Commissione, per l’approvazione in seduta plenaria, della legislazione proposta.

Il bilancio totale per tutte le azioni nell’ambito del Cyber Solidarity Act dell’Ue è di 1,1 miliardi di euro, di cui circa due terzi saranno finanziati dall’Ue attraverso il programma “Digital Europe”.

WHITEPAPER
Le strategie che fanno bene al business e alla cyber security
Cybersecurity
Disaster recovery
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5