SOLUZIONI DI SICUREZZA

Security by design e security testing nello sviluppo del software: le soluzioni

Le moderne organizzazioni di sicurezza informatica prevedono, all’interno del framework di controlli cyber, il “security by design”: l’obiettivo è quello di inserire i requisiti di sicurezza informatica nelle fasi iniziali della progettazione di nuovi prodotti e servizi. Vediamone le principali strategie e applicazioni

04 Mag 2022
C
Corradino Corradi

Vodafone Head of ICT Security, Privacy & Fraud Management, DPO

La capacità dei gruppi di sicurezza informatica di essere coinvolti nei progetti innovativi dell’azienda e il successo nel far nascere le nuove soluzioni digitali con all’interno i requisiti di sicurezza informatica è un indicatore di maturità organizzativa. Un approccio basato sul “security by design” è in grado di aumentare la robustezza delle soluzioni e al tempo stesso di garantire migliore efficienza grazie alla riduzione delle costose “rilavorazioni” prima della messa in campo (release management).

Il concetto di “shift left”

La capacità di inserire da subito la sicurezza nei processi di sviluppo software sequenziale (che prevedono nell’ordine la definizione dei requisiti, l’analisi, la progettazione, la creazione del codice software, il test delle funzionalità e i rilasci in produzione), ha portato gli esperiti di “software development” a coniare il termine “shift left”.

WHITEPAPER
La guida per scegliere il miglior antivirus gratuito per il tuo PC
Personal Computing
Cybersecurity

Lo “shift left” si applica sempre di più anche al mondo dei test (compresi quelli di sicurezza) che in passato venivano eseguiti solo alla fine del processo di creazione del codice software delle applicazioni.

I problemi applicativi identificati in fase avanzata del processo di sviluppo software, causano costose riprogettazioni e ritardi (aumento del Time To Market). L’idea dello “shift left” applicata al test è quella di coinvolgere le squadre di testers nelle prime fasi del processo e di effettuare i test durante tutto il ciclo di sviluppo software. La seguente immagine mostra graficamente questo concetto.

Shift Left is about doing things earlier in the development cycle. Source: van der Cruijsen 2017.

Esistono quattro modalità per spostare i test all’inizio del ciclo di vita; queste modalità di sviluppo sono denominate “shift left” test tradizionale, incrementale, Agile/DevOps e “model based”.

Nell’articolo mi soffermo solo su quello che ho sperimentato personalmente in azienda, quindi Shift Left Testing Tradizionale ed Shift Left Agile/DevOps.

Shift Left Testing Tradizionale

Il tradizionale Shift Left Testing sposta l’attività di test più in basso ed a sinistra nel modello a V (tipico dei framework di validazione applicativa), come mostrato nella prossima immagine.

In aggiunta al classico test delle funzionalità end to end a fine del processo (per esempio test di sistema, test dell’interfaccia utente), lo Shift Left Testing Tradizionale si concentra sui test unitari e di integrazione eseguiti direttamente nell’ambiente di sviluppo sia a livello di codice statico che dinamico. 

Shift Left Testing Agile/DevOps

Negli ultimi anni tantissime aziende alle prese con la trasformazione digitale dei loro sistemi legacy IT o la digitalizzazione dei loro processi di vendita (si pensi alla tematica dell’omni-channel), hanno adottato metodologie di sviluppo agile, utilizzando un approccio allo sviluppo software che prevede gruppi di lavoro misti di sviluppatori ed esperiti di User Experience e di Marketing (“squads” e “tribes”). Lo sviluppo avviene con cicli incrementali e rilasci veloci (di solito ogni 15 giorni).

Nel caso specifico del DevOps si utilizzano metodologie di sviluppo software e tools basati sul “continuous integration” (CI) e “continuous delivery” (CD). (5, 6)

Le metodologie Agile e DevOps prevedono quindi numerosi V (“sprint”) di breve durata al posto di un numero singolo o piccolo di V; i numerosi “sprint” sono rappresentati in Figura 3 e rappresentano la più significativa differenza rispetto allo “shift-left” testing tradizionale.

Figure 4: Agile/DevOps Shift Left

Shift Left applicato alla security (Shift Left Security)

I vantaggi dello “shift left” non sono esclusivi del processo di test del ciclo di sviluppo (quality assurance) ma possono anche aiutare a migliorare l’efficacia dei controlli di sicurezza informatica sui nuovi prodotti e servizi.

Se dall’inizio dello sviluppo vengono effettuati i controlli sull’applicazione per identificare problemi di sicurezza, è altamente improbabile che si presentino gravi problemi nella fase finale del collaudo, con il rischio di dover bloccare la messa in produzione della soluzione.

Un test di sicurezza effettuato nelle fasi iniziali dello sviluppo software porta a identificare problemi che di solito sono circoscritti e meno costosi da sistemare.

Un altro importante beneficio dello “Shift Left Security” è legato alla identificazione a priori degli standard di sicurezza da adottare durante lo sviluppo delle applicazioni (penso ad esempio a OWASP per le applicazioni web).

Quando gli sviluppatori sono informati in anticipo sugli standard di sicurezza che devono essere adottati, il gruppo di sviluppo può essere più consapevole dei passaggi che devono essere intrapresi per garantire la compliance a tali standard e per incorporarli nel proprio codice.

Nel caso di utilizzo di DevOps si può utilizzare la “continuous integration” (CI) per migliorare la sicurezza, oltre che per velocizzare lo sviluppo applicativo ed i cicli di controllo qualità. La “continuous integration” aiuta a creare e manutenere facilmente ambiente di sviluppo e test (si parla di “build applicative”) allineate all’ambiente di produzione. Questa capacità di creare “build applicative” ad hoc permette di salvaguardare l’ambiente di produzione (evitando qualsiasi alterazione dello stesso a seguito di configurazioni errate o conseguenze non volute di test di sicurezza) garantendo una maggiore libertà e flessibilità nella esecuzione dei test di sicurezza su ambienti allineati a quello di produzione.

Conclusione

La digitalizzazione delle applicazioni e l’avvento di nuove metodologie di sviluppo software (Agile/DevOps) a complemento di quelle tradizionali (sequenziale – waterfall) richiedono lo “shift left” dei requisiti e dei test di sicurezza.

L’approccio “shift left” è efficace nel garantire che la sicurezza sia presa in considerazione da subito nella progettazione della soluzione e nel permettere una rilevazione precoce di bug e problemi di sicurezza informatica, rendendo il ciclo di vita dello sviluppo software più veloce, affidabile e sicuro.

WHITEPAPER
Automazione e validazione dei software? L'AI fa la differenza!
Intelligenza Artificiale
Software
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5