ESPERTO RISPONDE

Attività di marketing aziendale: ecco perché non è possibile usare i “contatti” dei social network

22 Set 2020
Diego Padovan

CIPP/E, CDP, Amministratore DPOCC


DOMANDA

Ho qualche contatto nel mio social network (con richiesta di collegamento accettata) dove è presente un numero di cellulare. Posso contattarli per le attività di marketing della mia azienda?

RISPOSTA

No: la normativa vigente in ambito privacy generalmente inibisce questo tipo di attività.

Se un indirizzo e-mail (o numero telefonico) è presente su un social network non ne consegue che possa essere utilizzato per qualsiasi scopo.

Tra le diverse considerazioni possibili, la prima è senz’altro relativa all’utilizzo del mezzo. Il profilo personale non è propriamente un mezzo “aziendale”. Nel caso ciò sia consentito, si consiglia vivamente di verificare se gli accordi interni e le policy aziendali riflettano questo tipo di orientamento e di riesaminare la prassi, a partire dalla base legale.

In aggiunta, è necessario considerare che il GDPR, la Direttiva e-Privacy e il Codice Privacy stabiliscono chiaramente che per le attività di marketing è necessario il consenso.

WHITEPAPER
Come semplificare il sistema di gestione delle identità digitali?
Sicurezza
IAM

Vi sono eccezioni, ma praticamente inapplicabili nel caso di specie.

Inoltre, si dovrebbe considerare che i contatti di un profilo personale e le modalità con cui essi avvengono sono fortemente dipendenti dal social network. Non solo, i social network prevedono meccanismi specifici per le attività di marketing e un attività come quella descritta potrebbe non rientrare tra le regole stabilite.

Ad esempio, nel caso in cui il social network nasca sulla base della volontà di far incontrare domanda e offerta di lavoro, chi vi aderisce (di base) non vorrà essere contattato per altre finalità, come per l’acquisto di servizi/prodotti terzi.

In aggiunta a ciò, i meccanismi di promozione possibili sono generalmente impostati dai social network mediante comunicazioni distinguibili dal resto delle informazioni fruibili in essi, sulla base di profili aziendali o “premium”.

Ciò detto, il suggerimento è quello di leggere scrupolosamente i termini e le condizioni di utilizzo del servizio offerto dal social network e di valutare la privacy policy della piattaforma. Si intuisce, perciò, che l’attività non dovrà essere intrapresa, almeno prima del buon esito di una specifica e approfondita analisi privacy.

Mandate i vostri quesiti ai nostri esperti

Quesiti privacy: info@dpocc.it

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5