L'APPROFONDIMENTO

L’AI aiuterà a riequilibrare gli stipendi o creerà maggiore divario? Le sfide tecnologiche

Man mano che l’intelligenza artificiale sostituirà compiti manuali e ripetitivi, i ruoli dei lavoratori potrebbero diventare più complessi e quindi meglio remunerati. Ma occorrerà monitorare lo sviluppo tecnologico per evitare la creazione di ulteriore squilibrio nel mondo lavorativo. Ecco le sfide che ci attendono

Pubblicato il 24 Nov 2023

B
Davide Bruseghin

Osint Junior Analyst, Hermes Bay

Anche se l’intelligenza artificiale potrebbe eliminare alcune delle mansioni più meccaniche e ripetitive, timore diffuso soprattutto nei settori industriali, gli esperti sono sicuri che non sostituirà gli esseri umani nella forza lavoro.

Si prevede, infatti, che lavoratori e macchine probabilmente collaboreranno e che man mano che l’intelligenza artificiale sostituirà compiti manuali e ripetitivi, i ruoli dei lavoratori potrebbero diventare più complessi.

Invece, i lavoratori saranno idealmente in grado di produrre di più e meglio concentrandosi sui compiti distintamente umani che l’IA non è ancora pronta a sostituire, ad esempio gli approcci creativi alla risoluzione dei problemi e alla comunicazione interpersonale.

Come misurare e rendere affidabile un sistema di intelligenza artificiale

Riequilibrare gli stipendi: gli impatti positivi dell’IA

È facile pensare che i salari aumenteranno in tandem se i lavoratori si spostano in ruoli più impegnativi intellettualmente o sperimentano un aumento della produttività quando approfittano dei vantaggi dell’IA.

WHITEPAPER
Semplifica e accelera il Customer Journey nel Retail con l’AI
Machine Learning
Marketing analytics

Dopo tutto, la remunerazione dovrebbe aumentare se le descrizioni del lavoro cambiano e i dipendenti incrementano la loro efficacia.

I datori di lavoro si rivolgeranno ai computer se le macchine possono svolgere compiti svolti dagli esseri umani in modo più conveniente.

Tuttavia, quando i costi diminuiscono, può verificarsi un aumento della domanda complessiva di un servizio, probabilmente fino al punto in cui equilibra l’aumento dell’uso delle macchine.

Non esiste una regola che specifica quale effetto avrà la precedenza. Un esempio riguarda il settore relativo alle traduzioni linguistiche: sebbene il numero di traduttori negli Stati Uniti sia aumentato finora, il loro salario reale è leggermente diminuito, probabilmente a causa della professione che oggi richiede meno competenza.

Si ridurranno le ore lavorative

Tra gli impatti positivi che l’introduzione di tecnologie avanzate di IA potrebbero portare vi è sicuramente quello della riduzione delle ore lavorative.

Secondo un recente report di Autonomy, un think tank indipendente che studia il futuro del lavoro e della pianificazione economica, quasi un terzo della forza lavoro del Regno Unito arriverebbe a ottenere una settimana lavorativa di quattro giorni entro il 2033.

Infatti, con le istruzioni e le informazioni corrette, gli strumenti di IA generativa, come i chatbot di OpenAI e di Google, possono produrre contenuti molto vicini a quelli prodotti da umani in pochi secondi, inclusi articoli interi o piani di business, ottimizzando molti processi organizzativi e di pianificazione.

Secondo gli autori del rapporto GPT-4 (Day Week), l’IA può consentire a 8,8 milioni di lavoratori del Regno Unito, ovvero il 28% della forza lavoro, di lavorare 32 ore settimanali, equivalenti a quattro giorni di settimana lavorativa. Nel frattempo, altri 27,9 milioni di persone, ovvero l’88% della forza lavoro del paese, potrebbero vedere una riduzione di almeno del 10% del loro monte ore totale.

Le preoccupazioni sulla diffusione dell’intelligenza artificiale

Nonostante ciò che potrebbe accadere in alcune aziende, dove potrebbe verificarsi un aumento salariale quando i dipendenti assumono nuove responsabilità, alcuni esperti, esprimono scetticismo sulla possibilità che tutti i lavoratori sperimentino un incremento salariale, mentre l’IA li spinge a svolgere mansioni differenti e più complesse.

In un documento di ricerca del 2019 si leggeva che non ci si dovrebbe aspettare che l’automazione crei aumenti salariali commisurati alla crescita della produttività. Questo perché i guadagni finanziari realizzati grazie all’aumento della produttività dei lavoratori sono generalmente assorbiti dall’azienda e non trasferiti ai lavoratori come migliore retribuzione.

La maggior preoccupazione di gran parte dei lavoratori, soprattutto lavoratori manuali e con un livello di istruzione inferiore, è quella che l’intelligenza artificiale e la sua sempre più pressante presenza nel mondo del lavoro, possa influire efficacemente nell’acuire la già esistente disparità salariale.

Disparità salariali: le preoccupazioni degli italiani

Secondo un’indagine recentemente effettuata, si rileva che la maggioranza degli italiani teme che l’intelligenza artificiale possa avere effetti negativi sui salari e portare a una diminuzione del personale nelle imprese.

Condotta su un campione di mille italiani di età superiore ai 16 anni, l’indagine mostra che il 53% dei partecipanti è preoccupato riguardo all’effetto dell’intelligenza artificiale sugli stipendi. La preoccupazione principale è che, per molti, ciò potrebbe tradursi in una riduzione delle ore lavorate con conseguente calo del salario.

Dalla ricerca emerge chiaramente che per circa il 70% degli italiani, l’intelligenza artificiale contribuirà ad accentuare ulteriormente la disparità salariale, aggravando le già esistenti disuguaglianze.

In particolare, si nota che il livello di istruzione, sia esso elevato o meno, sarà determinante nella determinazione delle retribuzioni, più di quanto lo siano l’età, il genere o la posizione geografica.

Nonostante ciò, c’è anche una buona fetta di lavoratori che cercano di vedere i risvolti positivi dell’utilizzo dell’IA nel mondo del lavoro, soprattutto per il fatto che saranno delegate all’IA mansioni manuali ripetitive, così che i dipendenti avranno più tempo da dedicare ad incarichi più complessi e strutturati.

Aspetti positivi dell’implementazione dell’IA

È da qui però che bisogna trarre gli elementi positivi dell’implementazione dell’Intelligenza Artificiale nel mondo del lavoro: dal fatto che mentre l’IA assume determinati aspetti predittivi e analitici di determinati lavori, al contempo libererà i lavoratori per diventare più efficienti nelle attività creative e decisionali che rimarranno prerogativa umana nel futuro prevedibile.

In tal senso, l’IA renderà alcuni di questi già ben retribuiti lavoratori più produttivi, aumentando ulteriormente i loro salari.

Studi recenti condotti, suggeriscono che i progressi nell’IA possono portare a una crescita occupazionale e salariale positiva per le professioni ad alto reddito.

Sebbene non tutti i lavoratori ad alto reddito trarranno beneficio dalla diffusione dell’IA, coloro che saranno sostituiti sono in una posizione migliore rispetto ai lavoratori a basso reddito.

Un uso intelligente e vantaggioso dell’intelligenza artificiale

In considerazione di ciò, conseguentemente alla diffusione sempre più massiccia dell’intelligenza artificiale nel mondo del lavoro, risulta necessario, alla luce di quanto emerso secondo le varie indagini e ricerche, prestare attenzione a quella fascia di lavoratori più vulnerabili affinché l’IA non implementi ulteriormente il gap salariale, già esistente, tra lavoratori a basso ed alto reddito.

Un uso intelligente e maggiormente vantaggioso dell’Intelligenza Artificiale sarebbe quello di creare posti di lavoro direttamente connessi all’uso dell’IA per creare catene di valore che si intersechino direttamente con le università e le scuole, in modo da sfruttare appieno la creatività giovanile.

Inoltre, in molti dei compiti in cui l’uomo è di fatto un attore passivo, l’IA supporterebbe un incremento dell’efficienza anche senza soppiantare completamente l’azione umana.

In ogni caso sarà da monitorare con attenzione lo sviluppo di questa tecnologia, in quanto la possibilità di creazione di ulteriore squilibrio nel mondo lavorativo potrebbe mettere a dura prova la tenuta sociale delle realtà economicamente più a rischio.

WHITEPAPER
Contact Center performante grazie all'AI: Istruzioni pratiche, tool e servizi in una guida dedicata
Natural Language Processing (NLP)
Image recognition
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5