l'allarme

Inps, la truffa-malware via sms che sfrutta il bonus 600 euro

Criminali informatici invitano via sms a scaricare una App per aggiornare la propria domanda Covid-19 proprio nei giorni in cui stanno arrivando le notifiche di conferma di ricezione delle domande per il bonus da 600 euro. Inps lancia l’allarme. Ecco come difendersi da queste e altre truffe simili

07 Apr 2020

Arrivano a pioggia sms che si spacciano provenire da Inps e chiedono di cliccare su un link per modificare la propria domanda di bonus 600 euro.

Attenzione, è una truffaE’ stata la stessa Inps a lanciare l’allarme ieri, invitando a non cliccare sul link e specificando che qualsiasi sms proveniente dall’istituto non ne conterrà link.

I dettagli della truffa via sms sui bonus 600 euro

A una prima analisi si tratta di Cerberus, trojan bancario. Tecnicamente si tratta di smishing, phishing via SMS. 

“Puntuali come sempre, i criminali scelgono il momento opportuno per lanciare gli attacchi di social engineering invitando gli utenti a scaricare una App per aggiornare la propria domanda Covid-19 proprio nei giorni in cui stanno arrivando le notifiche di conferma di ricezione delle domande per il bonus da 600 euro”, commenta l’esperto di sicurezza informatica Paolo dal Checco.

“Accedendo al il dominio “inps-informa.online” contenuto nell’SMS – registrato il 4 aprile ma oggi non più attivo – compariva una pagina simile a quella dell’INPS dove l’utente veniva invitato a scaricare un’App per Android “covid-19.apk” segnalata come malevola da numerosi antimalware”, spiega. “Dalle analisi preliminari sembra trattarsi di Cerberus, un malware bancario per Android che sottrae alle vittime le password di accesso e i codici di autenticazione inseriti nelle App o nei siti di web banking”.

WHITEPAPER
Sicurezza: perchè puntare su un approccio zero trust?
Sicurezza
Sicurezza dei dati

“Continua lo sciacallaggio da parte dei criminali, anche di quelli informatici, nello sfruttare l’attenzione mediatica di cui gode l’attuale emergenza sanitaria”, aggiunge Alessio Pennalisico (P4i, Clusit).

“Dopo aver visto campagne di phishing che hanno provato a sfruttare presunte notizie, aggiornamenti o mappe sull’infezione, ora provano a sfruttare la sensibilità al tema interventi economici straordinari a supporto dei professionisti. Diventa in questo immediatamente evidente quanto possa essere efficace una campagna simile, di quanti cliccheranno quel link ed installeranno quell’app”.

I consigli contro la nuova truffa basata su Inps (e altre simili)

“Vale in ogni caso il consiglio di non installare mai programmi scaricati fuori dallo store ufficiale e, anche per le App lì presenti, valutare comunque i commenti e la data di pubblicazione, perché non di rado i delinquenti riescono a caricare delle versioni infette che vengono prontamente rimosse ma possono rimanere disponibili per qualche ora o persino qualche giorno”, dice Dal Checco.

Aggiungiamo ai consigli dell’esperto la raccomandazione base da seguire per evitare di finire vittime del malspam: ignorare mail, sms o altre comunicazioni che ci chiedono di compiere una qualsiasi azione (download allegato, clic su link…).

Dato che istituti e altre fonti legittime sanno che questa è la modalità seguita dai truffatori, non ci chiederanno mai di compiere azioni nelle mail o sms che ci possono mandare; né metteranno allegati. I messaggi conterranno al massimo informazioni statiche nel corpo del testo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4