PA DIGITALE

Cloud nazionale e sicurezza dei dati, sarà l’ACN a “qualificare” i servizi per la PA

Il prossimo 19 gennaio ci sarà il passaggio di competenze sulla qualificazione dei servizi cloud per la PA da AgID all’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale: l’obiettivo è quello di rafforzare la cyber resilienza del Paese garantendo sicurezza, efficienza e indipendenza di dati e applicazioni

Pubblicato il 05 Gen 2023

A
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

R
Martina Rossi

Analyst, Hermes Bay

Il 2 gennaio 2023, il Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale (ACN) Roberto Baldoni ha emanato il Decreto direttoriale prot. N. 29: secondo quanto stabilito dal provvedimento, a partire dal 19 gennaio 2023, la qualificazione dei servizi cloud usati dalla Pubblica Amministrazione diventerà di competenza dell’ACN, la quale subentrerà all’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

Dall’entrata in vigore del Decreto, fino al 31 luglio 2023, è previsto un regime transitorio che ha lo scopo di garantire la continuità dei servizi qualificati già in uso dalle amministrazioni.

Con l’avvio del regime ordinario, dal primo agosto, cambieranno le modalità per l’invio di istanze di qualificazione per un servizio o per un’infrastruttura dei servizi cloud: subentrerà una nuova procedura di qualificazione online, che sarà disponibile nella piattaforma web ACN dedicata.

Data Act, c’è un nuovo testo di compromesso. Obiettivo: interoperabilità tra servizi cloud

Cosa cambia per la qualificazione dei servizi cloud per la PA

In forza del nuovo Decreto, le qualificazioni concesse secondo il regime transitorio saranno valide fino alla data del 18 gennaio 2024 per i fornitori di servizi cloud già qualificati, i quali potranno beneficiare del livello di qualificazione corrispondente al trattamento di dati e ai servizi di natura ordinaria (art. 2, co. 5, lett. a).

WHITEPAPER
Cloud: 8 punti per scoprire subito se serve alla tua azienda
Cloud
Cloud storage

Secondo quanto riportato all’articolo 2, comma 3, a partire dal 19 gennaio 2023 i fornitori di un servizio già qualificato potranno altresì richiederne la promozione ad un livello superiore dichiarando l’avvenuta attuazione delle misure previste per il nuovo livello di qualificazione richiesto, ai sensi della Determina n. 307 dell’ACN del 18 gennaio 2022.

In caso di avvio di una nuova qualificazione durante il regime transitorio, ovvero entro il 31 luglio, le aziende possono comunicare ad ACN, via PEC, l’avvenuta attuazione delle misure previste dalla determina ACN n. 307 del 18 gennaio 2022. Tale qualificazione, in caso di verifica positiva da parte dell’Agenzia, sarà valida per un anno dalla data di concessione.

Durante questo periodo, l’Agenzia vigilerà circa la conformità delle infrastrutture e dei servizi cloud ai livelli di sicurezza autocertificati, in particolare a seguito di incidenti significativi. Entro la scadenza della qualifica transitoria, per poter continuare il trattamento dei dati, l’azienda dovrà acquisire, a partire dal 1° agosto 2023, la qualifica ACN adeguata alla tipologia di dati che intende trattare.

Con le stesse modalità previste al comma 3, sarà inoltre possibile richiedere la qualificazione di un Servizio o di una Infrastruttura dei Servizi Cloud privi di qualifica in corso di validità.

Le qualificazioni concesse secondo quanto previsto dal regime transitorio sono inserite nel Marketplace Cloud di AgID, ovvero la piattaforma che espone i servizi e le infrastrutture da essa qualificate, secondo quanto disposto dalle Circolari AgID n. 2 e n. 3 del 9 aprile 2018. Le Circolari disciplinano rispettivamente i criteri per la qualificazione dei Cloud Service Provider (CSP) per la PA ed i criteri per la qualificazione di servizi SaaS (Software as a Service) per il Cloud della PA.

Sulla base di quanto disciplinato dal Decreto direttoriale all’articolo 2, comma 1, a partire dal 19 gennaio 2023 quindi, le infrastrutture dei Cloud Service Provider (CSP) e i servizi cloud in possesso di qualifica valida, rilasciata entro il 18 gennaio 2023 dall’AgID ai sensi delle Circolari di cui sopra, si intenderanno qualificati secondo il modello che fa riferimento alla Determina dell’ACN n. 307/2022 (art.2, co. 1).

I criteri di qualificazione dei servizi cloud per la PA

Si intendono qualificati secondo il modello di cui sopra:

  1. le infrastrutture dei CSP attualmente qualificati come tipo A, B oppure C ai sensi della Circolare AgID n. 2 del 9 aprile 2018, definite come Infrastrutture dei servizi cloud di livello 1 (qualificazione infrastruttura di livello 1 – “QI1”) (lett. a);
  2. i servizi attualmente qualificati come Infrastructure as a Service (IaaS) ai sensi della circolare AgID n. 2 del 9 aprile 2018, definiti come “Servizio Cloud” di livello 1 (“QC1”) e tipologia di servizio “IaaS” (lett. b). Si tratta di servizi cloud in cui le funzionalità cloud offerte sono di tipo infrastrutturale e consentono al CSP di disporre autonomamente in modo programmatico di risorse di computing, di storage e networking;
  3. i servizi attualmente qualificati come Platform as a Service (PaaS) ai sensi della circolare AgID n. 2 del 9 aprile 2018, definiti come “Servizio Cloud” di livello 1 (qualificazione cloud di livello 1 – “QC1”) (lett. c) e tipologia di servizio “PaaS”. Con questa categoria si intendono dei servizi cloud in cui le funzionalità cloud offerte sono di tipo programmatico ovvero il Cloud Service Consumer (CSC) può amministrare, dispiegare ed eseguire applicazioni Cloud utilizzando uno o più linguaggi di programmazione, uno o più ambienti di sviluppo/esecuzione supportati dal CSP e i relativi componenti software a corredo;
  4. i servizi attualmente qualificati come Software as a Service (SaaS) ai sensi della circolare AgID n. 3 del 9 aprile 2018, definiti come “Servizio Cloud” di livello 1 (“QC1”) e tipologia di servizio “SaaS” (lett. d). Questi ultimi comprendono dei servizi fully-managed in cui il CSP si occupa della predisposizione, configurazione, messa in esercizio e manutenzione del sistema (attraverso un’infrastruttura cloud propria o di terzi), lasciando al fruitore del servizio il solo ruolo di utilizzatore delle funzionalità offerte.

Le qualificazioni QI1 e QC1, concesse secondo il regime transitorio, consentiranno, in deroga alle previsioni della Determina n. 307/2022 dell’ACN, di trattare anche i dati “critici” e “strategici” della PA fino al 30 aprile 2023 (art. 2, co.2).

Secondo quanto disciplinato dai commi 6 e 7 dell’articolo 2, le Pubbliche Amministrazioni che, alla data del 19 gennaio 2023, avranno affidato a fornitori di servizi cloud dati e servizi che sono stati classificati e convalidati come “critici” o “strategici”, dovranno informare del nuovo percorso i fornitori entro il 28 febbraio 2023, di modo che questi, se interessati, potranno provvedere ad ottenere il necessario livello di qualifica per trattare tali dati e servizi, non più tardi del 30 aprile 2023.

Sempre entro il 28 febbraio, le amministrazioni dovranno inviare una PEC all’ACN con i dettagli dei dati e dei servizi interessati dalla fornitura.

Il nuovo ruolo dell’ACN

Il comma 8 disciplina che, successivamente al rilascio delle qualifiche, l’ACN potrà svolgere delle verifiche al fine di accertare il possesso e il mantenimento dei requisiti definiti dall’Allegato 1 della Determina n. 307/2022, in relazione alla tipologia e al livello di qualificazione.

Nel caso in cui dovessero emergere violazioni nel rispetto dei requisiti prescritti, l’ACN potrà diffidare il fornitore di modo che questo provveda al rispetto degli stessi. Se ciò non dovesse avvenire, sarà possibile intervenire con la sospensione o la revoca della qualifica posseduta.

La Determina n. 307 del 2022 ha rappresentato un passaggio molto importante nel percorso di migrazione verso il cloud delle Pubbliche Amministrazioni italiane. Con questo atto, l’ACN ha disposto, in collaborazione con il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri, le modalità per la classificazione dei dati e dei servizi pubblici e i requisiti per le tipologie di qualificazione dei servizi cloud della PA.

L’Italia è risultata essere tra i primi Paesi europei a adottare un modello finalizzato a facilitare il settore pubblico nella procedura di classificazione, in ottemperanza con quanto previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e dalla Strategia Nazionale di Cybersicurezza.

Conclusioni

Con il nuovo percorso di qualificazione cloud per la PA implementato dal Decreto direttoriale 29/2023, sarà quindi possibile avere accesso ad una qualificazione semplificata che si ritiene possa rendere più sicura l’acquisizione dei servizi cloud da parte delle amministrazioni. Saranno inoltre garantiti adeguati livelli di sicurezza per i servizi e i dati della PA, con un innalzamento della qualità e dell’affidabilità dei fornitori di servizi cloud.

Questo percorso è stato avviato in linea con le indicazioni della Strategia Nazionale di Cybersicurezza e con quanto previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per accompagnare circa il 75% delle PA italiane nella migrazione verso il cloud.

WHITEPAPER
Come abilitare elevati standard di sicurezza, crittografia e monitoraggio dei dati?
Datacenter
Datacenter Infrastructure Management
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5