Come evitare violazioni

GDPR e palestre, come gestire le informative sulla privacy

Nelle palestre vengono trattati i dati personali degli utenti per svariate ragioni: questo rende necessario l’adeguamento al GDPR non trascurando le informative sulla gestione dei dati. Particolare attenzione va prestata nel caso il centro sportivo offra consulenza nutrizionale e prepari diete ad hoc, che vanno tenute riservate

18 Feb 2019
E
Marcella Esposito

Avvocato, Consulente privacy

All’interno delle palestre vengono svolte attività che richiedono rilevanti operazioni di trattamento dei dati personali. Grazie alla tecnologia che ha ormai assunto un aspetto rilevante in centri sportivi ma anche piccole palestre, si palesa sempre più l’esigenza di rendere questi posti luoghi dove i dati personali, di dipendenti e iscritti, siano tutelati e il loro trattamento avvenga in maniera conforme al GDPR.

Ciò può avvenire attraverso la predisposizione di idonee misure di sicurezza ed un piano di investimento che rafforzi quelle già esistenti, in quanto, è bene ricordare che la miglior protezione dei dati, avviene attraverso un buon processo di prevenzione del rischio.

La distribuzione degli incarichi

Primo passo da muovere verso l’adeguamento è quello relativo alle nomine, tenendo bene presente la distribuzione, all’interno della struttura, delle responsabilità di ogni soggetto in relazione ai dati personali trattati, al fine di evitare che prevalga un inutile formalismo che porti alla copiosa produzione di “carte”, con un eccesso di nomine di responsabili del trattamento.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Sarà, pertanto, importante procedere ad una attenta valutazione di ogni singolo ambito operativo e stabilire un governo di tali attività, attraverso la designazione da parte del titolare del trattamento, dei “delegati interni” del trattamento, al fine di garantire l’attuazione delle misure tecniche ed organizzative individuate dalla Policy Privacy. Successivamente a tale processo di individuazione delle figure e di un formale atto di nomina quali delegati interni, sarà consigliabile, per ossequiare l’anima sostanzialistica del GDPR, fornire a tali soggetti una idonea istruzione in merito alle responsabilità connesse alle funzioni svolte in riferimento alla protezione dei dati personali, soprattutto in riferimento alle finalità di trattamento consentite e contenute nel Registro.

Sarebbe auspicabile che il titolare del trattamento provveda ad organizzare momenti formativi, in particolare sugli obblighi derivanti dal GDPR, che possano garantire ai delegati interni e, ove presenti, ai loro collaboratori con nomina di “incaricati” autorizzati a svolgere operazioni di trattamento sui dati personali, le nozioni necessarie per non incappare in alcuna violazione della normativa e assicurare la protezione dei dati personali degli interessati.

Relativamente agli interessati, in particolare, dovrà assicurarsi che siano rispettati gli adempimenti relativi al rilascio di idonea informativa, alla richiesta di consenso, all’esercizio dei diritti garantiti in loro favore, soprattutto quando il trattamento abbia ad oggetto dati di natura sensibile o riferiti a minori.

L’informativa: deve sottoscriverla ogni interessato?

In riferimento alla informativa, i titolari chiedono spesso se sia necessario farla sottoscrivere ad ogni interessato. Sul punto, non vi è una risposta univoca, benché non sembra peccare di approssimazione la soluzione che preveda l’esposizione della stessa in un luogo chiaro e ben visibile, ad esempio sotto il vetro del banco della reception, oppure in un “quadretto” affisso in più punti focali dello spazio operativo. Per la sottoscrizione del consenso, invece, non ci sono dubbi sulla sua necessità, soprattutto quando richiedono quelli ulteriori per l’invio di mail con finalità di marketing o cessione dei dati a terzi.

Qualora la palestra sia presente anche con un proprio sito internet sul web, non bisogna mai tralasciare la pubblicazione della policy privacy al suo interno, rendendola quanto più chiara possibile e di facile comprensione.

Far la dieta rispettando la privacy

Poiché sempre più spesso ai programmi di allenamento viene associato un regime alimentare specifico, nelle palestre potrebbe essere presente anche la figura di un nutrizionista. In conformità a quanto prevede la normativa sul trattamento dei dati particolari, in tal caso, lo stesso sarà subordinato all’adozione dei relativi accorgimenti che ne garantiscano la protezione.

Tra questi, mentre la raccolta del consenso è la condizione di base del trattamento stesso, ve ne sono altri, spesso trascurati. Uno, esemplificativo, è quello di evitare di renderli noti, in qualsiasi modo, a soggetti non autorizzati. Pertanto, assolutamente sconsigliabile, è l’affissione delle diete in una bacheca “pubblica”, parimenti le schede degli allenamenti, entrambe, infatti, risultano idonee a rivelare dati sulla salute dell’interessato, ad esempio un allenamento dimagrante, oppure un regime alimentare particolarmente restrittivo possono essere sintomatici di obesità.

Un ultimo aspetto da non trascurare, benché vi renderà un consulente pignolo, è quello relativo ad un trattamento che deriva da un esame che, molto spesso, nelle palestre viene offerto gratuitamente, ossia l’esame impedenzometrico.

Attraverso questo esame si rileva la percentuale di massa magra e massa grassa che compongono il peso del soggetto in questione, la ritenzione idrica, al fine di predisporre il piano alimentare più adeguato al risultato che si mira ad ottenere. Ebbene, se appare anche superflua la raccomandazione di procedere solo previo consenso scritto dell’interessato ad eseguire tale esame, forse, non lo sarà altrettanto consigliare di verificare molto bene i dati raccolti se e a chi verranno ceduti.

Ci sono casi in cui, infatti, la strumentazione per effettuare questa tipologia di esame, viene data in dotazione da aziende che fanno della nutrizione il loro business, in cambio della cessione dei dati dei soggetti esaminati. Potrebbe così accadere che tali soggetti, in seguito, siano destinatari di messaggi sulla loro posta elettronica che contengono la pubblicità di prodotti dimagranti, integratori, tisane drenanti, commercializzati proprio dall’azienda, o da una collegata, fornitrice dell’apparecchiatura per eseguire l’esame che la loro palestra gli ha offerto gratuitamente.

In tal caso, non sarà necessario che il Titolare rinunci alla vantaggiosa convenzione stipulata con tali aziende ma sarà indispensabile al fine di evitare violazioni della privacy, procede a raccogliere un ulteriore consenso, specifico per la cessione dei dati a terzi, per il marketing e per l’invio di materiale pubblicitario.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr