LA PROPOSTA DI FTC

USA, nuove regole federali per aumentare la protezione della privacy: che c’è da sapere

In attesa che il Congresso USA trovi un’intesa bipartisan per il raggiungimento di una legge privacy federale non più rimandabile, la Federal Trade Commission americana ha avviato una consultazione pubblica per valutare la necessità di nuove regole di data security che, se adottate, potrebbero imporre nuove e importanti responsabilità alle società che gestiscono i dati dei consumatori. Facciamo il punto

29 Ago 2022
G
Nadia Giusti

Data Protection & Cybersecurity Expert

La Federal Trade Commission (FTC) ha dato il via, lo scorso 11 agosto, al Commercial Surveillance and Data Security Rulemaking, una consultazione pubblica per valutare se sono necessarie nuove regole per proteggere la privacy e le informazioni delle persone per quanto riguarda le attività di profilazione e la sicurezza dei dati degli utenti.

La posizione assunta dalla FTC ha suscitato più di una critica, in quanto essa sembrerebbe, a detta di molti, più una prerogativa del Congresso che della Commissione stessa. Se adottate, le norme derivanti dalla consultazione pubblica potrebbero anche imporre nuove e importanti responsabilità alle società che gestiscono i dati dei consumatori, norme che includerebbero anche il divieto di effettuare determinati tipi di trattamento. Il Congresso, che nel frattempo è fermo per la pausa estiva e che è occupato a discutere la tanto attesa legge privacy federale, resterà a guardare?

American Data Privacy and Protection Act: un altro passo (incerto) verso la legge federale privacy

Nuove regole privacy e divergenze tra i Commissari

La presidente della FTC, Lina Khan, nell’annunciare la decisione della Commissione, ha ribadito come attualmente “le aziende raccolgono dati personali di individui su vasta scala e in una straordinaria gamma di contesti”, sfruttando tali dati senza che gli utenti ne siano pienamente consapevoli, e senza tenere conto del contesto nel quale i dati vengono raccolti e dei rischi che ne possono scaturire per gli utenti.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

L’obiettivo che la FTC si prefigge è quello di “capire se la Commissione debba emanare regole per affrontare le pratiche di profilazione e sicurezza dei dati, e su come tali regole dovrebbero essere articolate”.

Per fare questo, l’FTC ha quindi dato il via alla procedura del Rulemaking, ovvero una consultazione pubblica dedicata alle tematiche in oggetto, con cui, come si legge nel testo della Advance Notice of Proposed Rulemaking (“ANPR”), la Commissione invita a commentare, entro il 21 di ottobre, 60 giorni dopo dalla pubblicazione nel registro federale, se si debbano attuare nuove regole di regolamentazione o altre alternative normative riguardanti le modalità con cui le aziende:

  1. raccolgono, aggregano, proteggono, utilizzano, analizzano e conservano i dati dei consumatori, nonché
  2. trasferiscono, condividono, vengono o monetizzano tali dati in modi sleali o ingannevoli.

rispondendo a una serie di domande, 95 in tutto, in merito ad attività di profilazione e pratiche di sicurezza applicate ai dati degli utenti.

Come affermato dalla stessa Khan, la Commissione ha preso in esame importanti aspetti del trattamento dei dati personali degli utenti on line, come l’uso diffuso di algoritmi per manipolare e sfruttare i dati degli utenti a loro insaputa (i cosiddetti Dark Pattern), le pratiche di sicurezza messe in atto, talvolta non sufficienti, e la privacy, spesso poco tutelata, dei bambini, soggetti facilmente influenzabili perché fragili e spesso indifesi.

La Commissione ha inoltre evidenziato quanto sia cruciale soffermarsi anche sui cosiddetti “effetti discriminatori” degli algoritmi che fanno uso di quei dati personali particolarmente sensibili, come razza, sesso, religione ed età, e alle modalità con cui i consumatori, sono incoraggiati a condividere tali dati in modo spesso inconsapevole.

Tutti questi aspetti sono stati raccolti nell’APRN, dove esistono specifiche sezioni e domande per ognuno di questi argomenti.

Le novità delle nuove regole privacy federali

Ad esempio, per quando riguarda i Danni al consumatore, APRN chiede al pubblico se esistano danni che i consumatori non sono in grado di riconoscere o identificare facilmente ed eventualmente elencarli, oppure quali aree o tipi di danni la Commissione non sia stata in grado di affrontare con le sue azioni di contrasto o, ancora, quali tipi di danni dovrebbero essere soggetti a specifiche norme di contrasto.

Nella sezione dedicata ai Danni ai minori, la Commissione richiede di inviare commenti riguardo alle pratiche di profilazione dei bambini e degli adolescenti o alle misure di sicurezza non adeguate, e quali di queste pratiche, possano essere considerate particolarmente pericolose; oppure chiede in quali circostanze, l’incapacità di un’azienda di fornire a bambini ed adolescenti tutele della loro privacy, come il non fornire impostazioni predefinite di protezione della privacy, sia una pratica sleale, anche se il sito o il servizio non è rivolto specificatamene a minori.

Più attenzione all’uso di algoritmi

Nella sezione dedicata all’utilizzo degli algoritmi, viene chiesto, tra le altre, quale può essere il sistema migliore per misurare l’errore che un algoritmo può commettere.

Esistono poi sezioni specifiche sugli effetti discriminatori che l’utilizzo di tali algoritmi possa causare agli individui, sulla gestione del consenso dei consumatori da parte delle aziende e su come le aziende informano, o non informano, i consumatori riguardo alla profilazione e alla protezione dei loro dati.

Il trattamento dei dati biometrici

Una serie di domande prendono in esame il trattamento dei dati biometrici, e in particolare il riconoscimento facciale, e viene chiesto se la Commissione dovrebbe limitare questo tipo di trattamenti; o ancora, se dovrebbero essere introdotti specifici limiti nel trattamento di dati dei consumatori, per quanto riguarda la minimizzazione e la conservazione dei dati, ad esempio solo per soddisfare uno scopo specifico o se il consumatore lo richiede o se il trattamento è compatibile, e conseguentemente, come deve essere valutata la compatibilità.

La data security e il modello del GDPR

La sezione relativa alla Data Security chiede se le nuove norme devono vietare il fornire informazioni ingannevoli ai consumatori in merito alla sicurezza dei loro dati, e autorizzare la Commissione a perseguire tali violazioni; e ancora, se le nuove norme devono prevedere obblighi specifici in termini di misure di sicurezza applicate dalle aziende, come la crittografia dei dati.

C’è però una domanda, in questa sezione, che riflette quanto la discussione sul modello di legge privacy da adottare sia un punto aperto negli Stati Uniti: “La Commissione dovrebbe tenere conto dei requisiti di altri governi in materia di sicurezza dei dati (ad es. GDPR). Se è cosi, come?”.

Come sappiamo, a lungo il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) europeo è stato considerato il modello a cui tendere, che è stato di ispirazione per il California Consumer Privacy Act (CCPA) e il California Privacy Rights Act (CPRA), attualmente considerati i più restrittivi fra quelli in vigore negli Stati Uniti.

Eppure sono molti gli esperti americani che mettono in dubbio l’efficacia del Regolamento europeo, adducendo che la sua adozione non ha limitato il dominio dei grandi giganti tecnologici, e il proposto American Data Privacy and Protection Act (ADPPA), attualmente in discussione al Congresso, che ha l’ambizione di diventare la nuova legge privacy federale americana, non si ispira al GDPR.

La signora Khan, nominata presidente della Commissione dal 22 Marzo 2021 dal presidente americano Joe Biden, è un’esponente democratica e una giurista specializzata nell’ambito delle leggi antitrust, nota da tempo per le sue posizioni “anti-amazon”, generalmente critica contro le grandi compagnie tecnologiche.

È noto il suo articolo Amazon’s Antitrust Paradox, pubblicato su Yale Law Journal, quando era ancora una studentessa in legge, dove evidenziava come la politica “Amazon”, ovvero il mantenimento di prezzi bassi al consumo per acquisire una posizione dominante sul mercato, sia in grado di bloccare la competitività delle altre aziende del settore, nello specifico caso di Amazon anche attraverso lo sfruttamento del lavoro, spesso precario e mal retribuito, e ai vantaggi fiscali acquisiti.

Non è sicuramente un caso che dopo la sua nomina a presidente della FTC, sia Amazon che Facebook si siano affrettate a richiederne la sua ricusazione dalle attività di tipo antitrust, in quanto incapace, secondo loro, di essere imparziale: richieste che, da più parti, sono state interpretate come un tentativo di intimidazione nei suoi confronti.

La richiesta di Rulemaking, oltre che dalla signora Khan, è stata sostenuta dagli altri due commissari democratici, Rebecca Kelly Slaughter e Alvaro Bedoya. I due membri repubblicani della Commissione hanno invece votato contro: in particolare, il commissario Christine Wilson ha sostenuto che una tale presa di posizione potrebbe fornire una scusa ai legislatori per bloccare l’avanzamento del ADPPA in discussione.

La signora Wilson ha anche fatto notare che proprio recentemente la Corte Suprema ha cercato di porre un freno al potere delle agenzie federali, considerato eccessivo, riferendosi probabilmente alla recente sentenza di giugno di quest’anno, dove la Corte si è pronunciata a sfavore dell’Agenzia per la Protezione Ambientale, che voleva imporre la propria autorità nel tentativo di limitare le emissioni delle centrali a carbone.

Anche l’altro commissario repubblicano Noah Phillips ha sostenuto argomentazioni simili, affermando che le implicazioni di una legge nazionale sulla privacy sono argomento per il Congresso e non per l’FTC.

Oltre alla consultazione pubblica, l’FTC ha organizzato un forum pubblico virtuale l’8 settembre 2022, in cui le parti potranno condividere il proprio contributo.

Rulemaking o legge federale?

Come evidenziato dalla stessa FTC nell’annunciare l’iniziativa, negli ultimi due decenni la Commissione ha utilizzato la sua autorità per avviare centinaia di azioni esecutive contro le aziende in merito a violazioni della privacy e della sicurezza dei dati. Ha pertanto analizzato casi che includono la condivisione con terze parti di dati relativi allo stato di salute o di dati considerati sensibili di persone, l’utilizzo della pubblicità mirata e la messa in atto di misure di sicurezza idonee a proteggere dati personali anche sensibili dei consumatori, come i numeri di previdenza sociale.

Tuttavia, l’esperienza maturata dalla Commissione le suggerisce che l’applicazione della legge da sola potrebbe non essere sufficiente a proteggere i consumatori. La capacità della FTC di scoraggiare una condotta illegale è oggi limitata perché l’agenzia generalmente non dispone dell’autorità per chiedere sanzioni pecuniarie per le violazioni riscontrare.

Invece, norme che stabiliscano requisiti chiari in materia di privacy e sicurezza dei dati e conferiscano alla Commissione l’autorità di agire anche con richieste di sanzioni pecuniarie, potrebbero incentivare tutte le aziende a investire in modo più coerente in pratiche conformi.

D’altra parte, le opposizioni sostengono una versione diversa. “La proposta della FTC è un altro esempio di come l’agenzia pensa di poter ridisegnare l’economia degli Stati Uniti a suo piacimento”, ha affermato Jordan Crenshaw, vicepresidente del Technology Engagement Center della Camera di Commercio degli Stati Uniti. “Prima che l’FTC possa agire, il Congresso deve prima conferirle l’autorità… Il Congresso, non i burocrati non eletti, deve decidere come dovrebbero essere elaborate le nuove regole sulla privacy dei dati”.

Ricordiamo che la FTC è stata istituita nel 1914 dopo l’approvazione da parte del Congresso del Federal Trade Commission Act, firmato dal presidente americano Thomas Wilson, che aveva caldeggiato l’istituzione di una commissione dedicata alla difesa dei consumatori e alle battaglie antitrust, e contrastare la concentrazione del potere nelle mani dei grandi monopoli. È guidata da cinque commissari che rimangono in carica per sette anni e non più di tre membri possono essere dello stesso partito. Il presidente degli Stati Uniti nomina il capo della Commissione.

In mancanza di una legge privacy federale, è stato proprio il presidente Joe Biden a ordinare alla FTC di occuparsi di mettere in atto regole atte a tutelare la “raccolta di dati e pratiche di profilazioni sleali che potrebbero danneggiare la concorrenza, l’autonomia e la privacy dei consumatori”.

Infatti, il punto centrale della questione è che ad oggi gli Stati Uniti non hanno una legge federale sulla privacy. Dopo molti tentativi andati a vuoto, l’ ADPPA che il Congresso sta discutendo rappresenta probabilmente il tentativo più significativo nel raggiungimento di un’intesa sulla tanto invocata legge privacy federale, ma l’esito è al momento incerto, sia perché tale proposta è considerata da molti “non abbastanza forte”, sia per l’esito delle elezioni di midterm, ormai alle porte, che potrebbero cambiare il panorama politico americano, e dare ai Repubblicani il controllo di entrambe le Camere, sia perché ancora il Congresso non ha raggiunto un accordo su come risolvere il nodo relativo alla prevalenza delle leggi federali sulle leggi statali eventualmente già approvate in materia di privacy.

Ricordiamo, infatti, che, proprio per colmare un vuoto normativo diventato ormai insostenibile, sono molti i singoli stati americani che hanno provato a risolvere il problema in maniera autonoma e hanno approvato o stanno discutendo una legge privacy statale, dando origine a situazioni frammentarie e non uniformi che non possono considerarsi la soluzione del problema.

Durante la conferenza stampa per annunciare l’ANPR, la commissaria Slaughter ha commentato come lei stessa sia a favore del disegno di legge in discussione al Congresso, e che non vi sia competitività tra le attività dell’FTC e del Congresso, ma che anzi, le attività messe in campo dalla Commissione vadano intese in senso “complementare” a quelle del Congresso. Anche il commissario Bedoya ha affermato che non approverebbe mai eventuali regole che si andassero a sovrapporre, o fossero in contrasto, con la proposta ADPPA, se approvata.

Conclusioni

L’azione della FTC può anche essere letta come un’esortazione al Congresso a fare presto e a fare tutto il possibile per trovare un’intesa bipartisan per il raggiungimento di una legge federale che non può essere ulteriormente rimandata.

Se i legislatori del Congresso trovassero un modo per superare le divergenze e l’ ADPPA prevalesse come legge federale, la FTC molto probabilmente abbandonerebbe immediatamente l’approccio del Rulemaking: in una dichiarazione pubblica, il senatore repubblicano del Mississippi Roger Wicker, membro della Commissione Commercio del Senato, uno dei tre sponsor dell’ ADPPA attualmente in discussione, ha affermato che “i commissari della FTC hanno riconosciuto che la legislazione, non la regolamentazione, è il modo preferibile per ottenere una reale protezione dei dati dei consumatori. Spero che l’azione odierna da parte della FTC aiuti a sottolineare l’urgenza di discutere e approvare l’American Data Privacy and Protection Act”, aggiungendo che “per ottenere una reale protezione della privacy dei dati dei consumatori, il Congresso deve agire”.

Nel caso in cui il Congresso fallisca nuovamente, e la proposta ADPPA venga accantonata, l’FTC rimane probabilmente lo strumento più efficace per portare avanti leggi federali sulla privacy ormai non rimandabili, anche se la portata delle azioni della Commissione, che non potrà mai essere efficace quanto una legge federale, dipenderà anche dallo scenario politico americano che si andrà concretizzando nei prossimi mesi.

WHITEPAPER
DATI: fonte imprescindibile per le aziende! PROTEGGILI e mantienili CONFORMI alle regole
Big Data
Sicurezza
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5