LO SCENARIO

Il vendor self-assessment in ambito Cybersecurity Act: rischi e opportunità

I nuovi livelli di certificazione del Cybersecurity Act prevedono la possibilità di effettuare un vendor self-assessment di conformità per tutti quei servizi, processi e prodotti ICT che presentano un livello di rischio basso. Ecco quali potrebbero essere i rischi e le opportunità di questa auto-valutazione effettuata sotto la sola responsabilità del fornitore

02 Dic 2019
C
Garibaldi Conte

Managing Director Atsec Information Security, Italia

K
Helmut Kurth

Chief Scientist, Atsec Information Security, Germania

Il Cybersecurity Act, regolamento europeo entrato in vigore nel giugno del 2019, ha introdotto uno schema di certificazione europeo per la sicurezza dei servizi, processi e prodotti ICT che sarà applicabile dal giugno del 2021. Tale schema introduce tre livelli di certificazione della sicurezza dei servizi, processi e prodotti ICT: un livello base, un livello sostanziale e un livello elevato. Il livello base di certificazione prevede anche la possibilità di effettuare un vendor self-assessment di conformità, sotto la sola responsabilità del fornitore, per tutti quei servizi, processi e prodotti ICT che presentano un livello di rischio basso (vedi articolo n. 53 del Cybersecurity Act).

Efficacia del vendor self-assessment

La domanda che ci si pone è la seguente: può un vendor self-assessment assicurare che il livello di sicurezza del servizio, processo, prodotto ICT valutato sia conforme ai requisiti di sicurezza richiesti dallo schema europeo per il livello base?

La risposta è articolata e dipende molto anche dalla tipologia dell’oggetto sul quale viene applicato il vendor self-assessment.

Molto probabilmente un vendor self-assessment può essere efficace per i servizi e processi ICT sia perché questi hanno requisiti di sicurezza meno complessi dei prodotti ICT sia perché i rischi associati alla loro sicurezza rimangono sempre in capo al fornitore del servizio/processo e quindi questi ha tutto l’interesse affinché il self-assessment sia fatto in maniera scrupolosa.

La situazione cambia quando si parla di valutazione dei prodotti ICT perché i rischi di sicurezza connessi ad essi ricadono generalmente sugli utilizzatori del prodotto e non sul suo produttore.

Per tale ragione, il vendor self-assessment in tale ambito presenta dei rischi che vanno indirizzati in maniera puntuale, pena la perdita dei benefici connessi alla certificazione di sicurezza del prodotto ICT.

Il primo rischio è sicuramente connesso alla pressione del management che richiede uscite sul mercato dei prodotti (time to market) sempre più brevi, con features sempre più evolute e con costi contenuti.

Bisogna tener presente che ad oggi la sicurezza, e quindi la sua certificazione, non sono una priorità per il management, a meno che essa sia richiesta in maniera obbligatoria. Non sorprende quindi che il self-assessment sulla sicurezza del prodotto, che deve essere necessariamente svolto alla fine del processo di sviluppo, non sia spesso né pianificato nel piano di progetto né previsto nel budget.

Un secondo rischio è connesso alla richiesta da parte dello schema di certificazione di requisiti di sicurezza eccessivamente stringenti che potrebbero portare il fornitore ad adottare delle soluzioni non lecite per aggirarli. Un tipico esempio è stato lo standard delle emissioni dei motori diesel che introduceva parametri molto stringenti che hanno portato alcuni produttori di tali motori a sviluppare delle soluzioni “truffaldine” per aggirare la verifica di tali requisiti.

Altro rischio rilevante è connesso ai risultati negativi che un vendor self-assessment può evidenziare. In questi casi il management chiede di trovare una soluzione veloce ai problemi riscontrati (cosa non sempre possibile in ambito sicurezza) perché questi ritardano appunto l’uscita del prodotto sul mercato e incrementano i costi di sviluppo. Per tale ragione, molto spesso i problemi che emergono dai self-assessment di sicurezza sono o non gestiti in maniera adeguata o completamente ignorati consentendo così l’immissione sul mercato di prodotti che non sono sicuri.

La storia, sia recente che passata, è piena di casi in cui i problemi riscontrati in fase di sviluppo di un prodotto non sono stati gestiti in maniera adeguata decretando poi di fatto il fallimento del prodotto sul mercato.

Tale aspetto è molto rilevante in ambito sicurezza appunto perché, come citato precedentemente, i rischi di sicurezza connessi ad un prodotto ICT ricadono quasi sempre sugli utilizzatori dei prodotti e non sui loro produttori.

Ovviamente il self-assessment di un prodotto ICT presenta anche aspetti positivi che sono principalmente connessi alla profonda conoscenza che il produttore ha del prodotto e alla piena disponibilità di tutte le informazioni necessarie per la sua valutazione di sicurezza.

Questo consente di effettuare certificazioni con tempi e costi contenuti evitando i tempi di apprendimento necessari per una terza parte indipendente per acquisire il necessario know-how del prodotto ICT prima di procedere alla sua valutazione di sicurezza e relativi costi.

Gli obiettivi del Cybersecurity Act

Questo è l’obiettivo primario che il Cybersecurity Act si prefigge per il livello base (tempi e costi di certificazione contenuti), ma affinché esso sia raggiunto senza vanificare la sicurezza del prodotto, devono essere implementati dei meccanismi di controllo e salvaguardia che mitighino i rischi citati precedentemente soprattutto a tutela dei suoi utilizzatori.

Ma quali possono essere le possibili soluzioni?

Sicuramente quella più efficace sarebbe di avere per i prodotti ICT solo una valutazione effettuata da una terza parte indipendente utilizzando, caso mai, uno schema semplificato che consenta ai vendor di poter avere una certificazione dei base dei loro prodotti con tempi e costi contenuti.

Questa soluzione non è però molto percorribile in quanto in contrasto con quanto previsto dall’articolo n. 53 del Cyber Security Act che prevede appunto l’autovalutazione della conformità.

Pertanto, l’unica soluzione perseguibile è quella di rafforzare i controlli che le Autorità nazionali devono effettuare ai sensi dell’articolo n. 58, punto 7.b del Cybersecurity Act.

Ovviamente sarà necessario rinforzare le Autorità nazionali di certificazioni affinché esse siano in grado di gestire un mercato che, molto probabilmente, esploderà soprattutto per le certificazioni di livello base.

Molto probabilmente, accanto ai controlli delle Autorità nazionali, saranno previste, soprattutto come elemento deterrente, anche delle sanzioni per i fornitori che effettueranno vendor self-assessment non veritieri al fine di scoraggiare deviazioni da quanto previsto dalla norma.

Infine, per tutelare maggiormente gli utilizzatori dei prodotti ICT, sarebbe anche molto utile avere, nei contratti di licenza dei prodotti ICT, delle clausole di tutela connesse ai problemi che gli utilizzatori dei prodotti ICT potrebbero avere per aspetti di sicurezza non gestiti in maniera corretta dal fornitore.

Queste condizioni potrebbero essere rese obbligatorie soprattutto quanto il prodotto dichiara una certificazione di livello base ai sensi del Cybersecurity Act ottenuta con o senza un self-assessment.

L’articolo, parte di un progetto di comunicazione editoriale che Cybersecurity360.it sta sviluppando con il Gruppo Atsec, è stato tratto da un intervento di Helmut Kurth tenuto alla EU Cybersecurity Act Conference del 18-19 Novembre 2019 a Bruxelles di cui Atsec Information Security è stata Gold Partner.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr