TECNOLOGIA E SICUREZZA

Più sicuro, veloce ed economico: ecco l’approccio workload-first per un mix multi-cloud perfetto

Le aziende moderne hanno la necessità di gestire una complessa serie di servizi e carichi di lavoro che si estendono sempre più su cloud e sedi periferiche. Questa dinamica, in continua evoluzione, influisce su dove e come vengono distribuiti i carichi di lavoro cloud e sul numero di soluzioni presenti sul mercato da tenere in considerazione

Pubblicato il 16 Dic 2022

C
Luca Collacciani

Head of Cloud Computing EMEA di Akamai

L’approccio multi-cloud non è una novità (l’87% delle imprese europee utilizza molteplici piattaforme di cloud pubblico. Fonte: Forrester) e le aziende hanno trasferito i carichi di lavoro su hyperscaler cloud da oltre un decennio. Più di recente sono emerse opzioni più efficienti che offrono costi inferiori, maggiore agilità e maggiore semplicità per adattarsi a nuovi carichi di lavoro e integrare quelli esistenti, tenendo sempre in primo piano la sicurezza dei dati.

Sebbene possa sembrare complicato orientarsi tra le varie offerte cloud esistenti e trovare il giusto compromesso tra le offerte maggiormente in linea con gli obiettivi di business delle aziende, i vantaggi possono essere notevoli.

Anziché distribuire arbitrariamente i carichi di lavoro sui vari cloud disponibili, sarebbe invece utile analizzare i carichi di lavoro e ciò di cui hanno bisogno per funzionare al meglio possibile.

Ecco cosa valutare nella configurazione del proprio set up multi-cloud, comprese le funzionalità più adatte a sostenere carichi di lavoro particolari, mettendo al primo posto le proprie esigenze e quelle dei clienti.

AAA cyber resilienza cercasi. Così le aziende possono resistere e crescere

Dimensioni e sicurezza

Le piattaforme cloud richiedono una portata globale, una notevole capacità di rete in uscita e un’elevata sicurezza dei dati per tenere il passo con la rapida crescita della portata e della complessità delle applicazioni, oltre che dei carichi di lavoro aziendali.

WHITEPAPER
Gartner: l’iperautomazione tra i principali trend tecnologici
CIO
Cloud

In un’economia globale, le aziende necessitano di poter scalare le applicazioni istantaneamente al fine di rispondere alla domanda e alle aree geografiche con risorse di calcolo e di storage locali. Inoltre, è fondamentale anche poter distribuire i carichi di lavoro sull’edge, avvicinando i dati ai consumatori finali delle applicazioni.

Le minacce alla sicurezza informatica continuano a preoccupare tutte le aziende mentre i criminali informatici mirano a sfruttare i punti deboli del cloud. Tutte le applicazioni aziendali, come i sistemi HR, payroll e di posta elettronica, nonché i backup e tutti gli strumenti che facilitano la collaborazione interna e l’interazione umana diffusa sono a rischio quando si tratta di cyber security e potenziali violazioni.

Una piattaforma cloud che utilizza un’architettura Zero Trust garantisce che agli utenti sia concesso solo l’accesso necessario per svolgere compiti specifici e può mitigare l’impatto che le minacce informatiche possono avere su un’organizzazione.

Un approccio Zero Trust gestisce il controllo e la segmentazione degli accessi, la protezione DDoS e la sicurezza delle applicazioni, riducendo il livello di rischio potenziale grazie al numero di utenti che hanno accesso ai dati sensibili.

La scelta di un provider cloud altamente sicuro per la gestione dei carichi di lavoro più sensibili rappresenta un’ottima scelta aziendale e può far parte di un mix multi-cloud diversificato e adatto alle proprie esigenze aziendali.

Adottando un approccio orientato al carico di lavoro, non sarà più necessario adattare le esigenze aziendali a ciò che uno o due fornitori di cloud sono in grado di offrire. Questo approccio consente di mettere al primo posto le priorità dei clienti e di trarre vantaggio da un’ampia offerta di fornitori in grado di soddisfare i diversi bisogni, senza doversi preoccupare di processi complessi o di costi elevati. Quando si parla di cloud, more is more.

Semplicità d’uso per gli sviluppatori

Le aziende iniziano a comprendere che l’esperienza degli sviluppatori – così come la loro produttività – sono fattori fondamentali nel successo aziendale nel cloud, alla pari di altri aspetti fondamentali come le prestazioni, la sicurezza, i costi, i servizi e la footprint globale. Ciò significa che un’esperienza centrata sullo sviluppatore è una componente essenziale per una configurazione aziendale multi-cloud efficiente.

Gli sviluppatori sono la forza trainante dell’economia digitale moderna. Per loro le piattaforme su cui distribuiscono le app devono essere semplici da usare, agevoli e programmabili e non apprezzano eventuali ostacoli che possano pregiudicare la propria capacità di distribuire il codice: il supporto agli sviluppatori è di fatto un fattore importante da tenere in considerazione nella scelta stessa del cloud.

Un’offerta a misura di sviluppatore dovrebbe includere toolkit aperti, API, PaaS facilmente integrabili, componenti aggiuntive di terze parti pre-integrate e un supporto tecnico affidabile, certificato e competente. Questa facilità d’uso consente una certa flessibilità e permette al team DevOps di condurre test di carico delle applicazioni e di eseguire carichi di lavoro di base containerizzati senza interruzioni.

Trasparenza e flessibilità dei costi

A fronte delle crescenti pressioni economiche e delle prospettive di incertezza per il 2023, le aziende cercano di risparmiare sui costi ove possibile. Si prevede che la spesa degli utenti finali a livello mondiale per i servizi cloud pubblici crescerà del 20,4% quest’anno, per un totale di 494,7 miliardi di dollari, e questa stima dovrebbe raggiungere quasi 600 miliardi di dollari nel 2023 (Fonte: Gartner).

Ciò rende evidente l’importanza di usufruire di piattaforme selezionate che operino in modo più intelligente – non più complesso – e dimostra che avvalersi di un unico fornitore di cloud non è, tendenzialmente, la soluzione più efficace dal punto di vista dei costi. L’approccio multi-cloud consente di selezionare soluzioni ottimali per ogni carico di lavoro, offrendo a sviluppatori e progettisti la flessibilità di cui hanno bisogno ed evitando costi elevati per i servizi non adatti ai carichi di lavoro.

Le offerte cloud da tenere d’occhio quando si acquistano carichi di lavoro di questo tipo sono quelle che offrono prezzi predicibili, ambienti di semplice utilizzo per gli sviluppatori – che consentono di incrementare e ridurre le proprie dimensioni facilmente – e punti di presenza (PoP) globali.

I carichi di lavoro che possono facilmente maturare costi elevati a causa dell’alto numero di operazioni in uscita sono quelli che richiedono elevate prestazioni, bassa latenza e intensità di esecuzione, come i giochi e lo streaming video. L’utilizzo di una piattaforma cloud legata a una CDN può alleggerire questo carico e consentire una scalabilità efficiente nei momenti di picco.

Analogamente, alcuni carichi di lavoro non richiedono una piattaforma cloud sempre attiva, il che significa che sono più adatti ad un’offerta che può essere attivata e disattivata quando e dove serve, senza impegni di utilizzo o costi onerosi. I carichi di lavoro che si prestano a una maggiore flessibilità sono quelli che richiedono portabilità e/o modelli di utilizzo periodici, come i test di carico, l’elaborazione dei dati, la transcodifica e il disaster recovery, nonché i carichi di lavoro che devono essere distribuiti in aree geografiche specifiche.

Maggiore attenzione alle prestazioni

Assicurarsi che l’ambiente di cloud computing funzioni efficacemente ove necessario, sempre e ovunque è fondamentale, in quanto le prestazioni influenzano la percezione del cliente e di conseguenza questo può avere un impatto diretto sui profitti dell’azienda.

Alcuni carichi di lavoro particolarmente sensibili alle prestazioni sono l’elaborazione dei dati, le comunicazioni e gli aggiornamenti dei punteggi in tempo reale, lo streaming video e la distribuzione di API. Questi carichi di lavoro hanno spesso un impatto immediato sui tempi e i consumatori non sono disposti a tollerare ritardi o lunghe attese. Ecco perché quando si acquista un carico di lavoro ad alta intensità di prestazioni, bisognerebbe rivolgersi a provider cloud che offrano interconnettività, routing Internet ottimizzato, PoP globali e bassa latenza.

WHITEPAPER
Cloud: 8 punti per scoprire subito se serve alla tua azienda
Cloud
Cloud storage
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5