IL VADEMECUM

Strong Customer Authentication (SCA): cosa cambia negli acquisti online con la PSD2

La nuova Strong Customer Authentication (SCA o Autenticazione Forte del Cliente) impone l’obbligo per le istituzioni finanziarie e di pagamento di verificare l’identità del cliente che sta effettuando il pagamento. Ecco cosa prevede la nuova normativa, le esenzioni e gli oneri per la sua applicazione

Pubblicato il 08 Ott 2019

A
Ivano Asaro

Direttore Osservatorio Innovative Payments Politecnico di Milano

R
Matteo Risi

Ricercatore Osservatorio Innovative Payments Politecnico di Milano

Il 14 settembre è diventata attuativa la nuova direttiva europea sui servizi di pagamento, nota come PSD2, che prevede importanti novità all’interno del mercato finanziario europeo. Tra queste novità quella che sarà più evidente per i cittadini europei è l’entrata in vigore della cosiddetta Autenticazione Forte del Cliente (o Strong Customer Authentication – SCA) per autorizzare le transazioni finanziarie online (ma non solo).

Strong Customer Authentication: le motivazioni

In pratica, quello che la normativa impone è l’obbligo per le istituzioni finanziarie e di pagamento di verificare l’identità del cliente che sta effettuando il pagamento.

WHITEPAPER
Scopri le funzionalità chiave per gestire i punti vendita in maniera più efficace
Fashion
Retail

L’inasprimento delle regole per la verifica del cliente è, nei piani del legislatore europeo, fondamentale per incrementare la sicurezza negli acquisti online, ridurre le frodi e aumentare nel contempo la fiducia dei consumatori nei confronti dei pagamenti elettronici, anche a discapito, talvolta, di esperienze d’uso più semplici come l’acquisto “one-click” dei grandi attori del web.

Cosa prevede la nuova normativa

La SCA prevede che gli istituti finanziari verifichino almeno due di tre “fattori” dei propri clienti:

  1. qualcosa che solo il cliente sa (password, PIN ecc.);
  2. qualcosa che solo il cliente ha (smartphone, token bancario ecc.);
  3. qualcosa che solo il cliente è (riconoscimento facciale, impronta digitale ecc.).

Nei pagamenti in negozio l’autenticazione forte è il momento del pagamento con carta (qualcosa che io ho) con inserimento del PIN (qualcosa che io so). Fanno eccezione i pagamenti contactless, per cui non era richiesto PIN sotto ai 25€ e per cui, anche con l’entrata in vigore della PSD2, sono previste delle “eccezioni” all’inserimento del PIN (trattate più avanti nell’articolo).

Ben diverso è il caso dei pagamenti online, nei quali per definizione la carta non è presente e quindi viene a mancare uno dei due fattori (qualcosa che io ho: la carta) che caratterizzano il pagamento in negozio.

Sono stati bocciati:

  • i codici stampati sulla carta perché non sono stati ritenuti, da parte del regolatore, un’evidenza del possesso della carta stessa;
  • le classiche “chiavette” (o “token”) bancarie, colpevoli di generare un codice (OTP, one time password) che dura pochi secondi ma che non esclude la possibilità per un truffatore di compiere una seconda operazione-lampo.

Sono stati approvati, invece:

  • tutte le tecnologie biometriche di riconoscimento della persona (qualcosa che io sono) presenti ormai sulla maggior parte dei nostri smartphone, dal riconoscimento facciale alla scansione dell’impronta digitale;
  • OTP “usa e getta” che già ora vengono inviati via SMS (qualcosa che io ho: il cellulare).

Strong Customer Authentication: le esenzioni

Esistono però delle eccezioni all’applicazione di queste norme. In particolare, saranno esentati:

  • pagamenti contactless: il limite massimo di spesa senza SCA è stato fissato a 50€; si potrà poi pagare senza PIN finché non si raggiungeranno i 150€ complessivi di spesa oppure finché non si faranno più di 5 pagamenti consecutivi;
  • pagamento di trasporti o parcheggi presso terminali self-service;
  • micro-pagamenti online: il limite massimo di spesa senza SCA è stato fissato a 30€; si potrà poi pagare senza utilizzare un secondo fattore di verifica finché non si raggiungeranno i 100€ complessivi di spesa oppure finché non si faranno più di 5 pagamenti consecutivi;
  • pagamenti online verso un sito “di fiducia”: l’utente potrà decidere di evitare la SCA all’interno di alcuni siti di cui si fida, a favore di un’esperienza di acquisto più semplice e veloce;
  • pagamenti ricorrenti: solo se l’importo è fisso come nel caso degli abbonamenti;
  • pagamenti online a favore di un sito “sicuro”: il commerciante che vende online può decidere di evitare ai propri utenti di effettuare la SCA se introduce un sistema di controllo delle frodi che distingue le transazioni sospette (che verranno bloccate o verranno sottoposte a SCA) da quelle lecite; questa eccezione viene concessa solo a quei commercianti che, insieme ai loro fornitori di servizi di accettazione dei pagamenti, hanno dimostrato di avere un basso numero di frodi nel corso dell’ultimo periodo.

Le tempistiche della Strong Customer Authentication

L’entrata in vigore, fissata per lo scorso 14 settembre, potrebbe essere in alcuni casi posticipata. La European Banking Authority, infatti, ha concesso alle banche centrali il potere, “in casi eccezionali”, di concedere agli attori del mercato del tempo supplementare per migrare ad approcci di autenticazione conformi alla SCA per “ridurre fortemente i rischi di disservizi nei pagamenti online con carta”.

Questa deroga potrà essere concessa ai soli operatori che ne facciano una esplicita richiesta alla Banca d’Italia motivando la propria richiesta.

Chi deve occuparsi delle modifiche

L’onere di adeguarsi alla nuova normativa sull’Autenticazione Forte ricade sui prestatori di servizi di pagamento e sulle istituzioni finanziarie che supportano i business online.

Non si tratta dunque di una normativa che impatta direttamente chi gestisce siti di eCommerce, anche se questi ultimi sono senza dubbio molto interessati (e talvolta anche preoccupati) dall’introduzione di queste disposizioni.

Si teme, infatti, che la ridefinizione dei metodi di autenticazione dei pagamenti online, che in alcuni casi si traduce nell’introduzione di ulteriori step di verifica, possa portare a un aumento del tasso di abbandono dei carrelli virtuali.

Conclusioni

Sebbene siano effettivamente possibili dei disagi, soprattutto nel periodo di transizione alle nuove regole, non si tratta in ogni caso di un cambiamento da temere.

In primis, va sottolineato come i consumatori sono già abituati in molti casi ad utilizzare un secondo fattore per effettuare i propri pagamenti online (per esempio il token o l’SMS con il codice OTP). La normativa in questo caso aiuta semplicemente a definire i metodi leciti per la verifica del cliente.

I fattori di verifica che verranno adottati da ora in poi, però, non potranno più essere complicati codici da inserire previe lunghe registrazioni o simili, ma dovranno essere semplici come sbloccare il proprio smartphone tramite lettura dell’impronta digitale o riconoscimento facciale.

L’inserimento di un secondo fattore di autenticazione, inoltre, se ben integrato nel flusso di checkout del sito internet, aumenta il livello di sicurezza reale e percepito. Avere a disposizione un sistema che garantisce un livello di sicurezza maggiore per i pagamenti online potrebbe aumentare (e non diminuire quindi) gli acquisti eCommerce, andando a convincere quella fetta di popolazione che ancora è restia a effettuare pagamenti online.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr