L'ANALISI

5G e servizi segreti: strategie per la protezione rafforzata degli asset ICT strategici

La Relazione sulla Politica dell’informazione per la sicurezza è l’occasione per fare il punto su come si sta evolvendo l’attività dei servizi segreti nei confronti del 5G e della tutela degli interessi nazionali e internazionali del cosiddetto perimetro cibernetico, nell’ottica del contrasto dei rischi anche in maniera predittiva. Ecco con quali strategie

23 Mar 2020
S
Marco Santarelli

Professor Intelligence and Semiotics - Security Information and Antiterrorism - Chief ISD - Intelligence, Security and Defence Departiment BSS

Qualche giorno fa è stata presentata la Relazione sulla Politica dell’informazione per la sicurezza: in questa occasione, e prendendo già spunto da alcune riflessioni venute a galla nella stessa, ci poniamo il problema di come stia evolvendo l’attività dei servizi segreti nei confronti del 5G e della tutela degli interessi nazionali e internazionali del cosiddetto perimetro cibernetico.

5G e servizi segreti: monitorare la tecnologia

Nella Relazione si parla esplicitamente, sulla scorta delle leggi 133/2019, 56/2019 e 105/2019, di monitorare la tecnologia 5G, come ci dice anche il capo del DIS Gennaro Vecchione nell’ambito del cd. Golden Power. Il direttore generale del DIS parla esplicitamente di salvaguardia attraverso la prescrizione “agli operatori di notificare i contratti per l’acquisizione di beni e servizi connessi a quelle reti e conclusi con fornitori extra-europei” (cfr. pagina 19).

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete

Significativo è anche fronteggiare i pericoli sia, quindi, quelli da minaccia cibernetica sia quelli da conseguente minaccia ibrida, ovvero causati dai vari attacchi in molteplici forme. In questo quadro la riflessione fa eco alla relazione del Copasir approvata l’11 dicembre 2019.

In quest’ultima, degna di novità e di forte attenzione al sistema informativo, il Copasir, già apprezzando il Decreto Legislativo n. 21 del 2019 sul perimetro cibernetico, chiedeva un rafforzamento dei livelli di sicurezza dei sistemi, ma anche delle reti informative di ogni genere.

Non per nulla il Comitato Parlamentare per la sicurezza della Repubblica richiama la seduta del 7 Luglio 2010 in cui erano state già approvate delle misure per la sicurezza nazionale in ambito cibernetico [doc.XXXIV].

In quell’occasione, si legge a p.8, è nata l’esigenza di un “rafforzamento dell’Ufficio Centrale per la Segretezza (UCS), all’interno del DIS, al quale affidare la vigilanza operativa sulle aziende interessate e lo svolgimento di verifiche costanti e periodiche sulla sussistenza dei necessari standard di sicurezza e affidabilità”.

Questo pone già in una posizione chiara e netta il nostro Paese, in cui la novità digitale, le speculazioni imprenditoriali e lo sfruttamento tecnologico non devono mai arrivare prima di un controllo specifico del Comando delle Interforze Operazioni Cibernetiche (CIOC) della Difesa.

Il messaggio è che la sicurezza non ricade più nelle sole e specifiche leggi di natura informatica o di reti di telecomunicazioni, ma, in maniera più ampia, rientra nella sicurezza di reti informative di ogni genere, anche umano e sociale.

5G e servizi segreti: contrasto dei rischi in maniera predittiva

Basti pensare al lavoro di Humint – Human Intelligence – degli ultimi anni per capire. Il messaggio è chiaro: secondo le leggi più estese e forti, quali la Legge 133 del 2012 e la Legge 124 del 2007, che disciplinano ampiamente un Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e una nuova disciplina del segreto, in un momento in cui la velocità delle comunicazioni è aumentata tantissimo grazie, appunto, al prossimo 5G, la strategia è quella del contrasto dei rischi anche in maniera predittiva.

Ovvero dove ci sono delle avvisaglie, dal reperimento dei software alla gestione errata delle password al cattivo controllo della filiera organizzativa umana e dei prodotti informativi e informatici (installazione, configurazione e mantenimento delle infrastrutture delle reti 5G), bisogna intervenire secondo regole ben precise che da una parte isolino le attività che provocano il rischio e dall’altra evitino la discontinuità del servizio.

Questo vuol dire maggiore attenzione e collaborazione con gruppi aziendali importanti del Paese nel settore forniture hardware, software e gestione umana. Ottimizzare le lacune e predisporre un’azione che, questo invece è chiaro nella Relazione sulla Politica dell’informazione per la Sicurezza, dia maggiore sensibilità e attenzione senza ridurre l’impatto e l’aiuto tecnologico tra varie nazioni, tra cui la Cina.

In sintesi, non si permette di creare una terra selvaggia o di conquista nel nostro Paese, ma, nel contempo, è possibile abbinare sempre uno spirito di concorrenza, come ci ricorda lo stesso Vecchione in un’intervista, nel rispetto di un’economia aperta.

Quindi, ciò che sembra delinearsi in tal senso in Italia è che bisogna definire un’area di “protezione rafforzata dei nostri asset ICT strategici”, ma questo non deve compromettere eventuali crescite economiche e sociali.

5G e servizi segreti: come si stanno muovendo gli altri Paesi

Un collegamento con gli altri Paesi è in atto. Ma come si stanno muovendo gli altri? E con quali mezzi? La Commissione Europea, a nome dei suoi maggiori esponenti, ha dichiarato che l’obiettivo è di interconnettere le reti energetiche con quelle agricole e altre ancora, ferme restando una serie di indicazioni in cui la necessità è quella di valutare “il profilo di rischio dei fornitori” e di applicare “restrizioni” a quelli considerati “da alto rischio”, compresa la possibilità di decidere “esclusioni per limitare in modo efficace i rischi” per gli “asset chiave” dell’infrastruttura 5G.

I servizi segreti e informativi della Germania, Bundesnachrichtendienst, BND, o anche Federal Intelligence Service, hanno una posizione già consolidata su alcuni atteggiamenti segnalati, riferendosi a quello più recente e declassificato, il “Report Without Borders for Freedom Information”, del 7 giugno 2019.

In questo documento si evidenzia che i servizi di intelligence nazionali saranno autorizzati a penetrare server, computer e smartphone e avranno anche il potere di intercettare le comunicazioni criptate di case editrici, emittenti radiofoniche e televisive e giornalisti freelance o di cercare segretamente i dati digitali sui loro dispositivi, nel senso che potrebbero anche identificare le fonti giornalistiche nei processi.

Dove il fulcro della notizia è nel termine “potere”, cioè i servizi non solo dichiarano, ma intendono capire come vengono gestiti e utilizzati i software. Ovvero, indipendentemente dal consenso della cancelliera Merkel, vengono prese le distanze dalla gestione in maniera incontrollata della questione 5G.

La differenza è che la BND potrà controllare tutti senza remore e potrà capire come si stanno sviluppando determinate gestioni della filiera delle infrastrutture. Questo potere di controllo, benché la BND sia diretta “discendenza” dell’Ufficio di cancelleria, dà la possibilità di non far interferire la politica con la questione più delicata e reale del controspionaggio.

Questo punto risulta essere nodale poiché, già dal 2016, la BND veniva presa in considerazione per avere gli strumenti adatti per intercettare tutto il mondo. Non per nulla è stata tirata in ballo per lo scandalo NSA e WikiLeaks.

Quindi, al di là della concorrenza leale o meno, si procederà a capire determinati atteggiamenti del mercato, soprattutto quelli legati ai fornitori, ricostruendo la rete in tale senso, secondo le quali si analizzerà non solo la nuova tecnologia, ma ciò che darà contributo, anche solo velato, al controspionaggio vero e proprio.

Dal suo canto la Francia, con i suoi reparti di Intelligence della Communauté française de renseignement e l’Annsi (Agence Nationale de la e la Sécurité des Systèmes d’Information) ha una posizione triplice: da una parte trapelano indiscrezioni sul lato economico, da un altro sul lato sicurezza delle informazioni e, infine, sulla contromossa meno palese del monitoraggio delle nuove tecnologie.

Per la parte economica fa da padrona la prudenza: infatti, alla palese intenzione della Cina di fare investimenti primari in Francia ingolosisce la parte politica ed economica; per la parte sulla sicurezza delle informazioni si stanno prevedendo delle nuove figure che, oltre agli aspetti propriamente tecnici, dovranno salvaguardare il processo di filiera delle microstrutture.

In questo ambito rientra il monitoraggio delle aziende che producono hardware e software. Ad esempio, su smartphone e pc i controlli sono già stringenti nelle loro parti essenziali, come i SoC (System on a chip), GPU e i CPU, ovvero le parti del sistema centrale che permettono di avviare il device, le applicazioni e i processi, ossia quelle che poi vengono messe sul mercato.

Questa attività, in parte atipicamente già svolta dalla Germania, è oggetto della doppia contromossa che la stessa Francia ha voluto. Da una parte la costituzione del College Dell’Intelligence, piattaforma degli stati membri per “controllare” le azioni su tecnologia e informazioni di ogni genere, il cui sottosegretario avrà sede a Parigi, dall’altra, nel report Campus Cyber 2020 si parla di creazione di un centro informativo di cyber security in cui vi sono 10 punti cruciali su cui poggerà tutta l’intelligence.

Quello che riassume questo lavoro assiduo che farà e che stanno già facendo i Servizi Francesi è il sesto: bisogna creare un punto d’ingresso e link tra Europa e Francia per favorire l’eccellenza scientifica e industriale della Francia stessa.

Motivo per cui anche il Belgio sta cercando di capire cosa fare per via dei suoi storici rapporti proprio con la Cina.

Identica la posizione dei servizi segreti spagnoli, il CNI [Centro Nacional de Inteligencia], che attraverso la conferenza sulla sicurezza informatica hanno dato un nuovo segnale tecnicamente molto vicino alla NSA e CIA, ossia i servizi americani.

Infatti, gli USA oltre a essere stati i primi a lanciare l’allarme sul 5G, sono, insieme alla Spagna e in parte alla Russia, con il gruppo sul monitoraggio dei cavi sottomarini, anche intenti a (questo il motivo dell’unione del CNI con esperti di sicurezza del Centro Criptologico Nazionale) monitorare i codici usati per cifrare le comunicazioni e svolgere crittoanalisi.

Con questo aspetto gli USA ampliano il loro controllo anche sui Paesi Membri e, anziché ricorrere a pressioni dirette, passano ad azioni di controllo indiretto, ma forse più efficace.

La Russia sta monitorando, invece, in maniera diretta ciò che sta accadendo realmente tra USA e Cina. Tra i due, infatti, si è scoperto esserci stato un colloquio riservato in cui il punto cruciale era (o è) la costruzione del cavo sottomarino di otto mila miglia tra America e Cina.

Ovviamente, la struttura è finanziata da Google e Facebook in primis. L’FBI, in tale scenario, sta cercando di rallentare la costruzione per via della presenza della Peng Telecom, una società cinese con interessi diretti con Huawei.

Altro scenario per la Russia nella corsa al 5G è il monitoraggio delle reti tra Irlanda, America ed Europa, in cui la stessa Russia ha messo gli occhi sperando in un nuovo Artico da cui vigilare su Belgio, Olanda e UK.

In tale direzione, il Regno Unito con i suoi due Servizi Segreti, che sono rispettivamente l’MI5 (Security service) e l’MI6 (Secret intelligence), coordinati dalla Joint intelligence committee ha una gestione consolidata, caratterizzata da un misto di democrazia, eleganza e stringente controllo.

Questo trittico è maturato da una forte propensione alla semplicità e al pragmatismo e in tal senso si dimostra anche l’atteggiamento verso il 5G e le nuove tecnologie in generale.

Sin dal primo Security Service Act del 1989 (struttura dei servizi operativa dal 1909), infatti, il Regno Unito riconosce la sicurezza nazionale attraverso la collaborazione costante e continua con le aziende.

Conclusioni

Pertanto, non vi è sviluppo economico se non ci sono rapporti di informazione reciproca tra governo e servizi. Questo smonta la politica del controllo forzato degli USA e slega il Regno Unito dal resto dei Paesi Membri anche nella tematica stessa del controllo. Boris Johnson si servirà della storica GCHQ (Government Communications Headquarters) per controllare per via informatica e attraverso i segnali di reti e telecomunicazioni il livello dell’invasione da parte della Cina.

Restiamo attenti agli sviluppi senza perdere ciò che il Copasir ha tuonato all’inizio: “ove necessario intervenire per tutelare la sicurezza nazionale”.

WHITEPAPER
Scopri come risolvere in autonomia i problemi quotidiani legati all’IT
CIO
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr