l'opinion

Regolamento ePrivacy secondo l’EDPB: dalla riservatezza ai cookie, ecco i problemi

L’EDPB si è espresso ufficialmente in merito all’ultima versione del testo del Regolamento ePrivacy, sottolineando aspetti problematici che ora saranno oggetto di valutazione nell’iter di approvazione con il Consiglio europeo: tra questi, il tema della conservazione dei dati e della riservatezza nelle comunicazioni elettroniche

12 Mar 2021
C
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

Conservazione dei dati, riservatezza, cookie e consenso nelle comunicazioni elettroniche: l’EDPB si è espresso rispetto a possibili problemi applicativi dell’ultima versione del Regolamento ePrivacy.

L’autorità si è si è pronunciata  con una comunicazione ufficiale il 9 marzo 2021, ora le osservazioni saranno oggetto di valutazione nelle prossime negoziazioni portate avanti dal Consiglio Europeo nel corso dell’iter di approvazione del Regolamento ePrivacy, che andrà a sostituire la precedente Direttiva ePrivacy, fungendo da articolazione del già noto GDPR. Vediamo le principali osservazioni avanzate dall’EDPB.

ePrivacy, cosa dice l’EDPB su trattamento e conservazione dei dati 

In primo luogo, EDPB rileva come le misure legislative che richiedono ai fornitori di servizi di comunicazione elettroniche di conservare i dati delle comunicazioni, ai fini di salvaguardia dell’applicazione della legge o della sicurezza nazionale, devono essere conformi agli artt. 7-8 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’UE, all’art. 8 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, e ai principi elaborati dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea (nello specifico, i casi C-511/18, C-512/18, C-623/17.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Regolamento e-Privacy, quali scenari per l’uso dei servizi di comunicazione elettronica

Pertanto, non può fornirsi, tramite una norma di legge, la possibilità per il fornitore di servizi di svolgere una conservazione generalizzata ed indiscriminata dei dati di localizzazione e di navigazione. Ai fini dell’applicazione della legge o della salvaguardia della sicurezza nazionale, può esclusivamente prevedersi una conservazione mirata dei dati, soggetta comunque a rigorose limitazioni materiali e temporali, oltre che al controllo di una Corte o di un’Autorità indipendente.

EDPB si pronuncia anche sull’esclusione dal campo di applicazione del Regolamento di alcune attività di trattamento da parte dei fornitori di servizi elettronici, affermando che tale esclusione sia da ritenersi in contrasto “con la premessa di un quadro coerente dell’UE per la protezione dei dati”. Ad ogni modo, EDPB fa sempre salva l’applicazione dei principi del GDPR, anche nei casi in cui debba ritenersi esclusa l’applicazione del Regolamento ePrivacy.

Riservatezza delle comunicazioni elettroniche

Il diritto alla riservatezza delle comunicazioni è un diritto fondamentale dell’uomo tutelato dall’art. 7 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’UE, e, in quanto tale, deve essere applicato anche a tutte le comunicazioni elettroniche, indipendente dai mezzi con le quali avvengono, e dal punto in cui esse si trovano (a riposo, in transito, presso il mittente o presso il destinatario). Al fine di garantire piena applicazione del diritto alla riservatezza dovrà essere garantita anche la protezione dei terminali degli utenti finali.

Sebbene EDPB supporti l’approccio generale adottato dal nuovo regolamento in relazione al diritto alla riservatezza, pone alcuni rilievi in merito ad alcune eccezioni previste dallo stesso agli artt. 6 par. 1 lett. c, 6b par. 1 lett. e), art. 6b par. 1 lett. f), Art. 6c), i quali, nella loro formulazione attuale, appaiono eccessivamente “permissivi”. Occorrerebbe, pertanto, ridimensionare il numero e la portata di tali eccezioni, limitandole a scopi specifici e chiaramente definiti, che dovranno essere espressamente elencati al fine di preservare il principio di certezza del diritto senza intaccare il livello di protezione delle comunicazioni.

Si evidenzia, inoltre, come le eccezioni previste all’art. 6 par. 1 lett. b) c) e d), che consentono l’accesso ai dati delle comunicazioni elettroniche, inclusi i loro contenuti, al fine di assicurare la sicurezza del network e del dispositivo dell’utente finale, potrebbero consentire un accesso completo da parte del fornitore del servizio o dei suoi responsabili, andando a ledere il diritto dell’utente finale alla riservatezza e le sue aspettative di privacy. Alla luce di ciò, l’EDPB ritiene opportuno prevedere un ridimensionamento del diritto di accesso, affinchè sia maggiormente proporzionato e coerente con i diritti fondamentali, oltre che inserire un richiamo all’impossibilità di utilizzare l’accesso al fine di attuare un monitoraggio sistematico del contenuto delle comunicazioni elettroniche o di eludere gli strumenti di encryption applicati alle stesse.

Le misure di garanzia secondo l’EDPB

Tra le principali misure di garanzia del diritto alla riservatezza, l’EDPB individua l’anonimizzazione (elemento cardine dell’intero quadro normativo) e l’applicazione di sistemi di encryption standardizzati, forti ed efficienti, tali da poter garantire un flusso di dati fra i cittadini sicuro, libero ed affidabile. Imprescindibile deve considerarsi, da parte dei fornitori di servizi elettronici, la conformità alla previsione ed agli obblighi previsti dal GDPR, in particolar modo quando oggetto delle comunicazioni sono dati sanitari, o nei casi in cui il contesto in cui le comunicazioni avvengono è ad alto rischio di minacce.

Il Regolamento non può prevedere norme che permettano di indebolire, in alcun modo, l’efficacia dei sistemi di encryption, anche se lo scopo perseguito è la sicurezza nazionale, al fine ultimo di scongiurare un utilizzo illegittimo di tali meccanismi di protezione.

ePrivacy, i problemi legati a cookie e consenso

In merito ai cookies ed al loro utilizzo, EDPB evidenzia come debbano sempre essere rispettati i principi espressi dal GDPR in tema di consenso quale base giuridica del trattamento. Ne deriva che, anche per i cookies, il consenso deve essere fornito dall’utente liberamente, considerandosi illegittime pratiche scorrette come la “take it or leave it”, che subordinano l’accesso a servizi e funzionalità dell’applicazione o del sito web all’espressione, da parte dell’utente, del consenso alla conservazione delle informazioni, o all’accesso ad informazioni contenute nel proprio terminale.

Anche i meccanismi di opt-out dovrebbero essere user-friendly, immediati e semplici da usare. Il divieto di utilizzo di siffatte pratiche sleali dovrebbe essere espresso all’interno del Regolamento ePrivacy, al fine di assicurare il diritto degli utenti di acconsentire o sottrarsi liberamente e concretamente alle attività di profilazione. Anche i sistemi di c.d. audience measurement dovrebbero essere limitati a pratiche non intrusive che comportano un rischio basso o improbabile per gli utenti. L’EDPB suggerisce, all’interno dello Statement, di limitare, all’interno del Regolamento, le possibili deroghe che consentano al fornitore di servizi di svolgere un audience measurement che tratti più dei dati statistici necessari all’analisi delle performances del servizio richiesto dall’utente.

Lo scopo ultimo che il Regolamento ePrivacy dovrebbe perseguire, a detta di EDPB, è quello di dare nuovamente agli utenti il controllo dei propri dati, riducendo allo stesso tempo la c.d. “consent fatigue”.

Gli scopi “compatibili”: cosa sono

Da ultimo, l’EDPB pone in risalto il principio per cui è vietato, salvo alcune eccezioni o il caso in cui l’utente vi acconsenta, trattare i dati degli interessati per scopi diversi da quelli per i quali quegli stessi dati sono stati raccolti e trattati. Alla luce di tale principio, prevedere, all’interno del Regolamento, la possibilità di utilizzare i dati degli utenti per scopi “compatibili”, senza che lo stesso fornisca un consenso a tali attività di trattamento, potrebbe comportare un indebolimento delle garanzie per i diritti dei cittadini, in quanto si darebbe al fornitore di servizi la possibilità di utilizzare i dati degli utenti per scopi che esso stesso consideri conformi alla clausola di “compatibilità”. Il legislatore europeo, invece, ha sempre cercato espressamente di restringere le occasioni in cui i dati possano essere utilizzati senza il consenso dell’interessato.

A tal riguardo, l’EDPB fa comunque salva la possibilità, da parte del fornitore di servizi, di utilizzare i dati raccolti, senza il consenso dell’utente, ove adeguatamente anonimizzati. Tale eventualità consentirebbe di tutelare l’utente stesso da possibili rischi o minacce per i propri diritti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr