SICUREZZA INFORMATICA

Vulnerabilità Intel SA-00086 e sicurezza dei firmware delle CPU: quali impatti nel panorama cyber

Scoperta nel 2017, la vulnerabilità Intel SA-00086 rappresenta un importante caso di studio: consente, infatti, di entrare in possesso della chiave privata usata per decifrare le patch di sicurezza delle CPU e può quindi essere usata per aprire una backdoor sfruttando le falle che le stesse patch intendono risolvere. Dunque, con impatti notevoli nel panorama della cyber security

16 Ago 2022
A
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

R
Martina Rossi

Analyst, Hermes Bay

S
Anna Vittoria Sica

Analyst, Hermes Bay

Nel 2017 i ricercatori sono riusciti a estrarre la chiave privata usata per decifrare le patch di sicurezza per le CPU Intel basate su architettura Goldmont. È così possibile fare il reverse engineering degli aggiornamenti o scrivere un firmware personalizzato consentendo a un attore ostile di aprire una backdoor sfruttando le falle che le patch intendono risolvere

Tre ricercatori di Positive Technologies sono riusciti a estrarre la chiave privata utilizzata per decifrare le patch di sicurezza rilasciate dalla Intel. Una patch, nota anche come fix o bugfix, consiste in un aggiornamento del codice finalizzato alla risoluzione di una vulnerabilità del sistema, comunemente definita bug.

La chiave consente, quindi, di decifrare gli aggiornamenti del microcodice che compone il firmware dei processori centrali (CPU). Il firmware assolve al funzionamento della CPU a fronte delle istruzioni che riceve. Intel rilascia periodicamente degli aggiornamenti finalizzati a risolvere le falle all’interno del firmware. Decriptando gli aggiornamenti, si ha modo di risalire ai correttivi apportati e di conoscerne le vulnerabilità. Un qualsiasi attore ostile potrebbe quindi aprire una backdoor sfruttando le falle che la patch intende risolvere.

Bug hunting: impararlo e farne una professione

I dettagli della vulnerabilità Intel SA-00086

A partire dal 2017, Intel aveva avviato il proprio Bug Bounty Program, un’iniziativa volta ad incentivare i ricercatori a segnalare le falle nei suoi prodotti, compresi i firmware, in cambio di un corrispettivo. Nell’ambito di tale progetto, l’azienda ha collaborato con oltre 250 ricercatori di tutto il mondo. Nel 2020, 105 delle 231 vulnerabilità ed esposizioni comuni (CVE) sono state segnalate proprio tramite questo programma.

WHITEPAPER
Previeni i difetti di sicurezza nelle applicazioni: la soluzione in 5 punti
Sicurezza
Software

La scoperta dei ricercatori di Positive Technologies risale al 2017. Tramite questa falla, nota come INTEL SA-00086, è stato possibile entrare nella modalità “Red Unlock”, utilizzata dagli ingegneri di Intel per eseguire il debug prima di rilasciare il chip sul mercato. Una volta avviata questa modalità, gli esperti hanno potuto identificare il microcodice presente nella ROM (read only memory). Conseguentemente, è stato avviato un processo di reverse engineering che ha potato alla scoperta della chiave di decriptazione.

I ricercatori in questione, di origine russa, sono Maxim Goryachy, Dmitry Sklyarov e Mark Ermolov. Maxim Goryachy è un programmatore di sistemi embedded, specializzando in processi di crittografia, tecnologie di virtualizzazione, reverse engineering e hardware; Mark Ermolov è un programmatore di sistemi specializzato negli aspetti di sicurezza dell’hardware, del firmware e del software di sistema di basso livello; Dmitry Sklyarov è responsabile del Reverse Engineering di Positive Technologies. È stato ricercatore di sicurezza presso ElcomSoft e docente presso l’Università Tecnica Statale di Mosca.

Quest’ultimo è stato accusato nel 2001 di presunta violazione del Digital Millennium Copyright Act (DMCA), nell’ambito del processo Stati Uniti contro ElcomSoft e Dmitry Sklyarov. Il caso si è concluso con la caduta delle accuse contro Sklyarov ed ElcomSoft non è stata dichiarata colpevole ai sensi della giurisdizione applicabile.

Gli impatti nel panorama della cyber security

I funzionari Intel hanno affermato che il problema non rappresenta un’esposizione per la sicurezza dei clienti. La chiave privata utilizzata per autenticare il microcodice non risiede nel chip e un utente malintenzionato non può caricare una patch non autenticata da remoto.

Ciò significa che eventuali hacker non possono utilizzare il debugger Chip Red Pill e la sua chiave di decriptazione per hackerare a distanza le CPU vulnerabili, almeno non senza concatenare le patch ad altre vulnerabilità attualmente sconosciute. Allo stesso modo, gli attori malevoli non possono utilizzare queste tecniche per infettare la catena di approvvigionamento dei dispositivi basati sull’architettura dei chip Goldmont.

La tecnica apre, tuttavia, diverse possibilità agli hacker che hanno accesso fisico a un computer che possiede una di queste CPU. Gli aggressori potrebbero effettuare un attacco “evil-maid”, una forma di alterazione di un dispositivo incustodito, in cui un aggressore con accesso fisico lo altera in modo impercettibile per potervi accedere successivamente. Nello specifico, Chip Red Pill potrebbe essere impiegato per manomettere le CPU per il furto di informazioni segrete o per l’installazione di strumenti per l’accesso remoto.

Sebbene la falla INTEL SA-00086 sia stata individuata e segnalata, i rischi legati alla compromissione dei chip e al loro utilizzo per fini malevoli rimangono alti. Uno di essi riguarda la possibilità che i chip dannosi siano collocati nell’hardware di un apparecchio dove è possibile manipolare le istruzioni operative fondamentali.

In questo modo, gli aggressori potrebbero alterare il funzionamento di un dispositivo nei minimi dettagli senza che venga rilevata alcuna anomalia. Chip di questo genere possono altresì rubare le chiavi di crittografia per le comunicazioni sicure, bloccare gli aggiornamenti di sicurezza e aprire eventuali backdoor ad attori malintenzionati.

Conclusioni

Nel contesto odierno, questo problema ha assunto notevole importanza dal momento che numerose imprese tecnologiche intrattengono rapporti commerciali o subappaltano parte della loro produzione a compagnie accusate di avere legami con governi ostili, in primis con quello cinese.

Nel 2010, furono scoperte attività anomale nei server forniti al Pentagono dalla Super Micro Computer, società di San Jose fondata nel 1993 dall’ingegnere taiwanese Charles Liang con alcuni siti di produzione in Cina. Sul caso, fu notato che erano state caricate delle istruzioni non autorizzate che permettevano di copiare segretamente i dati e di inviarli alle autorità di Pechino. Non ci sono prove che siano stati sottratti dettagli sulle operazioni militari. Tuttavia, gli aggressori hanno ottenuto l’accesso a una mappa parziale delle reti non classificate del Dipartimento della Difesa.

Quattro anni più tardi, anche il team di sicurezza di Intel individuò una violazione nella rete aziendale a causa di un aggiornamento manomesso del firmware scaricato dal sito web di Supermicro. Gli analisti collegarono questa interferenza alle attività di APT 17, un gruppo hacker vicino al Governo di Pechino.

Infine, nel 2018, Supermicro finì nuovamente sotto i riflettori dopo che un’inchiesta del Bloomberg Businessweek svelò come l’azienda avesse fornito ad alcune importanti compagnie, come Apple e Amazon, dispositivi con all’interno chip utilizzati dall’Esercito Popolare di Liberazione (PLA) per operazioni di spionaggio.

Gli agenti dell’intelligence statunitense riuscirono a risalire ai componenti malevoli seguendo a ritroso la catena di fornitura di Supermicro, dal momento che le schede dei dispositivi hanno numeri di serie che riconducono a fabbriche specifiche.

Nonostante queste problematiche abbiano sollecitato a rivedere gli accordi siglati con fornitori cinesi, la carenza di chip a livello globale ha spinto numerose aziende, tra cui la Intel, ad aumentare la loro produzione in Cina, suscitando preoccupazioni da parte di Washington.

Per far fronte a questa criticità, il Congresso degli Stati Uniti ha recentemente emanato il Chips and Science Act, il quale stanzia più di 52 miliardi di dollari per la produzione domestica di chip per computer, oltre ad altri miliardi in crediti d’imposta per incoraggiare gli investimenti nel settore.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5