SICUREZZA INFORMATICA

Sicurezza fisica e logica, serve un approccio integrato per vincere le sfide del futuro

La cyber security ormai non può più prescindere dall’impatto che eventuali violazioni possono avere sugli asset tangibili, ed è per questo che per garantire la continuità operativa occorre proteggere l’intera catena di fornitura, tenendo in conto i trend che plasmeranno il mercato: AI, architetture ibride e compliance

Pubblicato il 07 Dic 2023

A
Domenico Aliperto

Giornalista

Sempre più spesso, quando si parla di cybersecurity, si fa riferimento a una dimensione in cui sicurezza fisica e sicurezza logica rappresentano due facce della stessa medaglia. E non soltanto perché, come risulta ormai abbastanza intuitivo per chiunque, l’obiettivo è quello di proteggere tutti gli asset, tangibili e intangibili, su cui si fonda la continuità operativa di un’organizzazione: l’aspetto più determinante, forse, è quello dell’integrazione profonda tra oggetti, strutture, dispositivi e dati, che risiedono nel mondo digitale.

La stretta interconnessione tra le due realtà, la diffusione di nuove logiche distributive delle risorse informatiche, come quelle del cloud e dell’edge computing, e – soprattutto nei settori industriali – la progressiva affermazione dell’Internet of Things fanno sì che il successo nel presidiare le superfici d’attacco e nel proteggere i processi di business passi dalla capacità di monitorare le difese fisiche e logiche a 360 gradi, individuando e bonificando le potenziali aree vulnerabili senza soluzione di continuità lungo l’intera catena di fornitura.

La security del futuro? Sarà basata sull’AI

Tutto ciò è ancora più vero se si considera l’impatto che è destinato ad avere l’introduzione dell’intelligenza artificiale nell’ambito della security. Il potenziale di questa tecnologia, unito a quello delle tecniche di deep learning, rivoluzionerà l’analisi avanzata sull’edge. Oggi, per esempio, sono sempre di più le telecamere di videosorveglianza presenti sul mercato dotate di funzionalità di deep learning, che migliorano notevolmente l’accuratezza delle analisi, ponendosi anche come base per la costruzione di soluzioni cloud scalabili, in quanto eliminano i pesanti requisiti di larghezza di banda, riducono i workload per l’elaborazione dei dati e rendono nel complesso il sistema più affidabile.

Nel 2024, d’altra, parte, si assisterà alla comparsa di applicazioni incentrate sulla sicurezza che faranno leva sull’uso di Large Language Model e di AI generative. Tra queste ci saranno probabilmente gli assistenti per gli operatori, che li aiuteranno a interpretare in modo più accurato ed efficiente ciò che sta accadendo in un determinato ambiente, fisico o logico che sia.

Inoltre, l’AI generativa ha già dimostrato il suo valore nello sviluppo di software, e questo costituirà un fattore critico di successo per tutti i settori, e in particolare della cybersecurity. A patto naturalmente che si tenga conto delle potenziali insidie di un uso scorretto della tecnologia, con particolare riferimento ai  modelli da impiegare, a prescindere dal fatto che si parli di soluzioni open-source o proprietarie. All’interno di uno scenario in così rapida evoluzione, una sola cosa è certa: il rischio maggiore è quello di ignorare i vantaggi che l’AI potrà generare per la propria organizzazione.

Architetture ibride e compliance, i pilastri per un’implementazione di successo

Bisogna poi precisare che un approccio corretto e sostenibile alla sicurezza non potrà fare a meno della costruzione di architetture ibride, in grado cioè di mettere a fattor comune e sfruttare armonicamente tutti i principali benefici delle tecnologie on premise, cloud ed edge per distribuire risorse e funzionalità là dove risultano più efficienti, utilizzando il meglio di ogni istanza del sistema e aumentando la flessibilità delle piattaforme.

L’obiettivo è mettere le architetture di sistema al servizio delle esigenze degli utenti, e non della struttura offerta dal fornitore. Il vantaggio, del resto, è reciproco: quanto più una soluzione opera in ambienti facilmente accessibili sia agli utenti sia ai fornitori, tanto più questi ultimi avranno la possibilità di governare al meglio tutte le componenti dell’ecosistema, accrescendo il controllo e al tempo stesso riducendo gli oneri di gestione per gli altri attori coinvolti.

L’altro aspetto che non potrà essere sottovalutato nello sviluppo di una security realmente efficace è quello della compliance. La somma dei framework normativi nazionali e internazionali determinerà infatti un impatto crescente sia sull’implementazione tecnologica, sia sulla sua applicazione sia sull’utilizzo delle soluzioni. I fornitori e gli utenti finali dovranno quindi maturare piena consapevolezza della necessità di risultare conformi alle normative, man mano che queste si evolvono: il modo migliore è cercare di lavorare in stretta collaborazione per garantire la governance, cooperando anche per assicurare un costante monitoraggio della situazione geopolitica e delle relazioni commerciali tra gli Stati, al fine di aumentare il livello di trasparenza in qualsiasi implementazione.

L’impatto di ogni aspetto di un sistema di sicurezza sarà infatti sottoposto a controlli via via più frequenti e approfonditi, con fornitori e clienti che dovranno monitorare, misurare e, sempre più spesso, confrontarsi con le authority su un’ampia gamma di fattori.

Il calcolo del TCO (Total Cost of Ownership) continuerà a essere un KPI rilevante, ma in quest’ottica i fornitori di soluzioni di sicurezza dovranno sempre più tenere in considerazione (ed essere in tal senso trasparenti) anche gli aspetti non puramente finanziari, compresi quelli ambientali e sociali. In altre parole, non sarà più possibile per i vendor operare in modo isolato rispetto alla propria catena del valore e a quella dei propri clienti.

La filosofia di Axis Communications: una responsabilità condivisa

Proprio perché la protezione di una rete, degli utenti e dei dispositivi che la compongono e dei servizi supportati dal network richiedono ormai la partecipazione attiva dell’intera supply chain, è indispensabile rivolgersi a provider che forniscano oltre agli strumenti, anche la documentazione, la formazione e il supporto per aiutare qualsiasi azienda a mitigare i rischi e mantenere aggiornati e protetti sotto il profilo cyber i prodotti e i servizi acquistati.

Consapevole di questa nuova esigenza del mercato, Axis Communications, specialista delle soluzioni di videosorveglianza e security parte del gruppo Canon dal 2015, sviluppa, progetta e implementa la propria offerta con un approccio end-to-end, impegnandosi a garantirne anche la sicurezza informatica.

Seguendo la filosofia della responsabilità condivisa, la società punta in primo luogo a facilitare l’individuazione e l’implementazione di misure di security in grado di proteggere dalle minacce informatiche (accessi non autorizzati, sfruttamento delle vulnerabilità, sabotaggi) i device, le componenti di rete e i dati che su essi transitano. A questo si aggiunge il massimo zelo nel costruire una catena di fornitura protetta e conforme alle normative di settore.

Axis Communications sa bene che un sistema compromesso – fisicamente o logicamente – può comportare la perdita della riservatezza, dell’integrità o addirittura della disponibilità dei dati dei propri clienti, minando la business continuity e generando danni finanziari e reputazionali. Ed è proprio in virtù dell’accettazione di questa responsabilità che ciascuno dei prodotti e dei servizi offerti ai clienti racchiude e integra entrambe le dimensioni – fisica e logica – che consentono alle soluzioni di sicurezza di preservare l’efficienza dei processi e la loro continuità operativa.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Axis Communications

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3