Fashionid

Plug-in sociali, gestore del sito e fornitore sono co-titolari del trattamento dei dati

La Corte di Lussemburgo ha chiarito che il gestore di un sito corredato da plug-in, come il pulsante “Mi piace” di Facebook, è responsabile della raccolta e della trasmissione dei dati personali dei visitatori del sito insieme al fornitore del plug-in a cui i dati vengono trasferiti. La sentenza è sul sito FashionId. Vediamo perché

02 Ago 2019
T
Luca Tosoni

Avvocato e ricercatore presso l'Università di Oslo

La Corte di Giustizia Ue ha stabilito che il gestore di un sito internet è responsabile della raccolta, tramite plug-in sociali, dei dati personali dei visitatori del sito. Ma non solo: corresponsabile è anche il fornitore del plug-in. La Corte lo ha chiarito nella recente sentenza della causa C-40/17, per il sito Fashion ID.

L’uso dei plug-in sociali e il caso Fashion ID

Quella di inserire plug-in sociali (come il pulsante “Mi piace” di Facebook) nelle pagine dei siti è una pratica molto diffusa in rete. L’inserimento di questi plug-in spesso comporta che, quando un visitatore entra nella pagina di un sito dove è collocato un plug-in, il suo browser invia automaticamente informazioni relative all’indirizzo IP e alla stringa del browser dello stesso visitatore al fornitore del plug-in (come Twitter, Facebook, LinkedIn, ecc.).

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

Questo è quanto accadeva sul sito della società Fashion ID: quando un utente entrava nel sito della Fashion ID, le informazioni relative all’indirizzo IP e alla stringa del browser di tale utente venivano trasferite a Facebook in maniera automatica, indipendentemente dal fatto che l’utente avesse cliccato o meno il pulsante “Mi piace” e che avesse o meno un account Facebook. Tale pratica è stata contestata da un’associazione tedesca per la tutela dei consumatori, la quale ha avviato un’azione inibitoria contro la Fashion ID ritenendo che l’uso di tale plug-in comporti una violazione della normativa sulla protezione dei dati personali. Investito della controversia, l’Oberlandesgericht Düsseldorf (Tribunale superiore del Land di Düsseldorf in Germania) ha ritenuto di chiedere alla Corte di giustizia Ue alcuni chiarimenti in merito a varie disposizioni della direttiva del 1995 sulla protezione dei dati personali (oggi sostituita dal GDPR).

Nonostante le risposte fornite dalla Corte non riguardino direttamente il GDPR – ma la precedente direttiva  – tali risposte rimangono rilevanti ai fini dell’interpretazione del Regolamento, visto che riguardano principi e disposizioni che sono rimasti sostanzialmente invariati rispetto alla normativa previgente.

“Titolare del trattamento” in senso ampio

In primo luogo, la Corte ha ricordato come la nozione di “titolare del trattamento” sia da intendersi in senso ampio: tale nozione riguarda l’organismo che, “da solo o insieme ad altri”, determina “le finalità e i mezzi” del trattamento di dati personali, tale nozione non rinvia necessariamente ad un unico organismo e può riguardare vari attori che partecipano a tale trattamento. Ciascuno di tali attori sarà quindi soggetto alle disposizioni applicabili in materia di protezione dei dati personali in qualità di co-titolare.

Tuttavia, sempre secondo la Corte, l’esistenza di una responsabilità congiunta non implica necessariamente una responsabilità equivalente, per un medesimo trattamento di dati personali, dei diversi soggetti che vi partecipano. Al contrario, tali soggetti possono essere coinvolti in fasi diverse di tale trattamento e a diversi livelli, di modo che il grado di responsabilità di ciascuno di essi deve essere valutato tenendo conto di tutte le circostanze rilevanti del caso di specie.

Il gestore del sito Internet e il fornitore del plug-in sociale sono co-titolari, e quindi corresponsabili della raccolta dei dati. Alla luce della propria interpretazione estensiva del concetto di titolare, la Corte ha concluso che un gestore di un sito Internet, come Fashion ID, sia inquadrabile come co-titolare del trattamento, insieme al fornitore del plug-in, rispetto alle operazioni di raccolta e trasmissione dei dati personali dei visitatori del sito tramite plug-in. Ciò in quanto il gestore contribuisce a determinare “i mezzi e le finalità” del trattamento in questione. Infatti, incorporando un plug-in sociale nel proprio sito Internet, il gestore del sito esercita un’influenza decisiva sulla raccolta e sulla trasmissione dei dati personali dei visitatori del sito al fornitore di quel plug-in (ad esempio, Facebook), operazioni che non potrebbero verificarsi senza quel plug-in. Inoltre, l’inclusione di un plug-in quale il pulsante “Mi piace” di Facebook nel proprio sito consente al gestore di ottimizzare la pubblicità dei suoi prodotti rendendoli più visibili su Facebook. Quindi si può affermare che le operazioni di trattamento in questione sono effettuate anche nell’interesse economico del gestore del sito, a prescindere dalla possibilità che quest’ultimo ha di accedere ai dati raccolti. Per contro, il gestore del sito non può essere considerato responsabile delle operazioni di trattamento di dati effettuate dal fornitore del plug-in (ad esempio, Facebook) dopo che i dati sono stati trasferiti a quest’ultimo.

Obblighi del gestore di un sito con plug-in sociali

L’inquadramento del gestore del sito quale titolare del trattamento rispetto alle attività di raccolta e trasmissione di dati tramite plug-in comparta una serie di obblighi per lo stesso. In primis, il gestore deve fornire, al momento della raccolta dei dati, talune informazioni ai visitatori del sito, come, ad esempio, la sua identità e le finalità di tale trattamento.

Il gestore ha inoltre obbligo di valutare quale sia la base giuridica più idonea rispetto alle operazioni di trattamento in questione. Nel caso ritenga appropriato ricorre all’interesse legittimo quale base giuridica del trattamento, è necessario verificare che sia il gestore del sito che il fornitore del plug-in perseguano, con la raccolta e la trasmissione dei dati personali, un interesse legittimo. Nel caso la verifica dia esito negativo, non sarà possibile ricorrere a tale base giuridica per procedere al trattamento. La Corte tuttavia non ha chiarito quali interessi possano considerarsi legittimi in questo contesto.

Nel caso invece in cui la base giuridica sia individuabile nel consenso dell’interessato, il gestore del sito dovrà assicurarsi che il consenso dell’interessato venga acquisito prima che inizi la raccolta e la trasmissione dei dati. Il gestore è tuttavia tenuto ad acquisire il consenso solo per le operazioni di cui è corresponsabile, vale a dire la raccolta e la trasmissione dei dati tramite plug-in.

Conseguenze pratiche per i gestori dei siti

In sostanza, in seguito a questa sentenza, i siti Internet che incorporano plug-in sociali dovranno verificare che le proprie privacy policy coprano le operazioni di raccolta e di trasmissione di dati relative all’uso di tali plug-in. Nel caso poi ricorrano al consenso quale base giuridica del trattamento in questione, dovranno inoltre assicurarsi di adottare misure adeguate ad ottenere il consenso dei visitatori in maniera preventiva. A tale proposito, è bene ricordare come l’acquisizione del consenso tramite caselle di spunta preselezionate sia sconsigliabile, in quanto questa pratica viene spesso ritenuta inidonea a garantire la validità del consenso.

Quelle trattate in questo articolo sono solo alcune delle questioni relative all’interpretazione del diritto Europeo alla protezione dei dati personali che sono state ultimamente sottoposte alla Corte di giustizia Ue. Infatti sono svariati i rinvii pregiudiziali attualmente pendenti davanti alla Corte che hanno ad oggetto il GDPR o la normativa sulla privacy previgente. È quindi raccomandabile continuare a monitorare gli sviluppi giurisprudenziali in questa materia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr