TECNOLOGIA E SICUREZZA

Med-tech e strutture sanitarie, facili prede per cyber criminali: ecco come difenderle

Ospedali e fornitori di servizi sanitari dipendono ormai enormemente dalle tecnologie. Per questo, c’è un crescente impegno a ridurre i rischi di cyber security per garantire conformità ai requisiti normativi e ottenere visibilità su connettività, traffico e anomalie associate al comportamento della rete

31 Ott 2022
J
Danielle Jablanski

OT Cybersecurity Specialist, Nozomi Networks

Sebbene il costo medio di una violazione di dati nel 2021 abbia superato i 9 milioni di dollari, per l’industria sanitaria è difficile prevedere e determinare con precisione l’impatto di un attacco cyber-fisico diffuso. Tra conflitti informatici su scala internazionale e attori malevoli sempre in agguato, il governo degli Stati Uniti ha iniziato a far luce su una problematica in espansione.

Nonostante l’ascesa dei ransomware, molti stakeholder del settore sanitario ignorano i rischi fisici e di security associati all’Operational Technology in sanità, all’Internet of Medical Things (IoMT) e ai componenti digitali utilizzati per le operation e il facility management.

L’assistenza medica si è digitalizzata: dai registri aziendali ai dati dei pazienti e alla diagnostica, dalla calendarizzazione degli appuntamenti al monitoraggio dei trattamenti, dalle prescrizioni ai pagamenti, fino alla gestione di ospedali e strutture mediche. C’è solo un tema che accomuna questa varietà di tecnologie, dispositivi e strutture, quando si parla di minacce informatiche: la confusione.

Spesso adottata senza un adeguamento dei criteri di sicurezza, l’integrazione di molti endpoint connessi in un singolo punto di accesso si traduce in un trade-off tra facilità di implementazione delle tecnologie e risorse necessarie a proteggerle. Le responsabilità di comprendere e mitigare i rischi informatici nel settore sanitario sono difficili da attribuire e spesso variano da persona a persona, soprattutto quando entrano in gioco sistemi e dispositivi non aziendali.

Cyber security in sanità, all’ospedale di Careggi a Firenze gira ancora Windows XP

Gli IoMT rappresentano un perfetto “specchio bidirezionale” per osservare le reti e le attività delle imprese med-tech e sanitarie senza essere visti. Le password e le credenziali hardcoded sono facilmente prese di mira, si verificano hijack di interfacce utente dei produttori, i processi di change management vengono aggirati e le vulnerabilità continuano a colpire diffusamente migliaia di dispositivi in tutto il mondo.

Le operation technology mediche, le tecnologie IoMT e i sistemi delle strutture sanitarie comprendono un’ampia gamma di macchine e configurazioni, tra cui apparati di diagnostica (come quelli per l’anestesia) e monitoraggio dei pazienti (come i monitor a bordo letto), device per l’imaging medico, pompe per l’insulina e per i fluidi, ventilatori e un numero crescente di sensori, telecamere, dispositivi wearable e di analytics che abilitano o segnalano lo stato di apparecchiature, processi e operazioni.

DiagramDescription automatically generated

I problemi di cyber security per l’assistenza sanitaria sono molteplici, a partire da tecnologie vulnerabili, progettate senza tenere conto della sicurezza, dispositivi connessi a reti internet utilizzati per l’assistenza diretta ai pazienti, edifici intelligenti e strutture automatizzate.

Come osserva l’FDA, “la mancanza di disposizioni di cyber security che coprano tutto il ciclo di vita dei dispositivi medici può comprometterne le funzionalità, comportare la perdita di dati medici o personali, minacciarne l’integrità o facilitare la diffusione di minacce di sicurezza anche verso altri dispositivi o reti connesse, arrivando a provocare ritardi nei trattamenti o impatti nocivi sulle disponibilità e funzionalità di dispositivi medici, che possono in ultima istanza danneggiare i pazienti, provocando malattie e lesioni, fino alla morte”.

Tecnologie legacy nel sistema sanitario

In sanità le tecnologie legacy sono onnipresenti, costose da sostituire e potenzialmente sfruttabili all’interno di tattiche di cyber-attacco ben note ed elenchi pubblici di falle e vulnerabilità (Common Vulnerabilities and Exposures, CVE).

Live streaming
Banda ultralarga, 5G e sfida energetica: tutti i temi al centro di Telco per L'Italia
Networking
Telco

Molti sistemi sono basati su software obsoleti come Windows XP e Windows 7 e dispongono di meccanismi limitati per l’applicazione di patch e aggiornamenti critici in ambienti ampiamente distribuiti e non gestiti. Risorse inadeguate e personale non formato limitano la capacità di tracciare, proteggere e rafforzare con continuità ogni singolo componente dei sistemi legacy in uso.

A livello di sistema, i produttori sono responsabili della sicurezza dei prodotti, della manutenzione del ciclo di vita, della divulgazione delle vulnerabilità e della creazione e diffusione di patch e aggiornamenti per proteggere in via continuativa i dispositivi e le tecnologie che producono.

Gli utenti finali, allo stesso tempo, sono responsabili di monitoraggio e risoluzione delle vulnerabilità scoperte, abilitazione delle funzioni di sicurezza, protezione dei dati in transito e a riposo e implementazione di soluzioni per monitorare le tecnologie e le reti su cui opera l’organizzazione. Inoltre, va tenuto conto che, nell’eventualità di un attacco, la maggior parte dei team e delle strutture sanitarie non è preparata a ricorrere a operazioni manuali per troppo tempo.

Sanità italiana sotto attacco cyber: ecco come reagire all’emergenza

I rischi dell’Internet of Medical Devices (IoMT)

Secondo la Food and Drug Administration, gli Stati Uniti amministrano quasi 200.000 dispositivi medici prodotti da oltre 18.000 aziende da tutto il mondo. Per dispositivi medici intelligenti e connessi si intendono sia interfacce utente (per i pazienti e gli operatori sanitari) sia sistemi di comunicazione machine-to-machine che sfruttano la connessione di rete.

I rischi legati a questi dispositivi, spesso dotati di connessione a Internet, sono associati ad accessi non autorizzati, hijack delle interfacce di login per aggirare l’autenticazione tramite password, attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) e protezione ridotta delle informazioni sensibili dei pazienti.

La principale superficie di attacco per i dispositivi IoMT sono le credenziali predefinite su SSH. Quando un sistema viene preso di mira, il veicolo di attacco, in genere un altro dispositivo IoT infetto, effettua in media quaranta tentativi di password per un numero molto limitato di nomi utente. Altre superfici di attacco comuni di questi dispositivi includono UPnP, HTTPS e i pacchetti sottostanti di java con le varie modifiche del codice sorgente.

Questi sistemi e varianti tendono a rimanere senza patch anche molto tempo dopo che queste vengono rilasciate, perché la maggior parte dei dispositivi IoT è headless (senza interfaccia utente) e non è predisposta agli aggiornamenti automatici senza che l’utente finale abbia prima accettato le condizioni contenute nelle dichiarazioni di rischio dei contratti di licenza.

Strutture sanitarie connesse e intelligenti

Nelle operation e negli edifici sanitari è in corso una massiccia digitalizzazione delle componenti di sistemi di controllo non informatici: allarmi antincendio, sistemi di sospensione, elettrici e di illuminazione, sistemi di misurazione, stazioni di ricarica per veicoli, sistemi di controllo accessi con chiave intelligente.

Una volta centralizzati i comandi, le aziende spesso ricorrono a soluzioni di automazione degli edifici (BAS) che consentono di collegare e automatizzare il controllo di tutte le attività. Le falle di sicurezza nei BAS possono diventare dei bersagli per l’accesso a credenziali, reti, VPN e dati sensibili.

Se i cybercriminali dovessero assumere il controllo di uno o più dispositivi, potrebbero quindi avere la possibilità di coordinare attacchi più o meno diffusi a seconda del livello di connettività.

In ambito sanitario, la sicurezza informatica per le operation e gli edifici assume sicuramente una rilevanza maggiore, vista la presenza di soggetti vulnerabili e la necessità di muovere risorse, attrezzature e personale in sicurezza. Per le organizzazioni che operano da remoto e privatizzate possono sorgere maggiori difficoltà a reperire e mantenere le risorse di cyber security.

Le grandi aziende e i fornitori, infatti, devono gestire campus enormi, alcuni equivalenti a piccole città, che servono milioni di pazienti ogni anno e impiegano decine di migliaia di persone. L’elusione dei sistemi di controllo degli edifici, dei servizi e della security può avere un forte impatto sull’assistenza ai pazienti, sulla loro sicurezza e su quella degli operatori.

Il National Cyber Director degli Stati Uniti ha evidenziato come la security per il settore sanitario sia una priorità: per questa ragione, le imprese pioniere nell’adozione di pratiche di security olistiche hanno il compito di tracciare la strada per tutti.

Una possibile via d’uscita

Anche quando tecnologie mediche tradizionali, dispositivi IoMT e sistemi tecnologici delle strutture sanitarie non sono il principale bersaglio di un attacco informatico, l’impatto che si genera a cascata potrebbe renderli inutilizzabili, con conseguenti ritardi nelle cure e potenziali danni sia per i pazienti che per i fornitori.

Se il danno è ai sistemi IT aziendali, spesso si resta isolati dal resto della rete. Se invece intacca i sistemi operativi, possono verificarsi danni a persone e proprietà.

Questo modus operandi si traduce spesso in una dicotomia tra adozione di framework di risk management e incident reporting. È tra questi due filoni che gli incidenti di security si insinuano e continuano a verificarsi. In questo contesto, sorge quindi una domanda: la divisione IT e quella di facility management sono consapevoli di tutto ciò che è connesso alle reti di comunicazione e delle potenzialità di sfruttamento legate a sistemi legacy, dispositivi IoMT, reti e sistemi di controllo?

Gli ospedali e i fornitori di servizi sanitari dipendono ormai enormemente dalle tecnologie ed è impensabile che le operazioni manuali possano ricoprire lo stesso peso. Per questo, c’è un crescente impegno a ridurre i rischi di cyber security, per garantire la conformità ai requisiti normativi in rapida evoluzione e per ottenere visibilità sulla connettività, sul traffico e sulle anomalie associate al comportamento della rete.

Data l’entità di rischi potenziali, la trasparenza è fondamentale. Una soluzione di cyber security appositamente concepita per l’operational technology e l’IoMT deve dunque essere in grado di:

  1. Acquisire e visualizzare un panorama di decine o centinaia di migliaia di sistemi ed endpoint connessi.
  2. Monitorare e verificare il traffico di rete in tempo reale, includendo anche i sistemi non IT.
  3. Definire una linea d’azione di base e apprendere costantemente lo stato di cybersecurity di un’organizzazione.
  4. Fornire informazioni utili per affrontare i problemi più critici.
  5. Limitare l’accesso di terzi e avvisare in caso di modifiche ai comportamenti o alle variabili di rete.
  6. Rafforzare le policy di sicurezza di un’organizzazione senza lacune o connettività shadow.

WHITEPAPER
Trend e prospettive future nel mercato del log management
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5