Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cyber security e IoT: le soluzioni per proteggere i dispositivi Internet of Things

04 Set 2018

Dalle utility di uso quotidiano al mercato della sanità, dalla produzione industriale all’ambito della pubblica amministrazione sono sempre più numerosi i settori e gli ambiti lavorativi interessati dall’innovazione tecnologica dell’IoT (Internet of Things, la Internet delle cose). Secondo i dati recentemente diffusi da Gartner, nel 2021 i dispositivi IoT saranno 25 miliardi su scala globale. Numeri che confermano l’importanza di accrescere la cultura di cyber security e IoT.

All’aumentare del numero di dispositivi connessi a Internet capaci, sostanzialmente, di monitorare, controllare e trasferire informazioni per poi svolgere azioni conseguenti cresce infatti anche la necessità di approntare le necessarie misure di sicurezza per mettere al sicuro questi stessi dispositivi da ogni possibile minaccia o attacco informatico.

A preoccupare di più gli addetti ai lavori è il fatto che proprio dai dispositivi IoT passano una serie di minacce emergenti, tra cui il furto dei dati aziendali e le intrusioni nelle reti, i ransomware, il sabotaggio di apparecchiature industriali, gli attacchi DDoS e il cripto-mining.

Testare e rafforzare la sicurezza dei dispositivi IoT prima che arrivino sul mercato e siano esposti agli attacchi dei criminali informatici è dunque l’obiettivo del nuovo programma di Trend Micro nato per sfruttare al massimo le competenze acquisite con la Zero Day Initiative e analizzato approfonditamente nell’articolo Cybersecurity, Trend Micro mette in campo lo “scudo” per l’IoT pubblicato su Internet4Things.

È chiaro, però, che nessun dispositivo IoT può essere al riparo dal cybercrime se connesso ad un network insicuro. Proprio per garantire un sistema IoT affidabile grazie a una rete sicura costruita da macchine e persone interconnesse, arriva la soluzione Machine ID PKI di InfoCert i cui vantaggi sono quelli tipici di una Smart Factory quali controllo completo della linea produttiva automatizzata, intercettazione e risoluzione tempestive dei potenziali malfunzionamenti. Per saperne di più, possiamo leggere l’articolo Sicurezza e IOT, ecco la soluzione InfoCert Machine ID PKI pubblicato su ZeroUno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5