SICUREZZA MOBILE

Aggiornamenti di sicurezza Android maggio 2021, corrette 42 vulnerabilità: installiamo le patch

L’Android Security Bulletin di maggio 2021 contiene gli aggiornamenti di sicurezza per 42 vulnerabilità: la più grave potrebbe consentire a un utente remoto che utilizza un file appositamente creato di eseguire codice arbitrario nel contesto di un processo privilegiato. Ecco come aggiornare i dispositivi

05 Mag 2021
Paolo Tarsitano

Editor Cybersecurity360.it

Google ha rilasciato l’Android Security Bulletin di maggio 2021 contenente i dettagli delle vulnerabilità di sicurezza che riguardano i dispositivi Android: le patch presenti nel nuovo pacchetto cumulativo di aggiornamenti risolvono 42 problemi di sicurezza, di cui quattro classificate come critiche.

La vulnerabilità più grave corretta con l’aggiornamento di sicurezza del nuovo Android Security Bulletin di maggio è di tipo RCE (Remote Code Execution): individuata nel modulo System, potrebbe consentire ad un attaccante remoto che utilizza un file appositamente creato di eseguire codice arbitrario nel contesto di un processo privilegiato e dunque prendere il controllo del dispositivo esposto.

A seconda dei privilegi associati all’esecuzione del file, infatti, un aggressore potrebbe installare programmi, visualizzare, modificare o cancellare dati o creare nuovi account con tutti i diritti dell’utente.

Come di consueto, gli aggiornamenti del bollettino di sicurezza Android sono stati suddivisi in due livelli di patch progressivi identificati come 2021-05-01 security patch level e 2021-05-05 security patch level.

Ecco come aggiornare i dispositivi Android

Google ha già rilasciato tutte le patch di sicurezza Android ai propri partner con un mese di anticipo rispetto alla pubblicazione del bollettino di sicurezza, pubblicandole nel repository Android Open Source Project (AOSP).

WHITEPAPER
Previeni i difetti di sicurezza nelle applicazioni: la soluzione in 5 punti
Sicurezza
Software

Al momento non si hanno notizie di eventuali sfruttamenti delle nuove vulnerabilità in attacchi reali. Ciò non toglie che tutti gli aggiornamenti dovrebbero essere installati il prima possibile: alcuni o tutti, a seconda del dispositivo, possono essere applicati automaticamente tramite i servizi Google Play; altri, invece, potrebbero essere inviati all’utente sotto forma di un aggiornamento da parte dell’operatore o del produttore del dispositivo, e alcuni potrebbero non essere necessari.

I dispositivi Android più economici e meno aggiornati potrebbero non vedere mai gli aggiornamenti.

In tutti i casi, soprattutto quando i dispositivi vengono utilizzati in ambito aziendale e produttivo, è opportuno installare una buona soluzione di sicurezza (ancora meglio se integrata nell’eventuale client di Mobile Device Management per il controllo remoto e centralizzato dei dispositivi usati per lo smart working) in grado di garantire un elevato livello di protezione dei dati e delle informazioni riservate archiviate in memoria.

Per quanto tempo si ricevono gli aggiornamenti Android

Le politiche di aggiornamento di Google prevedono che i dispositivi ricevano aggiornamenti per la versione di Android installata per almeno tre anni dalla data di introduzione sul Google Store, mentre gli aggiornamenti di sicurezza saranno garantiti per tre anni dalla data di introduzione nella versione statunitense del Google Store.

Per quanto riguarda, invece, la velocità di rilascio, se i dispositivi sono stati acquistati direttamente sul Google Store allora gli aggiornamenti arriveranno entro un paio di settimane, mentre per i modelli acquistati da rivenditori di terze parti potrebbe volerci più tempo, come indicato sul sito di supporto di Google.

Aggiornamenti Android: i dettagli del primo security patch level

Con il primo pacchetto di patch, identificato come 2021-05-01 security patch level, sono state corrette 13 vulnerabilità, raggruppate in base al componente di sistema che influenzano.

Tre vulnerabilità (tutte di tipo EoP, Elevation of Privilege) sono state individuate nel modulo Framework che funge da strato intermedio tra il sistema operativo e il software che lo utilizza.

La più grave potrebbe consentire ad un’applicazione malevola locale di aggirare i requisiti di interazione dell’utente per ottenere l’accesso a permessi aggiuntivi:

  • CVE-2021-0472 (Elevata, per le versioni 9, 10, 11 di Android)
  • CVE-2021-0485 (Elevata, per la versione 11 di Android)
  • CVE-2021-0487 (Elevata, per la versione 11 di Android)

Altre due vulnerabilità sono state identificate nel modulo Media Framework e, anche in questo caso, la più grave potrebbe consentire ad un’applicazione malevola locale di aggirare i requisiti di interazione dell’utente per ottenere l’accesso a permessi aggiuntivi.

Le due vulnerabilità sono una di tipo EoP e una di tipo ID (Information Disclosure):

  • CVE-2021-0482 (Elevata, per la versione 11 di Android)
  • CVE-2021-0484 (Elevata, per le versioni 8.1, 9, 10, 11 di Android)

Infine, nel primo pacchetto di patch dell’Android Security Bulletin di maggio 2021 sono presenti gli aggiornamenti per altre otto vulnerabilità individuate nel modulo System: le prime tre di tipo RCE (Remote Code Execution), altre tre sono di tipo EoP e due sono di tipo ID.

La vulnerabilità più grave in questa sezione potrebbe consentire ad un attaccante remoto che utilizza un file appositamente creato di eseguire codice arbitrario nel contesto di un processo privilegiato:

  • CVE-2021-0473 (Critica, per le versioni 8.1, 9, 10, 11 di Android)
  • CVE-2021-0474 (Critica, per le versioni 8.1, 9, 10, 11 di Android)
  • CVE-2021-0475 (Critica, per le versioni 10, 11 di Android)
  • CVE-2021-0476 (Elevata, per le versioni 9, 10, 11 di Android)
  • CVE-2021-0477 (Elevata, per le versioni 8.1, 9, 10, 11 di Android)
  • CVE-2021-0481 (Elevata, per le versioni 8.1, 9, 10, 11 di Android)
  • CVE-2021-0466 (Elevata, per la versione 10 di Android)
  • CVE-2021-0480 (Elevata, per le versioni 8.1, 9, 10, 11 di Android)

Nel primo pacchetto di aggiornamenti di questo mese non sono presenti altre patch per vulnerabilità nel Google Play system updates.

Aggiornamenti Android: i dettagli del secondo security patch level

Le patch di sicurezza contenute nel secondo pacchetto di aggiornamenti Android di maggio, identificato come 2021-05-05 security patch level, dovrebbero essere applicate a seconda dell’hardware e del sistema operativo installati sul dispositivo. Ecco i dettagli.

Una vulnerabilità è stata individuata nel modulo Framework ed è di tipo ID. Se sfruttata positivamente potrebbe permettere ad un’applicazione malevola locale di aggirare le protezioni del sistema operativo che isolano i dati dell’applicazione da altre applicazioni:

  • CVE-2019-2219 (Elevata, per la versione 11 di Android)

Un’altra vulnerabilità è stata identificata nel modulo Kernel components ed è di tipo EoP.

Se sfruttata positivamente, potrebbe consentire ad un attaccante locale di aggirare i requisiti di interazione dell’utente per ottenere l’accesso a permessi aggiuntivi:

  • CVE-2020-29661 (Elevata, interessa il modulo TTY)

Una vulnerabilità critica interessa i componenti AMLogic. I dettagli tecnici sono forniti direttamente da MediaTek, così come la valutazione della gravità di questo problema di sicurezza:

  • CVE-2021-0467 (Critica, interessa il modulo bootROM)

Altre due vulnerabilità interessano i componenti ARM. I dettagli tecnici sono forniti direttamente da MediaTek, così come la valutazione della gravità di questo problema di sicurezza:

  • CVE-2021-28663 (Elevata, interessa il modulo Mail)
  • CVE-2021-28664 (Elevata, interessa il modulo Mail)

Dieci vulnerabilità interessano i componenti MediaTek. I dettagli tecnici sono forniti direttamente da MediaTek, così come la valutazione della gravità di questo problema di sicurezza:

  • CVE-2021-0489 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0490 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0491 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0492 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0493 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0494 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0495 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0496 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0497 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)
  • CVE-2021-0498 (Elevata, interessa il modulo memory management driver)

È stata identificata una vulnerabilità anche nei componenti Unisoc e anche in questo caso i dettagli tecnici sono forniti direttamente da Unisoc, così come la valutazione della gravità di questo problema di sicurezza:

  • CVE-2021-0324 (Elevata, interessa il modulo Framework)

Altre quattro vulnerabilità sono state identificate nei componenti Qualcomm. I dettagli tecnici sono forniti direttamente da Qualcomm, così come la valutazione della gravità di questo problema di sicurezza:

  • CVE-2021-1891 (Elevata, interessa il modulo Audio)
  • CVE-2021-1905 (Elevata, interessa il modulo Display)
  • CVE-2021-1927 (Elevata, interessa il modulo Kernel)
  • CVE-2021-1906 (Elevata, interessa il modulo Display)

Infine, nove vulnerabilità sono state identificate nel modulo Qualcomm closed-source components e interessano tutte componenti closed-source del sistema operativo. Anche in questo caso, i dettagli sono elencati nei rispettivi bollettini di sicurezza rilasciati da Qualcomm:

  • CVE-2020-11273 (Elevata, interessa un componente closed-source)
  • CVE-2020-11274 (Elevata, interessa un componente closed-source)
  • CVE-2020-11279 (Elevata, interessa un componente closed-source)
  • CVE-2020-11284 (Elevata, interessa un componente closed-source)
  • CVE-2020-11285 (Elevata, interessa un componente closed-source)
  • CVE-2020-11288 (Elevata, interessa un componente closed-source)
  • CVE-2020-11289 (Elevata, interessa un componente closed-source)
  • CVE-2021-1910 (Elevata, interessa un componente closed-source)
  • CVE-2021-1915 (Elevata, interessa un componente closed-source)

Ulteriori dettagli sugli aggiornamenti di sicurezza Android di maggio 2021 sono disponibili sulla pagina ufficiale.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr