SOLUZIONI DI SICUREZZA

Endpoint e Threat Protection: la soluzione per migliorare la security posture aziendale

Nell’approntare il corretto approccio aziendale alla cyber security, al fine di raggiungere un livello di sicurezza sufficientemente elevato, è opportuno adottare soluzioni di Endpoint e Threat Protection. Ecco le best practice per una scelta corretta

Pubblicato il 02 Mar 2020

C
Dario Castrogiovanni

BluTeamer/Pentester per Cuebiq

V
Gianluca Veltri

RedTeamer/Pentester per Cuebiq

Uno dei pillar fondamentali da valutare a fondo per il corretto approccio aziendale alla cyber security e che concorre a garantire un livello di sicurezza sufficientemente elevato, sono le soluzioni di Endpoint e Threat Protection.

L’endpoint protection costituisce la prima linea difensiva interna che un attaccante deve superare al fine di poter compromettere una macchina e successivamente poter effettuare movimenti laterali all’interno della rete aziendale.

Come troppo spesso accade, invece, molte aziende utilizzano un approccio alla security basato meramente su checklist, con il solo scopo di essere compliant a standard di terze parti che definiscono i criteri minimi necessari affinché ci si possa ritenere al sicuro dalle minacce sempre più in crescente evoluzione.

Quasi sempre questi standard si concentrano sulla presenza di soluzioni di difesa perimetrale (firewall, IPS ecc.) – che sicuramente sono di notevole importanza – trascurando che la minaccia possa presentarsi dall’interno o possa giungere dall’esterno, avvalendosi di tecniche di social engineering, andando a colpire l’anello debole della catena: le persone.

Per tale ragione, siamo sempre più convinti che ciascuna realtà aziendale, che sia piccola o di grandi dimensioni, debba soprattutto investire su risorse che abbiano un mindset sia offensivo che difensivo e sfruttare queste competenze al fine di proteggere in maniera proattiva ed efficace i propri asset, le proprie informazioni e di conseguenza il proprio business.

È ovvio che affidare la propria sicurezza ad un solo strumento possa essere estremamente riduttivo se non addirittura pericoloso. Come infatti qualsiasi esperto del settore della cyber security sa, la sicurezza si ottiene come prodotto di diversi fattori tra cui l’attuazione di procedure, lo sfruttamento di competenze, l’utilizzo di strumenti di sicurezza, una visione d’insieme del perimetro e dei punti di accesso di cui un’azienda dispone.

Limitarsi all’implementazione di uno stack di prodotti commerciali, avendo come fine ultimo il completamento di una checklist, può dare un falso senso di sicurezza che un attaccante attento e dotato di skills tecniche può facilmente superare.

Soluzioni di Endpoint e Threat Protection: la soluzione giusta

I metodi per arrivare a compromettere un obiettivo sono molteplici e vanno, ad esempio, dall’utilizzo di una vulnerabilità nota sfruttata su una web application pubblicamente esposta, a scenari di social engineering che fanno leva sulla poca istruzione e consapevolezza delle persone su tematiche di security, sino ad arrivare, in caso di Threat Actor dotati di skills avanzate, allo sfruttamento di vulnerabilità 0-day. Nel corso della nostra esperienza lavorativa, abbiamo investito una buona quantità di tempo nella scelta di una soluzione di Endpoint e Threat Protection sofisticata.

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity

Abbiamo accuratamente valutato le diverse opzioni disponibili sul mercato, incrociando i dati forniti dai vendor con valutazioni di terze parti. In particolare, abbiamo utilizzato il quadrante Gartner, ritenuto dagli esperti del settore una fonte di valutazione assolutamente affidabile da prendere in considerazione durante la scelta di un prodotto IT/Security.

Pur basandoci su framework e standard noti nel settore, abbiamo impostato un approccio Red – Blue Team, cercando di verificare la resilienza della soluzione implementata mediante l’utilizzo di tecniche sufficientemente avanzate, come nel caso di un Threat Actor reale. Il risultato è stato sorprendente.

In passato l’approccio principale utilizzato dai software antimalware era di tipo signature-based, ovvero i campioni dei file malevoli venivano identificati mediante unasignature, tipicamente un hash.

Tuttavia, modificando opportunamente l’eseguibile malevolo adoperando tecniche di offuscamento si riusciva agevolmente ad effettuare il bypass della soluzione di protezione.

Col passare del tempo l’industria antimalware ha concepito ed introdotto diversi altri approcci tra cui:

  1. l’analisi euristica, che analizza i vari frammenti di codice e li confronta con codici di malware noti presenti all’interno di un database euristico. Se una certa porzione del sorgente analizzato corrisponde a uno o più frammenti presenti nel database, questo viene riconosciuto come malevolo;
  2. l’utilizzo di sandbox, che prevede di eseguire il software malevolo all’interno di un ambiente isolato ed osservarne il comportamento prima di stabilire se si tratti o meno di software legittimo.

Negli ultimi anni gli antimalware stanno sempre di più spostandosi su approcci innovativi come:

  1. Application Whitelisting, che prevede di confrontare il software eseguito con una lista di software conosciuti come legittimi e bloccare tutto ciò che non è noto. Sebbene questa tecnica sia efficace ha lo svantaggio di essere molto restrittiva;
  2. IA (Intelligenza Artificiale/Machine Learning), che prevede l’uso di intelligenza artificiale per scremare i software legittimi costruendo prima di tutto una baseline di funzionamento del sistema operativo e di componenti legittimi (fase iniziale di training) per poi identificare ciò che si discosta da questa base.

Sebbene moltissimi vendor si promuovano come utilizzatori di approcci innovativi come l’uso di IA/Machine Learning, in realtà effettuando test approfonditi, risulta ancora possibile eseguire il bypass di queste soluzioni adoperando dei custom payload.

Dalla nostra esperienza nella scelta di una soluzione di Endpoint e Threat Protection abbiamo notato che l’utilizzo degli shellcode, opportunamente offuscati, codificati, iniettati ed eseguiti direttamente dalla memoria, siano ancora tutt’oggi un ottimo metodo per il bypass di queste tipologie di soluzioni di endpoint protection.

La caratteristica di questi pezzi di codice eseguibile, dalle dimensioni particolarmente ridotte, che sfruttano direttamente le chiamate indirizzate al sistema operativo, ne fanno un ottimo metodo per bypassare anche le più evolute soluzioni disponibili sul mercato.

Alcune di queste, infatti, agendo probabilmente solo sul Ring-3 (User-Mode) non sono particolarmente indicate per proteggere da minacce di questo tipo. Ciò che è possibile riscontrare è che è sufficiente modificare le tecniche di codifica di shellcode anche noti per ottenere un bypass completo.

L’aspetto più inquietante risiede nel fatto che il bypass permetta di eseguire tutta una serie di azioni tipiche degli scenari di post exploitation, come ad esempio: prendere possesso della webcam e del microfono della vittima, catturare in real time qualsiasi tasto digitato sulla tastiera e via dicendo senza essere rilevati dagli engine in grado di eseguire behavioral analysis per mezzo di tecnologie avanzate come la IA o Machine Learning.

Conclusioni

Quello che stupisce ancora è come nel 2020 alcune di queste tecniche passino under-the-radar, a riprova che fare sicurezza efficacemente sia molto lontano dall’implementare una semplice checklist.

Alla luce di quanto descritto finora, è chiaro che oltre a persone particolarmente abili nell’identificare e sfruttare vulnerabilità di questo tipo e porvi rimedio, sia assolutamente necessaria una formazione dei propri dipendenti, affinché possano essere preparati a identificare i possibili e sempre più sofisticati vettori d’attacco utilizzati dai Threat Actors.

WHITEPAPER
Sanificazione ambienti di lavoro: la Guida 2023 per ottimizzarla e non incidere sul budget
Risorse Umane/Organizzazione
Sicurezza
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr