IL CASO

Meta aggira l’anti-tracciamento di Apple: avviata class action per violazione privacy su iOS

Meta avrebbe escogitato un modo per bypassare i sistemi anti-tracciamento di iOS, introdotti da Apple mediante il servizio App Tracking Transparency: ciò potrebbe profilare una raccolta non autorizzata di dati personali e una conseguente violazione della privacy degli utenti iOS. Facciamo il punto

26 Set 2022
C
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

Nelle ultime due settimane sono state presentate alla corte federale di San Francisco, da parte di alcuni gruppi di utenti iOS, due proposte di class action volta ad accertare la violazione, da parte di Meta, delle policy anti-tracciamento introdotte da Apple mediante il servizio App Tracking Transparency, che richiede a tutte le app di terze parti di ottenere il consenso degli utenti prima di tracciare le loro attività, online o offline, e la conseguente violazione delle leggi statali e federali statunitensi, le quali limitano la raccolta non autorizzata di dati personali. In particolare, si lamenta la violazione del Wiretap Act e dell’Invasion of Privacy Act.

L’introduzione dell’App Tracking Transparency, infatti, avrebbe comportato una riduzione rilevante delle entrate derivanti dall’advertising digitale (sebbene abbia lasciato impregiudicata l’influenza nel mercato della società): per tale ragione, Meta avrebbe escogitato un modo per bypassare i sistemi anti-tracciamento di iOS, come l’eliminazione del tracciamento tra host, e rilevare ugualmente le attività degli utenti sul web, tramite il ricorso a metodi di tracciamento alternativi collocati su siti web di terze parti.

Detta circostanza sarebbe emersa da un rapporto del ricercatore Felix Krause, ex ingegnere di Google, il quale ha affermato che le app Facebook e Instagram per iOS inseriscono del codice JavaScript all’interno dei siti web visitati dagli utenti, consentendo alle app medesime di tracciare “tutto ciò che fai su qualsiasi sito Web”, inclusa la digitazione delle password.

iOS 16 e protezione dei dati personali: Apple alza ancora l’asticella per la tutela della privacy

Come funzione l’App Tracking Transparency

Preliminarmente, appare opportuno rendere una sintetica spiegazione circa le modalità di funzionamento del sistema introdotto da Apple a tutela della privacy dei propri utenti.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Apple, infatti, assegna un identificatore univoco al dispositivo: detto dato sarà il solo che il sito Web potrà visualizzare mentre l’utente naviga sul web. Le aziende terze, dunque, potranno destinare determinati ads all’utente, facendo uso esclusivamente del suo codice univoco, e determinare se, dopo aver mostrato l’annuncio, l’utente è andato effettivamente sul sito web sponsorizzato ad acquistare il prodotto.

Con App Tracking Transparency, gli sviluppatori di app devono chiedere ai propri utenti se desiderino consentire o meno un simile tracciamento. Ove l’utente neghi il proprio consenso (come succede nella maggior parte dei casi), le app non saranno autorizzate ad utilizzare l’identificativo univoco per tracciare le attività sul web. Ne consegue che gli ads pubblicitari saranno molto meno efficaci, non potendo individuare correttamente la platea di riferimento, e meno redditizi.

Ciò non impediva, tuttavia, agli sviluppatori di terze parti di tracciare l’attività degli utenti mediante browser in-app: sebbene si trattasse di un rischio esclusivamente teorico, sembrerebbe che Meta abbia sfruttato detta lacuna del sistema per rimediare al diniego al tracciamento reso dagli utenti Apple.

La presunta violazione privacy su iOS

Come anticipato in premessa, il ricercatore Felix Krause, svolgendo delle indagini sulle applicazioni iOS di Meta, ha scoperto che la stessa, nonostante le limitazioni imposte da Apple, continua a tracciare i suoi utenti, bypassando le impostazioni sulla privacy, che restano invece valide per tutte le altre app installate sul dispositivo.

Nel rapporto, pubblicato in agosto e titolato “iOS Privacy: Instagram and Facebook can Track Anything you do on any Website in their In-App Browser” Krause esamina nel dettaglio le modalità tramite cui avviene il tracciamento: quando si carica una pagina internet, infatti, Facebook e Instagram reindirizzano direttamente al sito Web in questione tramite un browser in-app sviluppato dalla medesima Meta, in luogo di Web Browser come Safari.

Utilizzando il browser in-app, Meta sarebbe dunque in grado di “iniettare” codice JavaScript nei siti web: “Costruire il tuo browser in-app”, si legge nel report, “richiede un tempo non banale per la programmazione e la manutenzione, molto più del semplice utilizzo della privacy e dell’alternativa user-friendly che è già stata integrata nell’iPhone negli ultimi sette anni”.

“L’app Instagram inietta il loro codice di monitoraggio in ogni sito Web mostrato, anche quando si fa clic sugli annunci, consentendo loro di monitorare tutte le interazioni dell’utente, come ogni pulsante e link toccato, selezioni di testo, schermate e qualsiasi input di modulo, come password, indirizzi e numeri di carte di credito”, ha affermato Krause in un post.

Nell’ipotesi più estrema, ciò consentirebbe a Meta di monitorare tutte le interazioni degli utenti, incluso ogni pulsante e collegamento toccato, selezioni di testo, schermate e qualsiasi input di moduli, come password, indirizzi e numeri di carta di credito. Tuttavia, Kraus non suggerisce che Meta stia attuando una politica di tal genere, non avendo sufficienti elementi che consentissero di verificare la tipologia di dati che l’azienda stava estraendo, ma avendo solo la prova che le app di Instagram e Facebook eseguono attivamente comandi JavaScript per “iniettare” un codice aggiuntivo senza il consenso dell’utente, oltre che per tenere traccia delle selezioni di testo dell’utente.

Krause ha osservato, a tal riguardo, che Facebook non utilizza necessariamente l’iniezione Javascript per raccogliere dati sensibili. Tuttavia, se le app aprissero il browser preferito dagli utenti come Safari o Firefox, non ci sarebbe modo di fare un’iniezione Javascript simile su qualsiasi sito sicuro. Al contrario, l’approccio utilizzato dai browser in-app di Instagram e Facebook “funziona per qualsiasi sito Web, indipendentemente dal fatto che sia crittografato o meno”, ha affermato.

Le motivazioni dietro tale scelta sarebbero legate al mercato degli ads digitali: per Meta, al pari di Google, la maggior parte delle entrate deriva dalla pubblicità online (nel primo trimestre del 2021, l’87,2% delle entrate totali di Meta proveniva dalla pubblicità); tuttavia, non potendo fare affidamento su un sistema operativo mobile o su un motore di ricerca proprietario, l’introduzione dell’App Tracking Transparency ha comportato una riduzione delle entrate a livello globale nel secondo semestre del 2022. Tant’è che Meta prevede di perdere 10 miliardi di dollari di entrate pubblicitarie nel 2022 a causa dei cambiamenti introdotti da Apple.

La contrazione dei ricavi conseguente all’introduzione dell’App Tracking Transparency e al calo del prezzo delle azioni, avrebbe addirittura portato Meta ad avviare operazioni di licenziamento per ridurre le spese operative e mantenere una marginalità adeguata.

Le accuse mosse dagli utenti iOS

Sulla scorta di quanto emerso dal rapporto di Krause, sono state intentate le class action di cui si discute. Promotore della prima class action è la californiana Wayne Mitchell, mentre la seconda e più recente class action è stata promossa dalla californiana Gabriele Willis e dalla louisiana Kerreisha Davis. Entrambi i casi di class action, ad ogni modo, coinvolgono chiunque abbia un account Facebook attivo e abbia visitato un sito Web esterno di terze parti sul browser in-app di Facebook negli Stati Uniti.

Gli utenti lamentano, come detto, il fatto che Meta abbia rintracciato e intercettato le loro attività online e le comunicazioni private con siti Web di terze parti a loro insaputa, senza che fosse stato fornito un consenso specifico, oltre che in violazione delle policy sui dati personali di Apple. I contendenti affermano, altresì, che Meta non avrebbe neppure reso nota l’attività di tracciamento all’interno della sezione dedicata della app di Facebook.

“Meta non rivela le conseguenze della ricerca, della navigazione e della comunicazione con siti Web di terze parti dal browser in-app di Facebook, in particolare, ciò sovrascrive le impostazioni sulla privacy del browser predefinito, su cui gli utenti fanno affidamento per bloccare e impedire il tracciamento”, si legge negli atti di causa. “Allo stesso modo, Meta nasconde il fatto che inietta JavaScript che altera i siti Web di terze parti esterni in modo che possa intercettare, tracciare e registrare dati a cui altrimenti non potrebbe accedere”.

“Ciò consente a Meta di intercettare, monitorare e registrare le interazioni e le comunicazioni dei suoi utenti con terze parti, fornendo dati a Meta che aggrega, analizza e utilizza per aumentare i propri ricavi pubblicitari”, proseguono gli utenti.

In risposta alle accuse formulate nei suoi confronti, Meta, per il tramite di un suo portavoce, ha riferito a Bloomberg di non aver violato la normativa sulla tutela dei dati personali mediante le proprie condotte, pur riconoscendo che l’app Facebook monitora l’attività del browser: “Queste accuse sono prive di fondamento e ci difenderemo energicamente. Abbiamo progettato il nostro browser in-app per rispettare le scelte sulla privacy degli utenti, incluso il modo in cui i dati possono essere utilizzati per gli annunci”, ha affermato la società in una dichiarazione inviata via email alla testata.

Meta ha affermato, inoltre, che il codice di monitoraggio iniettato ha obbedito alle preferenze degli utenti su ATT. “Il codice ci consente di aggregare i dati degli utenti prima di utilizzarli per scopi pubblicitari o di misurazione mirati”, ha detto un portavoce al The Guardian. “Il codice viene iniettato in modo da poter aggregare gli eventi di conversione dai pixel. Per gli acquisti effettuati tramite il browser in-app, chiediamo il consenso dell’utente per salvare le informazioni di pagamento ai fini della compilazione automatica”.

Ad ogni modo, ove dovesse essere accertata la fondatezza delle accuse mosse nei confronti di Meta, gli utenti che rispettano i requisiti della class action avranno diritto ad un risarcimento di $ 10.000 oppure a 100 dollari al giorno, per ogni giorno in cui si è verificata una violazione ai sensi Wiretap Act, oltre a 5.000 dollari di spese legali ai sensi del California Invasion of Privacy Act (CIPA).

Tale circostanza avrebbe serie conseguenze per Meta, già destinataria, nel solo 2022, di sanzioni per oltre 100 milioni di dollari da parte delle Autorità sudcoreane, francesi e irlandesi, per violazione della normativa sulla tutela dei dati personali.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4