SICUREZZA INFORMATICA

Incident response: competenze necessarie e best practice per il pieno ripristino dell’operatività

Le professionalità e le tecniche da integrare nel team aziendale per minimizzare i danni di un incidente informatico. Per Roberto Veca, Head of Cyber Security di Cyberoo, è fondamentale programmare ciascun step, ricorrendo all’assistenza degli esperti.

Pubblicato il 19 Set 2023

A
Domenico Aliperto

Giornalista

Nell’ambito del business, l’espressione “incident response” è sinonimo di capacità di ripristino totale dei processi operativi a seguito di un incidente informatico. Minori sono i tempi di recupero e le perdite di dati, maggiori sono le chance di consentire all’organizzazione di non accusare il colpo causato da un attacco esterno o da un disservizio di sistema.

Questo, in determinati settori, potrebbe voler dire evitare di bruciare milioni di fatturato, senza contare l’impatto dei danni sul piano reputazionale.

Cosa occorre per rimettere in sesto network e applicazioni nel minor lasso di tempo possibile? Che competenze bisogna sviluppare e quali best practice conviene adottare per assicurare che persone e strumenti lavorino correttamente, e in modo sinergico, al rapido e pieno ripristino dell’operatività? Ci risponde Roberto Veca, Head of Cyber Security di Cyberoo.

Le competenze da sviluppare per gestire correttamente un incidente

“Prima di ogni altra cosa è bene sottolineare che quando parliamo di incident response entriamo in un ambito caratterizzato da dimensioni estremamente verticalizzate, per le quali occorrono competenze più che specialistiche: chirurgiche direi” avverte Veca.

“Mi spiego meglio con un esempio. Neurochirurgo e cardiochirurgo sono entrambi medici in grado di lavorare in sala operatoria con enorme precisione, ma uno non potrebbe affrontare il campo dell’altro con la stessa efficacia, proprio perché le competenze sviluppate dai professionisti sono separate e altamente specializzate. Ecco, nel mondo della cybersecurity, e in particolare per quello che concerne l’incident response, la situazione è più o meno la stessa. Serve un profilo informatico capace di evolversi in un vero e proprio cyber specialist con competenze verticali”.

Questo per Veca significa essere al tempo stesso un sistemista e un networker di talento, in grado cioè di analizzare tutte le anomalie o le possibili vulnerabilità della rete per renderla il più possibile persistente rispetto alla catena del business.

“È necessario possedere, ovviamente, un background IT su cui vanno innestate skill più tecniche, conoscenze che permettano di condurre analisi forensi, mapping della memoria volatile e tutte le operazioni indispensabili per identificare le chiavi di registro che potrebbero risultare propedeuticamente utili a un eventuale attaccante. A queste bisogna aggiungere la capacità di mettere al servizio del sistema tecniche di eradication, nonché di contenimento”.

In altre parole, il professionista in grado di ottimizzare l’incident response management sa fin dove si estendono perimetri e potenziali superfici d’attacco aziendali. Riesce a capire tempestivamente che tipo di tattica sta sfruttando l’attaccante e soprattutto quali mosse occorrono per contenere gli effetti dell’incidente senza staccare tutti i sistemi.

“Attenzione: con questo non intendo che si debba conoscere perfettamente l’intera rete.. Per proteggere i processi, bisogna piuttosto essere capaci di individuare gli elementi utili a circostanziarli”, dice Veca, che suggerisce due strade. “La prima è identificare gli interlocutori aziendali più competenti, e chiedere loro una spiegazione approfondita sulle dinamiche del network. Questo approccio accelera notevolmente la fase esplorativa. Quando non è possibile, consiglio di ricorrere a strumenti di mappatura che aiutano a definire problematiche specifiche. Aggiungo che adottare una prospettiva esterna, rivolgendosi per esempio a consulenti con skill certificate, consente non solo di mettere a nudo aspetti che tendono a rimanere nascosti nelle analisi interne, ma anche di sviluppare ex novo metodi, tecniche e procedure per studiarli ed elaborare strategie di incident response ad hoc”.

New call-to-action

L’outsourcing, però, in molti casi è una necessità. “La figura dell’incident responder è, quanto meno, abbastanza difficile da trovare. Non solo bisogna accaparrarsi, come abbiamo visto, dei semi-guru, bisogna anche garantire una disponibilità H24, creando un team con una struttura ridondante. Torna qui di nuovo utile il paragone col neurochirurgo: la continua reperibilità non deve trasformarsi in un carico di lavoro eccessivo, altrimenti il medico (così come l’esperto di cybersecurity) arriva stanco al momento determinante e rischia di fare danni, anziché salvare persone (o aziende)”.

Le migliori best practice per un incident response management ottimizzato

Per ripristinare l’operatività in modo corretto, a competenze comprovate vanno aggiunte anche best practice consolidate. “La primissima – che può sembrare ovvia ma i fatti ci dicono che non lo è – consiste nel rivolgersi agli specialisti” precisa Veca. “Per esperienza diretta con i clienti, posso dire che nel 99% dei casi tentare di gestire l’incident response in proprio non solo si traduce in pratiche inefficaci, ma genera ulteriori problemi sul piano del management.

Si rischia di perdere tempo prezioso ricercando soluzioni che poi non sortiscono alcun effetto e di ignorare evidenze necessarie a capire se, per esempio, gli attaccanti sono ancora dentro il sistema, con impatti significativi sul business. C’è anche chi cerca di recuperare backup senza prima aver compreso dove e quando sono entrati gli attaccanti, e senza fare azioni di eradication. Il che permette agli intrusi di venire a sapere dell’esistenza di uno strumento di ripristino, e di ripartire con un attacco ancora più pervasivo, visto che le carte sono state scoperte”.

Un’altra best practice ancora troppo sottovalutata è quella relativa alla creazione di un piano di disaster recovery. “Anche noi esperti siamo decisamente avvantaggiati se il cliente ne ha predisposto uno” nota Veca. “Mi riferisco a un piano che affronti nella sua interezza il tema della business continuity, coprendo quindi anche l’eventualità di un incidente, naturale o premeditato che sia. In quest’ottica, l’incidente response è già predisposto in anticipo, con step già stabiliti dal cliente. Questo permette di intervenire nell’immediato e di risparmiare tempo prezioso”.

Cosa succede se il piano c’è ma non è stato sviluppato in modo corretto? “È un altro aspetto che si può scoprire solo sottoponendo il progetto a un team di specialisti. Anzi, direi che è la prima cosa che va condivisa, in modo da individuare per tempo eventuali anomalie e risolverle, se possibile, in corsa. È capitato anche di provare a seguire piani sviluppati internamente e rivelatisi poi sbagliati perché non applicabili ai contesti specifici, ed è sempre convenuto, a quel punto, ignorarli del tutto”.

Anche rispetto alle operazioni di ripristino vero e proprio, Veca consiglia di non agire mai in totale autonomia, a meno che in azienda non ci sia per l’appunto un team di incident response strutturato. “Lo dico perché per essere certi che il ripristino avvenga davvero in sicurezza è necessario creare un canale di comunicazione provvisorio parallelo, verso l’interno, verso l’esterno e tra i sistemi, sfruttando appliance ad hoc che migrino il traffico verso connettori dotati di crismi di security elevati: penso per esempio a un Network Intrusion Detection System, o a uno strumento di Web filtering, magari integrati con soluzioni MDR (Managed Detection and Response, ndr) o, in altri contesti, con un EDR (Endpoint Detection and Response, ndr). In pratica – specifica Veca – si dà vita a una blackbox carica di sistemi protezione attraverso cui i flussi di dati passano letteralmente al setaccio. In questo modo, nel caso in cui l’attaccante sia ancora presente nel sistema sarà possibile rilevarlo e rimuoverlo definitivamente. L’idea di base è quella di analizzare nel dettaglio l’infrastruttura compromessa e creare connessioni sicure, riabilitando le comunicazioni esclusivamente con traffico legittimo”.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Cyberoo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3